sabato 8 luglio 2017

MICHELE MANISCALCO. L’UOMO E LA POLITICA

di Giangiuseppe Gattuso - Sono uomini rari, ma ci sono. Persone particolari, di spessore umano e culturale. Temprati dalla vita e dalla voglia di andare oltre, di conoscere, di approfondire, di non lasciarsi travolgere dai luoghi comuni. Io l’ho conosciuto su Facebook, ho apprezzato da subito i suoi ragionamenti, la sua obiettività, la visione di una Politica alta e ci siamo fatti simpatia.

Col tempo è diventato un frequentatore di PoliticaPrima, ha scritto numerosi commenti e alcuni preziosi articoli che resteranno custoditi a futura memoria. Il primo, pubblicato lunedì 6 aprile 2015, è una bellissima riflessione su la “Decrescita felice” di Maurizio Pallante. La lettura di quel libro lo affascinò ma colse l’occasione per mettere in dubbio quella teoria economica.

14435329_886894404777975_894148675352181678_o“La casa era di nostra proprietà così come 1 ettaro di terreno e si produceva il frumento che bastava per pasta e pane fino a dicembre, dopodiché sorgevano i problemi. Chi era proprietario di 4 ettari di terreno era un benestante. Con 10 ettari si era ricchi. Fino alla prima metà degli anni ‘40 pagavano la giornata lavorativa di 10 ore del bracciante 200 lire, e vendevano un kg di frumento 100 lire”. Un quadro di vita non proprio ‘felice’. Era il quarto di 4 figli e dopo le elementari, non potendo continuare perché in paese non c'era la scuola media, impara a fare il calzolaio. Gli altri vanno a fare il bracciante agricolo, il manovale muratore, e la sorella casalinga. Per leggere e soddisfare la sua voglia di conoscenza, non potendo comprare libri, andava tutti i giorni dal barbiere a leggere il giornale, era gratis.

Come eravavmo 1Un altro articolo, “1° Maggio 1947. La prima strage di stato?”, pubblicato giovedì 30 aprile 2015, è la sua testimonianza di quella strage vissuta da Michele quando aveva appena 11 anni. “Curioso mi metto in prima fila a circa 2 metri di distanza dall'oratore, la mia testa arriva all'altezza dove lui ha poggiato i piedi, mio padre e mio fratello dietro di me. … A questo punto si sentono le prime raffiche di mitraglia. Tutti rimaniamo ammutoliti e, passati alcuni secondi, visto che non era successo niente, un uomo di Piana incoraggia tutti dicendo: ‘su li nostri, ma chi un ciaviti vinutu mai a chiana? cca si spara pi fari festa’ (Sono i nostri a sparare. Non siete mai venuti a Piana degli Albanesi? qui si spara per far festa).

Articoli certamente da rileggere. Una rappresentazione perfetta di un momento storico che non ha bisogno di interpreti.

Casa di Michele 2In seguito l’ho incontrato, c’era con lui Clarice Riedel, brasiliana ma di origine tedesca, sua compagna di vita, amabile e unica. È stato un appuntamento piacevolissimo e oltremodo interessante. In un mondo quasi da fiaba, la sua splendida casa nella campagna di San Giuseppe Jato, a due km dal centro abitato, nell’entroterra palermitano, immersa in un verde rigoglioso e circondata di fiori di ogni tipo. Curava tutto personalmente, con amore e straordinario impegno quotidiano. Ogni angolo aveva qualcosa di particolare. Ogni albero, ogni pianta, ogni fiore era oggetto della sua attenzione.

Al lavoro ABB in SvizzeraNel grande salone di casa mi impressionò il plastico perfetto dell’intero fabbricato, un’opera d’arte, l’idea di ciò che doveva essere il rifugio quando sarebbe tornato dalla Svizzera, 29 anni dopo, dove era emigrato nel 1960. Lo mostrava con infinito orgoglio, felice di avere realizzato il sogno insieme alla sua Clarice. Che conobbe e se ne innamorò per corrispondenza, si scrivevano per imparare la lingua.

Michele libreriaE poi il suo regno. Un enorme studio con due postazioni internet, dimostrazione evidente che non c’è età per apprezzare il progresso, e una vasta libreria fornitissima di ogni genere di libri, che aveva iniziato a creare fin da quando iniziò a guadagnare.

Lascia un vuoto enorme in me e tra i tanti amici che lo hanno conosciuto e apprezzato anche solo virtualmente. Ciao Michele un caro affettuoso saluto. E sempre buona… PoliticaPrima!

Giangiuseppe Gattuso
08 Luglio 2017

29 commenti:

  1. Gisa Siniscalchi8 luglio 2017 17:50

    Grande persona, vero dispiacere, ciao Michele che il viaggio ti sia lieve

    RispondiElimina
  2. Mario Botteon8 luglio 2017 17:53

    Sono addolorato. Ho conosciuto Michele su facebook, non l'ho mai conosciuto personalmente, ma ciò non mi ha mai impedito di apprezzare la sua amicizia ed i suoi scritti che mi hanno arricchito culturalmente. Quando se ne va un amico, se ne va un po' di noi. Ciao Michele. La terra ti sia lieve. Condoglianze sentite alla famiglia.

    RispondiElimina
  3. Vadim Nardone8 luglio 2017 17:54

    Apprezzavo molto quello che scriveva. RIP

    RispondiElimina
  4. Mi dispiace veramente apprendere questa brutta notizia. Michele era attento osservatore e spesso ha manifesato opinioni diverse dalle mie su temi importanti relativi alla esistenza ed alla fede. I suoi commenti su fb, sono stati sempre leali e rispettosi dei punti di vista diversi del suo. Non l'ho conosciuto personalmente. Mi sento di dire, da quello che ho letto nei suoi scritti, che Michele possedeva valori e ideali universali, ed era dotato di grande intelligenza e di profonda umanità. Adesso non è più con noi. Io, da credente, sono sicuro che Michele si trova vicino al cuore del Padre Nostro che è nei cieli, anche se, mi è sembrato, non fosse credente. Ciao Michele.

    RispondiElimina
  5. NON POSSO CHE DIRE ALLA FAMIGLIA ..CONDOGLIANZE ..CHE LA TERRA TI SIA LIEVE !!

    RispondiElimina
  6. Un uomo "grande" proprio perché piccolo socialmente ha saputo dare ai "grandi" la testimonianza di una indipendenza etico-culturale che fa impallidire coloro che, con tanta presunzione, passano per "vati"!
    Di Lui conservo i libro "COME ERAVAMO" che m'aveva inviato come graditissimo dono e il ricordo dei suoi interventi,delle sue considerazioni, dei suoi giudizi. Su qualche cosa non ero d'accordo con lui e glielo dicevo francamente ma restava sempre quella stima reciproca che fa la vera "amicizia" quella stima che viene dal coraggio del sostegno alle proprie idee senza offendere il pensiero degli altri.
    Aveva diversi anni meno di me, quasi quelli di una generazione, ed è per me ancora più doloroso vedere chi avrebbe ancora potuto dare alla società e al prossimo sostanza e progresso, andare via così.
    Caro Michele non ti dimenticherò mai.
    Anche qui desidero inviare alla Signora Maniscalco il mio più sentito cordoglio e, in nome dell'Amico, un forte abbraccio, Le sia conforto avere avuto al suo fianco un uomo vero e eccezionale.

    RispondiElimina
  7. Alba Ponticello8 luglio 2017 18:05

    Mi dispiace! Condoglianze alla famiglia.

    RispondiElimina
  8. Santussa Andriano8 luglio 2017 18:10

    Mi spiace davvero...ho letto molti suoi commenti...R.I.P

    RispondiElimina
  9. Rosalba Ferrara8 luglio 2017 18:19

    Un caro e sentito ricordo, nei confronti di una persona di notevole intelligenza, conosciuta su FB ma apprezzata per i suoi articoli e pareri al di là del colore politico. Sentite condoglianze alla moglie, Le siamo vicini con un affettuoso abbraccio...

    RispondiElimina
  10. Leggevo volentieri i suoi contributi alle discussioni, sono molto dispiaciuta..

    RispondiElimina
  11. “Caro Direttore, apprezzo la pacatezza ma soprattutto l’equidistanza che riesce a mantenere, magari con apprezzabile tatticismo, tra i vari “contendenti”. Ormai è da tempo che i nostri commenti si incartano su giudizi pro o contro il Movimento 5 Stelle. Spesso ho il sentore di dovermi ripetere, perciò questa volta sarei quasi tentato di rinunciare a qualsiasi mia riflessione, se non fossi convinto dell’esatta costatazione fatta da Michele Maniscalco. Si può o non condividere questa sua impressione, ma una parte di quel 25% di consensi al M5S, è frutto di una contestazione e non di pura convinzione politica”.
    Così commentavo l’ultimo servizio su Politicaprima del compianto Michele Maniscalco.
    Ho sempre apprezzato la sua l'onestà intellettuale, e sicuramente una preziosa obiettività, che questo blog dovrà rinunciare. Lui era abituato a non lasciarsi travolgere dai facili entusiasmi, era un uomo pacato e molto riflessivo che, della politica, intendeva recepire la sostanza, rinunciando ai facili entusiasmi. Rifiutava soprattutto ogni sorta di slogan a sfondo propagandistico, ritenendo un’offesa alla funzione sociale della politica. Ricordo che ebbe da ridire, quando Beppe Grillo arringando spavaldamente alla folla disse: “metà degli attuali parlamentari li manderemo a casa, l’altra metà li processeremo e li faremo arrestare. Addio Michele ti ricorderò sempre per la tua correttezza e la tua onestà.

    RispondiElimina
  12. Lorenzo Romano8 luglio 2017 18:23

    Ho conosciuto Michele tramite PoliticaPrima, ho avuto l'impressione di conoscerlo da sempre. Oltre ai suoi commenti non dimenticherò mai i racconti raccolti nel suo libro "COME ERAVAMO Memorie jatine". Nel leggerli, quando li pubblicava suulla sua pagina fb, trovavo un certa analogia con episodi del mio paese nativo non lontano da San Giuseppe Jato. Quei racconti mi portavano indietro nel tempo della mia infanzia, sollecitavano quella memoria che tiene saldo il legame di un emigrato con la sua terra. Grazie Michele, il Padre Eterno che ti ha accolto fra le sue braccia saprà ricompensarti. La comunità jatina perde un suo grande membro, noi perdiamo un grandissimo saggio amico. Un affettuoso abbraccio alla signora Clarice per la perdita del suo compagno. Ciao Michele

    RispondiElimina
  13. Giuseppe Rimicci8 luglio 2017 18:42

    Ho letto l'articolo e devo confessare che mi ha fatto ritornare bambino, quando i miei genitori coltivavano la terra parte a mezzadria, parte di proprietà, che chiamavano a "chiusitegga" perché non dovevamo dividerlo con il latifondista a cui si doveva dare oltre la metà del raccolto ma anche la metà delle sementi, oltre la metà del bestiame allevato ed un mese del loro prodotto, es. Il latte delle mucche. Come abitazione avevamo i pagliai, ai quali bisognava rinnovare le carpe, le coperture, per impedire alla pioggia di entrare.
    Un saluto a Michele Maniscalco, non l'ho conosciuto ma da quello che ho letto sarà stato una persona eccellente.

    RispondiElimina
  14. Giacomo Ferraro8 luglio 2017 18:43

    Michele lo conoscevo di persona, col sorriso e una parola per tutti, una persona solare. Riposa in pace

    RispondiElimina
  15. Marisa Bignardelli8 luglio 2017 18:45

    Ciao Michele. Sei stato un uomo, la sua storia, la storia. Sei stato un esempio d'integrità morale e intellettuale. Ti abbiamo amato, ammirato. Chi ti ha conosciuto o non ti ha mai incontrato, ti ha sempre considerato l'amico della porta accanto. Oggi perciò la campana a morto suona per tutti noi. Un pensiero alla tua compagna di vita e un abbraccio forte.

    RispondiElimina
  16. Rosa Maria Rizzo8 luglio 2017 18:48

    Persona straordinaria, un privilegio averlo conosciuto

    RispondiElimina
  17. Io ho salutato Michele con un semplice ciao: quello che mi sento di dire ad un amico che mi lascia fisicamente. Il ricordo della sua bella persona di certo non mi abbandonerà e nemmeno il suo libro, che terro' caro e che mi tiene compagnia quando voglio essere vicino a lui ed al suo sentire. Un uomo vero, legato alla sua Patria ed alle sue radici sicule...ma sempre pronto a dissentire lealmente, distanziandosi dal coro quando lo reputava necessario. Il blog di PoliticaPrima perde uno dei suoi migliori interpreti e noi perdiamo un vero amico.

    RispondiElimina
  18. Raffaella Schiavone8 luglio 2017 19:36

    Mi dispiace tantissimo...leggerlo era un vero piacere e arricchimento....

    RispondiElimina
  19. Carlo Capilupi8 luglio 2017 19:38

    Dispiace anche a me, anche se non ho mai avuto l'onore di conoscerlo personalmente.

    RispondiElimina
  20. Dispiace sempre enormemente quando a lasciarci e' una mente chiara ed un amico.

    RispondiElimina
  21. Lillo Antinoro8 luglio 2017 20:31

    Non ho avuto modo di conoscerlo, ma caro Giangiuseppe mi fido del giudizio tuo e di Nino e mi dispiace per voi che avete perso un amico.

    RispondiElimina
  22. Grazie a Giangiuseppe che ha saputo parlarci con tanta delicatezza di un evento così doloroso per chi è rimasto. Con le sue parole, che mi hanno commosso, penso a Michele come a un uomo buono che ha saputo reagire all’asprezza della vita facendone un punto di partenza fino a saperla apprezzare in ogni sfumatura. Un affettuoso pensiero va alla sua compagna.

    RispondiElimina
  23. Ci mancherà quel suo pensiero critico e la forza dei suoi argomenti. Condoglianze alla sua famiglia.

    RispondiElimina
  24. A me pare di aver perso un amico serio, di grande onestà intellettuale e di notevole spessore culturale, pur non avendolo mai conosciuto personalmente. Sono vicina alla famiglia.

    RispondiElimina
  25. Riccardo Giardina8 luglio 2017 21:34

    Una perdita è sempre triste e dolorosa. Mi dispiace molto. Sento da quello che scrive Giangiuseppe che era una persona di forti valori e incline alla partecipazione per una riflessione politica che potesse migliorare un paese in dissolvimento. Uno tenace e non incline al qualunquismo imperante. Mi associo alle condoglianze per i suoi cari sentendomi coinvolto nel rincrescimento di un amico come Giangiuseppe.

    RispondiElimina
  26. Antonella albertini9 luglio 2017 01:12

    Pur non avendolo conosciuto di persona, ho sempre considerato Michele un amico intelligente e corretto con cui era sempre piacevole confrontarsi. Mi dispiace moltissimo apprendere questa notizia. Avevamo in comune la passione dei fiori e spesso gli chiedevo consigli. Un bacio, Michele, ciao

    RispondiElimina
  27. Francesco Salvatore9 luglio 2017 09:06

    Ho conosciuto Michele virtualmente apprezzandone le doti di pensatore indipendente che riusciva sempre a esprimersi con la serenità e pacatezza di chi non deve dimostrare altro che il suo pensiero

    RispondiElimina
  28. MARISA BIGNARDELLI9 luglio 2017 19:37

    Vorrei aggiungere qualcosa in memoria di Michele.Non riesco a sopportare l'idea di saperlo in una fredda camera mortuaria.Michele doveva tornare al suo paese alla sua casa e da li doveva andarsene.Perchè gli ospedali hanno regole così disumane?A Clarice vorrei dire che mi sento molto vicina a lei.Anch'io ho perduto di recente mio marito e Michele mi aveva mandate le sue affettuose condoglianze.Vorrei dirle che ha avuto il privilegio di aver vissuto accanto ad un vero uomo.Umile e grande.La sua cultura era vera e nasceva da una grande voglia di conoscenza.Non a tutte le donne è concesso di dividere la propria vita con così bella persona.Clarice lei deve continuare a vivere,deve essere forte e proteggere ciò che lui ha amato.Il suo giardino bello e rigoglioso glielo farà sempre sentire vicino anzi più vicino.L'abbraccio forte e spero che il messaggio le arrivi.

    RispondiElimina
  29. Fausto Faldetta10 luglio 2017 09:00

    Che uomo! Che amico! Una formazione culturale eccellente ed una saggezza, tutta nata con l'esperienza, con la vita con il lavoro... mai supponente o arrogante. Sempre pronto al dialogo costruttivo e sereno. Ciao Michele! Buon viaggio. Mi mancherai!!!

    RispondiElimina