martedì 22 gennaio 2013

Ossimori degli Ascari... Grande Sud–Grande Nord

Vullo Pinodi Giuseppe Vullo - Avendo letto le liste e le alleanze dei candidati siciliani, ho avuto subito un moto interiore di sdegno e repulsione. Perché? Adesso vengo e mi spiego... con il mio solito eloquio o sproloquio... con la mia narrazione volutamente al limite dello sberleffo e dell'affabulazione...
Raffaele Lombardociononostante alle menti pensanti ed autonome di questo blog porrò dei quesiti veri. Chi sono gli "ASCARI"? Cosa sono gli "OSSIMORI"? Mi piace giocare con le parole... inutile negarlo! A tal proposito mi sovviene una citazione del prof. Francesco Gallo cioè la distinzione tra la "carne e l'osso".

Per Gianfranco Miccichèassonanza al titolo gli ascari potrebbero essere dei parassiti che si mangiano la carne viva dei siciliani e quest'ultimi sono i mori a cui restano le ossa. Forse ho espresso una metafora un po’ confusionaria... Perciò per non correre il rischio di non essere capito mi esprimerò in "dipietrese": ma che "ciazzecca" Lombardo e Miccichè alleati di Maroni?

Qual è l'obbiettivo di questa alleanza contro natura? Se il polentone Maroni si vuole tenere il tre quarti di ricchezza al nord e di fare la macroregione del nord contro Roma e contro il sud ladrone... quale filo conduttore ha la politica dei nostri ascari siciliani? Un posto sicuro al senato o alla camera? Se è cosi... è una cosa squallida, cioè vendersi per un piatto di lenticchie.

Maroni e BerlusconiCome faranno a spiegare l'ondata di licenziamenti e la disoccupazione nella nostra terra? Come faranno a spiegare la perdita dei diritti, sanità, scuola, sicurezza, pensioni, la perdita del reddito e l'aumento della povertà? Tutti questi disastri, se i mistificatori partiti del sud (MPA e GRANDE SUD) faranno i portatori d'acqua di Berlusconi e Maroni. Ognuno di quest'ultimi raggiungerà i propri obbiettivi,

Berlusconi resterà a galla un altro po’, mettendosi di traverso al Senato... Maroni raggiungerà lo scopo di fare la sua macroregione NORD (Lombardia, Piemonte, Veneto, Friuli) e di tenersi tutta la ricchezza in Padania. Ed il GRANDE SUD? Ci resteranno solo le ossa, quindi la povertà! E gli ascari siciliani ? Forse chiederanno asilo alla Padania? O si ritireranno, come qualche conterraneo, a santo DOMINGO? Ai posteri...

Giuseppe Vullo

22 gennaio 2013

15 commenti:

  1. Si, è verissimo, come si può spiegare l'alleanza tra partiti autonomistici come Mpa e Grande Sud con il Pdl alleato con La Lega Nord? Come è mai possibile accettare le tesi di Maroni e compagnia bella che sono chiaramente contro la Sicilia? Non c'è niente da spiegare, purtroppo. C'è da prendere atto che questa classe politica siciliana ha fallito su tutto e il suo unico obiettivo è la salvaguardia dei privilegi, di seggi parlamentari, di prebende per continuare a lucrare sulla pelle dei siciliani. Tutto qua. Purtroppo. Speriamo che gli elettori capiscano e puniscano!

    RispondiElimina
  2. Speriamo che gli elettori capiscano e puniscano........
    invidio chi ancora spera e crede che gli elettori italiani capiscano qualcosa.
    Un voto e' un voto e vale uno ,diciamo che il mio voto vale quanto quello di un altro elettore ,questo e' il gioco della democrazia formale.
    quindi le regole del gioco sono chiarissime ,chiare e da rispettare ,purtuttavia non e' affatto obbligatorio partecipare ad un gioco con una compagnia di giocatori non graditi ,si puo' benissimo non giocare ,ed e' quello che io con ogni probabilita' faro'.
    C'e' chi rifiuta gli eletti o nel nostro caso i nominati ,io invece protesto e mi rifiuto di competere con gli elettori.
    oggi mi gira cosi'....puo' darsi che domani giri diversamente.

    RispondiElimina
  3. bè miei cari spiegare agli elettori come mai il pdl possa essere alleato al nord con i movimenti autonomisti del nord e al sud con i movimenti autonomisti del sud è molto più semplice di capire come possano essere alleati del pd i movimenti per la famiglia con i promotori delle famiglie allargate, i sindacati alla bella ciao con i capitalisti radical chic e con i banchieri, chi vuole il ponte "cotto" e chi vuole i traghetti "crudi", chi vuole l'energia alternativa e chi le centrali nucleari, chi vuole il "bio" e chi vuole il "pio".... insomma brutto essere di parte a tutti i costi... bisogna portare rispetto per gli elettori siano essi leghisti, autonomisti, cristiani, valdesi, omo, etero etc.... sono comunque elettori parte di quella tanto decantata sovranità di cui parla la nostra costituzione. Basta con le solite menate che se 100.000 voti di tendenza sono a destra sono della mafia e se sono a sinistra sono per il progresso... se votano grillo hanno un QI elevato se votano Tantillo lo hanno basso (???)... basta mi sono scocciato di sentire dire che se votano berlusconi sono coglioni se votano bersani sono sani, se votano grillo sono solo un "strillo"...

    e poi Sergio gli elettori chi devono punire? Forse dovrebbero decidere di votare uno solo perchè è persona perbene, pulita, onesta, che vuole solo meritorietà, e non uno che gli garantisca la posizione in cui si trova, il posto al figlio, alla moglie o all'amante, l'appalto sicuro (per lui), l'immunità, u verbale levato, la visita medica gratis, l'assistenza legale h24, il caf che gli risolve tutte le problematiche di una burocrazia sempre più complessa....? noi ci rifiutiamo a votare i nominati... meglio gli eletti.... ma gli eletti di cu? du zu totò? perchè mille... duemila... diecimila... trentamila dovrebbero votare Piddu chiuttostu chi Cola?... Picchi è cchiu bbravu? AHAHAHAHAHAHAHAHHAHA mi viene da ridere a pensarlo...

    Ricordo ad esempio che il povero compagno comunista legato al brand del grande partito della "cosa giusta" chi voterà Bersani sà che manderà a Roma gente come TABACCI, D’Alia, Adornato, Pistorio, la figlia di Flaminio Piccoli, Orru etc,...

    MORALE: dobbiamo lavorare sulel nuove generazioni affinchè possano crescere nuove generazioni con una "MORALE"!!!

    Del resto il Centro Sinistra ha sicuramente vinto le elezioni e malgrado i bloggers continuino a vantare Bers io spero che dalla Sicilia si alzi un grido trasversale che faccia eco ai palazzi romani ricordando che la Sicilia è sempre stata laboratorio dei cambiamenti nazionali... e il megafono si presta bene a questa attività di rinnovamento.

    Facciamoci il segno della Croce e Speriamo bene!!!

    Buona Notte

    RispondiElimina
  4. Che gli italiani e i siciliani capiscano qualcosa si evince dal fatto che la crisi è entrata nelle case di ognuno di loro. Che la disoccupazione sia a livelli mai visti, che aumenti la povertà assoluta e relativa, che i redditi sono tornati ai livelli del 1986...tutto questo è sotto gli occhi di tutti. Che i siciliani, vittime, possano votare per i loro carnefici, MPA e GRANDE SUD, sarebbe una follia. Ma io credo che i nostri conterranei hanno cominciato a ribellarsi quando hanno mandato all'ARS 15 deputati cinquestelle, che la casta li vede come fumo negli occhi. A tal proposito i sondaggi recenti danno Grillo 18,3 in sicilia, molto di più che nel resto d'italia. Evidentemente qui da noi l'indignazione e la sofferenza è molto più forte. Ma si dice che i voti di grillo sono solo protesta, senza proposta. Io dico che i grillini proposte ne hanno tante. Purtuttavia spero che i siciliani possano votare anche per la governabilità, ovvero possano dare un voto disgiunto: PER IL SENATO BERSANI E PER LA CAMERA GRILLO. Per ovvi motivi di porcellum. Sarebbe oltremodo umiliante se i siciliani dovessero consegnare ancora una volta la sicilia nelle mani di berlusconi e dei suoi ascari isolani. In quel caso chi è causa del suo mal, pianga se stesso!

    RispondiElimina
  5. Caro il mio Pino Vullo stava andando bene... poi hai sottolineato che alla camera voti Bersani e non Grillo e allora tmi costringi a sottolineare la tua incongruenza.... Mi sta bene che tu voglia dare dell'ascaro a chicchessia ma non considerarlo tale solo perchè vicino al centro destra... altrimenti vien fuori quel livore che non ho mai politicamente sopportato e che viaggia da sinistra verso destra. Ti cito per non essere fazioso ne di parte il giornale del buon Scalfari... in un pezzo di Enrico del Mercato di qualche giorno fa.... ERA il novembre del 2009 quando, attorno al tavolo di un ristorante palermitano, si scrisse il capitolo iniziale di quella che sarebbe stata la battagliata e controversa alleanza tra Raffaele Lombardo e il Pd siciliano. Sotto l' incipit della storia c' erano le firme più importanti: quelle dell' allora presidente della Regionee di Massimo D' Alema. passò alla cronaca, l' incontro, come "il patto dell' orata", in omaggio al pesce che i camerieri portarono in tavola mentre i due leader disegnavano le grandi linee dell' intesa. Tre anni dopo è arrivato il momento, per il Pd siciliano, di chiedersi se quella cena non sia rimasta sullo stomaco.

    Buon Giorno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ascolta... ti correggo io ho scritto che per assicurare la governabilità è meglio votare al SENATO BERSANI alla camera GRILLO. Hai ragione a rilevare contraddizioni delle alleanze siciliane, governo lombardo con sostegno PD! Ma il primo ad essere condannato dovrebbe essere Lombardo che viene eletto dai voti di Totò Cuffaro e Belusconi e poi tradisce alleandosi con i comunisti. Poi tutti sanno che Lombardo dopo avere affossato la sicilia è costretto a dimettersi perchè indagato per mafia. Nonostante questo curriculum il cavalire lo perdona e lo mette in lista al senato per strappare la sicilia ai comunisti...quindi pareggiare al senato, ricattare Bersani per ottenere un salvacondotto sui suoi processi. Grande sud è nato per difendere gli interessi della sicilia, e per contrapporsi alla lega. Invece si alleano con quelli che ci vogliono punire, perchè noi terroni considerati parassiti sulle spalle del nord...ok? Perciò se non sono ascari questi?! Per quanto riguarda la mia posizione la chiarisco per l'ultima volta: se non ci fosse stato il problema "del voto utile" avrei votato tranquillamente GRILLO...ma dato l'incongruenza della legge elettorale, regole diverse riguardo al premio di maggioranza alla camera ed al senato...per dare la possibilità a Bersani di avere una maggioranza omogenea sia alla camera che al senato, evitando di essere ricattato dai vari casini, monti e berlusconi, si può fare un sacrificio per il bene del paese e della sicilia in particolare. SPERO CHE TANTI ELETTORI SICILIANI CONDIVIDANO LA MIA POSIZIONE!

      Elimina
  6. un emigrato siciliano23 gennaio 2013 10:50

    Non ho potuto più lavorare in sicilia e sono stato costretto ad emigrare. Ho trovato lavoro e speranza per il futuro in emilia romagna. Questa regione sempre governata prima dai comunisti, poi dal PD, anche Bersani è stato presidente. L'emilia romagna è composta da gente laboriosa e civile, che ha dato ospitalità a tanti siciliani, scappati dalla propria terra e dalla politica imbrogliona. Sono contento che l'emilia romagna non entri nel patto scellerato tra berlusconi e maroni. Bersani di bettola è figlio di un benzinaio e quindi del popolo, perciò lui capisce i problemi dei lavoratori, al contrario di berlusconi che essendo vergognosamente ricco e sazio, non capisce i problemi di quelli che sono digiuni e che soffrono la povertà, anche a causa della sua politica per interesse personale. I politici siciliani che lo votano tradiscono gli interessi della nostra terra.

    RispondiElimina
  7. "VOTO UTILE"???
    un voto è un voto.

    se sei coerente dovresti votare grillo alla camera e crocetta al senato ... mi sembra la scelta più "graziosa"

    Ricordo all'emigrato che la tessera numero 1 del partito di cui Bersani è operaio è del Commendatore De Benedetti che notoriamente è uno dei più ricchi del nostro Paese e che ha fatto i miliardi smembrando società come la olivetti....

    Buon Appetito




    RispondiElimina
  8. In alcuni commenti colgo un certo livore per Bersani e quasi ammirazione per Berlusconi,lo trovo veramente incredibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Naturalmente è ovvio che io simpatizzo e condivido il pensiero di Gabriella.

      Elimina
  9. invece è da intendersi "CREDIBILE" qualsiasi commento che abbia quasi ammirazione per Bersani e livore per Berlusconi.

    punti di vista in funzione e per conto di!

    Buon Happy hour

    RispondiElimina
  10. dizionario Devoto-Oli: ASCARO, soldato eritreo aggregato alle truppe coloniali italiane.
    Dall'arabo "askari", soldato.
    data: 1891.
    dizionario Zanichelli : Soldato indigeno delle vecchie truppe coloniali europee, spec. quelle italiane in Eritrea, Somalia e Libia.
    Se vogliamo dargli un significato spregiativo potremmo dire : chi serve da gregario ai grandi partiti; quindi, secondo questa spiegazione Zanichelliana gli ascari non sono soltanto i gregari di Berlusconi ma anche i gregari di Bersani e di Monti
    Ora che sappiamo tutto di questa parola, parliamo d'altro.
    Mi sembra che cip ha ragione quasi su tutto.
    Gabriella c. non sa darsi pace che c'è qualcuno che ha una quasi ammirazione per Berlusconi, ma se in Italia ci sono tante persone che voteranno per lui, tra queste ci saranno anche gli ammiratori sfegatati di Berlusconi, quindi bisogna farsene una ragione.
    CIP ha pure ragione quando sottolinea che la prima tessera del PD è di Carlo De Benedetti, il che è quanto dire.
    Sui politici siciliani, premettendo che non ci sono tra loro grandi figure, non si può continuare a dare giudizi manichei, per cui quelli che si sono alleati con Berlusconi sono ascari mentre quelli che sono alleati con gli altri partiti sono persone per bene.
    L'uniformità di giudizi tutti volti a condannare il centrodestra e ad esaltare tutti gli altri schieramenti politici toglie autorità e credibilità a questo blog.
    Io sono Full, ho parlato di CIP e mi attendo una risposta da Scala Reale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno strano modo di mandare i messaggi: abbiamo Full, che parla di CIP ed attende una risposta da scala reale. Che cosa è un indovinello? Il gioco del poker? O un messaggio obliquo? Mi piacerebbe sapere chi è full e chi scala reale.

      Elimina
  11. La convinzione che le prossime elezioni politiche sarebbero state una svolta forte e decisiva verso la Terza Repubblica sembrava, fino a tre mesi fa almeno, quasi una certezza.
    Erano stati presi impegni solenni dalle maggiori istituzioni e da tutti i partiti.
    Invece questo diritto degli elettori alla riforma della legge elettorale, del parlamento e dei partiti è stata pugnalato alle spalle proprio dagli uomini più eminenti di questo paese.
    Dunque, queste elezioni sono già fallite. Non cambieranno nulla, al massimo qualche spostamento di voti. Si è voluta e costruita l'immutabilità dei rapporti di forza e dei leaders, insomma la palude della seconda repubblica.
    Perchè? Si aspetta che la crescita ed il rinnovamento vengano dall'Europa, e poi l'Italia importerà la soluzione.
    Nel frattempo, tanto rumore per nulla. Ci fanno votare perchè non lo hanno potuto impedire, e quindi ci faranno giocare con la carta e le matite, proprio come si fa con i bambini.
    Prevedo un astensione di almeno il 50%, un altro 25% di voti di dispetto e di opinione, e il restante 25% di voti surgelati.

    RispondiElimina
  12. Giuseppe Arena24 gennaio 2013 10:04

    Cerco di capire le opinioni di tutti e mi ritrovo senza aver capito nulla. Ritengo giusto non chiamare Ascari (nel senso dispregiativo) i seguaci di una politica che non condividiamo, detto questo ognuno è libero di seguire il proprio pensiero senza essere offeso dagli altri opinionisti.
    Chi votare in questo Kaos; la destra, la sinistra, il centro, i movimenti, o i magistrati e i comici movimentisti.
    Certo i discorsi che fanno i politici in questi giorni (nei giornali, nelle trasmissioni e in tutti i programmi possibili) non ci mettono in condizione di avere le idee più chiare. Mi viene in mente la canzone di Giorgio Gaber "ma cos'è la destra ma cos'è la sinistra" fare una cosa è di destra farne un'altra è di sinistra.
    Cerchiamo di capire meglio in questi giorni di campagna elettorale le varie posizioni e valutiamo, dibattendo con il rispetto dovuto (mi farei uccidere purchè abbiate la possibilità di esprimerle - Voltaire). Ciò vuol dire che possiamo non essere d'accordo ma civilmente collaboriamo per il bene comune.

    RispondiElimina