sabato 19 maggio 2012

"LA PALERMO LIBERATA" E I CAVALIERI DEL BLOG

di Giuseppe Vullo - Amici, propongo una tregua, una narrazione fantastica, sulle epiche gesta della "PALERMO LIBERATA". Il sottoscritto G. Vullos, ex cittadino della dorica Agrigentum originario della favaria,
li dove fioriscono "mandorli e pistacchi" e si erge superbo il castello di Chiaramonte. Fuoruscito e poi esiliato presso la città di Panormus, con nostalgia nel cuore per la patria perduta. Poscia accolto generosamente sotto il vessillo di sua eccellenza Gattuso, barone di Castronovo di Sicilia, per il quale svolgo il ruolo di amanuense informatico della "POLIS PRIMA". Mi accingo a vergare codeste note, con gratitudine, ed a futura memoria per le stirpi che verranno. Nell'anno di grazia 2012 addì 10 maggio mese di MARIA i dieci cavalieri del "BLOG" e della "Polis Prima" riuniti nella "TORRE ETICA" del suo maniero. I congiurati, alleati e difensori, del giovane e coraggioso saraceno FABRICIUS detto il Ferrandellis, nell'epico ed impari scontro con il furioso Orlandos principe di Corleone.
La città di "PANORMUS" mortalmente ferita dai liquami, letame e monnezza sparate sulla folla e sulle strade dal Conte Cammarata ed i suoi alleati. La città è battuta in tutta le sue contrade, casa per casa e cabina per cabina, da amici e nemici fino all'ultima scheda. Gli schieramenti sono molteplici non facilmente visibili. Bande straniere e mascherate in attesa di salire sul carro di Orlandos da Corleone. Nelle scorribande del 6 e 7 maggio rischio di fuoco amico tra i partigiani di Romagna del comandante BERSANI, il borgomastro CRACOLICITIS della repubblica di "Trinacria, ed nobile "DELLA LUMIA" senator del sacro romano impero. Subdolamente oscura la posizione del governatore Lombardos trincerato nella torre "D'ORLEANS."
Tra le incursioni più pericolose quelle delle orde del "marchese del Grillo" provenienti da Genova che hanno tentato di entrare a palazzo delle Aquile con il giovane cavaliere "NUTI", ma sono stati respinti. La soldataglia del tiranno "Cammarata" con i suoi alleati, alfanos, schifanos, romanos, caronias, costas è stata sbaragliata da Orlandos e Ferrandellis. I dieci saggi del cerchio magico rappresentati dal principe Sergios Volpes delegato di Atene, il cavaliere Bruno della Menza emissario del conte Vizzini, il cavaliere Pasquale Nevones fiduciario del vescovo di Santa Oliva indi il nobile Nino di Marineo detto il "Pepe", il cavaliere Sergios di Potenzano, illustre mastro pittore, il guerriero Guarneri di Roccamena, e con la benedizione del nobile filosofo "mastro Gallo Mazzeo" impegnato in quel di Roma, Napoli e Palermo a combattere contro vandali distruttori della nostra cultura e a difesa della martoriata città di "POMPEI". Infine con il beneplacito del sommo "sapiente SALVOS principe di GERACI (asserragliato a castello Randazzo) da dove conduce le azioni strategiche.
Si stabilisce che l'ultima disputa, per mezzo di sballottaggio, fino all'ultima scheda avvenga a singolar tenzone nella piazza Pretoria tra il terribile principe di Corleone, Orlandos, ed il giovane FABRICIUS Ferrandellis. I dieci saggi emettono il seguente editto: che l'ultimo duello, per possedere e penetrare la "promessa sposa PANORMUS" e il di lei palazzo delle aquile, sia condotto con le antiche norme cavalleresche, perciò non si ammettono colpi bassi, si combatta con onestà ed onore ed il vincitore avrà il potere, la gloria e la nobile sposa con cui potrà gioiosamente concupire nel talamo di "Pretoria".
Ma chiunque sia il vincitore conceda mercede e clemenza ai cavalieri del "BLOG" ed ai cittadini di PANORMUS... COSI SIA!!


Giuseppe Vullo

19 maggio 2012

* PS. L'amico Pino Vullo, novello trovadore, si sente un po' come un "Ludovico Ariosto", ci propone una versione scherzosa e gioiosa del poema "la Gerusalemme Liberata" riadattata per l'occasione. È un modo ironico per ribadire le cose che tutti sappiamo e stemperare le tensioni accumulate stante la situazione politica-economica fin troppo seria. Quindi, un sorriso  terapeutico e un pizzico di buon umore. Per questo non possiamo che ringraziarlo. L'aver, infine, distribuito generosamente e con la sua feconda fantasia titoli nobiliari a tutti noi, lo rende ancora più simpatico e prezioso!

10 commenti:

  1. Non posso perdere il privilegio del primo commento all'opera di Pino Vullo. L'occasione è troppo ghiotta, il pezzo è bellissimo. Con arguzia e sottile ironia, Pino affronta argomenti pesanti e duelli elettorali all'ultimo voto. Lo fa con spontaneità, con amore, e con tanto affetto. Riesce a farci ridere di cose che invece hanno una serietà a volte esagerata. "Palermo liberata" e i cavalieri della Torre Etica. Rappresentazione epica di un fatto che accomuna ormai da qualche tempo gli amici di questo blog. Una iniziativa nata quasi per caso, discesa dalle chiacchiere con l'amico di sempre, Sergio Volpe. Un giocattolo, uso definirlo, che ci ha permesso di esprimerci liberamente. Di farci sentire ancora protagonisti. È un'idea PoliticaPrima. È energia e voglia di qualcosa difficile da spiegare, per migliorarci, per migliorare la Politica e quindi la società. Esagero? Non lo so. Ma dopo questo pezzo di Pino Vullo mi è permesso! Auguri a tutti.

    RispondiElimina
  2. bruno della menza detto la mensa19 maggio 2012 10:20

    mi fa specie il paragonio fra gerusalemme e panormus, caro e nobil amico Vullus.
    Gerusalemme non conobbe i fasti della Cuba, ne' tampoco le gioie di Dubai.
    Fra la casa del monarca, detta irrisoriamente villa 'nni scemi"
    e la casa del potere arguto, pertanto chiamato palazzo delle aquile, il percorso era troppo irto di trappole:
    circolo del tennis, favorita, varie taberne, etc. etc.
    ecco il vero busillis.
    Se il futuro monarca si spostera' piu' vicino alle aquile, e quindi alla gleba, forse avra' contezza di cio' che sente il popolo.
    Se riusciremo a creare questo legame con le energie del nostro umile blog avremo assolto ai nostri propositi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi merito tutte le frustate della tua arguzia...

      Elimina
  3. Mio caro amico G e G: non posso che ringraziare per le tue belle parole. Ricambio riconoscendo la tua sapienza informatica e il tuo meritorio impegno nell'aggregare(seppur nel virtuale) disillusi, disincantati e forse appassiti sessant'enni come me, o come Geraci o Volpe o come altri(sperando dicendo ciò di non fare offesa ad alcuno)...e giovani virgulti come E. Volpe, S. Geraci, Varisco ed altri "cloni positivi" od emuli del "prode Fabrizio Ferrandeli". Traditi, violentati e ingannati dai ricattatori, illusionisti, venditori di fumo...caduti nelle loro trappole, forse inconsapevolmente, per bisogno, ingenuità o libera sceltà? Alla nostra coscienza l'ardua sentenza. Certo qualche colpa l'avremo se siamo ridotti cosi. Se non altro quella di fare spesso "il pesce in barile" o di nascondere la testa sotto la sabbia, anche vedendo i piccoli sorprusi ed abusi, salvo poi sentire lamenti diffusi, stigmatizzando le colpe degli altri e sorvolando sulle nostre. Peccati di omissione, pigrizia mentale...non siamo manco capaci di farci fare lo scontrino dal nostro pescivendolo che con una "vasata" ci rende complici nella sua evasione fiscale. Palermo irredimibile? Le celebri parole di un mio conterraneo sono sempre li pesanti come pietre. Quindi se il tessuto conettivo della "sporca palermo" è cosi... quali speranze abbiamo di avere una "città normale" come tu hai auspicato di recente?CMQ siccome il nostro "super io" ci censura e ci richiama all'etica, all'onestà e se non obbediamo ci punisce con i complessi di colpa...cerchiamo di reagire e di agire con il senso del dovere, con amore per la cosa pubblica, la famiglia, la patria, l'ambiente ed i propri simili. Come hai notato non riesco più a scrivere in modo normale... sono sempre alla ricerca della satira, della sublimazione attraverso una risata di cose serissime...sarà l'insostenibile "pesantezza dell'essere"? Buona strada per tutti! P.S. ha dimenticavo se con i titoli onorifici che vi ho appioppato ho peccato in eccesso o in difetto fatemelo sapere...vedrò di rimediare...

    RispondiElimina
  4. ... sì, vabbé, ma Lancillotto?

    ...e poi: se dovessi vincere la disfida, chi me lo paga il Viagra? ...

    e se dovesse vincerla il Gattuso? Paga il blog?


    Il noto animale predatore - della specie dei "Gattusospenetrators - vive in Polistuttamia (è definito scientificamente "Stradivarius sviolinator excelsus manipulator").

    Si acquatta dietro i cespugli con l'obelisco tra le zampe, sotto alberi dove si posiziona il garrulo De Vulpis, mascherandosi dietro un soave cinguettio.

    Da "geo": Negli afosi pomeriggi nelle vasta distesa del Serengeti, mentre nell'aria diffondono le voci flautate dei "Tizianferrandelluli, il De Vulpis" stordisce i viandanti lasciando cadere tablet sulla testa dei malcapitati ed il Gattusospenetrator esce fuori rapido dai cespugli e sodomizza le prede!"

    RispondiElimina
  5. Notando che il mio mattiniero commento sul delizioso articolo di Pino , dopo una breve apparizioni sul blog , sembra andato inghiottito dalla rete , non volendo sembrare inerte di fronte a così tanto simpatica narrazione degli attuali eventi ,allora mi ripropongo .
    Alla singolar tenzone tra il Paladino Orlando furioso ed il giovin cavaliere Fabricius Ferrandellis , duello davvero singolare se si considera la impari sfida tra lo spadone dell'esperto Paladino ed il picciol fiorettino dell'avverso Fabbricius , spero faccia seguito , subito dopo l'imminente epilogo delle scintille delle armi , una magnanima e benevolente amnistia da parte del ritrovato Signore della Conca d'oro verso tutti i suoi sconfitti sfidanti e di loro sostenitori , oltre che verso noi poveri liberi ed indipendenti menestrelli .
    Diversamente da ciò sarebbero devvero augelli troppo grossi ed amari per essere digeriti nei prossimi cinque anni .
    Potremmo anche essere costretti a darci alla macchia , nonchè a disputar le nostre sentenze come novelli Beati Paoli .
    Ma son convinto che il plebiscito degli adepti e l'abiura totale dei convincimenti in precedenza sostenuti da parte degli sparuti elettori diversamente votanti , indurrà il prode Orlando a riporre nel fodero il suo spadone .

    RispondiElimina
  6. S. E. Vincenzo da Messina, Conte di Zubbi, Barone di San Leonardo, Galvanicamente decorato con Punto e Croce.

    Ai Cavalieri della Palermo Liberata da liquami, ortotteri canterini e monnezza.

    Chiede deferentemente di entrare nella Congrega Liberatoria Panormita avendone l'arte e la parte, araldicamente riconosciuta con i titoli sopracitati.

    Sicuro della VostraBenevola e Amorosa Accoglienza, porgo i più sinceri e Fraterni saluti.

    RispondiElimina
  7. non posso argomentare e non oso neppure provarci, tanto sarei lontano dalla fantastica rappresentazione epica del duello tra l'Orlando riesumato e il nuovo di zecca e rampante Ferrandelli, a cura dello strepitoso Saggio tra i (10)saggi, Giuseppe Vullo.
    Mi limito,visto gli eloquenti e consoni commenti dei miei amici di Politicaprima, a cogliere la divertente ironia come auspicio di un futuro migliore, a prescindere da chi sarà il nuovo Sindaco, che possa finalmente ridare alla nostra città la dignità che merita.
    Sono onorato di poter condividere, grazie al Direttore G.Gattuso, questa magnifica opportunità che Politicaprima ci concede.

    RispondiElimina
  8. Scusate, ma Orlando il Furioso non è quello che aveva perso il senno?, allora ci vuole, come contrappeso democratico, la presenza del cavaliere Astolfo, l'unico in grado di andare sulla luna a recuperare il senno di Orlando.
    A proposito, l'Orlando attuale ha già perso il senno, o lo perderà?
    C'è qualcuno fra i dieci saggi del cerchio magico a farsi un viaggetto sulla Luna, nel caso che il Furioso si dimostrasse privo di senno?
    Aspettiamo qualche mese e nel frattempo, cerchiamo di trovare un Astolfo pronto alla bisogna.

    RispondiElimina
  9. Sul carro del vincitore ORLANDO principe di corleone stanno salendo in tanti. L'avevo previsto nella palermo liberata. esempi:1) R. LAGALLA ex potenziale candidato di alfanos e schifanos 2) M. CARTA ex assessore di cammarata 3) ALFIO SCUDERI regista dei festini di cammarata 4)Roberto HELG(presid. camera-commercio) sindaco ombra di cammarata 5) Nicola Gervasi direttore amia 6) FSCO MAIOLINI ex dg banca nuova 7) Guido Catalano manager forzista asp palermo 8) Gaetano Lo cicero top manager comune targato cammarata 9) Nino Bevilacqua consulente della prima giunta cammarata. E poi dicono che la sicilia non è la terra dei gattopardi. Avanti cavalieri sul carro del vincitore ORLANDOS c'è posto!!

    RispondiElimina