sabato 28 aprile 2012

UN PIZZICO DI FEDE IN QUESTO CAOS NON GUASTA

di Carmelo Pulvino - Oggi su Twitter nelle pagine di un gruppo cattolico di cui faccio parte è apparsa questa twittata: Chi vuol capire comprenda... Esortatevi a vicenda ogni giorno, finché dura «quest'oggi» (Eb 3, 13).
Com'è sempre stata mia natura non riesco a non "smurriatiare" con il mio computer
detto fatto mi sono messo a navigare alla ricerca di qualcosa... ho trovato una interessante lettera di un certo Don Luciano che non conosco su uno dei tanti siti del mio "smurritiamento".
Mi sembra che sia molto interessante, vuoi per il periodo storico che la nostra società sta attraversando, e di conseguenza per la crisi della Politica (quella con la P maiuscola).
Vuoi perché gli amici di PoliticaPrima spesso mi hanno chiesto di scrivere qualcosa e so di certo che molti di essi hanno una grande fede alcuni sono anche Cattolici osservanti altri magari no ... ma se credono nell'Amicizia e si comportano come vedo non possono non avere Fede.
Mi sembra interessante perché siamo in campagna "acquisti" per la nostra città, si lo siamo chi in cerca di un posto, di uno scranno o ancor peggio di una scranna (Or tu chi se’, che vuo’ sedere a scranna...)... Chi cerca adepti per il proprio partito, lista, lobby etc...
Chi alla continua ricerca di "cittadini" desiderosi di salvare la propria città nella speranza di ricongiungersi, aggregarsi, non sotto una bandiera sotto un vessillo verde, rosso, arancio... non sotto "prìncipi" ma sotto "princìpi".
A questi Uomini e a queste Donne che "sognano" in maniera "trasversale" un futuro migliore e che lottano giorno dopo giorno per la speranza di cambiare questa società... dedico questa lettura di Don Luciano nella speranza che possa dar loro la forza di "ricaricarsi" e di "ricaricare".
Tra questi spero ci sia il futuro sindaco di Palermo
<<È importante avere un carica-batterie sempre pronto se vuoi andare avanti. Ma è altrettanto importante essere un carica-batterie. Anche Dio te lo dice in Ebrei 3,12-13: «Guardate perciò, fratelli, che non si trovi in nessuno di voi un cuore perverso e senza fede che si allontani dal Dio vivente. Esortatevi piuttosto a vicenda ogni giorno, finché dura quest'oggi, perché nessuno di voi si indurisca sedotto dal peccato». È così facile cadere nello scoraggiamento, dubitare delle promesse di Dio, perdere la fede, cadere nel peccato o ritrovarsi indurito il cuore che una volta era misericordioso. Così Dio ti propone la cura. «Esortatevi piuttosto a vicenda ogni giorno». Pensa a quella parola «esortatevi». Deriva da una parola latina che vuol dire: "far sorgere dal di dentro".
Far sorgere coraggio, speranza, voglia di andare avanti. Puoi ridare coraggio a qualcuno che ne ha bisogno, caricargli la batteria in modo che trovi dentro di sé la forza di andare avanti. Quando diventi uno che incoraggia ti trasformi, in essenza, in un carica-batterie - uno che rimette la forza dentro le persone, dentro la tua famiglia, la tua scuola, il tuo posto di lavoro, la tua parrocchia. E in questo mondo, in queste giornate sempre sotto pressione, siamo circondati da persone che girano spente, con le batterie scariche. Persone a cui si va esaurendo la forza emotiva, l'energia spirituale. Hanno bisogno di un regalo che tu gli puoi fare anche se non hai un soldo - incoraggiamento.
Tutti quanti sono pronti a dirci dove sbagliamo, a mostrarci i nostri fallimenti. Non c'è quindi bisogno che anche tu ti unisca a quel coro di voci scoraggianti. Perché invece non guardi alle cose positive che stanno facendo coloro che vivono con te - e glielo dici spesso? E quando devi far loro notare qualcosa di negativo, comincia rimarcando sempre tutto il positivo che fanno. Sii uno che loda, uno pronto a fare i complimenti, uno che ringrazia, uno che vede il lato bello delle azioni altrui. Se potessi parlare con chi ti circonda come ti descriverebbero? Dopo che qualcuno ti ha incontrato si sente più importante o più sminuito? L'averti intorno genera coraggio e confidenza - o lo si perde? Si sentono creduti o sfiduciati? Li fai sentire interiormente più leggeri o più pesanti? Incoraggiare gli altri è un vero e proprio ministero - ossia un servizio che costruisce la comunità cristiana - ed è alla portata di tutti noi. Ed è un ministero di cui c'è disperatamente bisogno. Ma non è un servizio che nasce dentro di noi spontaneamente, per questo Dio ci esorta a farlo. Richiede che ci sia un aggiustamento nel tuo sguardo - ossia che tu scelga di guardarti attorno vedendo tutto ciò che può incoraggiare. Quanto spesso va esercitato questo ministero dell'incoraggiamento? Dio ti dice: «Ogni giorno».
L'incoraggiamento di ieri è come una specie di manna, che dura per un giorno solo. Chi ti vive vicino a ogni nuovo giorno ha bisogno del tuo incoraggiamento - di poter ricaricare le sue batterie per la maratona di oggi. Magari pensi: "Ma anch'io ho bisogno di incoraggiamento".
Il miglior modo per ricaricarsi le batterie è ricaricare quelle degli altri. Oggi, nella tua famiglia, nel tuo ambiente di lavoro, nelle tue relazioni - ci sono persone che stanno aspettando il tuo incoraggiamento. Si stanno spegnendo, esaurendo la loro energia umana e spirituale. Ma con l'aiuto di un carica-batterie ambulante, con un po' più di incoraggiamento da parte tua, essi possono andare avanti - e andare e andare e andare. Vi accompagno con la preghiera, sempre con riconoscenza e affetto Don Luciano.>>

Carmelo Pulvino
28 aprile 2012
PS: Carmelo Pulvino è un nuovo collaboratore di PoliticaPrima. Benvenuto tra noi. 

10 commenti:

  1. Caro fratello ti ammiro per messaggio cristiano che hai scritto. Oggi c'è bisogno di persone come te. Io sono uno di quelli con le batterie scariche, sfiduciato ed in preda allo scoraggiamento. Le tue parole sono un lenitivo per l'anima. Io potrei essere un cristiano con le carte in regola: battesimo, comunione, cresima, matrimonio. Ma nonostante ciò non ho "fede", "io non so da dove vengo e chi son io , ma sono sempre alla ricerca del mio DIO". Scusa questa autocitazione. Ma in reltà non vado in chiesa, non mi confesso, non mi comunico...Perseguo l'amore, l'amicizia, la bellezza...non solo esteriore, ricerco i valori gli ideali, la perfezione, la giustizia, l'uguaglianza e la libertà. Ma siamo circondati dal male dall'ipocrisia, dall'ingiustizia. Questo accade nella società e nella politica. Tante volte il messaggio e la dolcezza cristiana non bastano perchè il male seminato da certi individui malefici...occorre combatterlo con forza, con durezza anche con violenza. Per estirpare il male spesso ci costringono alla violenza che in certi momenti della storia può essere giustificato perchè la giustizia di dio non è di questa terra ma dell'altra. Nella fattispecie chi si sente di condannare i partigiani che hanno combattuto contro il fascismo ed il nazismo. Come si può condannare la rivoluzione francese che ha diffuso ed imposto i principi di "fraternitè, libertè, egalitè. Poi la rivoluzione russa la primavera araba etc. etc. un fraterno abbraccio, giuseppe vullo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto stesso di iniziare un commento con il termine "fratello", il fatto di ammettere di ostacolare la tua "religiosità" con dei limiti (frequenztazioni, chiesa, confessione etcc.), di provare sentimenti di amore verso il prossimo e di "incazzarti" per la "crisi" di questa società fa capire che tu di fede ne hai ed abbastanza... non sarai certo un buon "cristiano cattolico" ma la fede c'è cosi come in tanti miei amici di altre religioni e credo. Preferisco chi parla, scrive, e mette se stesso in discussione come te a chi sostiene di essere un credente avere fede ma non praticare ...su questo tema rispose Padre Amorth di stare attenti poiché anche il demonio crede ma non pratica!
      ;-)

      Elimina
  2. La nostra Ragione ha un limite pari alla capacità di ciascuno di noi (e per ciascuno di noi diverso), di elaborare pensieri astratti. Ciò anche in relazione ai tempi e agli spazi nei quali andiamo vivendo; questa capacità è accresciuta da tanti altri fattori... la tecnologia, per esempio. Tra questo limite e il confine (?) mobile, in espansione continua ed esponenziale dell'uni/multi-verso, si apre uno spazio per la fede. In quell'area umbratile - ancora non conosciuta, ma non inconoscibile! - si colloca quello che i credenti chiamano mistero... retaggio anche di sentimenti che evidenziano una vena, sempre presente, di oscurantismo ecclesiale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai Ragione da vendere...
      come gran parte di noi...
      ammanca cu s'accatta! (manca chi se la compra!)
      ;-) Buona Domenica

      Elimina
  3. Lontana da me ogni tentazione polemica nei confronti di chi ha scritto .

    Detto questo , sarebbe opportuno , spiegare meglio il concetto di '' FEDE'' , parecchio usato dagli amici che hanno scritto e commentato .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pur se modesta, devo una risposta all'ottimato Sergio.

      Alla luce degli scritti del teologo filosofo siciliano Vito Mancuso, assumo quanto segue:

      "Chi intende di fede, confessionalmente, ritiene a buon diritto che essa sia lo strumento che risolve il problema del mistero, che - soprattutto nella religione cattolica cristiana - pervade apoditticamente parte dei contenuti della religione medesima. Altri, invece, non abdicando alla ragione, ritengono che ciò che per i cristiani cattolici è materia di fede, sia invece oggetto di ragione. Tutto prende l'avvio da una considerazione circa la natura del mistero: per i primi, alcune materie, presunte come vere, devono essere accettate apoditticamente (misteri della fede) pena lo stigma del peccato; per gli altri deve e può essere fatto uso della ragione in ogni materia. L'oggetto sul quale di norma avviene la disputa, è ciò che trascende la natura (per esempio la sostanza che pervade gli spazi infiniti). I primi non devono né possono indagare circa le affermazioni dogmatiche della Chiesa, i secondi ritengono invece che queste materie possano essere conosciute dall'uomo, via via in maniera crescente, poiché la mente accresce la sua capacità di comprendere man mano che cresce la tecnologia, che si modificano le coordinate culturali, che migliorano le condizioni sociali; dunque ciò che sta tra il livello massimo di comprensione dell'uomo in un determinato momento e la conoscenza massima immaginabile pari al resto dell'universo, e che l'uomo può conoscere sempre di più, è pari a quel territorio che per gli altri è dominio del mistero! Tanto appare sufficiente..."

      Elimina
  4. E mi pare giusto, premetto anche che non ho le giuste competenze filosofiche e in questo Salvo potrebbe essere più preciso. Cerco comunque di illustrarti il "doppio-senso" di Fede cui mi riferisco. Il vocabolo latino FIDES tradotto in italiano ha diversi significati tra cui Corda, Fiducia e Fede.
    Scomodo Stefano Zamagni e ne suggerisco un approfondimento per spiegare il primo senso di FEDE di cui parlavo.

    Ne "LA LEZIONE E IL MONITO DI UNA CRISI ANNUNCIATA" Zamagni spiega come negli ultimi trentanni la "Finanziarizzazione" e la ricerca senza limiti dei guadagni in conto capitale ha fatto sì che valori come lealtà, integrità morale, relazionalità, fiducia venissero via via accantonati per fare spazio a principi d’azione finalizzati al conseguimento dei risultati a breve termine... Picciuli Picciuli Picciuli...
    Una società così trasformata ovviamente si è ritrovata "frantumata" ... spezzata ... e qui cito letteralmente Zamagni che a sua volta cità un famoso filosofo-economista e sacerdote italiano Genovesi:"E’ alla società civile che spetta il compito di riannodare le “corde” tra tutti coloro che operano nel mercato e che questa crisi ha maldestramente spezzato. (Si rammenti che fiducia, dal latino fides, significa letteralmente “corda”, come Antonio Genovesi nel suo Lezioni di economia civile del 1765 aveva lucidamente chiarito). Ma da dove partire per cercare di
    portare a termine un compito del genere?" La soluzione che si auspica è quello di riunire i frammenti della società civile ponendo alle basi del nuovo disegno politico istituzionale due fattori importanti economia e "bene comune".

    Per spiegare il secondo senso di FIDES FEDE questa volta scomodo il vocabolario treccani "Il complesso delle proprie credenze, dei principî fermamente seguiti... Usato per intendere fede religiosa, e specificatamente quella cattolica, per cui si credono vere le cose rivelate da Dio, cioè i misteri soprannaturali e non dimostrabili della Trinità, Incarnazione, Redenzione, ecc...." e aggiungo anche quelle rivelazioni legate ai misteri delle visioni Mariane.

    Fede per me è Credere ma è anche Fides e Fides per me è lottare per una "riqualificazione" della società "riappropriandosi" di Valori quali Lealtà, integrità morale, relazionalità...

    Del resto una delle cause dell'allontanamento dei "cattolici" dalla Chiesa potrebbe essere legata alla eccessiva "Finanziarizzazione" del clero... un vecchio detto siculo ci viene in aiuto: "Senza dinari un sinni canta missa"

    Detto ciò caro Sergio rimando i lettori ad alcuni approfondimenti attraverso la rete a voi dico che mi basta che si cominci a ricostruire una "SocietàPrima" basata su Valori e Princìpi ... poi in automatico verrà la "PoliticaPrima" ... e la Fede senza accorgercene ci "sorprenderà" ... notte

    Bibliografia:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Antonio_Genovesi
    http://it.wikipedia.org/wiki/Stefano_Zamagni
    http://www.rocknowar.it/corloinafrica/Incontro12%20Zamagni.pdf
    http://aiccon.it/ricerca_scheda.cfm?wid=253&archivio=C

    RispondiElimina
  5. Dobbiamo stare attenti a non cadere negli astratti furori e nella quiete dei senza speranza. Bisogna recuperare il linguaggio della politica, che è fatto di umanità,in primis e poi di urbanistica, architettura, trasporti pubblici, sanità, anziani, bambini, handicappati, progetti di sviluppo e di futuro: Molte cose non sono chiare in questa campagna elettorale (prescindo dai candidati che parlano da se stessi ed è megli lasciar stare), dai sindacati,alla confindustria, alla confcommercio, alla confagricoltura, alla chiesa, sì, anche alla chiesa. Ci tornerò nella mia prossima passeggiata palermitana: intanto dico ai coraggiosi di questo giornale.grazie di esistere.FGM

    RispondiElimina
  6. bruno la menza29 aprile 2012 19:40

    il mio particolare laicismo mi ha sempre portato ad una curiosita' verso le persone che hanno fede.

    Ci sono diverse tipologie, ma i migliori sono quelli che non ostentano il fatto che hanno ricevuto il dono della fede, trattando con sufficenza coloro che non hanno avuto tale percorso spirituale.
    La brevissima conoscenza di Pulvino, piu' che altro dei suoi genitori, mi porta a pensare che sia uno di quelli che mi piace: condivido a pieno la mancanza di giustificazioni per chi e' portato al "male", insofferenza per chi vuole convincerci di essere portatore di verita' assolute finalizzate al bene della citta'.
    La voglia di mettersi in discussione appartiene al mondo laico e al mondo cristiano, la paura di cambiare appartiene solo agli stolti.
    Benvenuto a Pulvino fra gli scrittori e commentatori di politicaprima.
    Sulla storia della struttura ecclesiastica ho troppe riserve per essere in sintonia, ma sullo spirito di base sono allineato.

    RispondiElimina
  7. Mi sono sempre chiesto la differenza tra un laicista ed uomo libero...
    ... alcune volte forse ci consideriamo laicisti ma in fondo al cuore forse siamo solo uomini liberi che hanno discusso con la chiesa con "toni un po più alti" del normale...

    Io mi sono sempre sforzato di essere uomo libero e ne ho pagato le conseguenze.

    Da laico mi sono sempre "confrontato e scontrato" con la "chiesa" nelle varie "forme" con cui sono stato "a contatto"... con gli scout, con i catechisti, con i focolarini, con i neocatecumenali, con alcuni preti, con alcuni "seguaci", "adepti" etc...
    Di cose assurde ne ho viste e ne ho fatte...
    ...sono rimasto "me stesso" e gli altri "loro stessi"

    Mi sento un Uomo Libero... che quando sente minacciata la sua libertà impazzisce e gli si altera lo stato di quiete "agitandosi" o andando in depressione...

    Qui mi piace, in questo blog sento odore di libertà nelle sue svariate forme e fatte salve le Libertà altrui.

    Grazie dell'accoglienza in particolar modo al GATTUso e alla VOLPE due vecchie conoscenze piacevolmente rincontrate...

    RispondiElimina