mercoledì 9 settembre 2015

L’Europa ha un vero leader: Angela Merkel

34725454_migranti-merkel-ad-orban-la-germania-fa-ci-che-deve-orban-non-possiamo-dare-false-speranze-0di Filippo Ales - Nei momenti difficili che attraversa un paese si può riconoscere se una persona ha i caratteri dell’uomo di stato, di un vero statista.

Giorni fa leggevo in questo blog, le smargiassate di Matteo Salvini, che vorrebbe assurgere a leader e, fra me e me facevo delle considerazioni. In questa bella Italia siamo arrivati veramente alla frutta.

Mekel e migrantiMa in tutti sensi: a cominciare dai media dove tutti ci aspetteremmo, in questi terribili momenti che il mondo e l’Europa in particolare sta attraversando, paragonabili ad una crisi biblica, facessero discorsi seri, invece abbiamo una classe giornalistica di così basso livello che in qualunque momento della giornata ci fa assistere, in qualunque canale ci si trova sintonizzati alle interviste di Matteo Salvini ed un po’ meno, ma sempre con la stessa aggressività a quella di Beppe Grillo.

budapest-stazione-300x183Il tema è sempre lo stesso “I migranti si debbono fermare in alto mare, capovolgere i gommoni e buttarli a mare”. Mentre vediamo che in Germania, in Francia, in Spagna, si abbattono i muri ideologici e si cerca di trovare un intesa per collaborare, e si collabora, in Italia invece, la polemica vince su tutto. Salvini, ora Segretario della Lega si prefigge l’obiettivo di conquistare il SUD. Cose assurde!

Matteo RenziIl nostro capo del governo Matteo Renzi ha telefonato, come hanno fatto tutti i leader del mondo, ad Angela MERKEL per congratularsi della decisione presa di aprire le porte della Germania a 20 mila migranti siriani che avevano raggiunto così lo scopo della loro traversata. E si candida a ospitarne altri 500.000 ogni anno.

PapaPossiamo dire che la Germania ha preso un provvedimento storico guadagnandosi per Angela Merkel l’appellativo di vero uomo di stato europeo. E Papa Francesco, che ha imposto a tutte le Parrocchie d’Europa di farsi carico di una famiglia di “migranti”, risolve una grossa parte del problema, e diventa sempre più il Papa della solidarietà, l’esempio di una vera cristianità.

Filippo-AlesFilippo Ales
09 Settembre 2015

40 commenti:

  1. Signor Filippo, l'italia
    e in particolare Lampedusa,
    si fa carico dei migranti da quasi 3 anni! e non di quelle cifre spartite
    (finalmente e molto ritardatamente) da Germania, Francia e Spagna! ma di numeri assai piu elevati!
    La mia sensazione è che madame Merkel abbia aspettato i lunghi tempi dell'Italia rispetto alle identificazioni per prendersi i rifugiati politici e lasciare i clandestini!
    Ho seri dubbi che i profughi entrati in Germania siano ancora da identificare!
    A mio avviso la Cancelliera tedesca ha in mente il grande risparmio di mano d'opera che potrà trarre da immigrati disperati ridotti all'osso dalla fame abbassando di molto i costi del lavoro. E' una nuova schiavitu'.....altro che accoglienza!
    Quella gente scappa dalle loro terre perchè le loro terre vengono bombardate da Usa, Germania, Francia, Inghilterra e Italia!
    E' assurdo! la solita messa in scena...
    Per non parlare di Renzi che sull'argomento ha sempre taciuto! ha aspettato di sapere da che parte schierarsi osservando le mosse della sua adorata Cancelliera! e adesso che la regina si è mossa....il pedone ha parlato! Ricordo sempre, e non mi stanco di farlo, che l'Italia spende OGNI GIORNO 80 milioni di euro in spese militari.... SAPPIATELO!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo signora parlare a vanvere perche germania non potere bombardare nessuno. statuto onu germania, italia e giappone considerate nazioni nemiche..ok ? invece di offendere germania studiare storia madame.

      Elimina
    2. Gentile Stefania, non ho scritto un pezzo per fare polemica. In momenti come questi non si fa polemica e non si cercano scuse si devono trovare le premesse per stare insieme e lavorare insieme. Un leader politico che si mette a disposizione per ospitare 500.000 profughi l'anno nel suo paese, la Germania, ed ha già stanziato i fondi per costruire le case, senza che nessuno glielo avesse avesse chiesto o glielo abbia imposto, a me pare che ci stia insegnando come si fa solidarietà umana. Non intendo rispondere su altre cose da lei scritte, che non condivido, per non scendere di livello. sono

      Elimina
    3. Antonella albertini9 settembre 2015 15:44

      Non capisco perché, Signora Sardisco, ha tanto astio contro la Merkel; anche se tardivamente ha deciso di cambiare politica verso gli immigrati; gliene dobbiamo dare atto. Accogliere 500000 migranti all'anno é una scelta coraggiosa e ammirevole e non dica quelle sciocchezze che ha scritto sullo sfruttamento della mano d'opera. É venuto il momento di affrontare collegialmente a livello europeo il problema dei profughi e della loro ripartizione nei vari paesi europei. Ma la cosa importante é farlo partendo da principi umanitari; basta con gli egoismi e i razzismi, ripartiamo da modalità di convivenza più civili

      Elimina
    4. Purtroppo deduco che nessuno di voi ha letto quanto ho scritto. E scommetto che chi ha fatto questi commenti fino a ieri faceva parte di quegli italiani che volevano i profughi a casa loro. In ogni caso, per rispondere ai commenti senza leggerli, tanto vale chiudere qui l'argomento. Saluti.

      Elimina
    5. Lei prima fa la saputella e poi la sostenuta. Abbiamo letto purtroppo tutte le sciocchezze che lei scrive per esempio... "Quella gente scappa dalle loro terre perchè le loro terre vengono bombardate da Usa, Germania, Francia, Inghilterra e Italia! " Per amore di verità... mi porti un solo esempio che la Germania dopo il 1945 abbia bombardato qualcuno...!

      Elimina
    6. Signor Vullo, lei ce l'ha proprio con me. Qualsiasi cosa io scriva lei puntualmente contesta. Questo perché? Forse perché sono grillina? o perché bene o male so rispondere ai commenti e agli argomenti? Le lascio solo due cose. La prima riguarda l'Italia: http://ilmanifesto.info/litalia-spende-80-milioni-al-giorno-in-spese-militari/ e la seconda la santa germania: https://it.wikipedia.org/wiki/Indennit%C3%A0_di_guerra In ogni caso mi fa molto piacere che lei commenti i miei interventi, davvero. Buona giornata

      Elimina
    7. sigra Sardisco una precisazione è chiudiamo io simpatizzo e voto per Grillo ed i bravi ragazzi come Di Maio. Mi sembra che la sua giusta rabbia, spesso denota imprecisione...per esempio che la Germania abbia bombardato qualcuno nel dopoguerra...che la Merkel sia in malafede riguardo agli immigrati etc. La germania è piena di immigrati a cominciare da 7 milioni di turchi. Poi non dimentichi mai che noi Italiani brava gente siamo stati legati al carro dei nazisti e poi abbiamo miseramente tradito ! Se in Italia avessimo avuto leader come Merkel , Kohl etc. in Italia, Grillo non avrebbe avuto motivo di scendere in campo. Lei continui nel suo attivismo con un pò di precisione in piu'.

      Elimina
    8. Sig. Vullo.... "e chiudiamo va senza accento sulla e"....(mi perdoni se correggo ma è piu forte di me! ho una vera passione-ossessione per la grammatica). Riguardo alla Germania è palese che io e lei siamo su due poli estremamente opposti....quindi sarebbe inutile portare avanti una discussione sterile che finirebbe per far perdere tempo ad entrambi. In ultimo, a meno che lei non sia un veggente millantatore, io sono una persona molto attiva e molto precisa nelle mie cose, glielo garantisco. Cordiali saluti.

      Elimina
  2. Credo che rispetto alla notizia dell'apertura tedesca nei confronti dei migranti, si possa dire sola una cosa, senza troppa enfasi e celebrazioni: meglio tardi che mai. Dove è stata finora la signora Merkel, mentre la Sicilia veniva invasa da sbarchi quotidiani disseminando morti nel Mediterraneo? Alla Germania va certamente dato il merito di aver rivisto le proprie posizioni e di aver assunto un atteggiamento indubbiamente responsabile ma, per favore, non diamo medaglie al valore a chi per anni ha dormito sogni profondi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Maurizio, per il fatto che l'Europa fin ora sia stata latitante, non posso che dargliene atto. Ritengo sia giusto però, quando un capo di governo fa un atto di tale portata, in un momento così tragico che stiamo vivendo, di portata biblica, dargliene atto.

      Elimina
  3. Non c'è che dire...la Merkel ha giocato bene le sue carte, ha aspettato sino all'ultimo minuto,ha bleffato alla grande come un vero giocatore professionista, del suo ravvedimento tardivo, apprezzabile certamente, si può solo dire che ne ha il suo tornaconto, oltretutto sembra che si occuperà solo di profughi, lasciando ad altri, Italia inclusa, l'onere dei clandestini, opportunismo della "miglior specie...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentile Gisa soltanto, credo che in Italia, malgrado i suoi contorcimenti lessicali, questo non sarebbe stato possibile, nemmeno per un presidente autorevole come è il nostro Matteo Renzi.

      Elimina
    2. presidente autorevole Matteo Renzi? santa maria goretti la Merkel???? ho sentito abbastanza. Non commento piu questo articolo!
      Ah, solo una cosa....sono d'accordissimo con Gisa

      Elimina
    3. Gentile Stefania Si tenga stretto il suo Grillo affinchè nessuno glielo porti via, io mi tengo Matteo Renzi che, sono sicuro, le cose che promette, finora le ha mantenuto e le mantiene.

      Elimina
  4. C'è un' altra ragione per cui la Germania ha ammorbidito i suoi confini -
    Nei prossimi anni, per il numero uno della Confindustria tedesca, ci saranno circa 500 mila posti disponibili e i profughi sono i più indicati per accaparrarseli.
    Anche perché si tratta per lo più di impieghi di basso livello, pagati poco, i classici lavori che i tedeschi non vogliono più fare…
    Non vorrei smontare i caramellosi entusiasmi solidali, ma dietro l' improvvisa svolta umanitaria della Merkel
    - da strega che fa piangere una bambina palestinese ricordandole i limiti dell' accoglienza a regina dei profughi -
    ci sono ragioni un po' diverse dalla carità.
    Inanzitutto ha fatto un'accurata selezione...dentro i siriani, fuori i macedoni, i serbi e tutti gli altri clandestini.
    E secondo voi dove si dirigeranno questi «immigrati di Serie B» selezionati dalla Germania?
    Nei Paesi vicini, ovviamente, tra cui l' Italia.
    In questo modo, la Merkel ha scavalcato tutti.
    Altro che «hotspot» dell' Unione Europea per gestire gli ingressi. La Cancelliera ha fatto la sua cernita personale, e ha scelto di prendersi i profughi siriani.
    I quali sono realmente in fuga da una guerra, e dunque più di tanto non possono far ribollire gli umori della destra:
    anche da quelle parti alberga la pietà, a differenza di quel che si pensa.
    Non solo: i siriani sono anche immigrati più facili da assimiliare. Di solito appartengono alla classe media, sono un po' più ricchi rispetto a chi proviene da altre zone del mondo.
    Sono, appunto, immigrati di serie A.
    Siano le altre nazioni a gestirsi gli stranieri più problematici.
    La sua dichiarazione è stata chiara:
    Dunque si deve snellire la burocrazia, velocizzare le pratiche, concedere subito permessi a chi fa corsi di lingua, perché «nei prossimi vent' anni avremo bisogno di molta più forza lavoro di quella che produrremo».
    Ci saranno circa 500 mila posti disponibili, sostiene il capoccia degli industriali.
    E i profughi sono i più indicati per accaparrarseli.
    Gli immigrati in arrivo, quindi, sono i candidati ideali.
    Il tutto nel rispetto dell' antica tradizione teutonica secondo cui il lavoro rende liberi (e meritevoli d' asilo).

    RispondiElimina
  5. Valeria Mazzola9 settembre 2015 14:28

    Qualunque siano i motivi che hanno mosso la Merkel ad aprire le frontiere. ..ben vengano.Solo così si può uscire da un impasse che nessuno finora ha dimostrato di saper risolvere.E'logico che sarà la Germania a dettare le condizioni perché purtroppo dobbiamo riconoscere che non esistono altri leader in Europa all'altezza di Merkel. QUINDI è fuori luogo lamentarsi se farà passare gli immigrati di 'serieA' lasciando gli altri ad altri paesi
    peggio per chi non è capace di gestire emergenze internazionali ma .in realtà. nemmeno l'ordinario di casa sua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo, ma oggi è Angela MERKEL vero leader europeo. Non c'è motivo di lamentela alcuna. Quando ci saranno altri momenti che riguarderanno l'Italia, vedremo se saremo all'altezza dia avere un leader a livello europeo.....

      Elimina
  6. ... quanto ci vorrebbe una Merkel in italia? Alle prossimo elezioni (quando ci illuderanno di chiamarci al voto) sulla scheda ci scrivo Angela... che femmina co le palle!

    RispondiElimina
  7. Raffaele Bonafede9 settembre 2015 16:01

    Merkel si è allineata finalmente anche sui migranti alla linea tracciata da Matteo Renzi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. diciamo che dobbiamo onorarci del fatto che la nostra linea di democratici è ora quella aperta ad altri consensi..e non minoritaria soffocata dai populismi

      Elimina
  8. Antonella lo presti9 settembre 2015 16:29

    La comunità europea in quanto tale ha l'obbligo di condividere i problemi. Fino ad ora la sig.ra Merkel ha dettato legge sulle finanze dei paesi membri scrollandosi dalle spalle i relativi problemi di immigrazione. Oggi, quando è con le spalle al muro, si è finalmente resa conto che si deve collaborare e che i migranti o rifugiati possono essere una risorsa più o meno sfruttabile.

    RispondiElimina
  9. Timeo Angela et dona ferentem. E' la stessa che ha quasi messo sul lastrico un intero Paese, la Grecia, e che per sei e più anni non ha mosso un dito per il problema dei migranti. Ha detto a noi Italiani: sono ca... vostri , arrangiatevi. Probabilmente ha cambiato da quando ha visto che quello che diceva la copertina di Der Spiegel , e cioè che all'estero percepivano i Tedeschi come nazisti, era vero.

    RispondiElimina
  10. gli italiani sono "brava gente" ma hanno aderito al fascismo.. hanno obbedito alle leggi razziali..e come nazione siamo stati alleati dei tedesci, facendo con loro guerre fratricide mandandogli migliaia di ebrei a morire nei campi.. e i fascisti sono stati belve con gli oppositori: ricordi i paesi incendiati, i civili torturati, impiccati, fucilati? se non fosse stato che poi una parte di italiani ha fatto la resistenza..riabilitandoci, ovviamente, saremmo tali e quali alla germania...ecco: su questo passaggio storica la germania è stata -anche costretta- a fare analisi su se stessa inclementi.. ha subito processi e anche una resa umiliante.. i loro campi di sterminio sono monumenti, non fanno il revisionismo che faxcciamo noi per salvare l'onore dei repubblichini..i nazisti al governo non li han fatti entrare.. e come vedi, appena hannno incendiato quel luogo per ospèitare i rifugiati il governo ha ufficializzato che avrebbe accettato tutti isiriani..la differenza sta anche sulla qualità dell'elaborazione della storia..paradossalmente la germania è ancora sotto lo shock della potenza egemone imperialista.. noi diciamo che lo è..eppure non è proprio così: il dibattito culturale è bendiverso, noi non lo vogliamo nemmeno conoscere ma è diverso da come ce la raccontiamo

    RispondiElimina
  11. Calogero Dolcimascolo9 settembre 2015 16:59

    Quando alla fine della seconda guerra mondiale la storia ci ha consegnato una persona fredda che divenne un leader che all'anagrafe era italiano ma di adozione austriaca la nostra Nazione vide un nuovo orizzonte ed un nuovo futuro. Quella persona fredda che non aveva in sè lo spirito della Nazione Italiana ma dentro aveva qualcosa di più grande: Il senso dello Stato che sin da parlamentare lo distingueva nella Camera dei 500 del parlamento di Vienna. Abbiamo avuto altri statisti dopo l'on.le Alcide De Gasperi ma non appartengono all'ultimo ventennio e sarebbe ridicolo commentare equiparazioni dell'on.le Berlusconi. E' vero ogni tanto dalla massa italiana sono usciti pochissimi statisti ma al nord delle alpi con un'area fredda ne spuntano di più. La fredda Germania uno dopo l'altro: Khol, Merkel.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo, condivido.

      Elimina
  12. La Merkel ha tirato la corda ma si è fermata prima di spezzarla. L'accoglienza di oggi, non fa della Merkel un "uomo di stato" ma ne fa una "figlia di buona donna" perchè ha scelto la sua convenienza: la Germania ha bisogno di braccia. Tutt'altro discorso è quello che riguarda Papa Francesco: lui è veramente un uomo di Dio.

    RispondiElimina
  13. Michele Maniscalco9 settembre 2015 18:25

    Quanti caca dubbi e cerca cavilli.
    Si è vero, la svolta della Merkel è arrivata dopo i 71 morti nel Tir in Austria. Comunque è arrivata e questo è un bene per i profughi e per tutti gli europei non razzisti.

    Ma la cosa più importante è il clima favorevole e di accoglienza che ha saputo creare in Germania, e la fermezza contro il rigurgito di una piccola minoranza nazista.

    RispondiElimina
  14. Se avessimo avuto noi la Merkel, saremmo più competitivi dell'attuale Germania. È solo da ammirare, dal punto di vista delle qualità.
    Per il resto, noi Italia, talvolta la disprezziamo per la sua spregiudicatezza con Paesi in difficoltà. ..ma lo facciamo solo perché non siamo noi ad essere dall'altra parte.

    RispondiElimina
  15. respingo personalemnte chi parla di "gradi di accoglienza " e che la germaniasi è scelta i migliori" e "dove erano gli italiani a suo tempo quando si poteva sceglieri chi sì e chi no"......no: metà degli italiani erano accusati di "buonisimo" quando una minoranza di gran peso -troppo.- nei media, ma sempre minoritario nella società, sbraitavano di respingere indisciminatamenyte e questo da anni!..no: metà degli italiani da anni diceva.. "li accogliamo perchè siamo umani e perchè ogni persona è utile"..e lo dimostravamo che tutti i nostri stranieri ospitati erano utili anche in italia nello svolgere e allargarequalità della vita....starnieri che abbiamo accolto a svolgere lavori e mestieri che si stavano perdendo: dalla cura dei malati e anziani, dall'agricoltura, allevamento, lavori artigianali, fabbriche, carpenteria, piccole imprese , ristorazione.. anche metà degli italiani ha sempre sostenuto questo..ha sempre pubblicato i numeri non solo della convenienza umana ma anche economica.. i nostri prossimi dal nord africa, eritrei somali..albania ma anche america meridionale...una lunga storia di accoglienza che in alcune città offre peraltro modelli molto interessanti

    http://www.unita.tv/focus/ecco-le-quote-ue-70mila-rifugiati-in-germiania-francia-e-spagna/

    RispondiElimina
  16. Non c’è che dire. Angela Merkel in Europa ha un ruolo enorme. E lo ha da tempo. Ma con le ultime decisioni sui profughi provenienti dalle aree della Siria e in viaggio attraverso i Balcani e l’Ungheria, ha ulteriormente marcato la sua cifra. Già la Germania aveva accolto un numero considerevole di migranti ben oltre i numeri italiani.
    Da questo però a sostenere che il problema dei migranti è risolto ce ne corre tantissimo e proprio la signora Angela ha chiarito bene: una cosa sono i “profughi” della Siria e dintorni, per i quali si è impegnata all’accoglienza di 500.000 per anno, e un’altra riguarda tutti gli altri, per i quali vigono sempre le ferree regole sull’immigrazione.
    E quindi: controllo e identificazione nei paesi di primo arrivo e rimpatrio immediato per chi non appartiene alla categoria dei profughi che fuggono da territori in guerra.
    Insomma, c’è ancora tanto da lavorare e Angela Merkel, sopraffatta dalle tragedie di questi ultimi periodi (i 71 asfissiati nel camion e il bambino sulla spiaggia etc.), ha modificato la cosiddetta linea di fermezza che l’aveva contraddistinta. E questa è una buona cosa.
    Il problema, però, delle migrazioni per come si stanno configurdando nelle enormi regioni di questo pianeta è tutto, ma proprio tutto, ancora da affrontare e risolvere.
    Il messaggio chiaro e dirompente di Papa Francesco, ad oggi, appare quello di più ampio respiro.

    RispondiElimina
  17. Io non so quali calcoli ci siano dietro questa apertura...io guardo i fatti...la Germania ha detto che ospiterà numerosi profughi...e lo farà sicuramente con pragmatismo e razionalita' (noi in italia non conosciamo neanche il significato di questi termini).....in cambio pero' ha praticamente affondato la Grecia....e su questo credo non ci piova.... (a proposito...nessuno parla più di questo fatto).....detto ciò quale e' stata la reazione di tanti miei connazionali? In molti commenti ho letto...: "ecco ..prende i siriani perché sono istruiti e piuttosto bianchi a.noi lascia l'Africa"....cioè se anche arriva un ingegnere nucleare ma e' nero automaticamente non va bene.....ma ragazzi dove vogliamo andare? Pure l'invidia del profugo abbiamo.....vi prego....!!!

    RispondiElimina
  18. Marisa Bignardelli10 settembre 2015 13:02

    Complimenti a Filippo Ales che ha scritto un bellissimo articolo che, però, non condivido pienamente. Sono d’accordo che la Merkel sia una grande statista, perché sa guardare lontano, molto lontano ma diffido di lei. Il ruolo di anima pia non le si addice La Cancelliera ha fatto la sua cernita personale e dietro l’improvvisa svolta umanitaria di Frau Merkel profughi –io vedo ragioni un po' diverse dalla carità. Eppure è diventata l’eroina dell’Accoglienza perché ha deciso, assieme al governo austriaco, di aprire le frontiere e consentire l’ingresso agli immigrati in arrivo dall’Ungheria. Gli stranieri, provenienti dalle aree martoriate del Medio Oriente, la Siria in particolare, sono entrati festeggiando in Germania. Angela in un colpo ha riabilitato l’immagine della Germania e ha scelto i suoi immigrati I SIRIANI. Che sono anche immigrati più facili da assimiliare non sono fondamentalisti e spesso sono acculturati, professionisti, e sicuramente sono un buon investimento per l’economia tedesca che renderanno ancora più forte. No agli immigrati che fuggono dagli stati islamici e, di fatto, la pia Merkel ha creato i disperati di serie A e B. Sono contenta per questi disperati,ma non ditemi che è stata una scelta fatta a caso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ringrazio Marisa per i complimenti fatti per la parte dell'articolo che condivide.Essere leader significa anche saper fare gli interessi del proprio paese.Essere buoni una volta, si ma tre volte no, significa essere fessi.

      Elimina
  19. Ho tanta ammirazione per la Signora Merkel che anche se come giustamente detto ha preso in ritardo dei provvedimenti per gli immigrati, guida con concretezza politica una Germania che diventa sempre più importante.
    Certo è che noi Italiani a nessun politico del momento ci sogneremmo di attribuire l'appellativo " Mutti".
    Anche il Times di Londra L'anno scorso aveva deciso di incoronare la cancelliera tedesca come persona dell'anno, intitolando l'articolo "la donna di cui abbiamo bisogno in un mondo di uomini pericolosi!!!
    Ora visto che io sono religiosa, ma non ci vuole tanto per capire che riscuote molti consensi anche da parte dei non religiosi, in Italia l'unico a cui consegnerei un premio è solo il nostro Papa Francesco, UOMO DEL FARE A SERVIZIO DEGLI UOMINI !!!
    Ma sono sicura che uno come Lui nemmeno lo vorrebbe un premio, perchè non conosce la vanità che è tipica dei nostri politici, uomini del BLA, BLA, BLA

    RispondiElimina
  20. Sono veramente felice di vedere il mio amico Filippo in splendida forma ed è per questo che sento il bisogno ed il piacere di salutarlo . Anche io come te da tempo non sono più presente nel blog, ritengo per i medesimi motivi, ma questo non importa.
    .Della signora Merkel penso benissimo e non da adesso.
    Questo solo per dirti che condivido in pieno quello che hai scritto, forse potevi andare anche oltre e non avresti sbagliato.
    Ho letto alcuni dei commenti al tuo articolo, non prendertela più di tanto, non sono convinto che ne valga la pena.

    RispondiElimina
  21. Sergio amico mio carissimo, sono felice leggerti, dopo tanto tempo che non ci sentivamo. Mi è dispiaciuto di questo lungo periodo in cui non ci siamo sentiti ma anche tu mi dicevi che c'eri stato poco. Io ho preferito fare cose più utili. Mi occupo di sociale; sono amministratore di una pagina facedbook "Malattia di Parkinson privè" e quindi dei problemi che riguardano gli ammalati sia per l'esperienza nelle cure, dopo 22 anni di malattia che per le pratiche amministrative di cui hanno bisogno.Sarei felice incontrarti e fare due chiacchere, come ai bei tempi!!! Nelle more che si presenti l'occasione Sergio riceviti un caro abbraccio dal tuo amico filippo....

    RispondiElimina
  22. La Angela Doretta non è una simpaticona e nel solco delle sue tradizioni teutoniche non brilla, a discapito del suo faccione rubicondo, per morbidezza. La sua fermezza nella capacità di guida della Germania e del G8 hanno ormai fatto dimenticare la pur inflessibile Thacther. Guida la Germania da oltre un decennio ed ha imposto all'Europa un cambio di passo su riforme ed economia. Filippo che ammira le capacità ne coglie anche le sensibilità politiche. E non sbaglia il germanico Hartz IV rappresenta il miogliore modello di welafre e la proiezione dei numeri del mercato del lavoro sono di ottima performance. Chiederci oggi se apre per amore e solidarietà oppure per mero interesse lo ritengo solo esercizio di polemica, il dato è che la Germania apre i suoi confini ed invita tutti a farlo. MI aspetto che accolga l'invito del Presidente Mattarella a rivedere il Trattato di Dublino a partire dalle regole per i "rifugiati" e per la prima "ospitatlità". L'immagine del mondo in cammino va oggi orientata anche perchè nessuno riuscirà a fare barriera per arrestarne i flussi.

    RispondiElimina
  23. Grazie Totò, è sempre un piacere sentirti. Un sincero abbraccio.

    RispondiElimina