mercoledì 8 gennaio 2014

GIOVANNI TOTI... PER “FORZA SILVIO”!

Giovanni Totidi Giuseppe Vullo - Tutti ormai conoscono Berlusconi i suoi pregi ed i suoi difetti. Non si capisce bene da dove venga la sua fortuna sia economica che politica. 
Comunque sia quest'uomo, per me indecifrabile, è sicuramente un animale da palcoscenico. Quale palcoscenico migliore della politica, soprattutto in Italia dove il popolo ama farsi gabbare dagli incantatori di serpenti. Pertanto "lui", il dio Giove di Arcore, è perennemente in campagna elettorale. Ma essendo Silvio, decaduto, a causa di tante marachelle perpetrate in 20 anni di dominio mediatico, economico e politico...Silvio era alla ricerca di un sostituto, un alter ego, una protesi, una "tata".  Recentemente è comparso, nel firmamento Berlusconiano, un satellite di nome "Toti".
Silvio BerlusconiFrancamente, questo nome, mi ricorda il mio amico Toti, diminutivo molto usato a Palermo, come peraltro il parrucchiere di mia moglie. Bisognerebbe dirlo a Berlusconi che a Palermo c'è un parrucchiere che si chiama Toti, chissà che non abbia anche delle doti per aderire a forza Silvio. Ma chi è in realtà Giovanni Toti, prossimo avversario di Renzi ? Sicuramente non è lo "Yeti" e neanche l'eroe della prima guerra 15-18 "Enrico Toti", che lancio la sua stampella sull’Isonzo contro il nemico austriaco prima di morire. Toti è di origine toscana come Renzi e Verdini. Per il primo un pericoloso concorrente per la premiership, per il secondo, vecchio braccio destro del cavaliere ovvero Verdini,  diventato verde di rabbia, perché si sente rottamato da un intruso.
Quindi Toti non è un parrucchiere, non è uno yeti, non è un eroe risorgimentale ed allora da dove è spuntato fuori ? Ma dall'incubatrice Mediaset naturalmente! Proprio cosi, l'uomo nuovo di forza silvio era uno stagista di tg4 con Emilio Fede. Pensate che maestro ha avuto Club Forza SilvioToti!? Il compagno di merende, anzi cene eleganti, di Berlusconi!? Indottrinato nella "Fede" e nel vangelo di Silvio! Perciò mentre Toti faceva il chierichetto, nella parrocchia Mediaset e studiava con "Fede", nel frattempo nell'antica chiesa democristiana, Renzi faceva la gavetta con i boy scout, poi vinceva primarie di ogni tipo, per la provincia, per il comune di Firenze ed infine come segretario del più grande partito Italiano, ossia il PD. Il merito maggiore di Toti? Nel frattempo nominato direttore del tg4, al posto del decrepito e morituro Fede, (che il dio Giove l'abbia in gloria)... il suo merito dicevo è stato quello di aver assemblato nel suo tg 4 la guerra dei 20 anni. La guerra dei 20 anni non è la guerra contro  i normanni o gli alemanni, ma... la guerra, che all'Italia ha fatto tanti danni, contro immaginari comunisti e contro i magistrati complottisti.
Naturalmente il nuovo satellite "Toti", sarà lanciato nella galassia "forzista", dopo opportuna dieta imposta da Silvio. Tutti sanno che a "Lui" piace l'apparire, piuttosto che l'essere. Pertanto  il nuovo satellite del dio "Giove", sarà scagliato, contro la galassia bolscevica e nella fattispecie contro il nuovo astro nascente,  il nuovo sole del PD Renzi. Allora in questa sfida tra galassie io suggerisco, al giovane segretario PD, come l'antico eroe risorgimentale, questa volta milanese, "Amatore Sciesa"..."tirem innanz Renzi di Firenzi"!
OLYMPUS DIGITAL CAMERA         Giuseppe Vullo
08 gennaio 2014

22 commenti:

  1. Il nostro amico Pino Vullo ci informa che sarebbe in orbita un altro satellite nel sistema Berlusconi, quale prossimo candidato alla carica di premier, che si chiamerebbe Giovanni Toti, attuale praticante braccio destro del leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi.
    Ma Toti chi?... avrebbe detto il Matteo nazionale, solo che in questo caso non si sarebbe dimesso il fantomatico Toti, da non confondere con il parrucchiere della signora Vullo. Sarebbe invece Toti il nuovo direttore del TG4, formato bene alla scuola del lecchinaggio dal suo predecessore, Emilio Fede, gran ciambellano della Villa di Arcore, anch’egli condannato a 7 anni di carcere per induzione alla prostituzione, come il suo leader Berlusconi e l’altro compagno di merende Lele Mora.
    Ma siccome Toti non è Fassina, ci credo poco che questo satellite abbia lunga vita, perché conoscendo bene il fiuto negli affari di Silvio non sarebbe questo giovincello, anche se ben allevato, ad essere il suo successore, bensì c’è la figliola Marina, da tempo preparata ad assumere il controllo politico di Forza Italia. E’ sempre meglio avere un’erede della famiglia, questo Toti non si sa mai… sempre un estraneo è.
    Vedremo fra sei mesi o tutt’al più fra un anno chi sarà il competitor di Matteo Renzi. Sarà Giovanni Toti o Marina Berluconi, o spunterà un outsider finora senza nome?. La sfida del nuovo ventennio si giocherà allora, sperando che il buon Matteo non sbagli la palla …buona.

    RispondiElimina
  2. Gli endorsement di Pino Vullo hanno una strana somiglianza con quelli di Carlo De Benedetti ed Eugenio Scalfari, un pò come la somiglianza tra Fantozzi e Fracchia. Vengo e mi spiego. Fantozzi e Fracchia, entrambi interpretati sullo schermo dal loro stesso autore Paolo Viggaggio erano abbastanza simili, con la differenza che i guai di Fantozzi erano reali mentre quelli evocati da Fracchia erano soltanto psicologici, esistevano soltanto nella sua immaginazione.
    Qual'è il nesso tra Vullo e De Benedetti-Scalfari?
    Gli endorsement di De Benedetti e Scalfari hanno sempre portato attasso, per cui sono spariti via via dalla scena politica tutti i loro protetti. Ricordate Ciriaco De Mita, il suo lungo braccio di ferro di Bettino Craxi alla fine degli anni Ottanta? Ricordate chi era il suo sponsor? Sì, proprio Carlo De Benedetti. Risultato dell'appoggio: l'uomo di Nusco, uno dei pochi democristiani a ottenere il doppio incarico, governo e partito, dopo un po' perse sia Palazzo Chigi che Piazza del Gesù. (continua)

    RispondiElimina
  3. ...Stessa storia con Francesco Rutelli. L'allora sindaco di Roma, lanciatissimo dopo otto anni di buona amministrazione del Campidoglio, nel 2001 venne imposto a colpi di editoriali di Scalfari come il candidato del centrosinistra da opporre a Silvio Berlusconi: Giuliano Amato, all'epoca premier, si fece da parte. Una sfida impossibile, visto il vento che tirava verso il centrodestra. Rutelli se la cavò discretamente, perse con onore. Comunque perse.
    Nel 2008, un altro sindaco della capitale, un altro bacio della morte. Tra l'altro, spingendo Walter Veltroni e la fusione dei Ds e Margherita nel Pd, l'Ingegnere ha indirettamente accelerato la fine del governo Prodi. Veltroni poi è rimasto al palo.
    Ancora fresche sono le ferite elettorali riportate da un altro pupillo del duo di Repubblica, cioè Bersani. Tutti sappiamo come è finita. Ha continuato a funzionare l'attasso portato da dalla premiata ditta De Benedetti-Scalfari.
    Questi sono i guai veri dei Fantozzi sponsorizzati da De Benedetti e Scalfari.
    Pino Vullo ha una storia più recente. Dobbiamo cominciare dai suoi pronunciamenti a favore di Grillo.
    Il guaio fu che Grillo non si accordò con Bersani, quindi non esaudì i desiderata dell'amico Pino, per cui costui in un suo messaggio gli diede anche del "testa di m......", ricordo bene.
    Adesso gli andorsement del nostro amico verso Matteo Renzi si sono fatti più continui, mostrando come l'amico Pino abbia riposto nel sindaco di Firenze alcune speranzielle che possa costui risolvere i guai in cui versa la nostra Italia.
    Non vorrei che queste speranze venissero nuovamente frustrate da comportamenti non adeguati del nuovo segretario del PD.
    A me sembra, francamente, che il personaggio non abbia la caratura per poter realizzare quello che va dicendo giorno dopo giorno, aggiungendo sempre qualcosa e quindi aumentando le aspettative dei suoi sostenitori.
    Ma Renzi non doveva rottamare tutti? Non doveva fare del Pd un partito nuovo? Matteo Renzi lo aveva giurato: aveva promesso quel rinnovamento necessario a una forza politica che ha l’ambizione di vincere e governare; aveva promesso di mandare a casa, una volta per tutte, la nomenklatura democratica; aveva promesso grandi novità. E invece, niente. Nel nuovo Pd le poltroncine sono state spartite dal neo segretario con il bilancino secondo scelte da Prima Repubblica.
    E così nella direzione ci sono Romano Prodi e Massimo D’Alema e con loro tutti gli ex presidenti del Consiglio, presidenti di Regione, i sindaci delle città metropolitane, gli ex segretari nazionali e i candidati alle primarie: e quindi i vari Bersani, Epifani, Franceschini, Veltroni, Errani... Per quelli che non sono riusciti ad entrare con la clausula “di diritto” approvata dall’assemblea dei delegati, Renzi ha trovato un’altra strada. Ecco allora che per Franco Marini, ex presidente del Senato trombato durante l’elezione del presidente della Repubblica, è stato nomimato nella commissione di garanzia. Unica nota positiva, restano fuori Rosy Bindi e Anna Finocchiaro.
    Una ben magra consolazione.
    Insomma, caro Pino,sei sicuro che le tue simpatie per Renzi siano ben riposte o anche Fracchia-Renzi non andrà da te rottamato come Fracchia -Grillo?

    RispondiElimina
  4. Devo dire una cosa della massima serietà.
    In questo blog cè una insopportabile tendenza a voler salire sempre e comunque sul carro dei vincitiori.
    L'ho notato con Crocetta, Orlando, Grillo e adesso con Renzi, presunto vincitore.
    Mi dispiace, ma trovo questa cosa abbastanza disgustosa e trovo sbagliati i continui entusiastici commenti a favore del vincitore pro tempore.
    Quando diventeremo un blog libero al mille per mille?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PoliticaPrima è un blog libero al mille per mille. Lo dimostri tu e tanti altri amici che leggono e scrivono. Se poi c'è qualcuno che esprime apertamente simpatie per qualche politico, o, anche, cambia idea sulla base dei suoi ragionamenti, questo non credo infici molto sulla natura di questo ultraliberissimo strumento di scambio di opinioni e idee

      Elimina
    2. Mah...una parola è poca e due sono troppe..

      Elimina
  5. Un tipaccio veramente permaloso questo Nino Pepe...sembra un soldato dell'esercito di silvio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E che è...non si può neanche scherzare? Ma che è serioso Nino Pepe. Blog libero al mille per mille, cambiare idea, il carro del vincitore. Sembra di vivere nel fascismo. Dobbiamo essere tutti omologati a Silvio? A" me mi " piace Renzi, perché è giovane e bello ! Che cosa è un reato? Un caro saluto a F. Ales. Filippo fatti quattro risate. Io non è che scrivo per me...ma per stimolare i commenti di Nino Pepe. Un modo per fargli passare il tempo la notte. Tanto poi la mattina non va a lavorare. Chiedi a quelli che si alzano alle 5 di mattina, se hanno voglia e tempo di stare sui social a scrivere cretinate.

      Elimina
    2. Guarda che io non sono un tipo serioso, anzi il mio limite è quello di prendere tutto come motivo di riderci su, o magari di fare incavolare qualcuno, cosa che con te, Pino, mi riesce quasi sempre. Il mio lungo commento su fracchia e fantozzi cosa vuol essere se non una cosa scherzosa?
      Invece è poco scherzosa l'attitudine dei nostri scrittori e commentatori, me escluso, di tifare sempre per gli emergenti, per i vincenti, o che almeno sembrino tali. E quì, potete incavolarvi tutti, ma abbiamo i documenti che vogliamo, nell'archivio del nostro blog; tutti gli scritti a favore di Grillo, di Orlando, di Crocetta, di Bersani quando sembrava vincente, e adesso di Renzi.
      Per carità, tutti pronunciamenti fatti nella più assoluta libertà individuale e del blog che li ospita..
      Quanto all'attribuirmi lo status di soldato di Silvio, posso notare soltanto che questo è un tuo chiodo fisso, infatti io da tempo non parlo più di Silvio, mentre tu ne parli ancora e continuamente.
      Quanto al fatto che io scriva cretinate, ti consiglio di andare a ripassare tutti i tuoi interventi prima di parlare. Magari ne avrò scritte anch'io, per carità, mi saranno scappate; capita nelle migliori famiglie.
      Ma siccome io non mi prendo mai troppo sul serio, non prendo sul serio nemmeno le tue o le altrui parole. Il mondo è bello perchè è vario.
      Poi saresti così gentile da spiegarmi il senso della tua frase "Sembra di vivere nel fascismo", perchè io non l'ho capita, non ho capito a che proposito l'hai scritta...oppure devo considerarla come una cretinata?

      Elimina
    3. Fascismo? Si una cretinata.

      Elimina
    4. Avevo provato ad argomentare, ma ho eliminato il commento perchè con te non si puoò discutere. La prossima volta che commenterò qualcosa, dovrò specificare che le cose che dico non sono rivolte a te.

      Elimina
  6. Hai perfettamente ragione mio caro amico Pino. Non c'è modo manco di scherzare in questo blog perchè qualcuno prende tutto sul serio. Ti ringrazio, Pino, per i saluti che ricambio. Che c'è di più bello, nello scrivere con sobrietà o apprezzare la tua battuta che mi fa sempre piacere leggere?. Sarà forse la vecchiaia incombente che mi fa pensare in questo modo, o un sussulto di gioventù che sento sempre dentro di me e che non mi fa smarrire la strada del sorriso e del piacere?.

    RispondiElimina
  7. Pasquale Nevone9 gennaio 2014 15:39

    Devo ammettere che non conoscevo l'esistenza e il progetto di TOTI Mediaset.
    Piuttosto nei giorni scorsi avevo letto delle presunta volontà di Silvio di candidare sua figlia Marina nel prossimo Maggio, alle europee senz'altro, forse come premier se si terranno insieme alle politiche anticipate.
    Personalmente ritengo entrambe le ipotesi, e nomi, bruciati ed intrattenimento tanto "pour parler".

    RispondiElimina
  8. Il nuovo delfino di Berlusconi, è ufficiale sui giornali di famiglia, che guiderà "forza tutto", l'Italia non centra nulla, delfino, trota o nuovo satellite del dio sole è Giovanni Toti. Non ha mai amministrato una città e potrebbe amministrare la nazione, naturalmente con tanto di suggerimenti e tanti lodi. A proposito un "lodo Toti", come sarebbe? Mi dispiace ma a me mi ricorda il mio amico toti ed il parrucchiere toti. Non parliamo poi di "Toti e Totino". Aiutoooo...mi aspetto le cannonate di N. Pepe! Invoco protezione e solidarietà, la franchigia per gli scrittori del blog, per aver reso servigi, alla ragione sociale del blog. Forza con i commenti, pepati o meno. Che ne pensate di Toti l'anti Renzi ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su TOTI ti do' ragione. E come si diceva una volta sul milite ignoto giapponese: "KUKAZZE'?"
      Casomai, meglio TOTTI.
      Quando è tua, è tua!

      Elimina
    2. Volendoi fare un ragionamento palusibile, vi pare proprio che il Berlusca metterebbe al suo posto uno con la testa sulle spalle e con una sua personalità?
      Rischierebbe di non riuscire a governarlo, come non ci è riuscito con Alfano, il quale, per altro, non è un'aquila e nemmeno un aquilotto, ma uno cui si è sempre rinfacciato di essere il ventriloquo del suo (ex)padrone. probabilmente ha ragione Pasquale;
      Nomi bruciati,

      Elimina
  9. Caro Nino ti scrivo SERIAMENTE l'ultima volta, poi mi asterrò dalle cose futili e personali. Poichè ho constatato che quando scrivo un articolo per questo blog, diventa un dibattito ed una polemica fra noi due, intasando il blog di commenti, di repliche e contro repliche, che non hanno nessuna rilevanza politica, per gli altri lettori del blog. Poichè la cosa tra noi si svolge per gioco o passatempo, coinvolti entrambi dal comune amico, direttore Gattuso e dalla possibilità di avere tempo, che spesso utilizziamo in modo incongruo. Fatte queste premesse e sottolineando il fatto che sia io, che tu, siamo 2 persone in buona fede, che non abbiamo nulla da guadagnare con uno scritto o commento in piu o in meno. Pertanto per rispetto dell'amico Gattuso e dei lettori del blog, penso sia meglio astenerci, per il futuro, da sterili polemiche personali. Io stesso adotterò e seguirò l'esempio degli amici Geraci, Gallo, Nevone, Ales, Volpe, La Menza ed altri di scrivere e commentare solo quando gli argomenti avranno pregnanza sociale e politica, dove il nostro intervento possa avere una qualche utilità. Pertanto ti saluto fraternamente in video, sperando di poterlo fare di persona, se ci sarà l'occasione.

    RispondiElimina
  10. Miiiiiiiiiiiii, e se mi scappa un commento dovrò tenermelo dentro? Sarà peggio che trattenere una "ventilatio intestinalis putrex", come diceva la voce fuoricampo che commentava Fantozzi!!!!!!!!
    Gli altri, gli amici che hai nominato, absit iniuria verbis, non li commento perchè sono e si prendono troppo sul serio. Questa tua ultima raccomandazione mi ha messo tristezza. Basta, dovrò riporre la penna, oppure la dovrò ricondurre a serietà forzata. Non so se ce la farò. Sigh!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E vabbè...se vogliamo "babbiare, babbiamu" ! Però non so se Gattuso e gli altri amici seri che ho citato prima siano d'accordo. Poi mi sembra curioso che a fare un po' di casino in questo blog siamo sempre noi due. Premetto cmq che prima di scrivere queste due parole sono stato a Mondello a fare una passeggiata e mangiare una pizza. Questo per chiarire che il blog non è lo scopo della mia vita. Però mi sembra che ci sia tanto pessimismo in giro, anche a Mondello ho visto tanti locali chiusi e camerieri che si giravano i pollici. Un polipo, 2 pizze e due bicchieri di birra ho pagato 33,50 euro senza scontrino naturalmente. Già mi sento fortunato che ancora me lo posso permettere. Per lo scontrino ho borbottato un po', ma ho lasciato perdere, perché è stressante far valere ogni istante i tuoi diritti. Già ero stanco di aver girato prima con mia moglie per trovare cassonetti per la differenziata. Fare il bravo cittadino a Palermo è un via crucis.

      Elimina
    2. Riguardo a Toti poi non è che lo conosco al di là di qualche comparsata TV. Sembra una persona seria e moderata. Ma fino a quando non verrà imitato da Crozza significa che non è cosi importante. Certo insisto su Berlusconi perché e lui stesso che da materiale a tutti comici, satiristi, giornalisti, Uomo di spettacolo, ama il burlesque, quindi... Riguardo a Renzi, da moltissimi, a cominciare dal suo partito, lo guardano con la puzza sotto il naso, ma intanto è l'unico che in questo momento sta cercando di smuovere la "palude". Se riesce a fare qualcosa di buono, merita sostegno. Riguardo al precedente entusiasmo per Grillo è normale che se uno tiene congelati i propri voti, si resti delusi. Quindi ci si mette in movimento alla ricerca di qualcosa di nuovo. Se uno si astiene, vota sempre chi ha fallito, i soliti vecchi, non si cambia mai, mi vuoi dire come si fa a cambiare l'Italia. Perciò forza Renzi speriamo che riesca.

      Elimina
  11. Pasquale Nevone12 gennaio 2014 09:09

    Caro Pino, devo ammettere che su questo blog hai dato in anticipo una notizia che ieri è diventata realtà ufficiale: Toti nuovo Coordinatore di Forza Italia.
    Ora mi chiedo: ma Toti è direttore del TG4, cioè un TG che, anche se scalcinato, è comunque un tg nazionale visto o "vedibile" da tutti in Italia. Non crede Berlusconi che Toti vivrebbe così un conflitto di interessi spaventoso, sarebbe il primo ed unico Leader nazionale di un partito nazionale tra i primi due più votati ad avere ogni giorno e tin tutte le ore un proprio TG a disposizione. Praticamente potrebbe fare pure le edizioni straordinarie su se stesso.
    E' allucinante,a dir poco.
    Meno male che ieri, giusto per non smentirsi mai, Berlusconi subto dopo avere dato la "clamorosa" notizia di Toti nuovo coordinatore anti Renzi, ha subito dopo dato la notizia (con la quale ha immediatamente oscurato Toti) di candidarsi alle europee in tutte e 5 le circoscrizioni, dichiarando altresì che se lo escludono dalle liste, come sarebbe ovvio, farebbe ricorso alla Corte Europea, e potrebbe candidarsi in altri paesi (Romania, Bulgaria, Malta, Spagna).
    Mi chiedo perchè La Cassazione non si riunisce subito per ratificare la secondas sentenza della Corte di Appello di Milano, mandando Berlusconi immediatamente e definitivamente ai servizi sociali, cosicchè questo triste ed indisponente personaggio sarebbe finalmente ridotto al silenzio mediatico e politico, almeno per un ragionevole tempo.
    Temo che questo avvenga perchè alcuni poteri forti e vecchi messi in crisi dalla stravolgente crisi di Renzi "antimatusa" pensino di contrastare il nuovo anche continuando a tenere in campo Berlusconi che, tutto sommato, è quello che se ne intende più di tutti, anche di Renzi, di come ci si impone all'attenzione televisiva e mediatica.
    Mi spiace amici Pino e Nino, non riesco più a sorridere sulla politica italiana, si forse sono diventato troppo serio, ma forse sono ancora di più fortemente depresso e sfiduciato.
    Speriamo che ce la caviamo.

    RispondiElimina
  12. Il volto nuovo di nome "TOTI" che doveva portare per Silvio i voti... è stato "trafitto"da Raffaele Fitto, Verdini e pitonessa. Amen.

    RispondiElimina