venerdì 27 aprile 2018

È IL MOMENTO DELLA RESPONSABILITÀ

Copertina responsabilitàdi Giangiuseppe Gattuso - Insomma, questi grillini che fanno. Propongono ai partiti qualcosa di diverso che niente ha a che fare con le procedure e i riti delle passate legislature.
La loro anima post ideologica e trasversale consente di guardare un campo e un orizzonte più vasto senza troppe difficoltà.

Un contratto di governo basato su alcuni punti qualificanti per affrontare e tentare di risolvere alcuni dei problemi di questo Paese. E lo fanno perché il risultato elettorale non assegna a nessuno la maggioranza parlamentare, ma stabilisce che il M5S è indubbiamente la prima forza.

Roma, conferenza stampa congiunta dei leader di centrodestraLa cosiddetta coalizione di CDX, formata da FI Lega e FdI, pur avendo complessivamente più voti non raggiunge ugualmente la maggioranza. E non è superfluo sottolineare che le differenze e le divisioni tra i tre partiti sono marcate e profonde. L'altra coalizione di CSX, incentrata sul PD, è ancora più lontana da qualsiasi maggioranza che non preveda un'intesa.

La prima ipotesi di accordo tra CDX e M5S, indicata da Mattarella alla Presidente del Senato Casellati, si è esaurita. L’impossibilità della Lega di sganciarsi dall'abbraccio di Berlusconi per motivi, alcuni evidenti, altri meno, ha, così stando le cose, reso vano il proseguimento del tentativo. Il limite posto dal M5S nei confronti di Berlusconi e Forza Italia ha fatto il resto.

Adesso siamo nel bel mezzo della seconda opzione, quella tra M5S e Partito Democratico. Il Presidente della Camera Fico ha rimesso il mandato nelle mani del Capo dello Stato ritenendo avviato un ragionamento tra le due forze antagoniste. Gli altri partiti della coalizione sono pressoché irrilevanti.

Roberto_Fico_Quirinale_675Cosa accadrà è difficile saperlo. Intanto emergono e si sottolineano differenze, distanze, si rimarcano posizioni, si acuiscono ferite pregresse. Vengono attribuite responsabilità, i media ripetono e rilanciano le accuse della campagna elettorale infierendo con sadica cattiveria. Come se quando dopo una guerra sanguinosa e si firma la pace si avviasse una campagna propagandistica sulle atrocità infinite che ogni battaglia comporta. Stupidi.

Ma se l’esempio delle guerre può risultare azzardato, nessuno può non riconoscere che dopo la loro fine inizia sempre una nuova stagione. E ciò non può esserlo per la battaglia elettorale e i risultati che ne conseguono?

Ecco, credo proprio che il nocciolo della questione sia da ricercare nella mancanza di maturità “politica” che risiede in gran parte degli attori più importanti, ma anche di parecchi elettori. Che continuano a guerreggiare come se la contesa non fosse mai finita. Lo fanno in rete, si accapigliano sui social. E in televisione ogni giorno si apre il teatro dell’ovvio e delle opinioni in libertà dei soliti e nuovi tromboni.

Ma emerge anche qualche sensibilità, si tentano mediazioni e si comincia a riflettere.

mattarella_ficoQuesto è il momento della responsabilità. Il momento nel quale ognuno avrebbe il dovere di metterci qualcosa, di sottolineare ciò su cui trovare punti di convergenza per un’intesa. È la stagione nuova che si apre dopo il pesante inverno, dopo le fatiche della campagna elettorale e la certificazione della linea da intraprendere con il sigillo dell’espressione popolare. Il rito si è celebrato e consumato interamente il 4 marzo scorso. Non serve continuare. Non giova a nessuno. Chi lo fa non cerca il bene dell'Italia.

La Politica è passione, è un’arte bellissima, è spendersi per la comunità. La Politica è visione, rigore morale, serva a migliorare noi stessi e la società. È un sentimento innato che emerge in ogni cittadino di buona volontà. È la voglia di fare, di immaginare il futuro. È il mettersi in gioco senza tornaconto. È partecipazione democratica per contribuire al cambiamento.

Le dietrologie, le vendette, i risentimenti, i dispetti, fanno esclusivamente parte delle miserie umane. La Politica è oltre.

Giangiuseppe Gattuso
27 Aprile 2018

80 commenti:

  1. Sig Gattuso é sorprendente la sua capacità di suonale qualsiasi musica. Basta passarle uno spartito e Lei esegue alla perfezione. Mi voglio sinceramente complimentare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido quanto da te scritto sig. "Anonimo", il responsabile del blog, quando vuole e gli fa comodo, sa ben argomentare. Capisce che ora dovrebbe prevalere il senso della responsabilità, ma lo fa solo per il motivo di vedere il suo Giggino nelle vesti di premier. In altre circostanze, quando è necessario questo senso di responsabilità, lui insulta ed accusa di SPAG chi non condivide le sue assurde teorie pentastellate. A lui piace provocare e divertirsi da dio, sui tifosi che si scannano e si insultano. Poi ha il coraggio di affermare che la politica è passione!!!!

      Elimina
  2. salvatore insinga27 aprile 2018 20:03

    Un errore non fare il governo con il centro destra. Adesso si tornerà a votare e il centro destra vincerà da solo ed avrà la maggioranza. Compito esagerato a Di Maio che non riuscirà a concludere niente, troppo egoceinrico uguale a Renzi e Berlusconi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andrea Colombo28 aprile 2018 00:09

      I collusi con la mafia vanno lasciati al loro posto, possibilmente oltre le sbarre.
      L'onestà da solo buoni frutti.

      Elimina
  3. Il problema sono i privilegi a rischio, tutti partiti e partitelli li vogliono mantenere invariati, tranne uno, e faranno di tutto per tenere fuori quel partito "non in riga"

    RispondiElimina
  4. Boschetti Vinicio27 aprile 2018 22:04

    Di Maio deve tornare a fare il "bibitaro" non è all'altezza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andrea Colombo28 aprile 2018 00:12

      Il posto è già occupato da quello di Firenze, se si libera ci faccia sapere...

      Elimina
  5. Considerazioni giuste se non fosse che le ritengo utopistiche per una situazione incancrenitasi nell'arco di questi ultimi anni. Non vedo altre soluzioni se non le elezioni subito magari con una nuova legge elettorale a doppio turno alla francese, se riescono a farla, ma lo ritengo improbabile.

    RispondiElimina
  6. Giusto! "La Politica è passione, è visione, rigore morale, serva a migliorare noi stessi e la società" ... o almeno è ciò a cui tutti gli esseri raziocinanti dovrebbero credere fermamente. Purtroppo siamo in Italia, siamo in minoranza ma non getteremo mai la spugna! ��

    RispondiElimina
  7. Ottime considerazioni. Peccato, però, che non si farà nulla nemmeno col PD. Colpa del M5S? No. Colpa di Renzi, che tiene ancora saldamente in mano il suo partito con le sue finte dimissioni da segretario e che non vuole sapere di fare accordi con Di Maio.
    È una situazione speculare a quella di Salvini, che non ha potuto fare altro che ubbidire al veto di Berlusconi.
    I media, ovviamente, sono tutti impegnati a dare una versione capovolta di questa realtà, cercando di far credere che sia il M5S a tenere lo stallo.
    Se posso esprimere il mio parere, tutto avrà come epilogo il governissimo PD-CDX che suggellerà lo scopo per il quale è stato "inventato" il Rosatellum, la legge elettorale più vergognosa e incostituzionale del dopoguerra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andrea Colombo28 aprile 2018 00:18

      Merito di Renzi, non colpa: il fallimento di ogni dialogo è previsto e voluto da tempo, e non solo da lui.
      Se va il M5S al governo, chi coprirà gli scandali come Expo & Mose?? Chi approverà le leggi ad personam??

      Praticamente un disastro. Ma solo per qualcuno che già conosciamo bene.

      Elimina
    2. Continuate pure su questa strada!! Continuate ad accusare gli avversari politici, tutti ladri e corrotti. Continuate pure a rendere l'aria irrespirabile, così il M5S non andrà mai a governare, se siete capaci prendete il 51% ed istaurate una bella dittatura ad opera della Casaleggio&Associati. Auguri.

      Elimina
    3. Andrea Colombo29 aprile 2018 23:38

      Non lo diciamo noi, ma la magistratura. Il fetore di corruzione non arriva dai 5s, stia pure tranquillo.
      Salvi rari casi, il curriculum dei politici, non m5s, corrisponde ai casellari giudiziari in mano alle procure...

      Elimina
    4. Lo dice la magistratura che sono tutti corrotti o è un modo che usate voi per raccattare consensi elettorali? Chi opera può sbagliare e chi sbaglia va in galera, ma non dite che sono tutti corrotti e voi siete i migliori, i paragoni si fanno dopo i risultati acquisiti. Io egr. sig. Colombo, odio Berlusconi perchè aveva il partito azienda, esattamemnte quello che avete voi, cambia solo il nome : Casaleggio and Associati. Tuttavia è ora di smetterla di colpevolizzare solo i politici!!!!

      Elimina
    5. Andrea Colombo30 aprile 2018 13:18

      Lo dicono gli scandali che negli anni hanno martoriato questo paese, vedi MPS, Expo, MOSE, ecc. ecc.: se si tratta di raccattare voti elettorali noi non possiamo farci nulla, piuttosto chiedete a quelli che rubano di non farci ulteriori "favori".

      Quanti che hanno sbagliato del PD sono stati messi alla porta?? Boschi?? De Luca?? Anche renzi per il caso De Benedetti??

      Per MPS chi è stato messo alla porta?? E per Expo?? Per il MOSE?? Per la TAV??
      Perché il PD non ha messo alla porta quei delinquenti, quelli che la magistratura non ha potuto toccare, che hanno contribuito a RUBARE i soldi degli italiani?? Che pulizia (non) avete fatto??
      Perchè i sindaci PD della Val di Susa sono stati espulsi solo perché contrari alla devastazione della valle & all'ennesima mangiatoia pubblica??

      I delinquenti vanno messi all'angolo, sempre e comunque. Va allontanato chiunque si arricchisce alle spalle di tutti i cittadini, politici e non. Se poi non è solo immorale, ma anche reato, ci penserà la magistratura.
      Voi i disonesti li tenete in casa, gelosamente, e pretendete pure di fare la morale.

      P.S. E' patetico mettere a confronto il nanetto, pluripreguidicato e colluso con cosa nostra, con una società che (almeno fino a evidenza certa) non ha una sola macchia addosso. I bilanci sono pubblici, gli scandali pure.

      Elimina
    6. Sig. Colombo, stai elencando una serie di delinquenti, ci sarebbe più coerenza se parli di sentenze passate in giudicato. E' semplice sparare a zero, ma per colpevolizzare occorrono processi. Certamente non possono essere processati coloro che non hanno mai gestito nulla. Badi che non sto difendendo nessuno, voglio solo mettere in evidenza che si sbaglia quando si parla a vanvera. Quando non vi conviene, i giornali sono di regime, quando accusano li osannate. Io vorrei soltanto che si smettesse con questo clima di guerra e si dialogasse di più. Tu parli solo dei politici, perchè non ti convinci che il popolo italiano è un popolo di corrotti e dedito al malaffare? Io spero che si smetta di colpevolizzare a destra e sinistra senza rendersi conto che va tutto a scapito di chi vuol vivere in pace ed essere seriamente amministrato. Il tifo, lasciamolo al settore calcistico che ogni giorno ci da esempi dello schifo che provoca.

      Elimina
    7. salvatore insinga30 aprile 2018 17:38

      Sig. Colombo il suo strabismo politico, la rende poco credibile anche agli occhi benevoli di uno come me.

      Elimina
    8. Andrea Colombo30 aprile 2018 19:48

      @Anonimo
      "se parli di sentenze passate in giudicato"
      BALLE.
      Per chi onestamente si porta a casa la pagnotta tutti i santi giorni, è la stessa cosa. Che sia un reato o meno, è comunque inaccettabile; altrove, è una regola non scritta che ha ben più valenza del codice giuridico.
      A maggior ragione chi dovrebbe dare l'esempio (chi ha detto partiti politici?), mettendo alla porta chi ambisce a incarichi pubblici e non si comporta in maniera decorosa.
      PD, FI, ecc. ecc. non espellono MAI le persone che hanno profili discutibili (sto usando toni gentili). De Luca Le dice niente?

      "il popolo italiano è un popolo di corrotti e dedito al malaffare"
      La corruzione così come l'arrivismo, sono atteggiamenti tristemente diffusi; ma comunque non è un giustificativo per continuare in questa direzione.
      Giustificarsi affermando "lo fanno tutti" è il peggio che si possa fare, e Lei lo sta accettando. Se ne dovrebbe vergognare.

      "Io spero che si smetta di colpevolizzare a destra e sinistra senza rendersi conto che va tutto a scapito di chi vuol vivere in pace ed essere seriamente amministrato"
      Le piacerebbe eh??
      Non darò (daremo?) mai questa soddisfazione: chi sbaglia (e con dolo) DEVE pagare, fino all'ultimo.

      @salvatore insinga
      Si chiama integrità morale.
      Per favore, prenda nota.

      Elimina
    9. Certo che mi mpiacerebbe vivere in pace, caro Colombo, ma per fare questo i provocatori e ne sono tanti, farebbero bene ad abbassare i toni e non lanciare accuse senza averne conoscenza. Il M5S chiede un cambiamento e offrire loro la fiducia senza contraddittorio e tentennamento: "è così e basta"!! Addirittura Di Maio vuole la fiducia con un "contratto al rialzo", cioè senza nemmeno fiatare. Affermano di essere loro e solo loro gli immacolati, ma non ti sembra un pò troppo? La politica deve certamente prendere un'altra svolta, ma non potrà mai essere una sola forza a dettarne le condizioni. Si dialoga, caro Colombo e per fare ciò si debbono abbassare i toni, ascoltare gli altri e non essere mandati a quel paese. Se a te questo piace, purtroppo io non lo condivido. E' tanto difficile capire queste norme basilari di convivenza civile? Il M5S deve abbandonare una volta per sempre l'idea di essere unico in grado di dettare le leggi della moralità e della democrazia, ma soprattutto di ritenersi "puro", perchè come diceva qualcuno c'è sempre chi poi ti epura. Forse la strada di nuove elezioni, potrebbe essere la migliore soluzione, con accordi preventivi di coalizioni, in quanto la meta della maggioranza assoluta è pura fantasia. Forse dimentichi che il M5S voleva il proporzionale puro e con quella percentuale, probabilmente avrebbe avuto qualche parlamentare in meno.

      Elimina
    10. Andrea Colombo30 aprile 2018 23:23

      "ma non ti sembra un pò troppo?"
      No, sono esigente e non scendo a compromessi con i disonesti.

      "non potrà mai essere una sola forza a dettarne le condizioni"
      Giusto, ne indichi un'altra che abbia DIMOSTRATO onestà: niente rimborsi elettorali (per intero, niente porcate tipo 2x1000), niente scambi di poltrone, presentazione a prima firma di leggi inevase da anni, rispetto dei referendum (acqua, nucleare, rimborsi elettorali), solo incensurati.
      Visto che non può rispondere, intanto la aiuto io: analizzando i fatti e non le chiacchiere, non ce ne sono oltre al M5S.

      "ascoltare gli altri e non essere mandati a quel paese"
      Nessun problema, più che disposto al dialogo come sto facendo ora: è sufficiente che la controparte smetta di delinquere. Oggi non accade.

      Elimina
    11. Caro Colombo chi ti dice che non so rispondere, il problema che tu ripeti sempre le stesse cose, disonestà gente che vuole cambiare, partiti tutti corrotti, il taglio dei vitalizi ecc. Questo è un argomento da trattare con altri discorsi che riguardano la giustizia, ed un nuovo assetto della struttura della Stato. Questi argomenti ormai sono stati trattati in tutte le salse, ma non sono sufficienti per un'Italia che ha una disoccupazione da far paura, un debito pubblico enorme. A questo sfacelo ha partecipato oltre ai politici, anche un popolo che considera lo Stato una vacca da mungere. Sono stato 40 anni in politica, in un piccolo paese della prov. di Foggia. Mi sono ritirato, perchè stanco, nel 2014, con un popolo che mi ama ancora. I reati perpetrati in Italia, in altre nazioni europee non si immaginano nemmeno. Per noi le leggi sono fatte per essere raggirate, non rispettate. L'evasione fiscale, il lavoro nero, dichiarare il falso, ecc. la nostra Italia è piena. Se cambiare gli uomini di governo, fosse la soluzione, tutti i nostri problemi li avremmo già risolti, ma non basta. Perciò, caro Colombo, come è il popolo così sono le istituzioni: c'è corruzione dappertutto, nelle forze dell'ordine, nella magistratura, nel popolo ed in tutte quelle istituzioni burocratiche che compongono la nostra struttura statale. In Italia, la cultura della legalità è quasi assente, perciò è del tutto inutile quando ci sforziamo a fare i paragoni con le altre nazioni. Tu sei davvero convinto che il M5S è in grado di poter modificare la struttura mentale del nostro popolo? Io non ci credo affatto, questi signori non sono italiani speciali, sono uguali a tutti gli altri. Ti risulta che il Presidente della Camera, Fico ha una lavorante in nero? Ecco questo è l'italiano: quello che evade le tasse, che timbra il cartellino allontanandosi dal posto di lavoro, sempre pronto a dichiarare il falso per non pagare il ticket sanitario, o le tasse universitarie per il proprio figlio, portare i propri risparmi all'estero per eludere il fisco. Potrei parlare per mesi interi, ecco perchè non accetto che FINALMENTE è arrivato il SOMMO PROFETA in grado di aggiustare l'Italia. Caro Colombo, io non sono affatto contro il M5S, o sofferente di SPAG come affermava il Gattuso,(non so se lo fa ancora) ma non credo minimamente di questo grosso potere che gli venga attribuito. Certamente il risultato elettorale è da tenere in considerazione, ma questo largo consenso, non è da attribuire esclusivamente ai motivi da te addotti. Stiamo attraversando un brutto periodo di crisi, in un sistema liberal-capitalistico nel quale affiorano molte crepe, in uno stato globalizzato dove le nostre imprese devono dare il meglio di sè anzichè delocalizzare all'estero le proprie imprese. Questa è l'Italia, questa è la nostra natura (CONSUETUDO EST ALTERA NATURA), non so se saremo in grado di migliorarla, con il solo sistema della criminalizzazione dell’avversario.

      Elimina
    12. PS. Tolgo l'anonimato, sono Franco Luce e sino a qualche anno fa, scrivevo su questo blog.

      Elimina
    13. Andrea Colombo3 maggio 2018 13:59

      "Questo è un argomento da trattare con altri discorsi che riguardano la giustizia, ed un nuovo assetto della struttura della Stato"
      Non sono d'accordo: sono le due facce della stessa moneta. La giustizia è regolata da chi scrive le leggi, che poi la magistratura dovrà (proverà) applicare in maniera oggettiva.
      Se chi scrive le leggi ha tutto l'interesse a rimanere impunito, hai così voglia a sperare in un cambiamento.

      "non sono sufficienti per un'Italia che ha una disoccupazione da far paura, un debito pubblico enorme"
      Anche in questo caso, non sono d'accordo.
      Disoccupazione e debito sono le dirette conseguenze di miopi visioni, a cortissimo raggio, sul futuro di questo paese.
      Tutto il nord Europa, così come il sud-est asiatico, sta puntando tutto su elettrico e solare (trasporti, mezzi movimento terra, automazione, ecc. ecc.). L'Italia no.
      Basterebbe solo questo per creare posti di lavoro, togliere inquinamento da petrolio e migliorare l'indipendenza energetica.
      Tanti paesi, europei e non, stanno puntando a queste soluzioni perché hanno una visione a 50 anni di quello che sarà il proprio paese. Il M5S ha già proposto questi temi e con questa lungimiranza, tutti gli altri no.
      Sempre promesse da Profeta, o forse occasioni mancate?
      Perché anche i peggiori possono, e il Paese del Risorgimento no????

      "Mi sono ritirato, perchè stanco"
      Lo comprendo, tante persone con qualche anno alle spalle mi ha confermato di essere sfiniti da una continua lotta ai mulini a vento. Non dico affatto che non sia concesso, solo di non negare questa possibilità a chi ha davanti una vita, compresa quella dei figli a cui, se non Le dispiace, vorrei lasciare in "dote" un Paese migliore di quello che ho trovato io.

      "Se cambiare gli uomini di governo, fosse la soluzione, tutti i nostri problemi li avremmo già risolti, ma non basta"
      Non sono d'accordo, vedi sopra.
      Sono GLI uomini che DEVONO rispettare delle regole a fare la differenza. Personalmente, che sia Di Maio, Fico, Di Battista o l'ultimo tra i parlamentari in ordine di tempo, non fa differenza: mi importa che siano rispettate in maniera ferrea le regole che ci siamo dati. Senza eccezioni.

      "la cultura della legalità è quasi assente, perciò è del tutto inutile quando ci sforziamo a fare i paragoni con le altre nazioni"
      E perché mai?? L'Italia può essere molto migliore di com'è oggi, e mi aspetto che cambi di molto, in meglio. Rassegnarsi non risolve alcunché.

      "Ecco questo è l'italiano: quello che evade le tasse, che timbra il cartellino allontanandosi dal posto di lavoro, sempre pronto a dichiarare il falso per non pagare il ticket sanitario, o le tasse universitarie per il proprio figlio, portare i propri risparmi all'estero per eludere il fisco"
      Proprio per questo va invertita la rotta, altrimenti continueremo a essere il paese dei furbi ma stupidi, che pensano di essere i migliori e invece sono i più fessi di tutti; parlo di innovazione, inquinamento ambientale, morti premature, ecc. ecc.

      "non accetto che FINALMENTE è arrivato il SOMMO PROFETA in grado di aggiustare l'Italia"
      Non è l'individuo a fare la differenza, ma l'insieme di persone e regole che posso cambiare il modo di pensare. Pensare che sia Di Maio, o chi per lui, che da solo possa fare il miracolo è semplicemente da ingenui (ingenui se in buona fede, s'intende). Di promessi salvatori della patria ne abbiamo già avuti, e i risultati già li conosciamo bene.

      "non so se saremo in grado di migliorarla, con il solo sistema della criminalizzazione dell’avversario"
      Nessuno criminalizza a priori, ma pensare che la situazione possa essere risolta da chi il problema l'ha creato, con dolo, è da folli.

      Chi ha fatto danni, è buona cosa che se ne stia in disparte.

      P.S. Grazie di essersi firmato: ora so chi scrive, oltre che non è in malafede.

      Elimina
  8. Raffaella Schiavone27 aprile 2018 23:17

    Trovo vergognoso che,per attaccare Di Maio,offende chi svolge lavori umili...queste persone sono di una bassezza morale enorme ! Loro si che stanno bene con renzusconi...finchè dura...ma per quanto tempo ancora riusciranno ad ingannare i cittadini con i loro trucchetti elettorali? Prima o poi..........

    RispondiElimina
  9. Come era facile immaginare il metodo della proposizione di un “contratto di governo” alla Lega e al PD, da parte di Di Maio è stato strumentalizzato, immiserito, ridicolizzato. Il rifiuto a sedersi accanto ad un condannato e malvissuto come B. per definire un programma è stato definito dal Cdx e dalla stampa di regime come il capriccio di un ragazzotto, senza mai dire che Di Maio poneva correttamente un problema etico e morale prima che politico. Il PD da parte sua ha avuto gioco facile nel respingere ogni contatto col 5Stelle, dichiarandosi offeso e vilipeso per essere stato considerato come seconda scelta. E’ passato, dunque, il messaggio che Di Maio sbava per il potere ed è disposto ad ogni compromesso pur di arrivare a Palazzo Chigi. Tutto ciò premesso e fatta salva l’assoluta buona fede del gruppo dirigente del M5S, la strategia adottata ha prestato il fianco alle speculazioni politiche commettendo, secondo me, molti errori di comunicazione. La conduzione dei rapporti con PD e Lega è apparsa altalenante, insicura, ambigua e anche rinunciataria. Al punto che solo adesso Di Maio sta correggendo il tiro, cambiando strategia e alzando i toni e l’asticella delle condizioni poste ai potenziali alleati. Tutto lascia prevedere che dopo la direzione farlocca del PD, composta da cloni di Renzi, la palla tornerà al centro. Spero che a Di Maio, ricevuto il niet del PD, non venga in mente di tornare al forno di Salvini perché penso che, a questo punto, il consenso del 5stelle comincia davvero a rischiare grosso. Tutti i tentativi sono già stati esperiti con serietà e responsabilità. Ogni altra forzatura farebbe il gioco di chi vuole delegittimare il M5S perciò si trovi il coraggio, in caso di fallimento col PD, di uscirne a testa alta e con dignità con un fragoroso BASTA.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marco Barberis28 aprile 2018 07:55

      Sono perfettamente d'accordo con te.

      Elimina
    2. Franco Gentile28 aprile 2018 10:15

      Assolutamente d'accordo! Non importa se si torna alle urne ed al più presto. Ovviamente e credo sia doveroso il farlo con una legge elettorale assolutamente in armonia con la Costituzione. Questa volta il Capo dello Stato non deve assolutamente prestarsi alle ambiguità del Centro Destra e dei suoi satelliti compreso il PD renziano!

      Elimina
  10. Non mi sorprende che Salvini abbia detto di no a Di Maio, come finora ha fatto anche il Pd di Renzi. Entrambi, non solo pee mero calcolo politico. Troppi gli interessi in gioco ai quali si aggiungono ideologie o presunte tali, ripicche e aspirazioni di poltrone che impedisce di guardare con volontà ad una proposta di governo, basata sulla sottoscrizione di un contratto sulle cose da realizzare nell'interesse del paese . Un concetto nuovo, diverso, serio ma non condivisibile per le logiche di sempre. Troppo intransigenti i grillini e troppe le proposte di cancellazioni di privilegi che rischierebbero di trasformarsi in legge. È di queste ore il feroce attacco ai 5 Stelle colpevoli voler eliminare i vitalizi, per non parlare della riduzione degli stipendi pee tutti i deputati. Altro che responsabilità

    RispondiElimina
  11. Il consenso per il M5S è molto a rischio in due casi su tre, entrambi con il movimento al governo, col PD o con la Lega. Per aumentare il suo consenso il M5S deve evitare assolutamente di andare al governo con i suoi numeri attuali. Ancora è presto, non è giunto ancora il momento giusto perchè i grillini governino l'Italia.
    Anzi, detto in maniera chiara, ora ma anche dopo,appena si insedierà al governo comincerà la sua inevitabile parabola discendente.
    Il motivo è lapalissiano: l'impossibilità di mantenere le promesse elettorali, soprattutto quella sul reddito di cittadinanza.
    Insisteranno con provvedimenti inutili all'economia della nazione ma utili per il consenso, come i tagli dei vitalizi e dei privilegi dei parlamentari. Inutili perchè di poco conto non potendo avere i relativi decreti effetti retroattivi.
    E poi vorrei proprio vedere, in caso di governo col PD, come potrebbero mandare avanti i loro furori moralizzatori con un partito che, come dice Travaglio, ha più indagati di Forza Italia.
    Se il loro scopo è quello di accrescere il consenso, devono fare sorgere un governo CDX-PD. Facciano fare un nuovo patto del nazareno, un nuovo Renzusconi e alle prossime elezioni supereranno sicuramente la soglia fatidica del 40%, cosa riuscita finora soltanto a Berlusconi qualche lustro fa.
    Tutto il resto è fuffa. Ovviamente parere mio personale.

    RispondiElimina
  12. Hanno paura del cambiamento perchè QUESTO cambiamento ribalterà tutto completamente. L'ideologia politica che, purtroppo, regna sovrana da 40 anni è piena di "gne-gne", calci in culo e coltellate alle spalle! Paiono i bambini dell'asilo che si contendono il nuovo giochino! Sono abituati a volere il potere per poi potersi ricattare a vicenda....beautiful a confronto è n'à barzelletta! Il nano mafioso pensa solo alle sue irregolari aziende! (che contengono il reato di conflitto d'interessi) e degli italiani non gliene può fregare di meno. L'ebetino, in quanto ebetino appunto, è improntato solo ed esclusivamente sul suo ego patologico e il potere gli serve per potergli dare soddisfazione! degli italiani non gliene frega niente! I 5 stelle sono gli unici che cercano di non prolungare la solfa del tira-tardi! infatti, RESPONSABILMENTE, cercano di trovare un accordo! così come chiesto A TUTTI da Mattarella. Serve un Governo! URGE un Governo! Basta pensare che il DEF l'ha fatto Gentiloni e dal prossimo anno aumenterà l'iva!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvio Barbata28 aprile 2018 10:04

      che serva "un" governo...è un'affermazione carente di seria riflessione: glielo possiamo chiedere allora pure al diavolo di formare un governo? Il Belgio rimase senza governo per 520 giorni e le cose andavano meglio. (il DEF è solo una programmazione ed è stata fatta come ordinaria amministrazione, il governo dimissionario si deve attenere all'ordinaria amministrazione, non può fare altro).

      Elimina
    2. Stefania Sardisco28 aprile 2018 10:17

      Carente riflessione? sarà...ma lei è corto di memoria però...dato che l'Italia NON è il Belgio! dato che siamo il Paese più corrotto d'europa (lo dicono le statistiche europee e non io) e il piu sputtanato. Che questa gentaglia continui ad attenersi all'ordinaria amministrazione a me non va bene! A lei sta bene l'aumento dell'iva per il prossimo anno? Il DEF è una cosa importante e fondamentale! mica bazzecole...e su! dai! insomma...!

      Elimina
  13. Lillo Antinoro28 aprile 2018 07:54

    Complimenti Giangiuseppe

    RispondiElimina
  14. Giacomo Ferraro28 aprile 2018 07:56

    Non c'è peggio sordo di chi non vuole sentire! presunti giornalisti e presunti commentatori politici hanno fatto a gara nel ridicolizzare la proposta dei 5S, intanto emerge chiaramente che non hanno capito nulla, Di Maio provetto pescatore ha tirato l'amo e ha pescato le magagne che sono sia nel Cdx che nel Csx. Alla fine è emerso chiaramente che alle due parti chiamate in causa dal M5S non interessa nulla della moralità e dei valori che dovrebbero essere alla base di un governo, loro hanno altri interessi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido pienamente il pensiero di Giacomo Ferraro, che rispecchia quello che ho già scritto. Alla fine, sia al cdx che al csx, continuano ad interessare in primis le solite bassezze di sempre, interessi personali e privilegi da non perdere, per finire ai calcoli politici/elettorali. Altro che responsabilità e senso delle istituzioni. Non.serve scervellarsi troppo per capirlo.

      Elimina
    2. Per dimostrare le magagne dei due schieramenti (che in realtà sono un unico corpo), non c'era bisogno che Di Maio li tirasse all’amo poiché è cosa arcinota, come hanno dimostrato gli elettori. Adesso stiamo attenti a non tirare troppo la corda della trattativa. Abbiamo detto quello che andava detto, abbiamo dato esempio di responsabilità nel voler fare un governo garantito da un contratto. Abbiamo posto delle condizioni imprescindibili. Se dopo due mesi di svilimento nessuno sembra accogliere quelle condizioni (e si capisce perché), adesso non bisogna continuare ad insistere ma occorre rovesciare il tavolo e mandarli a quel paese. Dimostriamo che c’è un tempo per il dialogo e un tempo per le decisioni. Vediamo cosa saranno capaci di fare senza il M5S.

      Elimina
    3. Andrea Colombo28 aprile 2018 14:04

      @Maurizio Alesi
      È proprio quello che mi preoccupa, che nasca un Nazareno parte seconda: chi vota CDX e CSX lo fa come membro di fan club, le motivazioni logiche spesso sono superflue...

      Elimina
    4. Siete simpatici, Caianiello, Alesi e Colombo, vi siete messi tutti e tre incolonnati con i vostri bellissimi commenti a favore del vostro Giggino. La vostra tenerezza mi commuove, ma volete rendervi conto che il 68% degli italiani non vi vuole? Il CDX deve sparire, il CSX deve sparire e restare solo il M5S. Siete ridicoli, le forze politiche devono dialogare, altrimenti si va incontro ad un vero e proprio fascismo. La parola "contratto" è un termine che fa ridere oltre che a mascherare un modo per raggirare la democrazia, abbiamo già visto qualche esempio del genere. Sig. Colombo il fan club è solo il vostro, ne prenda atto. Per favore, non inasprite ancora di più i rapporti tra le varie opinioni. Io lo spero davvero.

      Elimina
    5. Andrea Colombo30 aprile 2018 13:31

      Io mi rendo conto che l'82% non vuole il PD né la Lega, l'86% non vuole FI e via via tutti gli altri. Capisco anche che 1 Italiano su 3 il M5S lo vuole eccome, e dovete prenderne atto.

      Ed è proprio su questa base che è stato richiesto di instaurare un dialogo su quello che si potrebbe fare: se non volete parlare di temi, per cos'altro volete andare al governo? Mica sarà per poltrone e mazzette come negli anni scorsi, vero?

      Se rilegge bene tutti i commenti, non solo quelli del "fan club" come ci ha definiti Lei, potrà constatare che di corruzione e ruberie la misura è colma: i rapporti li fanno inasprire chi delinque alle spalle degli altri.
      E' ora di finirla.
      "Io lo spero davvero." (cit.)

      Elimina
    6. Caro Colombo, se il M5S era favorevole al dialogo o "contratto" come lo definisce, doveva dare prova prima non dopo. Vedo che abbiamo dimenticato di colpo come sono state definite tutte le altre componenti politiche: delinquenti, mafiosi, con le mani sporche di sangue e potrei continuare all'infinito. Certo, le percentuali che hai esposte sono veritiere, ma per dialogare con una persona i numeri sono insufficienti. Il M5S, preciso che non ho nulla in contrario, ha affermato fino alla nausea che è l'unica forza pulita ed onesta, tutti gli altri sono come sopra detti. Sai qual'è il problema? che l'accortezza per l'altrui rispetto l'hanno imparato solo ora.....a babbo morto. Devo confessare che comincio ad ammirarli, hanno capito che la maleducazione e la presunzione sono due pessimi consiglieri. Il comico genovese a mandato a quel paese tutta l'Italia, adesso è sparito, nascosto nella C&A a tirare le redini di quei ragazzi che fino a prova contaria li ritengo bravi. Perchè non usa ora quel turpe linguaggio che ha fatto ridere il mondo intero? Ora si nasconde nell'ombra e si rende conto che non basta raggranellare solo consensi. Grazie sig. Colombo.

      Elimina
    7. Andrea Colombo30 aprile 2018 19:32

      Caro Anonimo,
      sta provando a difendere l'indifendibile.
      Spero almeno che sia pagato per farlo.

      "doveva dare prova prima non dopo"
      Prima del risultato delle elezioni non c'era necessità di un contratto sui temi, bastava una maggioranza confermata dalle urne, che non c'è stata (grazie alla pessima legge elettorale voluta da tutti, M5s escluso).

      "Vedo che abbiamo dimenticato di colpo come sono state definite tutte le altre componenti politiche: delinquenti, mafiosi, con le mani sporche di sangue"
      Chi li ha dimenticati?
      Il caso dei rifiuti in Campania (FanPage, Febbraio 2018) calza proprio a pennello. Dimenticare questi casi, sulla pelle delle persone, non ci si riesce.

      "che l'accortezza per l'altrui rispetto l'hanno imparato solo ora.....a babbo morto"
      Ma dove??
      Il rispetto per gli italiani, quelli che pagano tasse che finiscono inesorabilmente nelle tasche di qualche mafioso, è presente da sempre.
      Il rispetto per chi, da 30 anni a questa parte, si comporta come se tutto fosse concesso e impunito, ecco quello no. E, a parer mio, MAI ci dovrà essere.

      "a tirare le redini"
      E' una sua teoria, e non la condivido.

      "quel turpe linguaggio che ha fatto ridere il mondo intero"
      Ma che sta dicendo?? Il mondo intero ci prende per il c...o perché abbiamo un pluripregiudicato che vuole governare il paese, anche se per interposta persona.
      Nel caso non capisca a dovere, in paesi meno corrotti, gente così la si può vedere solo a scacchi.

      Grazie Sig. Anonimo che non si firma

      Elimina
    8. Apri le orecchie e gli occhi,Colombo non trascendere nelle stupidaggini, probabilmente sei tu ad essere pagato da qualcuno, dato che conosci questi sistemi. Io ti ho detto, e visto che sei duro a capire, te lo ripeto: di Berslusconi non me ne frega assolutamente nulla, ma mi interessa non essere mandato affanc...o da Grillo. E' un cretino e maleducato che ha fatto ridere il mondo intero, come ha fatto ridere il mondo il Berlusca che citi in continuazione. Spero che l'abbia capito, visto che ripeti sempre la stessa litania. La politica non si fa offendendo gli altri, ma cercando di capirli. Io come elettore di questo Paese, non dimentico assolutamente nulla, ma non mi va di essere preso in giro ed offeso. Faresti bene a fare un riepilogo degli insulti e delle offese dette per raccattare voti, non per fare politica a favore del cittadino, ma pian piano se ne stanno accorgendo, basta guardare le ultime consultazioni. Grillo diceva che quando sarebbe andato in parlamento, che avrebbe aperto come una scatoletta di tonno, metà di loro li avrebbe messo in galera e l'altra metà cacciata a pedate nel c..o. Bella immagine ha dato degli italiani all'estero questo emerito idiota e ciarlatano. La firma non occorre a modificare un'opinione. Ciao

      Elimina
    9. Andrea Colombo3 maggio 2018 01:31

      Basta non avere delinquenti a capo delle istituzioni, e vedrai che non ci dovranno mai essere persone come Grillo a smuovere le acque.
      L'immagine degli italiani all'estero l'hanno data gli scandali di corruzione e leggi ad-personam sulle prime pagine di tutto il mondo.

      Elimina
    10. Finalmente siamo d'accordo, ma se hai letto il mio commento avevo già citato altri personaggi oltre a Grillo. Io dico una cosa diversa e molto semplice da capire:la vostra convinzione che i farabutti stanno tutti da una parte e la gente per bene è ubicata solo nel M5S. Non è così, caro Andrea, si tratta solo di attendere. Lo ripeto: ti risulta che il presidente della Camera ha una lavorante in nero, o è verità solo ciò che racconta Travaglio?

      Elimina
    11. Andrea Colombo3 maggio 2018 13:06

      "Non è così, caro Andrea, si tratta solo di attendere"
      Cosa di preciso? Sono almeno 20 anni che gli italiani sono presi sistematicamente per i fondelli dal faccione di turno: prima c'era il nanetto mezzo mafioso, poi il fiorentino.
      Il tempo delle chiacchiere è finito.

      Quanto a Fico, può trarre da solo le proprie conclusioni:
      https://infosannio.wordpress.com/2018/05/01/selvaggia-lucarelli-la-colf-di-fico-che-non-e-di-fico/

      Buona lettura.

      Elimina
    12. Attendere? che vadano a governare per vedere di che pasta sono fatti, le chiacchiere tutti siamo capaci, ma il politico ha il compito di decidere. Tuttavia questo rischio non c'è... ormai il pallone si sta sgonfiando, a meno che, non cambiano strategia e poggiano i piedi sulla terra. Intanto due esempi li abbiamo avuti con le regionali. Di Maio si mettesse l'animo in pace che il presidente del consiglio non lo farà MAI.

      Elimina
    13. Andrea Colombo3 maggio 2018 14:08

      Ma quale strategia?? Niente accordi con la mafia.

      Fine dei compromessi.

      Elimina
  15. George Trumpet28 aprile 2018 08:00

    Io so solo che la gente insieme ai media non vogliono sposare l'idea di cambiamento e onesta'.... si devono solo vergognare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andrea Colombo28 aprile 2018 11:11

      Le elezioni hanno dimostrato l'esatto contrario.
      Riprova.

      Elimina
  16. Salvatore Mancuso28 aprile 2018 08:27

    La politica dovrebbe essere "oltre" le miserie umane, purtroppo non lo è, quella nostrana le ingloba tutte, caro Giangiuseppe.

    RispondiElimina
  17. Nelle attuali condizioni di miseria e povertà diffusa, la politica ancora non avverte la tragicità del momento e si ostina ad interpretare la sua azione come visione di potere, abbandonando le dinamiche sociali ad un destino brado, incontrollabile ed imprevedibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andrea Colombo28 aprile 2018 13:32

      A parer mio ne sono perfettamente consapevoli, e se ne fregano: il problema vero è che nonostante tutto riescono a ottenere voti.

      Elimina
  18. Bellissimo ed entusiasmante articolo che appare scritto col cuore più che con la mente.
    Purtroppo cade nel mare magnum della ignoranza e della presunzione di un popolo che, in gran parte,è privo totalmente di senso dello Stato, onestà intellettuale e legale,senso della comunità e della partecipazione, ignoranza totale dei contenuti etici, sociali e politici dei "vocaboli" (fermandosi alla semplice valenza fonetica): Demorazia,libertà,onore collettivo e personale, onestà! Questa è la realtà di un Paese che, liberatosi da una dittatura di fatto e materiale è caduto nelle grinfie di una dittatura fatta di ipocrisia, interessi privati e soggetta al subdolo dominio del ricatto mafioso .
    La colpa è in oparte dei cittadini facili all'entusiasmo ma, essenzialmente, dopo l'ubriacatura della libertà conquistata con sangue e sudore e basata sui vecchi militanti del pensiero di Voltaire, è stata trasformata nel clientelismo più umiliante, sul nepotismo parassitario e sulla ignoranza alimentata ad arte dall'introduzione di un benessere facente capo esclusivamente al favore del potente.
    Non credo che si possano risolvere a breve i motivi di tutto ciò: Necessiterebbe una vero esercito di educatori tale da raggiungere ogni individuo nel più remoto ancolo delle attività umane e della convivenza civile.
    Non vedo, a breve, un nuovo Risorgimento ma piuttosto vedo una deteriore continuità del potere della criminalità etica più che dei borseggiatori da sagra paesana.

    RispondiElimina
  19. Silvio Barbata28 aprile 2018 10:02

    Cambiamento - termine che non indica la qualità della differenza ma solo descrive una modificazione che non è detto sia migliore - e onestà (valore morale fondamentale) non sono su un piano idealistico, bisogna chiedersi come operare per realizzarli e soprattutto per migliorare la società secondo giustizia. Di Maio si è lasciato eccessivamente condizionare dalla paura di essere accusati di non voler governare (quindi di "non saper governare") arma psicologica messa in campo dalla sinistra; Di Maio avrebbe dovuto trincerarsi - giustamente - dietro i risultati del voto: gli italiani avevano scelto la direzione, coloro che fanno discorsi di "percentuali" puramente aritmetiche continuano a usare un fallacia retorica; ha poca importanza se con la percentuale del PD si possa formare una maggioranza, ciò che conta è il valore morale legato alle votazioni, è evidente che il popolo ha punito il PD, dunque l'unica maggioranza possibile al di la degli ipocriti moralismi - Berlusconi male assoluto, che vien da ridire...e Napolitano allora? - democraticamente parlando sarebbe 5S con cdx...non ci sono altri discorso da fare...se Di Maio avesse avanzato in modo severo e rigoroso questo principio nessuno avrebbe potuto accusarlo di nulla; in altri termine avrebbe dovuto dichiarare: "Noi siamo pronti a formare un governo per il bene del paese in coerenza con il nostro programma e soprattutto con la volontà popolare uscita dalle urne, o 5S e Salvini o si torna al voto". Un governo di questo tipo inoltre avrebbe rappresentato una novità beneficante rispetto agli sciacalli che finora hanno divorato il paese...indipendentemente dagli effettivi risultati che avrebbero ottenuto governando, perché ciò si può vedere solo strada facendo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'unico ostacolo al tuo ragionamento è il fatto che Salvini non intende liberarsi da quel delinquente che lo tiene per le palle. Io penso che per Di Maio sia arrivato il momento di uscire da ogni trattativa e passare la mano a Mattarella, magari senza aspettare la ridicola e scontata direzione PD che sarà utilizzata solo contro il 5Stelle.

      Elimina
    2. È il BISOGNO il soggetto storico da combattere, che genera povertà, le risposte da qualsiasi parte provengano sarebbero buone! Invece, si registra indifferenza, dinanzi a 10 milioni di italiani che vivono al di sotto dei 900 euro e non si conoscono le reazioni possibili. Io diventerei aggressivo e so nei confronti di chi, in risposta a l'essere tartassato da ignobili balzelli, senza poter portare nulla a casa! E non è un destino, ma una precisa e determinata volontà politica.

      Elimina
  20. Appunto. Ora assumetevela la responsabilità facendo un governo con il CDX i "vincitori" Vi dimostrereste responsabili con un ampio margine in parlamento. Responsabilmente smettete di mettere veti ed iniziate a governare. #senzadinoi #senzadime

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andrea Colombo28 aprile 2018 11:18

      Responsabili facendo accordi con chi ha sostenuto la mafia? Che va blaterando?
      Accordo sui temi = m5s + CDX -mafia.

      Cosa non è già stato chiarito?

      P.s. I vincitori delle elezioni governano senza chiedere compromessi. Grazie a CDX e SDX abbiamo una legge elettorale che non lo permette.
      Alla faccia della responsabilità.

      Elimina
  21. Alba Ponticello28 aprile 2018 11:49

    Giangiuseppe Gattuso scrive:"la politica è rigore morale".Giustissimo a voi le conseguenze....!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andrea Colombo28 aprile 2018 11:55

      Conseguenze de che?

      Elimina
    2. Silvio Barbata28 aprile 2018 14:27

      la politica non è fine a se stessa...per questo la storia ci insegna a un certo punto la necessità della rivoluzione...se non si cambiano gli assetti giuridici del sistema

      Elimina
  22. Posso aggiungere... il movimento sta facendo la cosa meno populista che si immagini, la sua base è in parte contraria ma loro stanno andando avanti lo stesso nonostante la 'pancia' della gente.... ora finalmente li vedo 'statisti', vada come vada.

    RispondiElimina
  23. Lega e 5 stelle sono due partiti fotocopia, la smettano di mettere viti e facciano un governo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andrea Colombo28 aprile 2018 22:43

      Non direi proprio: il nanetto noi l'abbiamo messo alla porta, Salvini se l'è tenuto in casa.
      Mica pagliuzze.

      Elimina
  24. Responsabilmente il M5S DEVE fare un governo con i sodali di pensiero premiati dagli elettori. Facile fare demagogia vuota, sono i fatti che aspettiamo da dei Responsabili e per ora solo parolai.

    RispondiElimina
  25. Bell'articolo ed ottima analisi, Giangiuseppe. Si dovrebbe capire che tutti in campagna elettorale si sono battuti per arrivare primi al traguardo. Il M5S lo ha fatto non lesinando, anch'esso, spintoni inopportuni; ma il concetto é: perché quella coppa era così importante? Per i 5S, al contrario degli altri Partiti, rappresenta la possibilità di cambiare il Sistema in cui tutti si crogiolano e e si sono crogiolati fino adesso. Gli sforzi sono stati fatti per coinvolgere quasi tutti - è logica l'esclusione del reo Berlusca e di F.I.- in un contratto programmatico.Adesso rimane il Governo tecnico? Improponibile ed inaccettabile! Si vada alle elezioni con una nuova Legge ellettorale con grande premio di maggioranza al vincitore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alba Ponticello29 aprile 2018 18:20

      E possibilmente senza coalizioni prima del voto perché sono fasulle ed incoraggiamo la nascita di partitini raccatta voti.

      Elimina
    2. IL GRANDE premio di maggioranza... un cavallo di Troia. Non si può dare a chi arriva al 32%, ma neanche al 36%. Sarebbe antidemocratico. Almeno ci vuole Una soglia accettabile, almeno il 40% e la possibilità di fare coalizione. I 5 stelle non vogliono coalizzarsi? Prima o poi cederanno, invece di farla dopo la fanno prima delle elezioni. Così evitano pure la figuraccia di mendicare a destra e a manca i voti per fare maggioranza.

      Elimina
    3. Bravissimo, Nino Pepe, la tua è un'analisi semplicissima che i grillini non vogliono ingoiare. Sono nati insultando ed accusando tutti, ma soprattutto malati di un narcisismo estremo: una convinzione a ritenersi unici al mondo per onestà e dedizione alla causa italiana. Questa è un'utopia che solo gli ingenui possono ritenere valida. E' rispettabile la loro volontà a migliorare la politica, ma la condizione imprescindibile è il confronto con gli altri. ORA LO SANNO.

      Elimina
    4. Andrea Colombo30 aprile 2018 22:59

      Le coalizioni sono uno dei cancri della politica italiana: gli accordi si fanno sui temi, altrimenti è solo uno scambio di poltrone e/o mazzette.
      La coalizione di CDX è stata talmente controproducente che senza i ricatti del prezioso alleato pluripregiudicato, l'accordo sui singoli punti sarebbe stata cosa già fatta.

      Elimina
    5. Colombo, ti voglio ricordare che quella coalizione che dici di essere un cancro ha governato insieme già dal 1994, che abbia governato contro il tuo modo di vedere, è un altro discorso e potrei essere d'accordo con te. La politica si fa cercando di unire il più possibile le varie visioni della politica. Una sola volta abbiamo avuto il partito unico ed abbiamo avuto la storia più nera della repubblica italiana. Continui sempre a parlare del pluripregiudicato, perchè Grillo è una persona pulita? Voi tifosi grillini avete le idee confuse, tutto va bene purchè quell'ignorante di Di Maio vada al governo. "Questo o quello per me pari sono" ... cantava il BARBIERE DI SIVIGLIA. Noto che vi piace Salvini, mi fa piacere, molti elettori del M5S alla prossima consultazione elettorale andranno proprio in quella direzione, così si spegne ogni demagogia. Auguri!!

      Elimina
    6. Andrea Colombo2 maggio 2018 13:43

      "ti voglio ricordare che quella coalizione che dici di essere un cancro ha governato insieme già dal 1994"
      Lo so bene, purtroppo. Chi si dimentica tutte le leggi ad-personam fatte da allora? Mediaset tutt'oggi lavora quasi esentasse.

      "La politica si fa cercando di unire il più possibile le varie visioni della politica"
      Esattamente, quindi niente poltrone, niente mazzette, niente corruzione o mafia che si sieda al tavolo.
      Condivisione e attuazione del programma politico, non serve altro.
      Chi poteva farlo ha scelto la mafia (non gli è stata data altra scelta?), mentre poteva scegliere diversamente se è il programma elettorale lo scopo ultimo.

      "Grillo è una persona pulita?"
      Embé? Grillo mica si candida, il pluri-pregiudicato si. E rivendica pure il ruolo centrale che per fortuna non ha più.
      Aggiungo che il pluri-pregiudicato nanetto, al contrario di Grillo, ha commesso crimini con dolo (o, a essere più precisi, con una «naturale capacità a delinquere» per perseguire «il disegno criminoso»).

      "molti elettori del M5S alla prossima consultazione elettorale andranno proprio in quella direzione"
      Vi piacerebbe eh?
      Chi ha votato M5S continuerà a farlo per lo stesso motivo che lo ha fatto il 4 Marzo: alle altre forze politiche non si crede più.
      I tempi sono cambiati, e le persone incominciano a capire più che in passato. Accettatelo, sarà meno indolore.

      Elimina
    7. Colombo Andrea, non significa nulla che Grillo non si candida, perchè non ha bisogno di mettersi in lista, tanto riesce a tirare le redini dalla piattaforma Rousseau. Perciò... Di Maio è l'esecutore materiale, ma il mandande è il comico genovese con la complicità dei Casaleggio.

      Elimina
    8. Andrea Colombo3 maggio 2018 01:24

      Con la fantasia pure gli asini volano.
      Quando avrà evidenza di ciò che scrive, le pubblichi.

      Elimina
    9. Sei padronissimo di negare la realtà e di far volare gli asini con la fantasia. Chi vivrà vedrà.

      Elimina
  26. Per i grillini è cominciata una rapida discesa. Mi chiedo , ma questo DI MAIO senza ne arte ne parte, dove lo hanno pescato ? Il veto a berlusconi è assurdo, non pensano al loro Beppe che ha una seie infinita di condanne ben più gravi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andrea Colombo2 maggio 2018 13:45

      Pagato a commento o a singola frase?

      Elimina
  27. Bisogna fare un nuovo partito. Devono governare solo persone oneste e preparate, i partiti attuali sono uno peggio dell'altro. Promettono la luna e poi si fanno i cazzi loro tutti insieme.Perchè non pensare seriamente ad un ritorno dei Savoia?

    RispondiElimina
  28. Caro direttore, siamo sotto assedio di continue trasmissioni e opinionisti che su questo governo che non si fa, si stanno rimpinguando il portafoglio. CONFESSO mi sono stufata. Io sono ferma al discorso Di MAIO sul contratto di governo alla tedesca. Nessun vincitore, nessun perdente. Stabilire dieci punti prioritari, stabilire tempi e partire per il bene del paese. Che cosa sta succedendo in poche righe?Una questione di mani. Mani legate, mani libere e mani morte. Non ero entusiasta del governo lega cinque stelle, ma era espressione popolare. Di traverso Berlusconi.Il Matteo della lega anzi legato non può farlo fuori. Di Maio non lo vuole e ha anche ragione ma B. non è certo il tipo che si fa mettere da parte. Il PD si attesta col mai con i cinque stelle perché un segretario dimissionario ordina di tenere le mani a posto. Mi rendo conto che i consensi scemeranno e sono seriamente preoccupata. Ricordo al PD che ci troviamo in questa situazione per una legge elettorale voluta e votata anche da forza Italia per uno scopo ben preciso. Lo scopo è fallito ma un governo si deve fare. Stufa ma fiduciosa attendo che qualcuno rinunci a qualcosa.

    RispondiElimina