sabato 30 giugno 2018

MIGRANTI. CHI C'È DIETRO LA DIABOLICA STRATEGIA

Chi c'è dietrodi Silvio Barbata - Mi stupisco, ma colgo la strategia diabolica che ci sta dietro, di come sembra così difficile per la gente in genere (è un tipico fenomeno di plagio di massa) ragionare semplicemente senza filtri mentali e in modo razionale.
Riprendere il binario dei principi... è evidente come il sole splendente che "l'immigrantismo" ideologico, pianificato è radicalmente immorale. Non c'è nessuna differenza essenziale con la tratta degli schiavi del XVII-XVIII secolo e le ONG sono i nuovi negrieri del XXI.

immigrati_africaLa diabolicità poi consiste nella sottile mistificazione del fenomeno che viene ammantato di umanitarismo con l'etichetta dell'accoglienza. Proporre la tratta "organizzata" di 500.000 africani all'anno distribuiti in Europa (per impedire dicono l'immigrazione illegale) è la prova di chi siano i veri razzisti, infatti, il "razzismo", propriamente, è l'idea che un essere umano sia inferiore o superiore per la mera appartenenza a un "genotipo", idea dalla quale io personalmente e anche Salvini siamo lontanissimi. Lo sono invece appunto coloro che propongono tale commercio preordinato a tavolino allo scopo di "usare" quel genotipo per il lavoro di massa in Europa, a basso costo e con diritti minimi, in sostanza uno schiavismo legalizzato come in epoca romana o come nell'America dei secoli a cui facevamo riferimento.

Il non razzista, invece, considera l'uomo per il suo valore morale, per la sua appartenenza culturale (l'uomo è la sua cultura questo ci differenzia dagli animali, perché la cultura tocca l'ontologia della persona), per la sua identità relativa a una tradizione, una Patria, gli antenati, un linguaggio... ora: "CUI PRODEST SCELUS IS FECIT" (Colui al quale il delitto porta giovamento, quello ne è l'autore), come in una indagine bisogna risalire a coloro a cui conviene spingere a questa immigrazione che sta svuotando l'Africa delle sue forze migliori e dove stanno rimanendo solo anziani, bambini mal nutriti, malati e la maggior parte delle donne.

L'Africa si estende per 30 milioni di km² e 1 miliardo e 200 milioni di abitanti, con un densità di 36 abitanti a km² (molto bassa); l'Italia ne ha 200,46 con una densità alta. È risaputo che più alta è la densità di una popolazione più aumenta il rischio ambientale e sociologico per ovvie ragioni.

Chi paga le ONG a 11 mila euro al giorno di costo...? non si sa bene da dove arrivi questo fiume di denaro; due sono i poli che hanno interesse all'immigrantismo organizzato e camuffato:

africa-cinese-584659.660x3681) la Cina sta costruendo in Africa enormi città con lo scopo di alleggerire il suo territorio sovraffollato - la Cina è un mostro disumano, l'ibrido che è venuto fuori tra maoismo e capitalismo ma che crollerà in modo rovinoso;

2) gli Emirati Arabi, la maggior parte delle persone che proviene dall'Africa è di religione islamica, una massa di 500.000 mussulmani all'anno in Europa voi pensate che abbia effetti neutri? La stessa Chiesa Cattolica ha proposto questa strategia dell'immigrazione programmata... mi chiedo come sia possibile, che cosa frulla nella testa dei vescovi della CEI; se così andasse nel giro di pochi anni ci troveremmo un'Africa svuotata di Africani e un'Europa svuotata di europei e quasi del tutto islamizzata e africanizzata senza più la sua cultura che andava dalla filosofia greca, passando per la romanità, all'illuminismo, fino alle moderne democrazie; il risultato sarebbe una massa plebea dedita al lavoro e una ristretta elites di controllo.

1530013889-papa-francesco-riceveQuindi lotta ai veri razzisti e che ben vengano i provvedimenti e le prese di posizione sacrosante di questo governo e dei governi in Europa che vogliono impedire il commercio di essere umani dall'Africa.

P.S. la Francia riceve dall'Africa miliardi di euro di tasse dalle ex colonie... e Macron accusa l'Italia di egoismo.

Silvio BarbataSilvio Barbata
30 Giugno 2018

27 commenti:

  1. Come si fa a non condividere ? Occorre trovare il giusto antidoto per questo nuovo razzismo dello sfruttamento umano e dell'annientamento delle culture . Un vero e proprio genocidio si sta perpetuando , a danno di culture , col fine di eliminare quelle resistenze antropologiche e del diritto che ogni popolo costruisce a difesa della propria identità ! Viene propagandato un finto umanitarismo , custodito in ogni cuore di essere umano per impedire una serena valutazione oggettiva e politica del fenomeno . Raramente si tratta di profughi in fuga da guerre , spesso di traghettamenti di braccia umane , le migliori della loro terra , come descrive l'autore , indotte a "migrare" verso la promessa di un benessere che non esiste , neanche per i locali . Tutto pagato ! Dai 5 ai 10 mila dollari per affrontare il lungo viaggio . Occorre trovare i responsabili , diffidarli , processarli , come i criminali nazisti lo furono nei decenni passati .

    RispondiElimina
  2. Mi sono francamente stufato, sia di ogni eccesso buonista sterile e inconcludente, che di ogni esagerazione razzista con cui si affronta il problema dell’immigrazione. Sono convinto che il massimo responsabile della diffusione di sentimenti di intolleranza sia la stupidità con cui, di fronte a un dramma di proporzioni così imponenti, si risponde con luoghi comuni, frasi del Vangelo, porte spalancate e falsa umanità. Finchè non si ragionerà in termini razionali, con la consapevolezza che nessun Paese al mondo è in grado di offrire ospitalità senza porsi un limite, il salvinismo prospererà indisturbato. La sinistra, per aver indossato i paraocchi in tema di immigrazione ha dilapidato tutti i propri consensi. Siamo tutti buoni, solidali, multiculturali, accoglienti ma questo non può giustificare un atteggiamento passivo di fronte ad un fenomeno con cui faremo i conti per altri 50 anni. Lo ha capito tutta l’Europa che non risulta essere razzista (Parigi è la capitale più multietnica d’Europa dove tantissimi neri lavorano nella pubblica amministrazione). Dunque occorrono soluzioni razionali, capaci di armonizzare la solidarietà con le esigenze di sicurezza dei cittadini, con la situazione economica dei Paesi ospitanti, con le condizioni umane, igieniche e abitative da assicurare a chi arriva dall’Africa. Chi non tiene conto di queste esigenze ragiona, a sua volta, da razzista. Senza una equa ripartizione delle presenze straniere tra i vari Stati, senza una tregua sugli sbarchi nei nostri porti, senza una moratoria di arrivi stranieri (magari per occuparsi meglio di chi c’è già), la lotta tra “buoni e cattivi” è destinata ad acuirsi. L’Europa cominci intanto a pareggiare i conti con gli sbarchi nei nostri porti, e poi ne riparliamo.

    RispondiElimina
  3. Claudia Cremonesini30 giugno 2018 15:47

    Appunto, qua c’è qualcuno che, ad arte, addomestica le notizie e mostra un panorama che non è reale ma è socialmente distorto... nessuno è stato rimandato a casa se viene qua per lavorare e condurre una vita regolare (ce ne sono tanti e si sono inseriti benissimo) qua si parla di immigrazione non controllata e selvaggia che è un’altra cosa... smettiamola di fare gli ipocriti!!!

    RispondiElimina
  4. Franco Gentile30 giugno 2018 15:49

    Concordo parola per parole. Sinceramente sono stufo di leggere ipocrite manifestazioni di solidarietà e di condanna espresse tanto per essere presenti ma prive dei contenuti di uyna solidarietà costruttiva per tutti e sparrtita, equamente, tra tutti. Certe condanne, a priori e irriflessive, sull'operato dei responsabioli hanno solo il sapore di una superficialità ignorante.

    RispondiElimina
  5. Non dimentichiamo gli zingari e gli omosessuali, e poi il problema dei parcheggi.

    RispondiElimina
  6. MIGRANTI. CHI C’E’ DIETRO LA DIABOLICA STRATEGIA? È più importante chi c’è davanti: “L’essere umano”.
    L’analisi del fenomeno migrazione esposta nell’articolo ha un solo obiettivo: quello di approvare e giustificare i provvedimenti di questo governo e dei governi dei paesi membri della comunità europea. Provvedimenti ispirati all’accordo, non accordo, dell’altro ieri che sostanzialmente dice: “Ognuno faccia quel che vuole!” Mi chiedo se dopo un simile accordo si può parlare di Europa unita e soprattutto che fine hanno fatto i valori fondanti del Manifesto di Ventotene “Per un’Europa libera e unita”. Nella parte finale del Manifesto si affermava: “Oggi è il momento in cui bisogna saper gettare via vecchi fardelli divenuti ingombranti, tenersi pronti al nuovo che sopraggiunge, così diverso da tutto quello che si era immaginato, scartare gli inetti fra i vecchi e suscitare nuove energie fra i giovani. Oggi si cercano e si incontrano, cominciando a tessere la trama del futuro, coloro che hanno scorto i motivi dell'attuale crisi della civiltà europea, e che perciò raccolgono l'eredità di tutti i movimenti di elevazione dell'umanità, naufragati per incomprensioni del fine da raggiungere o dei mezzi come raggiungerlo. La via da percorrere non è facile, né sicura. Ma deve essere percorsa, e lo sarà!” Quella via non è stata percorsa, dobbiamo dichiarare che il progetto è fallito! È fallito per l’incapacità di organizzare e governare in modo unitario un fenomeno epocale e che tende ad aumentare: la migrazione dei popoli. Si preferisce analizzare i fenomeni, che esistono, di sfruttamento ma non si pone l’accento sulle cause che influenzano le migrazioni. Si emigra per migliorare le proprie condizioni di vita sociale ed economica. Si emigra per gravi fattori come guerre e disastri ambientali. Un fenomeno che poteva essere gestito con la solidarietà e la giusta ripartizione dei flussi migratori in tutti i paesi dell’Unione. No! È stato impossibile per il prevalere degli interessi egoistici, addirittura qualcuno ha voluto sancire, nella costituzione, il divieto di accettare emigranti. Incedibile! Ma è vero! Per questi motivi l’unico accordo che dovrebbero sancire i 28 paesi membri è lo scioglimento dell’Unione Europea perché sono venuti meno i valori umani della solidarietà fra i popoli europei e il resto del mondo. In Italia si colgono sentimenti e pareri contrastanti, fra i cittadini e le istituzioni, che esprimono disagio, indifferenza, incapacità e la volontà di lasciare il problema fuori dalla porta. Roberto Fico, presidente della Camera, terza carica dello Stato dice: “I porti non li chiuderei”. Luigi Di Maio, ministro e vicepresidente del Consiglio, all’affermazione di Fico risponde: “Parla a titolo personale”. Questo è il quadro della situazione che dalla politica si riflette nell’opinione pubblica. In questo momento il mio sentimento è quello di ripulsa: quando vedo giocare i miei tre nipoti penso a quei tre bambini che non lo potranno più fare perché il mare che doveva rappresentare il loro traghettamento in un mondo migliore gli è stato fatale. Qualcuno dovrà pur rispondere per questo ennesimo misfatto che nessuna analisi potrà mai giustificare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cettina Alongi1 luglio 2018 09:42

      Condivido in gran parte il tuo commento, però non possiamo dimenticare che i bimbi sono le vittime innocenti perché chi decide per loro, i genitori, con grande incoscienza li mettono si un barcone esponendoli a rischi terribili!

      Elimina
  7. Silvio Barbata1 luglio 2018 09:37

    La solita riflessione fatta su basi pregiudiziali...di fronte ad una analisi razionale con cause ed effetti sinteticamente ma precisamente esposti, si ha subito la reazione di fastidio delle menti condizionate ideologicamente...che si trastullano in un comodo idealismo astratto dove prevale una sostanziale ignoranza della complessità antropologica...la superficialità nell'avanzare una facile e inflazionata affermazione: "Si emigra per migliorare le proprie condizioni di vita sociale ed economica. Si emigra per gravi fattori come guerre e disastri ambientali." è scoraggiante osservare l'approssimazione analitica; siamo sicuri di quali siano i motivi e sono gli stessi per tutti? siamo sicuri che venendo qui migliorino la loro vita? inoltre il fenomeno a cui assistiamo che parte esclusivamente dall'Africa non può essere definito in senso proprio "emigrazione" ...ma traffico di esseri umani. Per concludere; quando si fa un'analisi bisogna prima avere la capacità di proporre alternative che contengano soluzioni operative complesse articolate e organiche che in primis siano indirizzate a rimuovere alla fonte la causa dei problemi...e non solo attraverso la solita fallacia retorica strumentalizzando demagogicamente il fenomeno rispetto alle conseguenze: questo è il vero razzismo, mettetevelo in testa. P.S. risulta inoltre insopportabile la scorrettezza intellettuale che mira a denigrare l'avversario estrapolando capziosamente (fallacia retorica) un particolare estendendolo come se fosse assoluto e totalizzante. A "porti aperti" sono morti nel mediterraneo 35.000 (trentacinquemila) affogati nel periodo rezi-gentiloni; forse Romano non sa tenere i conti? Forse ai veri razzisti cioè coloro che fomentano "l'immigrantismo ideologico" dà fastidio che questo governo sta mettendo di fronte alle loro responsabilità Francia, Spagna, Germania trincerate da anni dentro la loro ipocrisia interessata e spietatamente cinica...il bombarolo macron (hanno incendiato la Libia) ha l'ardire di definire l'Italia egoista; ricordiamo a sanchez che il suo degno compare zapatero cannoneggiò i migranti al largo di Gibilterra. Questi comportamenti sono talmente vili e abietti da suscitare un'indignazione assoluta e totale..altro che "Europa" unita! Sono solo interessati ai soldi. Questo governo sta agendo secondo giustizia, finalmente!

    RispondiElimina
  8. Cettina Alongi1 luglio 2018 09:39

    Io spero davvero che continuino a fare sul serio non solo Salvini ma tutti i Ministri di questo governo!
    Le critiche su sa che provengono da chi già ha avuto in mano il governo è non ha saputo fare!

    RispondiElimina
  9. Mariagrazia Melia1 luglio 2018 09:41

    Nessuno è razzista: Se non si è capito che l'INVASIONE DI MASSA NON HA NULLA A CHE FARE CON L'ACCOGLIENZA mi spiace per chi non ha capito.

    RispondiElimina
  10. Cettina Alongi1 luglio 2018 09:44

    E purtroppo nessun governo in Italia è stato capace di arrestare il flusso migratorio e garantire una forma di vita decente. Non so se hai mai visto un campo di accoglienza, ma spesso è meglio annegare che patire una forma di vita impossibile!

    RispondiElimina
  11. Mario Bajardi1 luglio 2018 09:45

    Perché non ci curiamo nemmeno del vicino di casa e invece… non è razzismo questo. Coscienza del fatto che ci sia qualche cosa di strano... Morire non è solo in mare, lo può essere trovarsi a casa a Ballarò nel delirio sociale e avere 7 anni… ponderiamo tutti.

    RispondiElimina
  12. Un articolo degno dei veri amanti della dietrologia: ” Nel linguaggio politico e giornalistico indica, con intonazione polemica, la tendenza ad assegnare ai fatti della vita pubblica cause diverse da quelle dichiarate o apparenti, ipotizzando spesso motivazioni segrete, con la pretesa di conoscere ciò che effettivamente «sta dietro» a ogni singolo evento”. (secondo il vocabolario Treccani). Silvio Barbata, a te non risulta che prima di quei due poli da te citati, ci siano state le potenze coloniali che abbiano depredato l’intero continente prima della Cina? Questo è il motivo che milioni di persone rischiano la vita per attraversare il Mediterraneo non quelle manovre da te elencate senza averne alcuna conoscenza, se non, qualche notizia di giornalisti visionari. Da anni l’Italia sta chiedendo solidarietà all’Europa, per condividere l’onere dell’immigrazione, quella stessa Europa di Francia, Inghilterra, Spagna, Belgio ecc. che dell’Africa ne hanno fatto una terra di espansionismo economico e militare. Perciò, l’esodo attraverso il Mediterraneo non è solo il risultato di miserie attuali, come tu descrivi, è la conseguenza del più grande crimine nella storia dell’umanità: un delitto perpetrato dalle nazioni sopracitate, aggiungo, che si continua ancora oggi con una vergognosa campagna di destabilizzazione provocando guerre e brutali genocidi interetnici, basta ricordare quello del Ruanda. Mi fa “piacere” che il tuo pensiero collima con quello di Salvini, così non ho più alcun dubbio sul tuo concetto di valore umano. Vedo che hai canali molto informati su chi finanzia le ONG, potresti essere un bravo informatore dei giudici di Catania e Caltanisetta che non ancora riescono ad esprimersi su delitti da te elencati!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvio Barbata1 luglio 2018 14:00

      Prima di criticare bisogna sgombrare la mente dai pregiudizi ideologici che portano a una continua fallacia retorica e a mentire a se stessi contro qualunque analisi razionale tanto da sfiorare il patologico...il colonialismo è senz'altro da condannare in linea di principio...ma dire che l'immigrazione programmata sia spontanea da un lato e poi citi le guerre ...è un'assoluta contraddizione logica; sballottando il pensiero in modo confuso dall'oggi all'altro ieri e attribuendo le cause al colonialismo è fuorviante perché materialmente non c'è, rispetto all'oggi, un nesso logico di causa-effetto. Nel contempo si nega spudoratamente quelle che con assoluta evidenza sono le cause dell'immigrantismo ideologico di oggi, cercando di nasconderle con il solito "mantra" del complottismo: che anima bella, secondo te al mondo i cattivi sono tutti in Italia e tutti gli altri non complottano affatto macron, sanchez, merkel, gli emirati arabi, la cina, sono tutti casti e puri! ...il parternalismo idealistico sull'immigrazione dall'Africa nasconde il vero razzismo che è tra l'altro intrinseco alla matrice antropologica marxista.

      Elimina
    2. Perché non la smettete con questa sciocchezza?

      Elimina
    3. Nino, hai perfettamente ragione, sono sciocchezze, ma non permetto che problemi di enorme gravità, possono essere risolti con stupide dietrologie.

      Elimina
  13. Egr. Silvio Barbata, ognuno ha le sue opinioni ma non affermare con troppa sufficienza che altri non sappiano valutare la realtà perchè a tuo modo di vedere sono condizionati da filtri mentali. L'Europa tutta, ha il dovere morale di riparare ad una drammatica situazione che ha creato in Africa in alcuni centinaia di anni. No è affatto una contraddizione la mia, ti ho spiegato con chiarezza i postumi che sono seguiti ad un colonialismo europeo e che quei guasti il vecchio continente ha l'obbligo morale di intervenire con le ricchezze che ha sottratto all'Africa. Tu parli solo di fantasiose dietrologie che potrai dimostrare solo con chiacchiere mediatiche. I falsi "profeti" quando intendono dare significato e/o inestistenti spiegazioni ai loro paradigmi, mettono in campo ridicole dietrologie difficili da dimostrare, se non, con la propria fantasia. Mi hai accusato che le mie opinioni sono parte di un evidente complottismo, che solo la tua fantasia riesce a vedere. Ti sono stato chiarissimo, e non ti permetto di accusarmi di matrice antropologica marxista, sono uno storico vaccinato contro i falsi proselitismi politici. Non sforzarti a fare le varie distinzioni di razzismo, in Italia esiste solo uno, quello propagandato dal tuo punto di riferimento: Salvini.

    RispondiElimina
  14. Sig. Luce, purtroppo Salvini è il riferimento di quasi tutto il blog. I 5 stelle affondano nella loro inconsistenza e i topi scappano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo blog non ha "riferimenti". Invece di scrivere minkiate in forma anonima cerchi entrare nel merito di ciò che viene pubblicato.

      Elimina
  15. Mariagrazia Melia2 luglio 2018 11:40

    Ci sono i PETROLIERI DELL'OPEC DIETRO QUESTA INVASIONE e Soros da' una mano. Non vi siete mai chiesti come mai il prezzo del barile scende ma quello della benzina è sempre uguale? Vi siete chiesti perché non compriamo petrolio dalla Russia? Perchè tutte quelle tasse su luce e gas. Be cominciate a farvi qualche domanda e leggete cosa chiedono i musulmani al nostro Governo. Dicono tra l'altro che hanno molti soldi per aiutarci nell'accoglienza. Chiedetevi chi finanzia le ong e perchè. Chiedetevelo, IL BUONISMO PUO' uccidere quando diventa stupidità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvio Barbata2 luglio 2018 18:16

      Qualcuno insiste nel dire che non esistono i "complotti"... La Cassazione ha sentenziato che il processo per la strage di via D'Amelio ha registrato il più contorto depistaggio della storia d'Italia… tanto per dirne una!

      Elimina
  16. Muoino annegati cento esseri umani al giorbo . Tutto nell'indiferenza generale o quasi in un malvagio compiacimento. Mi chiedo dove sia finita la fede in Dio. Vi leggo solo per capire l'aria che tira e sono molto scoraggiata. Guardo però gli splendidi ragazzi di sanra Chiara e trovo la forza per lottare e per amare. Sono persone con una loro storia ed una loro vita negata non sono numeri. Non mi aspettavo cose buone dal nuovo governo ma mai avrei immaginato tanta cattiveria.

    RispondiElimina
  17. Abbiamo tante volte parlato di emigranti ma quest’articolo di Silvio Barbata è un’evoluzione di una storia senza fine, di un fenomeno troppo esteso e drammatico. Molte volte ho letto dei riferimenti ai nostri emigranti italiani andavano in Australia, America, Belgio, Germania ed erano accolti. Talvolta soppesati nella loro resistenza fisica. Talvolta frutto di accordi politici fra stati Quando il fabbisogno di manodopera fu colmato, però, erano ricacciati indietro. Le frontiere chiuse. Con riferimento ai continui arrivi La situazione è completamente cambiata Abbiamo capito Infatti, di là dalle prese di posizione ufficiali, che promettevano, ospitalità, solidarietà e integrazione, alla prova dei fatti, che tutti gli stati europei si sono ritirati e che gli italiani sono gli accoglienti per eccellenza. Abbiamo capito, che la politica non è stata in grado di affrontare il problema, controllare le conseguenze sanitarie, i documenti e Quello che dice Silvio, è MOLTO INQUIETANTE. Riporta alla mente la grande e profetica Oriana Fallaci. Gli emigranti sono il cavallo di troia per invaderci? Il coinvolgimento dell’ONG è veramente deprimente e immorale. Niente armi ma solo un’invasione programmata e aiutata dai nostri politici di sinistra, che pensano, forse, di preparare i nuovi elettori. MACRON è UN MASCALZONE un’immorale e sulla Francia sono d’accordo ricadono le colpe maggiori Diceva Oriana che non esiste l’islam moderato. L’Eurabia è vicina? Questo è il mondo che lasceremo ai nostri figli e nipoti ?Meritiamo l’inferno.

    RispondiElimina
  18. é vero meritate l'inferno.

    RispondiElimina
  19. salvatore insinga4 luglio 2018 18:24

    La mancanza di classe dirigente del m5s pesa come un macigno. Errori troppo grossolani, primo tra tutti non fare la staffetta con Salvini iniziando da Di Maio, secondo essersi accordati su un presidente del consiglio a dir poco imbarazzante. Dopo le europee si tornerà al voto, stravincerà in centro destra a guida lghista e si sarà chiusa la parentesi Grillina.

    RispondiElimina
  20. lacrime di coccodrillo le sue visto che li ha votati.

    RispondiElimina
  21. salvatore insinga4 luglio 2018 19:16

    Li ho votati per fare opposizione certo che vincesse il centrodestra. l'alleanze non erano previste poi con Salvini meno che mai. ma poi lei chi è ?

    RispondiElimina