lunedì 8 gennaio 2018

LESTOFANTI D’ITALIA

berlusconi-salvini renzidi Riccarda Balla - Ormai è chiaro, solo un allocco non lo capirebbe… Siamo in piena campagna elettorale!
Lo si comprende dalle tante corbellerie che vengono dette, così… prendendoci per imbecilli! Hanno ridotto l’Italia un mocio ed ora rinnegano tutto quello che nel passato hanno approvato.

Però sono meravigliosamente delle facce toste. Le promesse assolutamente irrealizzabili, anche perché mi devono dire dove prendono le risorse: per mantenersi loro che si considerano comunque esseri soprannaturali ed è una botta economica di grande peso (sotto ogni punto di vista) e per non confermare il loro essere buffoni e mantenere ciò che spudoratamente dicono.

cotton-fiocSono splendidi gli accordi tra la destra… tutti ovviamente per infinocchiare le povere teste piene di “cotton fioc usati” dell’italico popolo, la destra che Berlusconi fa contento Salvini, Salvini la Meloni, la Meloni Berlusconi, insomma è un BerMelSal. Ora vatti a fidare… dall’altro lato c’è chi si proclama con scorte, elicotteri, auto blu e tanti soldini al mese di essere Liberi e Uguali (ed…ed… va beh…), quindi io quando uscirò avrò un elicottero sopra la testa? Quindi non mi arrabatterò più pensando a come pagare le bollette a cui si aggiungono i nuovi rincari?

Grasso Liberi e UgualiNon mi dovrò preoccupare per la mia vecchiaia, serena, tranquilla, addirittura con la pensione mi potrò anche permettere una vacanza a Cortina, mi potrò consentire una persona, messa in regola, che mi aiuti in casa!! (anche due, anche tre!!) Ullallà!! Viva Liberi ed Uguali!! Poi… uhhh l’Università, niente più tasse!! Come si manterranno? Come verranno pagati gli stipendietti dei “Baroni”… Ma si Liberi ed Uguali! Saranno uguali a quelli di un professore delle medie!

Poi, si ripetono i soliti: niente bollo auto, niente canone tv, non so… dimezzare le assicurazioni delle auto!! proprio dimezzarle e dimezzate devono rimanere per almeno 10 anni! Abbassare l’IVA al 15%! Levare tutte le accise, alcune risalgono ad Annibale… Abbassare il prezzo del metano, del gas da riscaldamento, la luce. E incentivare i pannelli solari, ovvero ne paghi uno e ne avrai tre! Abbassare il costo del lavoro del 30% Yessss! In pensione a 60 anni, incentivi assai congrui alle nuove iniziative! Banche!

1509089203553.jpg--elezioni_politiche__giorgetti__lega____trovato_accordo_su_collegi_tra_berlusconi_e_salvini_Basta fare “gli usurai. Liberi e Uguali. Forza Italia! ce la faremo! Basta avere lo spirito del Cavallo che sulla scacchiera salterella, bianco nero, sinistra destra e torna indietro… una bella L.…. Lestofanti! Ecco siete tutti: Lestofanti! Vedremo le Stelle… nel senso che temo che saran dolori, comunque la si metta… son matti, quando chiusero i manicomi dovevano dircelo che li portavano al Governo. Ridare all’Euro moneta truffa il valore della lira! (Non so se questo mio concetto è chiaro...).

Ma attendiamo, chissà quante e quali altre “prese per le toppe dei pantaloni” dovremo sentire, chissà cosa uscirà ancora da quelle menti spappolate che ci governano… bene attendiamo ormai abbiamo capito viviamo una commedia tragicomica. Forse dovremmo attrezzarci di pomodori marci e basta vedere le repliche, siamo liberi di lanciare frutta marcia sulle teste dei matti… perchè si, che bisogna avere comprensione per gli handicappati mentali, psicopatici, aiutarli e proteggerli ma così mi sembra che la situazione ci sia sfuggita di mano se non ribaltata ed il teatro di questo spettacolo vergognoso sta crollando. Il martello ve lo forniamo noi anziché al contrario, questa volta.

Riccarda BallaRiccarda Balla
08 Gennaio 2018

9 commenti:

  1. Il tuo cognome da le tue esatte generalità: tutta una "balla". Smettetela voi del M5S d scrivere stupidaggini e corbellerie. State ammorbando l'aria che respiriamo e state aizzando il popolo ad andare verso una dittatura. Non potete negare che siete fascisti dei più peggiori. Gattuso pubblica tutto, purchè sia favorevole a questo movimento di cialtroni e bugiardi. VIVA LA DEMOCRAZIA!!!

    RispondiElimina
  2. Giuseppe Granatelli9 gennaio 2018 20:55

    Spiegami una cosa. Tu come li chiami quelli che pretendono dagli eletti la firma di una sorta di sottomissione stile servo della gleba?
    Perché, se chiami lestofanti questi, quelli sono una vera e propria associazione a delinquere.

    RispondiElimina
  3. Mettendo da parte i soliti soloni, che, non tenendo in considerazione la reale degradazione della nostra nazione, cercano di fare i protagonisti in un blog serio come questo, io mi congratulo con Riccarda per la sua prosa ironica e gradevolissima in un articolo che mette in risalto il nefasto comportamento dei nostri rappresentanti. Riccarda li chiama lestofanti, io li definisco una ciurmaglia ciurmatrice, - tento anch'io di usare una prosa irridente ed estemporanea - perché non sopporto i ciarlatani che, da tanti anni si dilettano con la buona fede o la dabbenaggine della massa. Come si può non prendere in considerazione un Movimento che ha urlato in tutte le piazze di voler abbattere questo insulso sistema?! Io ci provo come ultima alternativa e spero, dopo tanto ottenebrante buio, di poter dire con il Vate...infine uscimmo a rivedere le Stelle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Franco Gentile10 gennaio 2018 12:31

      Spero che Nino non s'offenderà se sottoscrivo le sue parole una per una! Sarebbe davvero l'ora che gli italiani si liberassero della mafia che da oltre trenta anni sta succhiando il nostro sangue e si ripropone ad ogni stagione con le stesse promesse che da trenta anni non sono in grado mantenere perché campate in aria e senza una reale consistenza pratica.

      Elimina
  4. Si, “siamo in piena campagna elettorale” e non da ora. Dagli anni 70, da militante, ad oggi, da osservatore, non ho mai visto una campagna elettorale piena di scorrettezze e di promesse irrealizzabili come questa. Ogni promessa, per essere realizzata, richiede ingenti risorse finanziarie. Nessuno, di chi promette, ci indica con quale entrata sarà compensata l’uscita. Si ha l’impressione che le forze politiche, con le più disparate promesse, vorrebbero comprare il consenso degli elettori senza preoccuparsi dell’aumento del debito già elevatissimo. A nessuno viene in mente il vincolo costituzionale del pareggio di bilancio, l’equilibrio tra le entrate e le spese, introdotto nell’articolo 81 dalla legge costituzionale n. 1 del 2012. Questa riforma costituzionale approvata, nel periodo del Governo Monti, con la maggioranza qualificata dei due terzi senza dover ricorrere al referendum approvativo ha fortemente limitato l’autonomia della politica economica italiana vincolandola definitivamente ai dettati dell’Unione europea. Un vincolo che rallenta e, in alcuni casi, blocca la crescita economica dello Stato impedendo qualsiasi riforma sociale. In mancanza di risorse, non è corretto fare promesse che per essere mantenute richiedono l’imposizione di altre tasse. Tasse che qualcuno promette di abbassare e in alcuni settori addirittura di eliminare. Confusione, approssimazione e incoscienza che non fanno intravedere buone prospettive per il futuro. Mantenere, anche in parte, le promesse senza le dovute coperture vuol dire che i nostri nipoti erediteranno un futuro pieno di debiti. Questo comportamento oltre ad aumentare la perdita di credibilità del ceto politico incrementerà il numero degli elettori che rinunceranno a partecipare al voto. Le forze politiche hanno il dovere di presentare programmi chiari e attuabili per consentire, all’elettore, con la sua scelta la consapevolezza di incidere sulla vita politica. Al centro deve essere posto il problema del lavoro con un piano dettagliato di interventi che coinvolge tutti i soggetti. Il lavoro, oltre a restituire la dignità, crea la necessaria ricchezza per attuare le riforme sociali. Per concludere: un po’ di correttezza e distensione nel confronto aiuterebbe a far capire le differenze fra le forze politiche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuseppe Bavari10 gennaio 2018 13:38

      ...commento esaustivo che condivido pienamente: la disoccupazione e la povertà potranno essere debellate esclusivamente pianificando opportune politiche imperniate sulla creazione di posti occupazionali nei vari scibili settoriali. Tuttavia, con l'auspicio di acquisire la Fiducia degli astensionisti riformulo la seguente domanda: per quale motivo Di Maio e il M5s non hanno sporto querela nei confronti di Sgarbi e l'emittente televisiva 'La 7' a seguito dei motivi che ho avuto cura di sintetizzare nel mio precedente commento...??? Se la "spazzatura" dovrà essere incenerita e vaporizzata, credo sia il caso di iniziare...!!!

      Elimina
  5. Giuseppe Bavari10 gennaio 2018 12:25

    Ritengo che se il M5s vorrà fare il passo decisivo orientato nella direzione di vincere le Elezioni e Governare l'Italia, Beppe Grillo dovrebbe ufficialmente indossare i panni del 'Capo carismatico' e smettere quelli del "Padre Padrone"...!!! Credo che sia da eliminare l'associazione di ogni simpatizzante del M5s al controproducente appellativo di "Grillino" alla luce del fatto che il M5s dovrebbe riassumere al suo interno la pluralità di pensiero finalizzata a risolvere ogni stagnante piaga sociale generata dai precedenti Governi...!!!

    RispondiElimina
  6. Giovanni Caianiello10 gennaio 2018 12:33

    Io non mi scandalizzo per le panzane che sciorinano i professionisti della poltrona, né per la loro faccia di bronzo. In fondo, loro combattono per i loro interessi, il posto fisso ed una poltrona in paradiso. Ciò che mi sconcerta invece è l'imbecillità di quelli che nonostante tutto continuano a votarli. È così che gli autori del disastro e del declino sociale, morale ed economico del paese, di manifesta incapacità ed incompetenza, continueranno a raccontare minchiate e persino a copiare i programmi degli avversari come se fossero propri, dopo averli a lungo contestato, mentre i tanti ammaestrati elettori pronti a godere delle proprie disgrazie. Ma realmente, quanti riflettono sul fatto che si accingono a rivotare nuovamente proprio gli autori delle disgrazie di cui quotidianamente di lamentano?

    RispondiElimina