martedì 28 maggio 2019

RIFLESSIONE SUI RISULTATI ELETTORALI DEL M5S

di Nino Pepe - Il risultato è molto peggiore di quello, già cattivo, che era stato prospettato dai sondaggisti.
Vediamo un po' qualche motivo che ha portato alla grave perdita di consenso.
Reddito Di Cittadinanza.

In partenza si trattava di dare 780 euro mensili destinati a chi, pur essendo ancora in età non da pensione non aveva lavoro e di adeguare le pensioni inferiori alla stessa cifra. Per famiglie più numerose si sarebbe arrivati anche a 1600 euro...

Certe promesse fatte senza tener conto della copertura finanziaria inevitabilmente sono difficili da mantenere per cui si è via via ridotto il numero degli aventi diritto e attraverso lacci e laccioli, praticamente nessuno di questi arriva alla cifra di cui sopra. Perché il RDC non porta voti? Semplicemente perché ai non aventi diritto non può fregar di meno di una cosa che non li riguarda personalmente e anche se tutti gli aventi diritto votassero per riconoscenza, si tratterebbe sempre di numeri ancora limitati. Oltretutto non aiuta la distribuzione del RDC a tanti stranieri che normalmente se uno gli dà un dito quelli si prendono la mano con tutto il braccio pensando che è loro diritto.

Legge spazzacorrotti, non porta voti; Legge sul taglio dei vitalizi, non porta voti; Legge sul conflitto d’interessi non porta o non porterebbe voti. Sono tutte leggi punitive che non vanno a migliorare la posizione economica della gente e pertanto, dal punto di vista del consenso servono soltanto nei comizi per intrattenere e/o tediare gli ascoltatori.

TAV, TRIVELLE SUL MARE, TAP, RIGASSIFICATORI, tutte cose percepite come lontanissime dai bisogni del popolo e casomai come lotte di potere. Risultato: NON PORTANO VOTI.
PENSIONI D’ORO, CARCERE AGLI EVASORI, CALCOLO COSTI BENEFICI SULLE GRANDI OPERE, BLOCCO DEL BAVAGLIO AI GIORNALISTI SULLE INTERCETTAZIONI, tutte cose che alla gente, in cabina elettorale non hanno fatto nemmeno il solletico.
Altre cosucce: IL M5S farà pagare l’IMU al Vaticano. Non porta voti, anzi li toglie perché i cattolici avranno mezzo motivo in più per non votarli.
Al di là di tutto questo, ha nociuto al Movimento il fatto di essere forcaioli ad oltranza, tanto che basta una semplice indagine o un semplice avviso di garanzia per costringere il malcapitato alle dimissioni. Se avessero fatto così anche con la Raggi, forse avrebbero recuperato qualche centinaio di voti.
L’essere contro tutti, non contribuisce a creare empatia. Non dico che si debba lisciare il pelo alla gente, ma per la miseria, un po' di calma e di diplomazia sarebbero state più gradite.

Il fatto di sentirsi ripetere continuamente dai parlamentari a 5 stelle che rinunziano a parte del loro stipendio, lungi dal creare simpatie per il movimento, crea e mette disagio alla gente che preferirebbe una maggiore competenza anche pagandola. Anche questa “bandiera” non ha portato voti.
SBARCHI E IMMIGRAZIONE, PUGNO DURO DI SALVINI: questo sì che ha portato una quantità di voti (A SALVINI)
LEGGE SULLA LEGITTIMA DIFESA: anche questa ha portato molti voti, sempre a Salvini.
Potrei continuare fino a dopodomani, ma concludo perché ho già scritto troppo.
Di Maio e i suoi hanno sbagliato in maniera imperdonabile per avere fatto una dissennata campagna elettorale contro Salvini, che al di là di ogni altra considerazione, È LORO ALLEATO DI GOVERNO.

Non si fanno queste cose con gli alleati. Questa è una semplice verità, talmente elementare che anche la gente comune è stata in grado di capire.

Tuttavia, ci sono altri quattro anni di governo per potere riparare gli errori fatti. Basta smetterla con l’aria di superiorità sugli altri della serie “Noi siamo onesti, gli altri sono ladri, farabutti, merde e corrotti”. 
Questo atteggiamento NON PAGA. COME VE LO DEVO DIRE, IN ARABO, IN CINESE O IN SWAHILI? NON PAGA E VI RENDE PIÙ ANTIPATICI DI QUELLO CHE GIÀ SIETE DI DEFAULT.
Nino Pepe
28 Maggio 2019

42 commenti:

  1. Michele Ginevra28 maggio 2019 11:21

    Ci sono diverse cose su cui dissento da questa analisi: innanzitutto credo che non si debbano fare le leggi solo per prendere voti. Questo lo fanno i demagoghi (gli 80 euro di renzi ne sono un esempio) sapendo di avere poi il consenso con leggi che parlano solo alla pancia della gente e che poi si rivelano di dubbia efficacia se non addirittura in qualche caso eticamente molto discutibili (chiusura porti, decreto sicurezza, ecc.). Questa è la politica di bassa lega (o della lega, è la stessa cosa) a cui il M5S farebbe bene a non cadere. Le leggi si fanno quando si va al governo cercando di mantenere ciò che prevedeva il programma per cui si è stati eletti e tutte le cose elencate in questo articolo fatte dal M5S che non avrebbero portato voti, erano doverose farle semplicemente perchè erano nel loro programma elettorale... si chiama coerenza, merce rara oggi in politica. Quella coerenza però che i 5 stelle hanno poi tralasciato con la scellerata alleanza con la lega, incoerente con le grida di Di Battista nei comizi (Mai con la lega!) ma anche nella totale diversitò di sensibilità e di visione della società. Questa sì che per me è stata una delle cause principale della perdita di consensi, specie tutti quelli che provenivano dalla sinistra (e sono tanti) che hanno perso quella fiducia che avevano dato al M5S nelle politiche del 2018. La fiducia la si conquista con tanta fatica e pazienza, ma ci vuole un attimo per perderla... ed è quello che è successo al M5S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvestro Trovato28 maggio 2019 11:38

      Michele Ginevra, non sono d'accordo con te. Se le cose che tu elenchi volessero anche per Salvini che a vinto , ti accorgi subito del tuo errore , la lega a iniziato a fare alleanze con tutti compreso il pd che lui diceva mai con loro. In Sicilia Salvini e al governo e ti assicuro che, in 2 anni nessuna proprio nessuna cosa è stata fatta per il popolo siciliano. Non voglio divulgarmi troppo , ma se tutte le considerazioni da te fatte li posso ribaltare, confrontandolo con quelli della lega e ti assicuro vi è molto peggio. Ma sappiamo come è finita nonostante tutto.

      Elimina
    2. Michele Ginevra28 maggio 2019 11:40

      Silvestro, rispetto ma dissento.

      Elimina
  2. Fausto Faldetta28 maggio 2019 11:34

    Lui è uno bravo, capace e competente! perchè si deve dimettere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti vi risulta che renzi dopo la batosta del referendum insieme alla Boschi si era forse dimesso cosa che non stava per succedere anche con l'altra batosta delle politiche ..

      Elimina
  3. Annamaria Scaglia Emanuele Biasin28 maggio 2019 11:36

    C'è chi dice, al contrario, che senza l'ultimo mese ad attaccare Salvini l'M5S andava ancora più giù.. e ad onor del vero. .gli attacchi dell'ultimo mese non erano solo elettorali, forse non lo erano proprio. Erano più che altro dovuti.

    RispondiElimina
  4. Luciano Bianchi28 maggio 2019 11:43

    RIPORTO L'ART. DI Marione Improta POI OGNUNO SI FA LA SUA IDEA...
    Leggo parecchi post in cui si accusano alcuni di noi di essere troppo duri con i vertici, di non aver fatto abbastanza per promuovere il movimento o di chiedere teste ingiustamente.
    Ma fatemi capire. Cosa è diventato il Movimento 5 Stelle? Il luogo di ritrovo di invasati “dimaiani” simili ai renziani del pd? No perché le cose sono talmente evidenti che solo gli stupidi non le vedono.
    Abbiamo perso la metà dei nostri elettori.
    Di chi è la colpa? È mia? O è del capo politico? Abbiamo sempre dichiarato che conta il merito ed il merito si osserva attraverso i risultati.
    Luigi è un uomo (non un ragazzo) meraviglioso, con un cuore enorme e tantissima voglia di fare.
    E nel suo lavoro da Ministro si sta comportando egregiamente.
    Ma il movimento è un’altra cosa e se milioni di persone si sono allontanate è perché non hanno riconosciuto più in Luigi quell’anima sacra e rivoluzionaria che il movimento rappresenta.
    Il cambiamento è necessario per noi ed anche per lui che, sgravato di questa incombente responsabilità potrà dedicarsi ancora più attivamente in ciò che sa fare meglio, ossia il Ministro del Lavoro.
    Ovviamente anche i suoi “consiglieri” dovranno fare un passo indietro, perché anche loro sono responsabili di questa CATASTROFE.

    RispondiElimina
  5. sono d'accordo con l'analisi fatta da Nino Pepe. Non fa una piega.

    RispondiElimina
  6. Pippo Anastasio28 maggio 2019 11:47

    Quello che mi fa sorridere è come suoi "compagni" di partito come avvoltoi, si sono lanciati per sbranare il coraggioso Di Maio.
    Anche a Palermo, dove il M5S è il primo partito in città e anziché evidenziare un dato, che almeno, va studiato, viene attaccato.

    RispondiElimina
  7. Riflettendo, alla fine staccherà la spina. È inevitabile! Una risposta così palese dall'elettorato, non ha alternative. Svanisce un sogno e ci di avvia verso amministrazioni tecniche controllate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vito, quale elettorato, quello dei girovaghi attaccati ai partiti, non certo chi ha, aderito al M5s con coscienza e senza pensare nemmeno per un millesimo di secondo di tornare agli antichi ovili. Ma cosa abbiamo votato a fare il 4 Marzo? È inutile cercare motivazioni al crollo quando tutta la stampa a voce unica ha massacrato il Movimento.

      Elimina
    2. Carmen Scelsi Il M5S veniva massacrato anche prima. È sempre stato massacrato fin dalla sua nascita da tutta la stampa eppure lo scorso anno abbiamo vinto le elezioni. Se oggi si piange qualche altra ragione deve pur esserci. Io la individuo nell’alleanza con Salvini che ci ha vampirizzati

      Elimina
    3. Carmen, certo, il cuore ci porta dove dici tu! Però il senso reale della politica, ci induce a riflettere che sarebbe un ulteriore massacro continuare. Immaginiamoci cosa succederebbe, che non sia già successo, pensare di continuare a governare, con Luigi, capro espiatorio dell’intera azione del governo. No, è più verosimile ritornare all'opposizione, chi ha ancora intenzione di far politica, e ritornare, sopratutto, nelle piazze, per non abbandonarle più, anche quando si dovesse ritornare al governo, perché l’errore principale è stato proprio quello, impegnarsi nel governo ed aver abbandonato la comunicazione coi cittadini nelle piazze, ed aver lasciato lo spazio a Salvini!

      Elimina
    4. Vito Reina no, non credo che sia questa la soluzione adesso. Il M5S deve farsi valere, deve impuntarsi a non fare passare provvedimenti, decreti o leggi contrarie alla sua etica, altrimenti sarà veramente la fine. Deve avere coraggio, anche a costo di fare saltare questo governo, coraggio. Roberto ci manchi!

      Elimina
  8. Mi limito a ricordare all’autore di questo dotto saggio Salviniano che tutti i punti che lui ritiene non portino voti, sono proprio quelli che hanno portato il M5S al 33% poiché facevano parte del loro programma. Rinuncio a commentare tutte le altre disinformazioni sul RdC

    RispondiElimina
  9. Ronchetta Silvano28 maggio 2019 12:53

    GATTUSO TU SEI STATO UNO DEI FAUTORI DELLA SCONFITTA DEI 5 STELLE. NON DOVEVATE COLPIRE GLI ALLEATI LA GENTE IN QUESTO SISTEMA VI HA CALCOLATO COME PERSONE POCO O PER NIENTE AFFIDABILI.

    RispondiElimina
  10. Perché Luigi Di Maio dovrebbe dimettersi? Con un pizzico (come sta dimostrando) di saggezza e facendo tesoro di questa campagna elettorale, può benissimo portare avanti diversi progetti. Ho letto l'analisi fatta da Pepe. Mi sembra molto sincera e onesta. L'arroganza non paga.

    RispondiElimina
  11. Massimo Arcioni28 maggio 2019 12:56

    Penso che il M5S debba andare avanti, penso anche che al primo no della Lega al contratto, si debba far cadere il Governo.
    Abbiamo già dato troppo (Tap, Ilva), ci hanno sfilato la Rai, lo sport con quella bella trovata della società, un altro carrozzone tangentaro, non possiamo tradire chi ci ha dato fiducia, non possiamo chiedere ancora fiducia nei territori se rinunciamo ai nostri obiettivi. Nel contempo bisogna riorganizzarci, il modello dei candidati piovuti dall'alto non ha funzionato.

    RispondiElimina
  12. Io non mi addentrerei più di tanto nelle analisi, all'europee, solo perchè si è votato in 3800 comuni (la gran parte al nord) e in piemonte, l'astensione non è stata più alta. La lega i voti li ha presi nell'entroterra, nelle grandi città è stata abbondantemente superata o dai 5stelle o dal PD, e non credo che questo sia dovuto alle loro leggi. E da mesi che la lega ha fatto una campagna acquisti nei territori, assommando consiglieri comunali, ras e quant'altro. é fin troppo chiaro che questa gente doveva far vedere il suo peso , per portare e prime cambiali all'incasso. Un esempio: A bagheria la lega alle comunali ha preso 2400 voti pari al 12% , alle europee con gli stessi voti ha raddoppiato la percentuale. e così anche a monreale. E se al nord il voto alla lega è strutturato da oltre 30 anni, al sud è figlio in gran parte di questi passaggi e dell'entusiasmo che questi provocano. Il motivo dei passaggi è semplice: la lega rispetto ai 5stelle, essendo entrambi al governo, sono più facilmente disponibili al do ut des , tipico del rapporto clientelare. Per cui io aspetterei altre elezioni, naturalmente le nazionali su tutte, prima di celebrare vittorie e funerali. Qualcuno sa spiegarsi ad esempio come una illustre semi sconosciuta come la Tardino prende oltre 30mila voti, superando i candidati di punta della lega in Sicilia? lo chiediamo ad Alessandro pagano a Caltanissetta, a Lo Monte e Genovese a Messina.....E se questa situazione provocherà attriti dentro la lega, alle prossime cosa comporterà?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Queste sono tutte buone ragioni per cui bisognava stare distanti da un partito come la Lega che ci ha trascinato in un baratro dal quale sarà difficile venirne fuori.

      Elimina
  13. Emanuele Lombardo28 maggio 2019 13:06

    Non sono d'accordo.
    Non prende in esame la situazione fisiologica di stare al governo.

    RispondiElimina
  14. "Articolo" stupido, demenziale, infarcito di sciocchezze...
    Non capisco come, mai Giangiuseppe Gattuso lo abbia pubblicato su "PoliticaPrima"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non censuro nessuno caro Corona Donato. E Nino Pepe fa un ragionamento, condivisibile o meno è una sua ipotesi che può trovare chi la condivide.

      Elimina
  15. Beh in questo anno cosa avete visto nei programmo politici di quasi tutti i canali ..per caso ELOGIAVANO L'OPERA DEL MOVIMENTO ? RISPOSTA no HANNO COMPRESI I GIORNALI attaccato duramente il movimento e siccome la gente evidentemente continua a credere ai giornali il risultato va da se la vecchia casta politica non e' mai scomparsa ed ha lavorato da sempre contro il Movimento .c'e' poco da dire e' chiaro il risultato e' sotto gli occhi di tutti ha preso una bella batosta ..ed ora dimissioni nuove elezioni ? secondo me Di Maio deve continuare a governare non so cosa possa fare la Lega di Salvini ..chiedere con il peso dei risultati che vengano fatte delle "cose" che il movimento non farebbe mai certo il vecchio adagio recita "CHI E' COLPA DEI SUOI MAL ...PIANGA SE STESSO ....IO dico ai posteri l'ardua sentenza ....

    RispondiElimina
  16. Emanuele Lombardo28 maggio 2019 19:10

    La Lega che non ha fatto nulla ... perché invece ha preso un mare di voti allora? È solo una questione di aspettative e di protesta, non altro
    Alla lunga, il M5S al governo che le cose le Fa, ma chiaramente nell'arco dei cinque anni e non in dieci mesi, dirà ciò che è stata la percezione dell'elettorato
    Intanto per esempio in Sicilia il M5S ha tenuto: perché?

    RispondiElimina
  17. Lillo Sorrentino28 maggio 2019 19:11

    Tra centinaia di analisi del voto una sola è vicina alla realtà secondo me.
    Salvini è più bravo.
    Salvini ha capito che la politica è un circo e ha scelto il ruolo del più simpatico. Il pagliaccio.

    RispondiElimina
  18. Carlo Falzetti28 maggio 2019 19:13

    Meno arroganza... per controbattere Salvini... disamina ineccepibile, soluzione talmente ingenua da far tenerezza...

    RispondiElimina
  19. Giuseppe Tortorici28 maggio 2019 19:13

    Non capisco l'articolo di Pepe l'ho letto due volte. Se non fa dell'ironia la sua analisi è solo sbagliata, almeno per me.

    RispondiElimina
  20. La legge sul conflitto di interessi sulle TV di merda o sui giornali non vale? Bombardamenti a tempesta che fanno breccia nelle persone ignoranti, e purtroppo nel nostro paese sono tante.

    RispondiElimina
  21. Antonella Minniti28 maggio 2019 19:16

    Salvini ha detto che è pronta la tassa piatta pronta a partire alleluia finalmente, io ne sarò contentissima e vai salvo come il ribasso della benzina ancora aspetto e aspetto pure tutti gli immigrati mandati via dalle strutture sapete dove sono andati a finire.

    RispondiElimina
  22. Francesco Paolo Trapani28 maggio 2019 19:18

    Bisognerebbe ricordare al signor Pepe cosa è il movimento 5 stelle. Leggo a destra e manca di errori fatti (fermo restando che errare è umano), di programmi sbagliati o aver sbagliato ad allearsi con la lega (ricordo ai più il patto scellerato fatto da Renzi è Berlusconi). Molti voti presi a marzo provenivano da elettori di sinistra e centrosinistra che volevano dimostrare il dissenso verso quei "partiti che li avevano tradito". L'aver scelto come alleato la Lega ed realizzando il programma (almeno in parte) li hanno fatto scappare (evidentemente l'onestà non paga). Concludo dicendo che non servono le dimissioni da Di Maio semmai serve seguire la linea del programma a costo di ritornare alle urne. Forza Ragazzi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fiorello Bonsanti29 maggio 2019 19:30

      Concordo! La legislatura è ancora lunga! E fin quando questo governo regge, la maggioranza è ancora del M5S. O mi sbaglio? In quattro anni si possono imparare tante cose ed i ragazzi studiano e si possono riparare tante storture e risalire tante chine! Non sarà facile, e, forse, non ci riusciranno, ma sono pronto a scommettere che ci proveranno.

      Elimina
  23. Se confrontiamo i risultati elettorali di oggi con quelli dello scorso anno, il Governo percentualmente migliora il suo consenso: dal 50,05% passa al 51,32%. Va tutto bene? Per niente! Si è creata una situazione paradossale che vede invertire i rapporti di forza: quella di maggioranza relativa, il M5S, ha quasi dimezzato i consensi; la Lega dal terzo posto, raddoppiandoli, è balzato al primo posto. Se i risultati di un Governo sono apprezzabili, perché gli elettori premiano in modo spropositato una delle due forze politiche che lo sostengono e penalizzano pesantemente l’altra?! Non bisogna mai sottovalutare il giudizio degli elettori che si esprimono con l’unico strumento che hanno: il voto espresso o non espresso. Quando, a distanza di un anno, solo 4 elettori su 10 confermano la precedente scelta è indispensabile individuare le cause. I provvedimenti, condivisibili o no, che questo Governo ha adottato fanno parte del programma politico del M5S e della Lega: sono stati votati da entrambi. Allora, perché un partito è stato premiato e l’altro penalizzato?! Secondo il mio modesto parere ha influito l’aver anteposto la Ragion di Stato ad alcuni principi irrinunciabili. Una delle cause scatenante è stata la mancata autorizzazione a procedere nei confronti di Salvini per la questione Diciotti. Ovviamente il continuo conflitto interno al Governo e la strana campagna elettorale piena di reciproche accuse hanno fatto il resto. E non parliamo dell’immobilismo dell’azione di governo. Forse, per la diversità abissale fra Lega e M5S, questo Governo non doveva nascere. Nemmeno il contratto è riuscito a superarla. Ora il punto è stabilire se questo Governo deve arrivare alla fine della legislatura. Se la risposta è sì, il M5S non deve accettare ne ricatti né ultimatum dalla Lega. È vero che i risultati elettorali hanno un peso politico da non sottovalutare ma poiché, nel Parlamento, i rapporti di forza sono rimasti inalterati il M5S rimane il primo partito. Se il M5S decide di continuare con questo Governo dovrà rilanciare la sua azione politica senza cedere sui quei principi che hanno conquistato il consenso degli elettori. Per concludere vi confesso che non sono mai stato elettore del M5S. Ho sempre votato PD e sono convinto che la Politica non deve dividere, ma unire.

    RispondiElimina
  24. Salvini ha vinto per i motivi che sotto elenco:
    1)Pompato dai media di reggime in quando amico della casta;
    2)Ha dato segnale di apertura alla malavita organizzata (Mafia, Camorra, Ndrangheta, ecc ecc) con l'avvio delle grandi opere TAV ecc ecc;
    3)Ha saputo bleffare in quanto si è appropriato dei meriti e del lavoro del M5S raccontando balle ogni giorno in TV e giornali compiacenti;
    4)Ha architettato con astuzia l'ultimo sbarco dei clandestini facendo finta di opporsi e fare la voce grossa contro l'immigrazione.E gli italiani hanno abboccato perché non si informano bene e, se lo facessero sapessero che la causa dell'immigrazione e di Salvini, Berlusconi e la Meloni CDX con i trattati che hanno firmato (Trattato di Dublino);
    5)Ha dato segnale di apertura alla casta politica e a tutti i trombati della stessa in quanto con la reintroduzione delle provincie si aprirebbero tantissime mangiatoie e posti di potere;
    6)Poi con il suo decreto legittima difesa ha creato un giro virtuoso di traffico e vendita di armi che i costruttori ovviamente hanno ringraziato.
    7)Poi con tutte le sparate che ha sulle sue proposte di legge a partire dalla legalizzazione della prostituzione, moneta sovrana da stampare in Italia, e tutte le sparate che pompa ogni giorno nelle TV e media sulle sue uscite ha confuso e plagiato gli italiani come ha fatto il suo amico Renzi che seguirà la sua stessa fine dei MATTEO, toccando tutte le sensibilità dei cittadini con le false promesse come togliere le accise sul carburante e gli italiani ubriachi delle sue promesse hanno abboccato.
    Questo si che porta voti, ma che subito li toglie!

    RispondiElimina
  25. Molti leader vorrebbero riuscire a realizzare in 9 mesi punti importanti del loro programma come Di Maio. Io continuo a meravigliarmi del fatto che si dica che faccia tutto Salvini. Ma cosa ha portato a casa Salvini in questi 11 mesi? Un condonino fiscale che fa più sputtanamento che gettito e un decreto sicurezza che, invece di ridurre la clandestinità, la moltiplica. Per il resto hanno fatto tutti i 5 Stelle: taglio dei vitalizi, taglio delle pensioni d’oro, decreto dignità, reddito di cittadinanza, la chiusura della vertenza dell’Ilva, carcere agli evasori, il ddl anticorruzione con l’agente infiltrato e i premi per i pentiti, cose che si chiedevano da 20 anni, il calcolo costi-benefici delle grandi opere che probabilmente metterà fine a questa pochade del Tav Torino-Lione, il blocco del bavaglio ai giornalisti sulle intercettazioni, il blocco della legge svuotacarceri”.
    Di Maio in 11 mesi di governo
    - Legge spazza corrotti
    - Legge Reddito di cittadinanza
    - Taglio delle pensioni d’oro
    - Taglio dei vitalizi
    - Aumento pensioni minime
    - Pensioni di cittadinanza
    - Decreto Sblocca-cantieri
    - Decreto emergenze territorio
    - Riduzione delle tariffe di gas e luce dal prossimo trimestre
    - Rimborso ai cittadini truffati dalle banche
    - Progetto Salario minimo orario garantito ai lavoratori
    - Decreto Dignità del lavoro
    - Fondo milionario per le start-up
    - Taglio del 30% delle tariffe INAIL alle imprese
    - Riduzione IVA per medie e piccole imprese
    - Blocco aumento IVA per i consumatori
    - Progetto di taglio del 100% IMU su capannoni per le imprese
    - Blocco trivellazioni
    - Sblocco assunzioni Sanità
    - Progetto Acqua pubblica
    - Incentivi per i veicoli eco-sostenibile
    - Norma Bramini che vieta i pignoramenti della prima casa.
    - Legge sul voto di scambio POLITICO-MAFIOSO
    SALVINI in 11 mesi di governo
    -legge sull'immigrazione
    -legittima difesa

    RispondiElimina
  26. Pompeo Benincasa29 maggio 2019 13:16

    ... e i Pdioti che recuperano 5 punti rispetto al 2018? E stanno di 5 punti davanti al M5S? Non erano spacciati, cancellati? Nei comuni, dove non vincono al primo turno, vanno ai ballottaggi. il M5S perde, come sempre, i comuni che ha governato come Livorno, Civitavecchia, Avellino e li perde tipo Bagheria, cioè con percentuali sotto il 10% e non conquista né un comune né un ballottaggio. Qualcuno qui dice: ma siamo primi al Sud. Perché a marzo 2018 eravate secondi ? Solo che oggi il M5S è primo col 30% e non col 45%, chiaro il concetto? L'analisi fatela bene perchè uno che di politica si intendeva ebbe a dire tanti anni fa che analisi sbagliate producono risposte politiche sbagliate e nuove sconfitte.

    RispondiElimina
  27. Simone Zagarolo29 maggio 2019 13:17

    rientra sempre nelle promesse da marinaio ovvero da venditori di pentole, fatte dal M5S . Alcune di queste promesse, completamente ribaltate ( No ILVA, NO TRIP, NO TAP , No UE, NO Euro etc etc ) alcune altre addolcite con canna da zucchero, come la fine della Fornero, no alla precarietà etc etc , altre mantenute RdC ,ma a conto fatti e con pali e paletti praticamente si è rilevato per quel che appariva fin dall'inizio. Una mancia di elemosina in cui i veri poveri vengono esclusi, che i poveri metà e metà hanno appena quattro spiccioli. ( Tanto è vero che gli aventi diritto si ridono alla fine ad un terzo del numero sbandierato dal decreto)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Isabella Maria Pecoraro29 maggio 2019 19:32

      Simone Zagarolo, sempre meglio un tozzo di pane secco che il digiuno assoluto.. e poi sarete tutti più contenti ora che avremo le prove tecniche di fascismo.. e visto che amate tanto i collusi e i corrotti e gli indagati..avete ..col vostro voto lungimirante.. ottenuto lo scopo..
      Ed ecco servito il caso Rixi‼️
      Questo è il volere dell' illuminato popolo mediamente scolarizzato.. infruttuosamente ...
      stante l'accettazione di corrotti collusi e mafiosi.. nonostante il dissenso di alcuni "laureati"..
      Proprio come Esau' hanno preferito un piatto di lenticchie. (-migranti.+pistole+ TAV +flat tax..+IVA..+restrizione di libertà di espressione..!!!????)il
      ...in cambio di un manipolo di persone oneste .
      ..attaccate da tutti i lati ..da dx da sx e perfino dai beneficati.. vedi quella signora che si è candidata con forza Italia pur avendo avuto ricomprata la sua casa messa all' asta dal movimento 5 stelle..
      Come la talpa che cambiò gli occhi con la coda

      Elimina
  28. Piero Maniscalco29 maggio 2019 19:33

    In Sicilia vince il "Masochismo"

    RispondiElimina
  29. Modica Vincenzo29 maggio 2019 19:34

    E FAI BENE PORTATE AVANTI IL GOVERNO MA MOLTO IN FRETTA PERCHÈ L'ITALIA NON PUÒ ASPETTATE CHE FINITE LE VOSTRE BEGHE DI PARTITO. GLI ITALIANI CON IL VOTO VI HANNO INDICATO DELLE PRIORITÀ AVANTI CON MOLTO CORAGGIO

    RispondiElimina
  30. La banda dei cazzari a 5 stelle è stata finalmente sgamata!

    prossima puntata...al 5%!

    RispondiElimina