lunedì 10 giugno 2019

IL “SISTEMA”... È QUELLO DI CENTRO SINISTRA

di Nino Pepe - Ma cos'è il “Sistema”, quello di cui Giangiuseppe parla più o meno sempre, su PoliticaPrima. Se andiamo un po' indietro nel tempo, diciamo fin quando si è instaurato nel Paese il primo governo di centro sinistra, ci accorgiamo che è proprio questo il sistema di cui stiamo parlando, cioè un sistema di centro sinistra.
Considerando che la destra in Italia fino al 1994 non è mai riuscita ad avere incarichi di governo, da ora in poi, quando parlo di sistema, intendo appunto “sistema di centro sinistra”.

Questo sistema è prosperato per decenni e decenni, nel mentre è nato il quotidiano “La Repubblica”, gli altri quotidiani si sono accodati nel difendere uno stato di cose divenuto la normalità in un paese che però stava partorendo i famosi anni di piombo. Tralascio per brevità di parlare del terrorismo degli anni settanta, dei compagni che sbagliano, ecc. e arrivo subito ai primi anni 90, gli anni della grande corruzione, delle procure che hanno praticamente azzerato tutti i partiti tranne il Partito Comunista. Da quelle macerie, venne fuori il fenomeno Berlusconi, che tante speranze suscitò negli italiani e che sdoganò la Destra, instaurando il primo governo di centrodestra, una cosa mai avvenuta nella storia repubblicana.

Questo fu il primo vero scossone al “Sistema” il quale reagì furiosamente, riposizionandosi come centro sinistra. Il PD e la Margherita, e poi l’Ulivo, cominciarono una guerra immonda, una demonizzazione dell’avversario, anzi del nemico Berlusconi, il quale, e per le opposizioni interne, ricordiamo tra i principali oppositori Marco Follini e Gianfranco Fini, e per la campagna violenta e aggressiva, supportata da quelli che adesso vengono chiamati “giornaloni”, nel 2011 dovette cedere le armi, lasciando il Paese al governo Monti. Evviva, il sistema si era ricompattato ed era di nuovo al governo. Ma non si può stare mai tranquilli, e infatti, ecco il geniale Grillo che cosa va ad inventarsi? Il Movimento 5 Stelle, argomento principale di tutte le discussioni politiche ormai da qualche anno.

Giangiuseppe ha ragione, il Sistema, ricordiamolo, sempre di centro sinistra, ha le armi sempre più affilate e sta facendo di tutto per annientare ed eliminare dall'agone politico questo Movimento che sta dando anche più fastidio del centrodestra di Berlusconi, che prima è stato combattuto e poi, tutto sommato, inglobato. Adesso la cosa si ripete, e per adesso il Sistema sta combattendo su tutti i fronti contro il M5S, in attesa di prenderlo per sfinimento e di inglobarlo.

La cosa strana è che quasi tutti quelli che scrivono e commentano su PoliticaPrima, a cominciare dal suo direttore, l’amico vero Giangiuseppe Gattuso, auspicano, anzi non vedono l’ora che il PD, che io sostengo essere un partito di corrotti, di fronte al quale quelli della Lega sono degli scolaretti, faccia l’alleanza di governo con il M5S, inglobandolo così al tanto vituperato (a parole) Sistema.

Già io vedo, qualora la cosa si verificasse, un processo inevitabile di omologazione che segnerebbe la fine dell’avventura per certi versi contorta, difficile, in certi momenti esaltante di un Movimento che nato come antisistema, assaggiando, il potere non ne può più fare a meno e prima o poi viene fagocitato dal Moloch che tutto ingoia, brucia e vomita ridotto a una melassa immangiabile, senza morale e senza giustizia.

La cosa ancora più strana è che a onta del suo passato in un partito che così com’era non aveva più ragione di esistere, tant'è che il suo elettorato si era ridotto fino al tre per cento, il più antisistema di tutto l'ambaradan governativo non è il M5S ma quel Salvini tanto detestato un po' da tutti. Posso fare l’elenco, a cominciare dal Papa e tutti i cardinali, vescovi, monsignori e preti vari; la Magistratura, tutti i giornali più importanti, a cominciare da Repubblica-L’Espresso a Il Fatto Quotidiano, La Stampa, ecc. ecc., fino a quel Foglio detestato da voi commentatori. Inoltre tutta un’accozzaglia di nani e ballerini e radical chic e giornalisti e opinion leader, per non parlare di cantanti, attori e sportivi, ma soprattutto dei conduttori di cui c’è l’imbarazzo della scelta, da Gruber a Formigli, alla Merlino, e tralascio il resto.

Non vi sorge il dubbio che in questa unità d’intenti ci sia qualcosa che non vada? Non vi siete accorti che Salvini sta facendo di tutto per non tornare ad allearsi con Berlusconi, che se avesse voluto l’avrebbe già fatto? Non vi accorgete che fra tutti quelli al governo il più antieuropeista è proprio lui e che il M5S facendo un’eventuale alleanza col PD o si adegua o taglierà il ramo cui sta appeso?

Insomma, io ve l’ho detto. Vedremo come andrà a finire.

Nino Pepe
10 Giugno 2019

31 commenti:

  1. Per fortuna gli elettori stanno liberando l'Italia dalla piaga grillina. Gli elettori in forma democratica hanno e continuano a bocciare l operato di questa classe politica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piero Carlino, Piero Carlino e per disgrazia, ci sono ancora i masochisti, tifosi di quelli, che hanno ridotto in macerie questo paese, diffuso la povertà e sottomessa l'Italia ai loro complici delle oligarchie finanziarie americane, in cambio di carriera. Complimenti!

      Elimina
  2. Maurizio Stabile10 giugno 2019 10:43

    Piero, vero menomale... sta gente onesta ci aveva rotto. addirittura laureati! che schifo . nemmeno un condannato in via definitiva. ma come si fa a fare politica con questi requisiti mi chiedo. hai ragione. senti il prossimo congresso del PD si fa a regina coeli o rebibbia.?

    RispondiElimina
  3. Isabella Maria Pecoraro10 giugno 2019 10:44

    Piero Carlino, purtroppo impera la SALVINIOTA..la droga più in voga e pericolosa..che porta lentamente al suicidio di massa..
    ..I simili si riconoscono fra loro.. infatti qualcuno ha detto " NOI SIAMO CHI FREQUENTIAMO"....
    ... così i "terroni di me*da" ...così definiti da Salvini a suo tempo... si riconoscono in lui quale massimo detentore di tale sostanza !!..e immemori dell' insegnamento della storia.. forse studiata male ..dato il livello cognitivo e illuminato dell' elettorato leghista...non hanno fatto tesoro delle esperienze precedenti per migliorare le loro condizioni di vita... ma di sono affidati e fidati di un "cavallo" vuoto all' interno.. ma contenente i vari inganni per fare breccia nelle difese e prendere potere.. nonostante la diffidenza di Cassandra che prevedeva il futuro inganno..
    ... non ricordano nemmeno la storia più recente del ventennio con le relative restrizioni di libertà di pensiero e di espressione..a colpi di olio di ricino..confino..e uccisioni. le leggi razziali.. culminata con la guerra, la sconfitta e la misera di un popolo..
    Ma .. purtroppo..questi elettori "politicamente illuminati" si accontentano ..di sapere che i migranti sono banditi dal suolo italico..e sono felici di avere una legge sulla sicurezza ..peraltro già esistente ..che permette di uccidere chi viene in casa... salvo poi risponderne personalmente alla magistratura per omicidio... mentre invece chi la propugna se ne lava le mani.. salvo mandarti la sua vicinanza...

    RispondiElimina
  4. Piero Carlino ....chi?
    Solo tristezza....

    RispondiElimina
  5. Di Maio non mi risulta sia laureato. Un manipolo di cialtroni e incompetenti.. il punto che la gente non li vota più.. quindi a parte la solfa di allora il pd.. il popolo democraticamente vi sta cancellando dal panorama politico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Isabella Maria Pecoraro10 giugno 2019 10:47

      Piero Carlino, infatti.. tutti coloro che pur essendo bene o male scolarizzati.. preferiscono la "sostanza fecale" di cui è composto Salvini e il suo niente assoluto..corsi e ricorsi storici..siccome vince il numero..dal prefato evincersi..per cui tutti i "mediamente acculturati " cioè gli ignavi e coloro che sognano che nessuno invada il loro piccolo orticello..e privi di qualsiasi forma di umanità e di ben dell' intelletto.. preferiscono il ritornello preconfezionato..senza fare alcuno sforzo di usare i due neuroni funzionanti.. se è questo il futuro che volete per i vostri figli.. accomodatevi... salvo poi a volervi mordere il gomito senza riuscirci..

      Elimina
    2. Santussa Andriano10 giugno 2019 10:50

      Piero Carlino, vuole mettere un manipolo di malfattori, delinquenti e mafiosi? Eh si ha ragione! Si metta una maschera di ferro anziché scrivere minchiate

      Elimina
    3. Maurizio Stabile10 giugno 2019 13:16

      Piero Carlino capisco che l'intelligenza non si vende un tanto al chilo ma se si rileggesse soltanto...io indico la luna e lei il dito. M5S è il movimento con più laureati rispetto a tutti i partiti. poi se per lei i reati sono "solita solfa" non fa che avvalorare quello che dicevo prima. a voi piacciono i corrotti, i furbi. vi piace chi sbeffeggia. chi prende per il culo. figli del grande fratello e di media che inneggiano al nulla.chi vi tratta come idioti. avete smesso di pensare con la vostra testa. delegate anche il pensiero.ecco c'è anche un'altra parte di italiani. quelli che pensano con la loro testa. che non amano essere presi per il culo. soprattutto così platealmente.

      Elimina
    4. Isabella Maria Pecoraro10 giugno 2019 13:20

      Maurizio Stabile ho detto più o meno la stessa cosa a
      Piero Carlino ...
      ...infatti.. tutti coloro che pur essendo bene o male scolarizzati.. preferiscono la "sostanza fecale" di cui è composto Salvini e il suo niente assoluto..corsi e ricorsi storici..siccome vince il numero..dal prefato evincersi..per cui tutti i "mediamente acculturati " cioè gli ignavi e coloro che sognano che nessuno invada il loro piccolo orticello..e privi di qualsiasi forma di umanità e di ben dell' intelletto.. preferiscono il ritornello preconfezionato..senza fare alcuno sforzo di usare i due neuroni funzionanti.. se è questo il futuro che volete per i vostri figli.. accomodatevi... salvo poi a volervi mordere il gomito senza riuscirci..

      Elimina
    5. Il popolo col suo diritto al voto vi sta cancellando dalla storia.. quindi chi non vi vota è mafioso e malfattore?? Si chiama democrazia.. concetto difficile da capire per i grillini a quanto pare.. avete dimezzato i voti.. non avete riconfermato un sindaco.. siete scomparsi dallo scenario locale.. vi siete inchinati alla lega ladrona.. per fortuna il popolo sovrano vi sta cancellando e spero per sempre dalla storia

      Elimina
    6. Santussa Andriano10 giugno 2019 13:53

      Quindi la piaga sarebbe quella grillina? Mi sa tanto che lei sia fuori dalla orbita umana, oppure le hanno tolto il biscottino da mangiare

      Elimina
    7. Forse sei milioni di persone che la pensano come me hanno perso il biscottino..?? Sei milioni .. tanti sono i voti che avete perso in un anno.. sei milioni non sono un numeretto.. quindi qualche domanda me la farei in merito

      Elimina
  6. Il sistema non è quello che descrive Pepe in modo così riduttivo. Il Centro sinistra e il Centro destra da lui evocati sono solo coalizioni di governo sostenute alternativamente da una maggioranza in Parlamento. Il sistema è qualcosa di molto più articolato delle singole maggioranze e va ben al di là e oltre. E’ quel coacervo di interessi politici, economici, elettorali e di cointeressenze che attraversano entrambi gli schieramenti i quali, di fronte alla difesa dei privilegi di casta, non presentano nessuna distinzione. Per sistema s’intende quell’unica allenza che, fingendo di differenziarsi tra destra e sinistra, tra maggioranza e opposizione, si tiene insieme con l’unico obiettivo di ottenere profitti, spartizioni, prebende sia quando sta al governo che quando finge di essere minoranza. La politica italiana è lastricata di inciuci e di commistioni tra destra, sinistra e i cespuglietti usa e getta alla loro corte. Basti ricordare lo scellerato patto del Nazareno col quale PD e F.I si spartirono tutto, gli incontri segreti di Renzi ad Arcore, gli interessi comuni sul Tav, i governicchi PD col sostegno di Verdini, con i ministri berlusconiani Alfano, Lorenzin, Lupi oltre ai sottosegretari raccattati ovunque. Tutti dentro ad arraffare il proprio piatto di lenticchie. Questo è il sistema caro Pepe, sostenuto da un altro sistema che è quello dell’informazione e di una editoria drogata (esclusi rari casi), che corre sempre in sua difesa. Naturalmente del sistema fa parte anche una certa magistratura molto sensibile alle grazie della politica e alla propria progressione in carriera come il caso CSM ci insegna. E non si dica che la Lega è fuori dal sistema perché governa capillarmente da decenni tutto il Nord con i suoi bei scandali e scandaletti. Ecco perché è nato il M5S vera ed unica forza antisistema. La mia preoccupazione è che la vicinanza alla Lega possa mettere a dura prova la sua coerenza e le sue origini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Michele Di Dio10 giugno 2019 16:31

      Maurizio Alesi la tua preoccupazione è da tempo una evidente realtà.

      Elimina
  7. I trolloni sono sempre all'opera...
    Ma resteranno trollati!...
    Brava Isabella Maria Pecoraro, ma non sprecare tempo con chi non ha argomenti..ma cerca solo visibilità!

    RispondiElimina
  8. Giacomo Alfano10 giugno 2019 11:04

    Come sempre ho sostenuto "l'alternanza fa bene alla Democrazia", importante che lo capiscano gli elettori partecipando al voto e che lo capisca il M5S che da soli non si cambia niente e che bisogna dire chiaramente con chi si vuole stare ...ovviamente il Centrosinistra non può sparire per fare spazio al M5S.

    RispondiElimina
  9. Ma quale sinistra ? Ma quale centro ? Il sistema è quello economico finanziario dettato dalle tecniche bancarie! Con notevoli e visibili sbilanciamenti tra uno Stato e l’altro e con l’azzeramento dei sistemi dei diritti sociali storicamente conquistati , che non rientrino in quel sistema ideologico . Più nazisti dell’economia di così!

    RispondiElimina
  10. Alessandra Bondi10 giugno 2019 13:18

    Avete fatto tutto da soli. Avete gridato dal balcone:" abbiamo sconfitto la povertà"... quando gli italiani se ne sono accorti che non è vero vi hanno mandato a stendere ... semplicemente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Isabella Maria Pecoraro10 giugno 2019 13:49

      Alessandra Bondi Purtroppo impera la SALVINIOTA... la droga più in voga e pericolosa..che porta lentamente al suicidio di massa..

      Elimina
  11. Pompeo Benincasa10 giugno 2019 13:19

    Non c'è bisogno del " sistema" del centro-sinistra per mettere in difficoltà il M5S, loro sono come i messaggi di Mission Impossible, si autodistruggeranno in poche elezioni.

    RispondiElimina
  12. Il movimento è una grande realtà, siete persone oneste.

    RispondiElimina
  13. Ottimo articolo di Nino Pepe ..ottimo ..certo destra sinistra centri centrodestra centrosinistra tutti termini utopistici che vengono ancora utilizzati alla grande per far abboccare gran parte degli italiani ..poi non parliamo della Democrazia Cristiana ed del termine Democratico e poi appare come il messia aspettato e mai arrivato eccolo li con le sue felpe i suoi rosari .ect il vero ed unico salvatore della patria vilipesa ,,ormai siamo al livello del Paese dei Balocchi di PINOCCHIO ecco il vero salvatore dellla patria italiana Pinocchio ....chi ? ma quello che sparava balle a gli si allungava il naso ..la fattispecie piu' diffusa in Italia sopratutto tra la classe politica pi arrivano i grillini (termine ovvio dispregiativo all'ennesima potenza ) con i loro messaggi di pace amore fratellanza aiuto delle classi piu' povere bastonate da decenni di governi della peggior specie possibile .poi per giunta ONESTI che parole schifosa onesti de che ? da che parte ? fanno schifo ..che ritornino da dove sono venuti .Anche se ricordano un famoso partito quello dell'uomo qualunque che dopo poco si dissolse . Molto meglio gli esperti molto meglio se sono disonesti (in italia essere DISONESTO e0 il piu' alto titolo di merito che si possa dare ad un politico la disonesta e' il top asoluto una garanzia ) sti onesti che vogliono cambiare ..sono fuori di testa viva la disonesta' viva l'inciucio ....l'Italia s'e' desta ..finalmente ..

    RispondiElimina
  14. Analisi condivisibile dei fatti abbastanza corretta.
    Il ruolo ed i risultati del centro sinistra sono sotto gli occhi di tutti, di quelli che a vederci almeno ci provano. Lo stesso vale per il partito di Berlusconi, nato, come le vicende giudiziarie e sentenze ci dicono, sotto auspici e supporters tutt'altro che probi e rispettabili ed anche per questo, facilmente permeabile e disponibile ad accomodamenti e compromessi.
    La deriva e migrazione intellettuale del centro sinistra, verso politiche non più sociali, ma liberiste e globaliste al servizio dei potentati finanziari, capaci di assicurare carriere, potere e privilegi, sono state determinanti nel trasformare la quinta potenza mondiale in una nazione in macerie e totalmente sottomessa politicamente al disegno criminale di alcune famiglie di banchieri affaristi, complici, personaggi nostrani ben noti, che molti, con somma ignoranza dei fatti, continuano a ritenere statisti, capaci, competenti e persino brave persone.
    La Lega, che in tale contesto ha incarnato la protesta e popolare delle regioni più industrializzate del nord, contro quella "Roma ladrona e corrotta", ma anche su presupposti e convinzioni anti storiche e deviate, rispetto ad un meridione, ritenuto campaticcio e volutamente dedito al parassitismo, dimenticando che le fortune del settendrione, sono nate proprio dal furto delle ricchezze, delle tecnologie e delle industrie borboniche del sud, trasferite sotto il regno dei piemontesi, a quel tempo invece arretrato e poverissimo.
    È finita però anch'essa intruppata nel sistema, del quale è diventata poi parte integrante, proprio come il centro destra dei soliti compagni di cordata Berlusconi e Meloni, con i quali già governa regioni e comuni e con i quali, si è presentata in coalizione nelle ultime votazioni. Il M5S, ad oggi unica forza antististema, nonostante le enormi ingenuità comunicative e quelle "autorevoli" del sistema, non pare aver dato segni di cedimento, sul piano etico e morale, sia sul mantenimento degli impegni promessi, comunque non sufficienti per conservare il consenso, per quello, paga molto di più la propaganda che i fatti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuseppe Floris10 giugno 2019 16:30

      Ottima analisi ..il problema rimane ..il contratto rimane solo grazie all'intervento di Conte ..ottimo ago della bilancia ..il problema ora e' Salvini ..che sta dimostrando di che pasta e' fatto , le elezioni europee con il risultato .incredibile ha fatto capire come la pensano realmente gli italiani . Che fare da parte grillina? La loro debolezza e' proprio nella Comunicazione rispetto a quella dei partiti nelle varie TV e giornali ..mi ricorda la resistenza del Movimento ..Piazza Tienammen un uomo solo che combatteva con la fila dei carri armati ..il potere vecchio e' potente sorretto dalle oscure forze finanziarie .l'Europa poi bastona costantemente l'Italia ..e' vero la propaganda di tipo nazista ha pagato .come Goebbels predicava "una bugia detta all'infinito diventa poi una grande verita!!!

      Elimina
  15. Nel nostro Paese esiste un solo sistema politico: una democrazia rappresentativa nella forma di Repubblica parlamentare. Per descrivere il comportamento dei partiti singolarmente o coalizzati la parola più adatta, mi sembra, regime: la partitocrazia. Enrico Berlinguer, nel 1981, affrontando la questione morale diceva: “I partiti di oggi sono soprattutto macchine di potere e di clientela: scarsa o mistificata conoscenza della vita e dei problemi della società e della gente, idee, ideali, programmi pochi o vaghi, sentimenti e passione civile, zero. Gestiscono interessi, i più disparati, i più contraddittori, talvolta anche loschi, comunque senza alcun rapporto con le esigenze e i bisogni umani emergenti, oppure distorcendoli, senza perseguire il bene comune" e “I partiti hanno occupato lo Stato e tutte le sue istituzioni, a partire dal governo. Hanno occupato gli enti locali, gli enti di previdenza, le banche, le aziende pubbliche, gli istituti culturali, gli ospedali, le università, la Rai TV, alcuni grandi giornali. Insomma, tutto è già lottizzato e spartito o si vorrebbe lottizzare e spartire. E il risultato è drammatico”. Sono passati 38 anni, è cambiato poco! Il primo governo di centro sinistra nasce nel 1963 con una coalizione formata da DC, PSI, PSDI e PRI. La mancanza di una seria politica di riforme avviò la grande ondata di lotte e di proteste del 1968-69, che mandarono in crisi il centro-sinistra. Nel 1970 ancora il centro sinistra, sempre costituito da DC, PSI, PSDI e PRI. Fu un periodo di riforme: la legge sul divorzio senza il sostegno della DC, lo Statuto dei lavoratori, l'attuazione delle regioni e la costituzione della Commissione Parlamentare Antimafia. La contestazione studentesca, l’autunno caldo con le agitazioni sindacali, la strategia della tensione e l’avanzata del movimento operaio segnano la fine del centro sinistra. Inizia l'esperienza dei governi di solidarietà nazionale con il progressivo coinvolgimento del PCI nelle maggioranze parlamentari e il cosiddetto compromesso storico. Tutti sappiamo come finì e il perché. Con la cosiddetta Seconda Repubblica, dal 1994 nasce un nuovo sistema politico che vede alternare il centro destra al centro sinistra. Il Partito Democratico, fra il 14 ottobre 2007 e il 16 febbraio 2008, completa la sua fondazione. 45 anni separano la nascita del PD da quella del centro sinistra. Allora, perché si identifica il centro sinistra con il PD?! Perché ad un partito che ha solo 11 anni di vita si vuole addossare tutte le colpe di 70 di storia repubblicana?! Semplice: ogni pretesto è buono per attaccare il PD mentre si chiudono gli occhi per non vedere il disastro che la politica salviniana sta producendo. E il M5S, che fa?! Continua a farsi strozzare dalla Lega. Verrà il giorno in cui Salvini si alleerà con la Meloni! Allora il M5S, dopo aver sperperato il capitale del consenso, rimarrà solo mentre il PD procederà per la sua strada.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lorenzo Romano, il PD è la continuazione e l'evoluzione di quello che prima era il PCI poi diventato PDS, DS e infine PD. Se ancora oggi avete residuati PCI come D'Alema e non solo lui, vuol dire che la tua giustificazione sul PD per aver solo 11 anni di vita è senza senso. Scusa

      Elimina
    2. Se poi non vuoi vedere la corruzione endemica di questo partito, che arriva fino agli enti locali più piccoli, oltre che a tutto il sottopotere che é sempre nelle sue mani, e ne abbiamo esempi tutti i santi giorni che Dio ci manda, o ti giri dall'altro lato per non vedere, o tendi a minimizzare, o non so cos'altro. Tuttavia, in fatto di corruzione è in buona compagnia. Il suo problema che ha ancora troppo potere e tutti i principali giornali e televisioni a favore.

      Elimina
    3. Lorenzo Romano11 giugno 2019 13:35

      Nino Pepe, chi odia l'avversario politico non può essere razionale nel giudizio. Affermare che il PD è la continuazione del PCI è una grande bugia che mira a distruggere qualsiasi idea di sinistra. Oggi la presenza di un PCI o un PD con un decimo dei valori del PCI avrebbe relegato la Lega nella sola padania e non esisterebbe il M5S. Gli errori del M5S e la memoria corta degli elettori, in particolare di quelli del sud, ci hanno regalato un capitano barlafus. Poi in quanto alla corruzione si vede e si amplifica sempre quella dell'avversario. Questo modo di agire non è far politica, quella che io intendo!

      Elimina
  16. 35 anni fa ci lasciava Enrico Berlinguer, non aveva il talento di Salvini o di Di Maio, ma qualche riga la meriterebbe. Sono passati tanti anni, non so se il sig Gattuso o il sig Alesi lo iocordano, se è si scrivano qualcosa anche se fa parte della vecchia e sporca politica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo ricordo molto bene. Berlinguer è colui che mi ha fatto amare la politica. Era il mio riferimento e rappresentava per me un grande esempio di serietà civile e morale. La vecchia e sporca politica è quella odierna, non quella che incarnava Berlinguer.

      Elimina