mercoledì 8 febbraio 2017

SALVINI LO SCARABOCCHIO DEL NORD

salvini-clandestinidi Riccarda Balla -  ...ma chi è? Un nordista, di vecchia cultura…, il "fusto" che si fa propaganda su giornali consenzienti, a parte qualche frase azzeccata, che non è da genio ma è nel pensiero di tutte le persone
con un grado d'intelligenza normale, per il resto gioca su un'ignoranza crassa, e su una qual certa malafede. In Italia si sta male, gli italiani stanno male, e le colpe sono da attribuire  solo agli extracomunitari, no, caro Salvini, le colpe ricadono su un Governo e una Politica fatta solo per curare interessi personali, alla quale non mi pare che la Lega sia sfuggita.

immigrati_in_vignaLe colpe che possono avere i profughi, ricadono sulle spalle degli "imprenditori" di carne umana e su un tacito accordo tra poteri, inclusi quelli terroristici. Non levano il lavoro a nessuno, (anche perché non c'è più lavoro) sono solo disposti a fare i lavori che gli italiani non vogliono fare e vengono sfruttati da piccoli imprenditori pagandoli la metà, non offrendo alcuna garanzia, ovvero non rispettando alcun contratto di lavoro… ma loro si piegano pur di avere un minimo da vivere, certo non mancano i delinquenti, soprattutto sanno che in Italia esiste il “buonismo”, sono molto ben informati.

Salvini però si fa forte su  una propaganda fatta dai media e dai net, che mettono in grande evidenza fatti e misfatti commessi dagli extracomunitari… ma fate caso: non mi pare che gli italiani, brava gente, scherzino in atti di pura delinquenza, c'è molta violenza, deviazione comportamentale ed un'idea sballata di "razza"... Inoltre è facile molto facile che si riprendano anche vecchie notizie, riproponendole come attuali.

meteo-siciliaLa Sicilia, che inveisce tutt'ora contro i Savoia, ora corre dietro ad un Salvini? beh… forse questo è peggio, perché significa che la Storia non ha insegnato nulla. Sbarca in Sicilia (perché lui a nuoto no?), semplicemente per voti e fare cassa. E' un altro che urla ciò che di peggio c'è… ma dando la colpa agli altri, forse se i siciliani si prendessero le colpe sulle proprie spalle, inclusa la sottomissione perenne e costante alla mafia, che la vuole azzerata, caccerebbero Salvini a calci e pretenderebbero più rispetto anche dagli extracomunitari.

Poi se, sempre che sia vero, gli extracomunitari abbiano maggiori vantaggi rispetto ai poveri italiani che hanno accettato 30 anni di gestioni politiche truffaldine, senza più lavoro, servizi, assistenza…, mi pare che con gli immigrati gli affari per i nostri politici ne abbiano avuto un notevole vantaggio!
Quindi al solito, far ricadere le colpe su chi è stato oggetto di sfruttamento lo trovo iniquo, noi ci piangiamo addosso ma speriamo sempre nell'amicizia politico-mafiosa. Per quanto riguarda i Rom, questo è un capitolo a parte, i Rom hanno sempre avuto una pessima fama, piangono anche loro una supremazia interna di carattere mafioso, dalla quale non si liberano e non riescono a liberarsi malgrado tra loro ci siano un gran numero di persone che valgono più di noi, ma ditemi cari amici siciliani… noi siamo sicuri di evolverci dalla cultura mafiosa?

centro-accoglienza-immigratiL'Italia è stata azzerata da scelte che era facile comprendere che ci avrebbero danneggiati, ma siamo un popolo che ciecamente segue il proprio capo mandria politico, come se non avessimo un cervello nostro. E, invece, abbiamo diritto e dovere di contestare il politico a cui affidiamo il nostro destino ed anche di prenderlo a calci, se necessario, sono umani fragili e corruttibili. Gli extracomunitari sono arrivati (per fuggire da guerre volute dalle grandi potenze) quando l'Italia era già in grave crisi ma sono diventati un grande affare che non ha fine, così oggi arriva di tutto senza controllo. Ora, però, l'aspetto di una lenta invasione comincia ad intimorire, certo… sono rumorosi non silenziosi come i cinesi.

Possiamo dire che questi atteggiamenti puramente da italiani hanno portato a ragionare dal "Tu devi!" al nicciano "IO VOGLIO", provocando una confusione generale che sfocia nella violenza non solo verbale, come quella troppo sovente sentita oggi a cominciare da "colti" soggetti che sbraitano in televisione, più urli più ti danno ragione, imparato anche dagli extracomunitari.

matteo_salvini_nudo_asta_645E' violenza le foto di Salvini semi-nudo, è violenza Salvini che insulta e ritratta a seconda di cosa gli conviene. E' violenza quando si parla di altre culture definendole inferiori...

Ma… è anche violenza essere ospitati e non rispettare le leggi, le regole e la cultura del Paese che ti ospita,  atteggiamento di chi ha la testa piena di falsi "dogmi religiosi" e politici. Rispetta il paese che ti ospita, ma per questo i primi a rispettarci dovremmo essere noi italiani.

Non esistono fatti, ma solo interpretazioni di comodo.

Riccarda BallaRiccarda Balla
07 Febbraio 2017

15 commenti:

  1. L'epoca dei giganti, in Politica, e'tramontata malamente,quella attuale è l'epoca dei nani,dei furbastri e delle mezze cartucce. Salvini ne è un esemplare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salvini ne è un esemplare, ma accidenti attira molto e questo preoccupa non poco.

      Elimina
  2. Definire Salvini un politico è semplicemente ridicolo e offensivo per chi tenti di fare un po' di seria politica! salvini è un dott azzeccagarbugli improvvisato, un contenitore di crassa ignoranza che spara sentenze, e giudizi osando venire nel nostro Sud per contaminarlo con le sue salvinate da supponente da strapazzo e per accaparrarsi le simpatie dei piu' sprovveduti! E' un figuro arrogante, presuntuoso, pieno di se che non fa testo ma che purtroppo, fa proselitismo: lui, che si frega un sacco di soldi senza far nulla, lui che non sa dove sta di casa la solidarietà umana, ..lui, a mio parere antistorico ..lui potenziale assassino, lui (perdonate il mio personalissimo parere) FACCIA DA SCHIAFFIIII !

    RispondiElimina
  3. Da quando gli elettori hanno abbandonato la visione ideale di una società uguale, per tutti, nei diritti e nei doveri per affermare egoismi individuali e corporativi: vergando con la matita le schede elettorali hanno generato non pochi Scarabocchi animati. E' una categoria di politici che sa come parlare alla pancia dei seguaci e, su certi problemi come quello degli extracomunitari, riesce a scuotere la sensibilità di soggetti che non li stimano. Chi è Salvini? E' il più eccellente, si fa per dire, rappresentante di questa categoria. La sua battaglia contro gli extracomunitari non è ispirata da soluzioni razionali ma da una persecuzione contro individui che hanno il torto di fuggire da zone di guerra o da persecuzioni alla ricerca della sottratta dignità umana. Alcuni di loro cadono nelle reti degli sfruttatori della manovalanza di qualsiasi tipo, dello sfruttamento della prostituzione anche minorile e del traffico di organi, su questi problemi regna il silenzio. Si pone l'attenzione sul falso problema che per aiutare gli extracomunitari si sottraggono risorse che potrebbero essere utilizzate per i poveri italiani. Il flusso dell'immigrazione, numericamente, destinato ad aumentare necessita di essere regolato con un accordo europeo tramite normative coercitive che impegnano tutti gli stati membri. Intanto deve prevalere il sentimento dell'accoglienza: parola talmente sgradita a Salvini da offendere cittadini e figure istituzionali che non condividono le sue idee. L'analisi di Riccarda Balla mi porta ad una considerazione: "Pur rispettando le regole della democrazia, gli elettori che con le loro scelte agevolano la conquista del governo a certi Scarabocchi possono essere considerati rispettosi dell'Italia?" Da siciliano trapiantato nel Nord, non comprendo e non giustifico una Sicilia incantata da Salvini. Potremmo descrivere la situazione con la frase sullo stemma della famiglia Tomasi, dalla quale deriva il titolo del celebre romanzo: << Noi fummo i Gattopardi, i Leoni; quelli che ci sostituiranno saranno gli sciacalletti, le iene; e tutti quanti Gattopardi, sciacalli e pecore continueremo a crederci il sale della terra.>>

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sono piemontese trapiantata al Sud...
      Grazie.

      Elimina
  4. Un "BRAVO" chiaro, eclatante, all'Autrice che con una chiarezza da aurora boreale ha detto tutto qello che penso ogni italiano ancora degno di questo appellativo pensa. Non c'è spazio per aggiunte, positive o negative che siano, c'è solo da dire che se i cittadini riflettessero bene sugli ultimi trenta anni di vita politica italiana caratterizzata anche, per volontà di chi portò Berlusconi al governo ( a tale proposito i siciliani dovrebbero farsi un attento esame di coscienza)e con lui la Lega, dal degrado etico,sociale ed economico a cui tali personaggi ci hanno condannato e che oggi sta avendo il colmo nelle vicende romane e no.Ci si pensi bene e poi si vada a votare con coscienza e intelligenza.Forse qualcosa ancora potrebbe essere salvato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono abituata a complimenti e mi trovo in imbarazzo..

      Elimina
  5. Salvini è un uomo di Destra, che ha improntato tutta la sua strategia politica sull'Immigrazione e sull'Antieuropeismo. Egli sfrutta i nativismi politici e la pura per i diversi - sono questi atteggiamenti istintuali sempre presenti nell'essere umano - per acquistare quel potere che la Lega di Bossi stava perdendo. Gli Italiani pagano lo scotto del loro servilismo e del loro individualismo. L'immigrazione è un problema che si affronta in maniera semplicistico, senza chiedersi il "perché" è senza chiedersi il "chi" sia l'artefice principale o iniziale di tali esodi. Non sanno o hanno scordato il vero significato delle parole: colonialismo, esportazione di Democrazia, aiuti militari; che si traducono in sfruttamento di risorse ed assoggettamento di popoli ai voleri dei Paesi opulenti dell'Occidente e di qualche Califfato od Emirato islamico. Chi la fa da padrone in questa insulsa faccenda è pero' sempre il Moloc economico finanziario globalizzato. Per quanto riguarda la questione interna la degradazione è stratificata: ci sentiamo furbi perché abbiamo da sempre capito che la politica paga, basta instaurare il meschino rapporto del "do ut des"; tanto, la corruzione, la mafia, l'ingiustizia sociale sono sempre esistiti e sempre esisteranno. Cari amici serve una CATARSI, se vogliamo allontanare i varii Salvini e assicurare un avvenire migliore alle nuove generazioni. Ce la faranno i nostri eroi a.....- Sarà il tempo piovoso ed uggioso ma ha prevalso il pessimismo questa mattina. Ho trovato interessante invece il tuo articolo Riccarda e ti ringrazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Almeno per una volta, plaudo al SUO intervento e le confermo la mia simpatia di uomo libero ed aperto alle genti

      Elimina
  6. Mai Parole furono PIU' azeccate. finalmente ho letto una verità oggettiva

    RispondiElimina
  7. Armando Pupella9 febbraio 2017 16:26

    Non esiste una questione settentrionale, centrale, meridionale ma una questione nazionale dall'Etna alle Alpi causata, principalmente, dalla globalizzazione subita invece di affrontarla con soluzioni decenti senza rompere le tasche a noi italiani. Se imponessimo pesanti dazi doganali alle importazioni gli Stati ricambierebbero la " cortesia " alle nostre esportazioni e sarebbe peggio.
    Nella fabbrica cinese che costruisce I Pad e telefonini si suicidano molti lavoratori stressati con orari schiavistici, notizia verificabile in internet.

    Della globalizzazione in Italia giornali, TV, politici non ne hanno parlato, come se non esistesse; qualcuno ha fatto solo qualche vago cenno. Io ne parlo da anni con lettere a giornali e post facebook.

    Ora in Italia si inizia a parlare di globalizzazione con la Presidenza Trump il quale ha detto che LA GLOBALIZZAZIONE È UN CAPPIO AL COLLO DEI LAVORATORI AMERICANI; e io aggiungo non solo americani, e dei disoccupati migliaia dei quali in Italia si sono SUICIDATI. Si sono suicidati anche molti imprenditori

    RispondiElimina
  8. Marisa Bignardelli9 febbraio 2017 16:31

    Prima di parlare di Salvini,mi sono messa la maglia con su scritto NO SALVINI" Il fomentatore di odio. Colui che si lamenta degli alti compensi di alcuni presentatori. Un moralista ipocrita e furbo. Non parla dei suoi compensi di europarlamentare e di parlamentare, però. Truce individuo che difende la famiglia. Devo riconoscere che di famiglia sene intende, visto tutte quelle che ha avuto. In siciliano lo definirei "Faccia di timpulate" (di schiaffi) dopo aver parlato dei siculi e dei meridionali come gente inferiore e vampiri.Si presenta a chiedere l'appoggio politico. La sua ignoranza storica gli ha permesso di dire "In Sicilia non c'è stata resistenza perchè i siciliani sono vigliacchi". Ho deciso la maglia mela tengo addosso! Salvini è un frutto marcio di un albero malato!

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina