lunedì 16 luglio 2018

NON AMO LA LEGA. APPREZZO IL M5S E IL GOVERNO

Copertina non amo la legadi Giangiuseppe Gattuso - Lo ripeto da tempo e non c’è qualcosa che mi ha fatto cambiare idea. La Lega non è nelle mie corde. Non ne ho mai apprezzato il senso, l’anti storico e ridicolo spirito indipendentista.
salvini-Napoli no ItalyPensate che l’art. 1 dello Statuto approvato nel 2015 (qui il link dal sito ufficiale), e prima della furbesca "trasformazione" in Lega per Salvini Premier", di cui non viene fatto cenno sul sito ufficiale, prevede ancora una <<Lega Nord per l’Indipendenza della Padania movimento politico confederale che ha per finalità il conseguimento dell’indipendenza della Padania e il suo riconoscimento internazionale quale Repubblica Federale indipendente e sovrana>>. E di conseguenza le feste dei popoli padani, le sceneggiate come il rito dell'ampolla dell'acqua della sorgente del Po, Miss Padania e altre amenità del genere. Ma anche l’avversione mai nascosta nei confronti dei meridionali e dei siciliani. Che soltanto negli ultimi anni ha subito una frenata tattica, con l’avvento di Salvini alla segreteria nazionale.

Un personaggio sulla scena politica da lungo tempo, volitivo, intelligente, rude, rozzo, furbo, adesso al Governo del Paese con il M5S.

renzi_calendaE questo grazie al forte incredibile impegno del Partito Democratico che ne ha fatto una ragione di vita. Un grave, colpevole, miope, errore politico che non posso, non voglio e non potrò perdonare.

Non mi piace la compulsione dei suoi interventi, l’onnipresenza, l’ostentazione della forza, la fissazione monotematica sui migranti. La quasi mancanza di senso della misura e l’eterna campagna elettorale che lo contraddistingue. La sua posizione politica ambigua ed equivoca riguardo il “rapporto” con l’altra parte del centro destra.

Tutto questo sotto l’effetto volutamente pompato dai media conniventi che pur di dare addosso al M5S e al Governo ne sostengono nei fatti quotidianamente le gesta.

musumeci-pontida-lega (1)Ora, io sono uno di quelli che ha definito “agghiacciante” il voto di un elettore siciliano e del Sud in generale alla Lega, o, ancora peggio di un eletto del M5S che possa transitare tra quelle fila. Che ha stigmatizzato fortemente la presenza a Pontida del Presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci. Il rappresentante massimo del popolo siciliano e della sua Speciale Autonomia che si prostra nei confronti di una forza politica fino a ieri antitetica.

Ciononostante ho accettato l’idea del “Contratto”. Ritengo siano di più i punti a favore, le questioni che potranno essere affrontate e risolte grazie alla novità assoluta del M5S al Governo del Paese, la sua voglia di cambiamento e di discontinuità con il passato. Un esempio per tutti l’esclusione dal tavolo delle trattative di Silvio Berlusconi. Un successo enorme di cui non se ne coglie abbastanza l’entità dopo decenni di finte opposizioni e di sostanziali “collaborazioni” interessate.

L'impresa è ardua. Nessuno avrebbe scommesso un euro sul M5S al governo. Il sistema con i suoi tentacoli ancora perfettamente agganciati ai gangli vitali della struttura burocratica cerca di sopravvivere mettendo in atto ogni risorsa per contrastare mediaticamente, e non solo, le prime mosse governative.

bambino-migranteQuelle sui migranti, ossessione salviniana e di tanti cittadini bombardati dai media e impauriti oltre ogni ragionevolezza, si capisce, non mi piacciono. La mia concezione della vita, della società, del genere umano, mi porta in senso opposto. Sono contro i muri, i confini, le divisioni religiose. Mi piacciono le diversità, i colori tutti, le culture lontane, la solidarietà, l'accoglienza, sono da sempre e resto per lo “Ius Soli”. E non ho pregiudizialmente paura degli “altri".

Purtuttavia mi rendo conto che bisogna comunque avere il controllo della situazione. Bisogna immaginare e mettere in atto interventi seri e concreti nei paesi di provenienza e che va riaperto un sistema di accoglienza programmata. Di una grande operazione di integrazione che inizi a superare i cosiddetti centri di accoglienza che, in buona parte, tutto sono fuorché questo. E, in ultimo, ma problema principale, l'Europa di cui l’Italia è parte integrante.

giuseppe_conte_matteo_salvini_governo_1_lapresse_2018_thumb660x453Se c’è un motivo per il quale Salvini ha avuto facile gioco questo riguarda la posizione vergognosa di quasi tutti gli stati europei chiusi a riccio contro l’arrivo dei migranti che solcano il Mediterraneo. Ecco il tema fondamentale. Una questione reale affrontata utilizzando persone, donne e bambini, comunque in difficoltà e bisognose d’aiuto. Bloccando le navi in mare, facendo finta di chiudere i porti, urlando a destra e a manca. Mettendo in secondo piano l’attività di governo, quella costituita da approfonditi provvedimenti, da disegni di legge da proporre alle camere, da decreti, regolamenti e via discorrendo.

Insomma, adesso basta annunci propagandistici. Servono intese forti a livello europeo che, per la prima volta, e nonostante le forti resistenze cominciano a dare frutti. Avanti così.

reddito-di-cittadinanza-di-maio-Detto questo confido molto nello spirito originario del M5S, nella voglia di cambiamento, nella difesa dei più deboli, nella Politica aperta a tutti senza potentati e finanziatori occulti. Nella riduzione dei privilegi, delle pensioni d’oro e di una maggiore equità sociale. Confido nei provvedimenti che potranno ridare dignità ai giovani in cerca di lavoro e a chi lo ha perduto, come il reddito di cittadinanza, bandiera del M5S da sempre. Ovviamente, per mettere in atto tutto questo, ci vuole il tempo necessario, che non è quello dei social, dei tweet e dei talk show. Chi non è intellettualmente disonesto lo sa benissimo.

Giangiuseppe Gattuso
16 Luglio 2018

29 commenti:

  1. Salvatore Mancuso16 luglio 2018 18:13

    Giangiuseppe, il legame fra M5S è Lega è tutto e solamente nella firma e nell'attuazione del contratto di governo. Stop. Non c'è altro. Salvini può blaterare come vuole, ma sempre dal contratto deve passare. In sintesi, questo è il mio pensiero.

    RispondiElimina
  2. Michele Ginevra16 luglio 2018 18:14

    Considerazioni di buon senso e condivisibili.

    RispondiElimina
  3. Annamaria Scaglia Emanuele Biasin16 luglio 2018 18:18

    Quoto Salvatore Mancuso

    RispondiElimina
  4. Neanche io avrei mai votato Lega per vari motivi, primo fra i quali i disprezzo spesso mostrato verso i meridionali. Eppure questo governo non mi dispiace affatto. Trovo che le battaglie dei 5 Stelle siano encomiabili e, finalmente, dalla parte dei cittadini, un fatto che terrorizza la vecchia politica, da sempre impegnata a spartirsi poltrone e stendere un velo pietoso sulle malefatte dei vari partiti: oggi a me, domani a te, fingiamo che tutto vada bene. Per questo il nuovo governo è osteggiato in modo vergognoso da ogni parte, si rischia la fine dei giochi! Non lo avrei mai immaginato ma questo strano connubio mi piace. Al di là di certi estremismi ed esternazioni di Salvini (oggi credo che si tratti di più fumo che arrosto) credo che proprio nelle loro diversità si possa trovare la forza di andare avanti e fare grandi cose per il Paese portando avanti i punti del contratto. D'altronde l'oracolo Fassino ha parlato ipotizzandone una breve vita, quindi possiamo fidarci: il governo durerà!

    RispondiElimina
  5. sICURAMENTE sALVINI E' COSI ..lui si e' presentato ed e' stato votato fa specie per chi ricorda cosa e' sempre stata la LEGA NORD ..volevano fondare lo STATO DELLA PADANIA LIBERA oltre e sotto mi sembra della TOSCANA erano tutti PUZZOLENTI E TERRONI ..ROMA ERA LADRONA quello ch fa VERAMENTE SPECIE E' IL VOTO DIFFUSO CHE HA INCAMERATO ...NEL SUD DELL'ITALIA ..sono d'accordo nella presa di posizione contro Bruxelles e tutti gli altri STATI EUROPEI ..siamo una sorta di confederazioneio credo tipo l'AMERICA ? Bene se in america IL dakota HA UN PROBLEMA gli altri 49 stati lo mollano facendogli capire che sono cazzi suoi ?? NO CHIARAMENTE allora se l'ITALIA ha un PROBLEMA DI MIGRANTI IN MARE gli altri stati europei DEVONO AIUTARE L'ITALIA ..ALTRIMENTO MI CHIEDO E VI CHIEDO HA UN SENSO ESSERE NELL'UNIONE EUROPEA ??

    RispondiElimina
  6. Caro Giangiuseppe, apprezzo la tua onestà intellettuale e comprendo le tue riflessioni e le tue perplessità (comuni a molti aderenti al M5S) su un accordo di governo, forse il più anomalo della storia repubblicana. E’ andata così, anche grazie ai pop corn del PD, e ora non resta che augurarci che sia produttivo malgrado tutto. E’ vero che il “contratto” è limitato ad alcuni precisi punti programmatici ma è pur sempre vincolato da un’intesa politica tra due forze culturalmente diverse e, come dici tu, provenienti da due percorsi assai dissimili. Si dirà che, siccome saranno affrontati solo i punti condivisi, le divergenze di fondo non influiranno nell’azione di governo. Io credo invece che l’ordine di priorità con cui si procederà nell’attività governativa, rivesta una grande importanza e non sia del tutto ininfluente. Se calibriamo il nostro giudizio ad oggi, per esempio, sembra che questo governo sia stato creato solo per affrontare il tema dei migranti e, nei ritagli di tempo, discute sui provvedimenti economici, sulla riduzione delle tasse, del contrasto alla povertà, dei temi della giustizia, la lotta all’evasione e alla corruzione. Dunque auspico che al più presto si riveda la tabella di marcia e si riscriva una nuova agenda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissimo Maurizio, condivido la tua analisi ed è proprio quel continuo martellamento psicologico sul tema migranti che mi preoccupa. Ho la sensazione che Salvini abbia individuato il "filone" politico da seguire per far presa sull'opinione pubblica, tralasciando il grave problema dell’economia italiana. Salvini continua la sua campagna elettorale in uno Stato altamente indebitato come il nostro che brucia risorse solo per pagare gli interessi che potrebbero invece servire per finanziare la crescita.Tante volte faccio delle amare considerazioni su questo personaggio in continua campagna elettorale. Sarei curioso di conoscere chi gestisce, al Viminale, la grande mole di lavoro di un ministero tanto importante ed impegnativo. Che dire, caro Maurizio, la speranza è una ferma posizione di Di Maio, per evitare che venga fagocitato da una lega spavalda e autoritaria.

      Elimina
  7. salvatore insinga16 luglio 2018 20:04

    La lega è il governo. Salvini è il capo del governo. Quindi a lei cosa piace^ Forse il ministro Conte? Credo che lei sia in grande confusione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ripassi il concetto e la definizione di confusione. Scoprirà che è la sua condizione mentale.

      Elimina
    2. salvatore insinga16 luglio 2018 21:24

      Ma lei chi è? Il protettore di qualcuno?

      Elimina
    3. E lei chi è che distribuisce incarichi di governo a suo piacimento.

      Elimina
  8. L'ho già scritto tempo fa. Gli italiani hanno una intima malcelata attrazione verso l'estremismo, specie se smodato.

    Tanti sembrano anche dimenticare lo sconcertante antimeridionalismo della Lega Nord ed di Salvini, che non molto tempo fa in coro, cantavano "viva il Vesuvio,viva il Marsili", frasi criminali per le quali fu poi cacciato a furor di popolo dalle piazze siciliane nella successiva campagna elettorale. Ma, miracolo della propaganda quotidiana Viva Salvini, sembra antinebbiare parecchi e menti e quella anti 5 Stelle, in particolare nei canali Mediaset ed ancora oggi della RAI, spingono a rappresentare Matteo da Giussano come protagonista assoluto della vicenda migranti, glissando sugli altri punti del contratto che maggiormente incidono sulla vita del paese ed omettendo di raccontare che è il primo ministro Conte ad ottenere rusultati in Europa e non lui. Personalmente,mi chiedo cosa resterà di Salvini quando il caso migranti passerà in secondo piano rispetto a temi molto più importanti per gli italiani.

    RispondiElimina
  9. Andrew Scafidi17 luglio 2018 00:17

    Il contratto Lega/5s ?
    L'ultima stronz*** favorita dallo sfasciaro.
    Tutti lo sanno che i voti 5s sono stati in maggior misura costituiti da scontenti PD.
    Adesso, e'solo un contratto e non un'aleanza.
    Così e' se vi pare. Tutto il resto sono minch**** che volano tirate fuori da sparate giornalistiche, ma la politica! Un'altra cosa.
    Questi in qualche modo governeranno.
    A fine legislatura, se non ci piacciono non li voteremo più. Diversamente, li riconfermeremo, vi piaccia o no.

    RispondiElimina
  10. Silvio Barbata17 luglio 2018 00:22

    Mi dispiace ma su questo argomento non convergiamo per niente...noto molta emotività...io non funziono per simpatie o mosso dalla sensibilità, mi sforzo di essere razionale: una cosa non è giusta o sbagliata, vera o falsa a secondo di chi la dice, lo è in sé e per sé...un problema va risolto rimuovendone le cause a monte e non confondendo diabolicamente (non è rivolto a te) le cause con le conseguenze in modo da gestire queste demagogicamente all'infinito...non mi pare che Salvini stia agendo solo sul fronte dell'immigrazione, è la propaganda avversa che gli ha teso questo trappolone mediatico, sono gli altri che pompano il problema sperando di usarlo come ariete per abbattere il governo...sottolineo comunque che è un nuovo fenomeno di primaria emergenza perché è la cartina di tornasole dell'ipocrisia europea, di cui era schiavo Renzi, a cominciare dai bombaroli francesi a cui pavidamente la sinistra vile e becera gli perdonava tutto mentre continuano a denigrare la loro patria l'Italia; questo governo è l'unico che sta tenendo testa a quella marionetta massonica di nome macron... riguardo dall'aspetto sociologico e antropologico stiamo assistendo a una nuova tratta dei schiavi con migliaia di morti "moralizzata" dalla falsa accoglienza usata come idealistico specchietto per le allodole...io sono per la cultura dei popoli, per la tradizione, per la patria che è un territorio, amore per la terra natia, gli antenati la propria cultura...a rifletterci bene il concetto di "multiculturalità" è un falso concetto perché in sostanza nega ogni cultura omogeneizzando e omologando perché la cultura è concepibile solo all'interno di una specificità antropologica e contestuale, solo su queste basi può esserci eventualmente interscambio...lo stesso vale per il falso concetto di "multietnico" significa nessuna etnia un mescolamento genetico indotto, come si fa con gli animali...lo stesso vale per il concetto di "integrazione" sostanzialmente non vuole dire niente, è indefinibile...integrare cosa? La cultura può solo subire processi di deculturazione o acculturazione con perdita di elementi della propria cultura originaria... pensiamo per es. all'Islàm che non distingue tra religione cultura e società...ma tutto è Corano...mentre l'Europa affonda le radici in una cultura bimillenaria che deriva dal Cristianesimo indipendentemente dalla dimensione personale di fede. Come vedi è una problematica che apre a enormi problemi, per questo ritengo che Salvini abbia ragione, al di là della sua apparente rozzezza...ma solo apparente, perché è sicuramente molto più profondo di Renzi.

    RispondiElimina
  11. Non è la prima volta che Giangiuseppe Gattuso dichiara: << Sono contro i muri, i confini, le divisioni religiose. Mi piacciono le diversità, i colori tutti, le culture lontane, la solidarietà, l'accoglienza, sono da sempre e resto per lo “Ius Soli”. E non ho pregiudizialmente paura degli “altri” >>. Questi valori li condivido e li ritengo indispensabile per una civile convivenza. Sappiamo che questi valori difficilmente diventeranno patrimonio dell’attuale Governo. La visione politica delle due forze che compongono la maggioranza è culturalmente diversa e, su certe tematiche, hanno valori contrapposti. Contrapposizione che non può essere mitigata dal “contratto”. A mio avviso, era più auspicabile un accordo M5S-PD. Cuperlo sostiene che è stato un grave errore lasciare il M5S alla Lega. Però bisogna ammettere che i due soggetti non hanno dimostrato entusiasmo, sono prevalsi i veleni della campagna elettorale. È prevalsa l’indicazione della maggioranza degli elettori del M5S che preferiva l’accordo con la Lega. I nostri vecchi avrebbero detto che è inutile ricordare a chi è abituato a “mangiari pani scurdatu” che la Lega era quella che parlava male dei meridionali e dei siciliani. Non ho alcuna intenzione di enfatizzare il comportamento di Salvini, ma non nascondo la mia preoccupazione della presenza della Lega nel Governo. Se la collaborazione fra Lega e M5S è vincolata dal “Contratto” è arrivato il momento di dare il segnale della svolta accelerando i tempi di approvazione dei provvedimenti tenendo conto della priorità dei bisogni. Sappiamo che per realizzare alcune cose ci vorrà del tempo e che, non tutto potrà essere realizzato. L’importante è mettere da parte la propaganda ed iniziare ad agire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvio Barbata18 luglio 2018 00:58

      Chiariamo i termini… queste descrizioni: NON SONO VALORI… "la verità è contenuta nei termini" (Wittgenstein), quando si elabora un'argomentazione bisogna prima avere l'umiltà di usare i termini in modo corretto secondo il loro intrinseco significato semantico...quello da voi descritto è solo la proiezione di un preconcetto ideologico che per onestà (valore morale) non vi potete permettere - tranne che non riconosciate l'errore per ignoranza specifica - di contrabbandarli per "valori".

      Elimina
  12. Non sono siciliano e nemmeno del sud ma sono perfettamente d’accordo con te!

    RispondiElimina
  13. Antonio De Luca17 luglio 2018 12:52

    Grazie Giangiuseppe, condivido quasi la totalità della tua analisi. L'unica differenza è il mio far parte di quella maggioranza che ha visto con maggiore positività il contratto con la Lega che con il PD. I nodi della Lega su questioni importanti come il conflitto di interesse, la giustizia, la corruzione sono ancora tutti da sciogliere ma ritengo che il PD, e lo dico da suo ex elettore, avrebbe remato contro ogni possibile ipotesi di vero cambiamento. Ritengo che sotto questo aspetto sarebbe stato ancora più inaffidabile, essendo il vero e proprio body guard dell'ancien regime.
    Detto questo, sono assolutamente convinto che oltre contratto, trovata geniale, tra Lega e il Movimento non vi sia nient'altro. Anzi, ritengo che la Lega sia l'antagonista numero uno del M5S. Molti oggi notano la grande visibilità che i media stanno dando a Salvini, in realtà, quest'avviene già dalla comparsa del Movimento nelle istituzioni. È dal 2013 che Salvini impazza in tutte le televisioni e a tutte le ore. La Lega, dal 2013, è l'antipolitica che il sistema piddoberluschino offre al paese per far fuori il M5S. Oggi ancora di più. Come vediamo, media, pseudointellettuali, pseudo opinionisti, pur contestando lo presentano come un furbone, un decisionista, come l'ennesimo "miglior statista degli ultimi 150 anni". Nonostante questo penso che le probabilità che il governo arrivi a fine legislatura siano tantissime. Conviene ad entrambi. Il M5S vuole veramente incidere sulla carne viva del paese, cambiando l'approccio alla politica, nella forma e nella sostanza. La Lega sa che da questa collaborazione ha solo da guadagnarci, permettendogli, oltre a fare le sue cose, cosa che con il Berlusca, ossessionato dalle sue priorità, avrebbe avuto maggiori difficoltà a portare avanti, di scrollarsi, almeno nell'apparenza, il vecchiune e l'anacronismo dell'appartenenza alla vecchia politica.
    La mia speranza è che da tutto questo possa nascere l'occasione, e i presupposti ci sono, per dare una reale svolta all'Italia, ma fondamentale è che alla fine di tutto questo, tornare antagonisti della Lega. Loro non sono e non saranno mai noi e noi, come tutte le cose umane il rischio c'è, non dovremmo mai essere loro, inteso come Sistema.

    RispondiElimina
  14. Il tema immigrazione è scottante ed è controproducente dividerci tra noi in polemiche che non portano a nulla. Che sia un politico o un altro ad affrontare una situazione che non può più attendere di essere disciplinata, non importa. Ciò che conta è affrontarla in termini razionali cercando di eliminare tutte le storture e le degenerazioni che ruotano attorno a questo problema.
    È avvilente, peraltro, vedere il ministro dell’interno essere preso di mira soltanto perché appartiene ad un partito piuttosto che ad un altro. Queste diatribe non giovano a nessuno, soprattutto quando si tirano in ballo termini pesanti che richiamano il razzismo e la xenofobia, argomenti strumentali a chi antepone il pregiudizio e l’ideologia all'urgenza pratica di non lasciare sola l’Italia nella tragica gestione dei flussi migratori.

    RispondiElimina
  15. Scusa se mi approprio di un intercalare affatto ligure: ma che minchia significa non amo la lega, apprezzo il governo?

    RispondiElimina
  16. Anche a me piacciono le società multietniche, rispetto tutte le etnie, peró pretendo rispetto per la mia. Purtroppo in Italia non è così che funziona , manca il rispetto da tutte le componenti. Rispetto significa parità di diritti . Diritto al lavoro , come all'istruzione o alla salute. Recarsi in ufficio e trovare i colleghi di etnie diverse, tuoi pari grado. Funziona così? Non credo proprio . Allora , iniziamo a leggere la realtà per quella che é , non per quella che ipocritamente immaginiamo . Orlando inizi a far pulire le strade prima di parlare l'arabo e vedere luci, dove lui proprio ne è cieco. O le tiene sporche per far sentire gli immigrati etnicamente a loro agio ?
    Sulla Lega. Bando alle polemiche, la Lega sta cercando di mettere un po di ordine nel caos, generato dal PD, cinghia di trasmissione politica dei voleri della globalizzazione. Non leggo odio, ma rispetto per l'etnia di appartenenza!

    RispondiElimina
  17. . Lei si arrampica sugli specchi pur di difendere un movimento senza idee e senza programma fatto da incompetenti, ignoranti e senzza mestiere.Non ama la lega ma ne condivide le politiche

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non mi arrampico su nulla. Piuttosto "lei" signor anonimo chi cavolo difende? Lo può dire non se ne vergogni e stiasereno che qui sarà trattato come merita chi ha il coraggio di scrivere senza la ridicola maschera dell'anonimato.

      Elimina
    2. Sa perchè non metto il mio nome? semplice non mi fido di lei ed il suo blog che potrebbe dico potrebbe essere collegato alle peggiori cose poi visto il ministro degli interni che abbiamo anzi avete,tragga le conclusioni. non per niente chi scrive da lei è praticamente sulla sua identica linea.

      Elimina
    3. Di solito ci vuole molto per stupirmi. Sono abituato a leggere e sentire di tutto. Ma lei riesce a farlo. Non è poca cosa.

      Elimina
    4. La credo visto il lavoro che fa le capiterà di tutto

      Elimina
  18. Giacomo Ferraro18 luglio 2018 12:39

    Indubbiamente Salvini ha un atteggiamento forse esageratamente autoritario, ma dopo tanti anni di menefreghismo e di strafottenza politica un po di decisionismo credo ci possa stare per cercare di stabilire un po d'ordine.

    RispondiElimina
  19. Mariagrazia Melia18 luglio 2018 12:42

    NON E' SOLO SALVINI A LOTTARE CONTRO 'L'IMMIGRAZIONE SOSTITUTIVA' E' il GOVERNO M5S- LEGA. FATEVENE UNA RAGIONE

    RispondiElimina
  20. A me non piace l'atteggiamento sprezzante verso Salvini. Se devo dirla tutta, i politici a 5 stelle stanno mostrando più coerenza e più intenzione di governare, ben sapendo che se si sfascia questo governo, soprattutto adesso che ancora non si è realizzato praticamente nulla, non è detto che l'occasione si ripresenterà. I giudici della procura di Torino per la terza volta tornano all'assalto di Salvini, vogliono processato perché in una sua critica ha detto dei magistrati cose che tantissimi italiani pensano. Se i 5 stelle non guarderanno in faccia a nessuno è faranno processare Salvini il governo si dissolverà e alle prossime elezioni Salvini andrà vicino alla maggioranza assoluta.

    RispondiElimina