giovedì 11 gennaio 2018

SPELACCHIO E VIRGINIA RAGGI CAPUT MUNDI

Rimontaggio dell'albero di Natale detto "Spelacchio"di Maurizio Alesi - Che bella la libertà di stampa, e che dire delle raffinate firme dei nostri principali giornaloni nazionali.
Grazie, grazie per aver sempre dato al Paese le notizie più importanti e tenerci gli occhi aperti, così da votare con consapevolezza alle  prossime elezioni.

Questa sì che è democrazia compiuta. I giornalisti italioti sono veri cani da guardia contro gli scempi e gli abusi del potere politico. Se non ci fossero stati loro e le tv, pubbliche e private con le “inchieste” trasmesse in tutto il mondo, mai avremmo saputo dello scandalo del secolo che di nome fa Spelacchio e Raggi di cognome. Ancora una volta questi incapaci dei grillini hanno mostrato la loro inadeguatezza amministrativa non riuscendo neppure a rianimare un povero aghiforme, collassato subito dopo l’espianto e ancora prima di arrivare a piazza Venezia.

Non sono stati capaci neppure di rendergli omaggio esponendo i resti in Campidoglio. Doverosamente il Messaggero, primo quotidiano di Roma dedica la prima pagina alle ultime avventure di Spelacchio e agli aggiornamenti arboricoli che lo riguardano. “La Stampa” ha fatto la stessa scelta editoriale. Una bella foto dell’abete e l’allusione allo sperpero di denaro pubblico.

de-benedetti-renzi E chi se ne frega se ci sarebbe da raccontare una notizia bomba che riguarda Renzi e De Benedetti, sulla “soffiata” dell’allora presidente del Consiglio all’amico del Gruppo Repubblica l’Espresso, poco prima del decreto sulle banche Popolari. Risultato, fargli guadagnare un bel po’ di soldini in Titoli.

L’Unico quotidiano a pubblicare la notizia in prima pagina, come spesso accade, è stato “Il Fatto Quotidiano”. Per “La Repubblica” ovviamente la notizia non esiste, mentre qualche eroico quotidiano ha dato all’accaduto una marginalità assoluta con microtitoli incomprensibili. Evidentemente il problema in Italia sono le avventure di Spelacchio e le nefandezze dei grillini su cui quotidianamente bisogna trovare l’occasione per attaccarli e denigrarli, anche in assenza di fatti.

FALSO MARRAIn campagna elettorale sono tutti accomunati da un unico obiettivo: logorare ai fianchi il Movimento 5 Stelle. Ma vogliamo finalmente dirlo con grande chiarezza che la gran parte di questa informazione fa schifo, insieme ai lecchini che hanno svenduto la dignità professionale mettendosi al servizio di chi comanda. Ma in quale Paese civile si tiene da un mese una notizia come l’alberello di Natale pubblicando servizi, interviste, pareri di agronomi e sociologi, dedicandogli talk e Porta a Porta. A quale sindaco di un partito diverso dal 5Stelle si farebbero le pulci per aver affidato il trasporto e il posizionamento dell’albero alla stessa ditta di due anni fa.

SpelacchioE, non ancora soddisfatti, si continua ad alimentare altra polemica sul falso smontaggio dell’albero ironizzando sulle operazioni di rimozione. Ma davvero abbiamo perso il senso della misura, senza che nessuno che abbia titolo per farlo, salti dalla sedia e dica basta all'abuso di una professione ridotta a fare marchette.

Per molta stampa prevale la convinzione che invece di informare ci si debba inchinare e fare i camerieri portando l’acqua con le orecchie al potente di turno. L’importanza mediatica assegnata a notizie come questa di Spelacchio, degna di essere pubblicate nelle pagine di Topolino, è diventata patologica da quando il movimento 5 Stelle governa alcune città e si attesta come prima forza politica.

L’accanimento ossessivo su di essi, e solo su di essi, non ha più limiti. Adesso ci tocca sentire che il Codacons (Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e la tutela dei diritti di utenti e consumatori) ha presentato un esposto e (udite udite), persino l’Anac l’Autorità nazionale anticorruzione, come se non avesse nulla di meglio da fare, vuole vederci chiaro sull'affidamento alla ditta e sui costi sostenuti per Spelacchio.

Il magistrato-sceriffo Cantone (non è un omonimo è proprio lui), non si fa pregare: prende carta e penna e invia tutta la documentazione in Campidoglio chiedendo chiarimenti, entro 30 giorni. Bravo Cantone, così si combatte la grande corruzione. Facciamoglielo vedere che qui non si scherza.

Alterazioni Video, Diga di Blufi, Sicilia 2007Già che ci sei, caro Cantone, se Spelacchio ti concede il tempo, vedi di dare un’occhiatina anche ai 260 milioni di euro buttati al macero per la costruzione della diga Blufi in Sicilia, un’importante opera idrica, i cui lavori sono interrotti dal lontano 1995 senza che ci sia notizia sul completamento. E poi ci lamentiamo per la mancanza d’acqua mentre la Sicilia è in piena emergenza. Vergogna.

Sala e CantonePer non parlare della diversità di trattamento tra il sindaco di Milano Sala, a processo per turbativa d’asta e abuso di ufficio su Expo, e la Raggi sempre sulla graticola, adesso per l’albero di Natale, e da un anno per la minchiata della nomina di un dirigente, di cui, peraltro, aveva messo al corrente in anticipo Cantone.

Diciamo la verità. Il 5stelle rappresenta per la casta trasversale ai partiti un pericolo mortale da scongiurare a tutti i costi. Hanno studiato a tavolino una vergognosa e incostituzionale legge elettorale per farli fuori e continuare a fare scempio delle istituzioni e degli italiani. A due mesi dalle elezioni si stanno intestando (avendola sempre derisa), la proposta del movimento sul reddito di cittadinanza e facendo i piazzisti vendendo di tutto: dalle dentiere per gli anziani, al veterinario gratis, alle tasse universitarie, all'abolizione della Fornero (e non importa se l’avevano votata).

Resta da capire come mai le migliori idee gli vengano in mente 60 giorni prima del voto, quando hanno avuto 5 anni di tempo per realizzarle. E credo di dire soltanto la verità se ricordo che gli unici a non inventarsi nulla in campagna elettorale, ma continuando a dire quello che hanno scritto nel loro programma, sono i 5Stelle. Ma questo non conta e viene oscurato di fronte al funerale di un povero abete.

Maurizio AlesiMaurizio Alesi
11 Gennaio 2018

26 commenti:

  1. Maria Luisa Cosentino11 gennaio 2018 23:08

    In quale paese? nel nostro, la terza (!??) potenza mondiale!!!!

    RispondiElimina
  2. Non hanno di meglio da fare ironizzare su spelacchio che a me sta simpatico,e strumentalizzare persino ,eventualmente ,un ruttino della Raggi che mostra di avere nervi d'acciaio ... W Spelacchio ! Ti auguro una fine dignitosa per dimostrare quanto sei carino e ora utile! Che gioco sporco e da imbecilli , però !
    che speculazione indegna ...

    RispondiElimina
  3. Un applauso a Maurizio Alesi,ha colto in pieno la situazione dei media asserviti in Italia
    Il bello è che si parla delle fake news e poi i primi a crearle sono loro, con l'alibi del "voci di corridoio" e dei"si dice che"
    Sono media che si sono accreditati la fama di essere autorevoli,ma che stanno dimostrando,nei fatti,di essere solo l'arma di chi vuole abbattere il movimento che è un pericolo per i loro interessi
    Fortunatamente sempre più gente se ne sta rendendo conto, anche se ancora troppi si "informano"da TV e giornali che devono rispondere a correnti politiche

    RispondiElimina
  4. Raffaella Schiavone12 gennaio 2018 00:00

    Esatta fotografia della squallida realtà....Sono stata da mia madre che aveva la tv accesa e subito mi fa una domanda: " Ma CHI è spelacchio ? " E io "l'albero di Natale di Roma " E lei " E cosa è successo che ne parlano in tutti i canali ? " E io " Dicono che non era bello " ,e lei " E stanno facendo tanta pupu' su un albero? Con tutti i problemi seri che ci sono? "..... Ecco questo è l'effetto che fanno ore e ore di trasmissioni e articoli di giornale su un ALBERO DI NATALE...........vontinuino pure gli imbecilli! ...........

    RispondiElimina
  5. Ottimo, Maurizio! Un articolo che intende sottolineare la pochezza, la meschineria della nostra Stampa e della Comunicazione in generale. Ci vuole poco a capire che siamo ridotti male e che sta solo a te, guardando un notiziario TV, avere la capacità di capire quanto sia vera o quanta enfasi abbia la notizia. È un difficile compito , dato il livello di maturità politica e culturale della nostra Massa.; anche perché tale gente si nutre solo di notizie come quella di spelacchio. Se poi, con la notizia, si possa inficiare il nome della Raggi o si possa dare una piccola batosta a 5S diventerebbe davvero una leccornia. Si coglie l'occasione e si va avanti per un mese, trascurando le priorità. Non provo più dolore per questa "serva italia", aspiro a qualcosa di diverso e di migliore per la mia Nazione e spero che i 5S ce lo potranno dare.

    RispondiElimina
  6. Sig. Alesi se tutta la stampa sono dei servi, lei come si sente a ripetere sempre le stesse accuse? Non si sente anche Lei un servo del M5S? Fino ad ora dove ha vissuto, sulla luna? Possibile che è vissuto nel limbo per tanti anni? Finalmente si è svegliato da questo lunghissimo sonno ed è stato necessario il bacio di Beppe grillo per riportarlo alla vita come Biancaneve. Nel frattempo, continui a seguire il nostro compaesano Leoluca Orlando....sii più serio!!!

    RispondiElimina
  7. Giacomo Li Destri12 gennaio 2018 17:28

    Un grande Maurizio che ha scritto l'articolo Tutta la verità su Roma http://www.beppegrillo.it/2017/08/tutta_la_verita_su_roma.html

    RispondiElimina
  8. Anche Sperlacchio ha un suo ammiratore.... A Piazza Pulita, l'On.Bersani ha Detto e Confermato che ...gli piace....Sperlacchio di Sera ha un alta Attrattiva ..a Bersani Piace..... Poi dopo le Tante Litanie che ho dovuto Assuppare su Roma e la Mala Gestione della Spazzatura.... In fin dei conti ...Si Notava Benissimo che Una Parte dei Cittadini ROMANI .. SONO SPORCHI E SPORCANO PERCHE' debbono mettere a DISAGIO IL COMUNE..di ROMA Di qualsiasi Colore. No solo a 5 Stelle La differenziata la Sporcano Mischiando Tutto ed il Contrario di tutto ..fatto di Proposito..Sia.Poi ho Ascoltato il Grande Luminare. Craparo.... il Giornalista VISSUTO PER 40 ANNI A LONDRA ed era l'informatore della Politica Inglese per l'ITALIA... Adesso in Pensione ..Libero e Benestante ....si ritrova in tutti i programmi Come Piazza Pulita a denigrare i 5 Stelle. DI MAIO E LA SUA INCOMPETENZA. Che Cazz...ne Sa lui...Se ha Vissuto 40 Anni a londra....Perché non ritorna a Londra a dare La Sua Maestria e Consigli di GOVERNABILITA"....ai Londinesi.. SARA' UN BRAVO REPORTER ..MA ROMPERE I COGLIONI...E' PESANTE....Poi domande Su Di Maio ..Ieri Oggi...Domani..poi..a chi..li Fanno...Alla Lombardi.....Si è vero che è informata e Brava...ma Si Candida Ed Aspira alla Poltrona di....PRESIDENTE DI UNA GRANDE REGIONE...IL PASSO PIU' LUNGO DELLA SUA GAMBA......CHE CAZZ...CE NE FREGA PIU' DEGLI ITALIANI E DEI 5 STELLE .la Poltrona interessa.....UNA CHE SI CANDIDA IN REGIONE....Come la Polverini...Sindacalista aiutata dal Cav..e Poi Abbandonata....Forza di Mettersi in mostra.
    ..CHIACCHERE E SOLI CHIACCHERE..MI HANNO SOLO NAUSEATO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maurizio Alesi12 gennaio 2018 23:15

      Capranica è sempre invitato a Piazza Pulita, quando c'è un ospite 5Stelle. Con quella sua aria da lord inglese, attacca il movimento e sta sempre dalla parte dei più impresentabili.

      Elimina
    2. Fiammetta Bonanno Di Linguaglossa12 gennaio 2018 23:35

      Bersani ha anche detto un'altra verità : "picchia il cane, picchia il cane, picchia il cane...alla fine la gente starà con il cane". Ma non credo che i giornalisti asserviti siano in grado di capirlo.

      Elimina
  9. Il vostro vittimismo è direttamente proporzionale all'attenzione malevola dei media verso il M5S. Vi lamentate sempre e di tutto come i bambini. Cosa pretendete che quelli organici al "sistema" siano dalla vostra parte? Invece di lamentarvi prendete in mano il vostro destino e smettetela di rompere con le vostre querimonie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E quindi, di fronte ad una stampa faziosa e servile si dovrebbe tacere per non essere accusati di vittimismo. Lo sai che i giornalisti ( almeno quelli della Rai) sono pagati dai contribuenti e avrebbero il dovere di esercitare la loro professione con imparzialità? Lo sai che che esiste un etica professionale che obbliga i giornalisti a rispettare la completezza dell’informazione. Se invocare questa condotta vuol dire essere vittimista è una tua valutazione. Io preferisco non tacere quando una cosa non mi piace.

      Elimina
  10. Silvio Barbata12 gennaio 2018 17:34

    Virginia Raggi...il miglior (uso l'aggettivo in tutta la sua estensione semantica) sindaco che Roma abbia mai avuto...non è solo una questione di confronti, ma di spessore ontologico! è innegabile...e chi lo nega è solo un'anima nera!

    RispondiElimina
  11. Cettina Alongi12 gennaio 2018 17:35

    Non credo che il giornalismo sia soltanto la persecuzione evidente contro il Mov5s!
    Il giornalismo di oggi fatto da camerieri dei capipartito dimostra la pochezza, la nullità del pensiero politico in generale, l'idea politica messa sotto i piedi ha ormai ceduto il posto alle strategie per le alleanze.
    Si, oggi si parla solo di questo e di cosa abolire, perché se i partiti che hanno già governato dovessero fare la loro campagna sulle promesse delle cose da fare, gli elettori si metterebbero a ridere!

    RispondiElimina
  12. Giuseppe De Santis12 gennaio 2018 18:17

    90 minuti di applausi.

    RispondiElimina
  13. Michele Principato Trosso12 gennaio 2018 18:18

    si aggrappano a spelacchio, perchè non hanno un cazzo da dire... ora volete votare il vecchio sistema, ok, sono cazzi vostri!!! ma chi è causa del suo mal vota sempre gli stessi!!!!

    RispondiElimina
  14. Tralasciando, invece, notizie come INSIDER TRADING tra RENZI e DE BENEDETTI...?!?!? € 600.000 in un solo giorno si è PAPPATO il giornalaio, grazie al compagno di merenda... W l'Italia e gli Italioti!

    RispondiElimina
  15. Lillo Antinoro12 gennaio 2018 18:53

    Ciò che maggiormente dovrebbe preoccupare i cittadini e la politica nel suo complesso è che quelli che, su ordini dei loro editori, oggi ti sono amici, domani potrebbero essere un giorno i tuoi nemici. I signor che detengono e condizionano l'informazione, di fatto sono i padroni anche della nostra vita. Pensate a De Benedetti e come lui e i suoi amici siano riusciti ad oscurare la notizia sul caso decreto banche popolari. Un caso gravissimo del quale si parla pochissimo e, se se ne parla lo si fa con superficialità e senza approfondire. Siamo nelle mani di delinquenti comuni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, ma anche buona parte degli italiani (beoti) ha la sua colpa, poichè si limita, vuoi per pigrizia, vuoi per abitudine, vuoi per fede profonda, ad abbeverarsi sempre alla solita fonte senza preoccuparsi di approfondire o di guardare oltre la staccionata.

      Elimina
  16. Il sig alessi ed il sig gattuso sembrano caduti dal pero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno male che c'è lei caro sig Anonimo a sollevare questo problema del pero

      Elimina
  17. CMQ LA RAGGI STA AMMINISTRANDO BENE LA CITTç DI ROMA: DI MAIO CONGIUNTIVI E GEOGRAFIA E STORIA A PARTE FARç ALTRETTANTO BENE Nel ruolo di presidente del consiglio'

    RispondiElimina
  18. La cosa importante è che vengano portati a roma la sorella di cancellier con il fratello di cuffaro e con la figlia di cardinale e con il figlio di lombardo e con il nipote di genovese visto che il figlio è giò sistemato. andate a votare mi raccomando.

    RispondiElimina
  19. Lo stile offensivo dei ritornelli antigrillini è d'una bassezza indescrivibile, chi si crede talmente superiore e talmente super preparato per la politica ed insulta in maniera talmente generica l'avversario, rischia di d

    RispondiElimina
  20. Dimostrare la propria inadeguatezza ad amministrare un comune oppure una nazione, diffamare è segno di mancanza d'argomenti seri e sinceri, strano che non lo si impari nella famosa " scuola di partito"

    RispondiElimina
  21. Scusi sig peter. Non ho capito cosa ha scritto.

    RispondiElimina