giovedì 31 dicembre 2015

Il 2015 è passato. Speriamo bene per il 2016

Buon 2016 PoliticaPrimadi Giangiuseppe Gattuso - Ė una soddisfazione avere attraversato indenni un altro anno di presenza in rete.
simboli-partitiEra il 2011, il 21 aprile, quando PoliticaPrima comincia la sua avventura. Una piazza virtuale, versatile per lo scambio di informazioni e per ogni tipo di approfondimenti. Una realtà aperta a tutti, senza pregiudizi e attenta alle evoluzioni della società.
Con la possibilità di parlare liberamente di Politica per tutti quelli che hanno questa 'passione'. Quel ‘virus’, a volte silente, che non ti lascia mai.

Enrico LettaChi vi parla, ha vissuto e sguazzato nel sistema partitocratico del passato, quel lungo periodo che ha caratterizzato la cosiddetta prima repubblica. C’era del buono, c’era anche tanto che non andava. Ma come ogni epoca vissuta è fatta di coincidenze, di momenti nei quali ognuno di noi si ritrova a vivere a prescindere dalla propria volontà e, spesso, senza avere piena consapevolezza dei ruoli e delle vicende che si rincorrono.

Adesso tutto è cambiato. Viviamo stagioni di veloci metamorfosi, abbiamo attraversato anni di profonda crisi economica e politica, una disaffezione profonda nei confronti dei partiti, arrivata al livello più basso. Le elezioni del 2013 hanno segnato un discrimine con il passato. Forze politiche sono sparite, altre si sono trasformate.

Luigi Di MaioUn nuovo soggetto si è affacciato all’orizzonte, determinando una forte spinta verso una politica partecipata fatta di semplici cittadini e con un utilizzo originale del web. Sembrava un fuoco di paglia che, invece, giorno dopo giorno ha assunto un ruolo e si pone come un’alternativa possibile al sistema dei partiti per come li abbiamo conosciuti.

Dopo una presenza, durata meno di dieci mesi, dal 28 aprile 2013 al 22 febbraio 2014, Enrico Letta, a capo di un governo necessario di larghe intese, ha dovuto cedere la poltrona di Presidente del Consiglio al giovane Sindaco di Firenze e Segretario del PD. Che tra poco più di un mese compirà il suo primo biennio di governo. È stata ritenuta l’unica possibilità dopo i risultati delle elezioni del 2013 nelle quali non è emersa una maggioranza in grado di assicurare una governabilità senza l’apporto di forze politiche avversarie.

Matteo RenziRenzi ha portato avanti alcune riforme come la “Buona Scuola”, il “Job Act”, la nuova legge elettorale e una riforma costituzionale corposa. Sottolineata dall'abolizione del bicameralismo perfetto e dalla riduzione del Senato a 100 senatori tra rappresentanti delle regioni e sindaci. Approvata sostanzialmente con i soli voti della sua maggioranza e contro tutte le opposizioni dovrà essere portata a referendum confermativo.

Insomma, e per essere realistici, questo è il governo del Paese e fin quando non ci sarà un’altra valida alternativa, dobbiamo sperare che faccia bene. Le questioni irrisolte sono tantissime, lo sviluppo stenta a ripartire, il problema dei giovani, la questione meridionale, e una povertà fatta di grandi numeri continuano a destare preoccupazione. Vedremo.

Ma andiamo a PoliticaPrima e a qualche dato. Con questo abbiamo raggiunto la cifra di 904 articoli. Una cifra ragguardevole che ha spinto tantissimi lettori a partecipare generando ben 14.809 commenti, tutti scritti senza alcun controllo preventivo. Molti rappresentano un arricchimento degli articoli medesimi per la loro profondità di giudizio. Insomma, abbiamo spaziato, ci spiamo spesi, abbiamo preso posizione, fatto proposte, rilevato tante anomalie. Abbiamo anche parteggiato, e abbiamo sbagliato. Ma sempre con la consapevolezza delle nostre idee e con piena libertà d’espressione.

Sono davvero tanti gli autori del blog, amici della prima ora e nuovi arrivati. C’è qualche resa, per stanchezza, delusione o altro. È normale, succede ovunque. Ma restano comunque i loro articoli pregevoli dedicati a PoliticaPrima, una preziosa risorsa per tutti, aspettiamo sempre un loro ritorno. Sto parlando di Salvo Geraci, con i suoi “Intercalari”. Di Francesco Gallo Mazzeo, con il suo "Elogio della Follia". E poi gli amici antichi e infiniti come Sergio Volpe, con il quale condivido l’idea originaria del blog, la “necessità” di creare un posto come questo per dare sfogo alle nostre riflessioni. E ancora Pasquale Nevone, Sergio Potenzano, Bruno La Menza, Luigi Riggio, Giuseppe Arena, Fausta Fabri, Filippo Ales, Calogero Dolcimascolo, Maria Pia Labita, Davide Di Bernardo, Giuseppe Bianca, Totò Cianciolo. E Maurizio Alesi, impegnato politicamente e appassionato osservatore; Giuseppe Vullo, frizzante e generoso che con i suoi 100 articoli e gli innumerevoli commenti è un autore importante del blog.

Ma non posso dimenticare Nino Pepe, infaticabile polemista, commentatore, e fine autore. E ancora, Franco Luce, di Stornarella, in provincia di Foggia; Mario Botteon, politico di razza, di Conegliano in provincia di Treviso; Antonella Puleo e le sue battaglie appassionate per la libertà; Giuseppe Scaravilli; Franca Ciantia.
E ci sono i nuovi, da diverse parte d’Italia, che si sono avvicinati a PoliticaPrima per curiosità. Alcuni hanno immediatamente colto il senso, hanno iniziato a scrivere, seguendoci da vicino. Sto parlando di Michele Maniscalco, personaggio sorprendete . ha vissuto per molti anni in Svizzera dove è emigrato nel 1960, memorabile la sua personale testimonianza sulla vicenda di Portella delle Ginestre; Giovanni Caianiello, della provincia di Caserta, vive in Sicilia dal 1978, ex aviatore, prolifico e attento osservatore della politica; Antonella Albertini, di Baschi in provincia di Terni, Stefania Sardisco, attivista del M5S, di Alessandria; Gisa Siniscalchi, impegnata e inarrestabile, di Fusignano in provincia di Ravenna; Gigi Consiglio, fondatore del periodicoil Bandolo; Valentina Falcioni, appassionata e attenta osservatrice delle dinamiche sociali e politiche, vive e lavora a Milano; Asia Lucia Cricchio, palermitana che vive a Siracusa, in prima fila nella lotta contro la violenza di genere, ambientalista, animalista convinta, e attivista 5 Stelle; Gloria Trizzino, di Roma; Piero Liga, con il suo “Movimento Ultimi”; Salvatore Mancuso e le sue belle poesie. Il giovanissimo Davide Mastrangelo, di Figline Valdarno in provincia di Firenze.

E poi Rosalba Ferrara, brava autrice e commentatrice così come Marisa Bignardelli; Antonella Lo Presti, insegnante. Barbara Corrao, Carmen Scelsi, Armando Pupella, Hans Schmidt che scrive dalla Germania, Antonella Deri, Giorgio Bisagna, Franco Scancarello, Maria Emilia Baldizzi, Piera Provenzano, Angioletta Massimino, Alessio Sayeva. E i commentatori, molti bravissimi e profondi, capaci di scrivere opinioni colte e interessanti, come Peter Schmailzl, che scrive dal canton Ticino; Nino Risitano, Francesca Bertini, Salvatore Mirabile, Silvio Barbata, Lucia Arnao, Claudia Anna Bianco, Salvo Castellese, Liliana Olivieri, Mario Scamardo, Francesca Cottoni, Sergio Savino, Francesco Giammarva, Maria D’Amico, Ornella Ferrara, Salvo Papa, Eugenio Magrini, Maria Lo Bue, Giuseppe Rimicci, Cettina Alongi, Itria Gallo, Gabriella Sanchini, Lorenzo Romano, Tiziana Castoro, Lucia Vittoria Di Marco, Raffaella Schiavone, Ahmed Jama; Giuseppe Floris, alias Beroste, di CagliariEloisa Gattuso, alias emmaeg; Pino Granata con una spontanea e spiccata idiosincrasia per i grillini. E per quelli che dimentico chiedo venia.

Qualche parola in più per Franco Gentile. Uomo raro, nato a Nervi (Genova), nel 1921, vive a Vittorio Veneto, usa benissimo il pc e internet, molto meglio di tanti “ragazzi”. Ha scritto diversi articoli raccontandoci esperienze bellissime. Una presenza importante per PoliticaPrima.

Insomma, è passato un altro anno. E, come diciamo sempre, non è cattiva la Politica, ma lo sono certi “politici” che se ne occupano indegnamente. L’astensione, anche se motivata, serve soltanto a lasciare spazi enormi ai furbi, a quelli che stravolgono i valori e l’essenza della Politica.
Buon 2016 interno PoliticaPrimaI cittadini, quindi, “devono” partecipare attivamente alle scelte, occuparsi del bene comune, in ogni modo, utilizzando tutti gli strumenti che il sistema democratico, pur con i limiti che conosciamo, mette a disposizione.
Perché quella classe politica colpevole di tutto è figlia e specchio della società.
Il percorso è ancora lungo, ma cambiare in meglio è possibile. E sarà così quando, finalmente, acquisiremo consapevolezza dell’enorme ruolo di ognuno di noi.

Buon 2016 e buona PoliticaPrima a tutti.

Giangiuseppe Gattuso
31 Dicembre 2015

43 commenti:

  1. BUONA POLITICAPRIMA a tutti quanti e BUON 2016 nella speranza, come ogni anno, che il 2016 sia migliore di quello appena trascorso e che vengano a trovare soluzione i tanti e gravi problemi che appesantiscono il cammino della nostra Italia. BUON ANNO A TUTTI

    RispondiElimina
  2. Peter Schmailzl1 gennaio 2016 19:09

    Dal nord al sud, abbiamo un'interesse comune: vivere in pace e non dover negare le nostre culture locali e personali, tocca a noi gettare le fondamenta per una nuova convivenza sociale, l'impegno deve essere di noi tutti!
    Con questo auguro un felice anno a noi tutti.

    RispondiElimina
  3. Buon Anno al direttore e a PoliticaPrima. Su questo "Giornale" ho potuto scrivere e sfogarmi contro il potere, senza alcuna limitazione, ne preventiva, e tanto meno successiva.
    Grazie Giangiuseppe, lunga vita a te e a PoliticaPrima.

    RispondiElimina
  4. Giuseppe Vullo1 gennaio 2016 19:37

    Gianni auguri a te ed a tutti gli amici del blog. Solo tu puoi reggere questo manicomio...io essendo molto incostante e permaloso lo avrei già chiuso ! Comunque ti auguro un felice 2016 col tuo giocattolo...e con le persone umili, educate e di buona volontà!

    RispondiElimina
  5. Giuseppe Arena1 gennaio 2016 19:44

    Buon anno, di cuore, a tutti voi e speriamo che sia un anno veramente di svolta dopo tanto penare.
    Sono veramente stanco di questo andazzo, di vivere questo momento di crisi non solo economica ma molto di più amareggiato per il comportamento dei nostri, cosiddetti, politici. Stanco di commentare senza però che si concluda nulla, il nostro pensiero che vola e che ci serve da sfogo. Il piacere di leggere gli articoli e quello di apprezzare molti commenti, articoli e commenti che ti arricchiscono ma poi dentro non trovi più stimolo per essere tu a dire qualcosa. Mi auguro che questo pessimismo leopardesco mi passi ma sappiate che vi leggo sempre e vi apprezzo molto e infine affettuosi auguri con un affettuosissimo abbraccio.

    RispondiElimina
  6. Luigi Gf. Consiglio1 gennaio 2016 19:48

    Mi associo con sentimento a tutti coloro che credono nell'opera edificante della cultura democratica pluralista e in primis vadano i miei più calorosi auguri di un proficuo 2016 all'ottimo Giangiuseppe Gattuso che si spende senza riserve per questa idea, con politicaprima.com - Luigi Gf. Consiglio

    RispondiElimina
  7. Bellissimo e imprevisto il mio incontro con Politicaprima. A volte sì è trattato di scontro ma nel rispetto della persona. Ho anche avuto modo di conoscere una faccia della Sicilia a me sconosciuta. E tante persone con idee sicuramente diverse dalle mie. Ma intellettualmente pulite. Ci meritiamo una bella Italia! Perché siamo ""belli" noi. Che la vita ci sia lieve.

    RispondiElimina
  8. Tutto scorre, nulla permane ed in questi ultimi tempi la politica ci ha messo di fronte a veri e propri sconvolgimenti. PoliticaPrima, con il suo direttore Giangiuseppe Gattuso, ha saputo trattare gli avvenimenti non scadendo mai, a mio parere, nel banale o nel ridicolo. Auguro a tutti gli amici di PoliticaPrima di continuare sulla scia tracciata dal 2015 perché, sono certo, gli avvenimenti ci presenteranno argomenti così interessanti da non lasciarci indifferenti. Chi ama il proprio Paese non può non interessarsi di politica e questo è il blog giusto in cui farla. Un abbraccio a tutti: salute e prosperità al blog, al suo direttore ed a tutti i suoi collaboratori.

    RispondiElimina
  9. Complimenti, Direttore per il bellissimo articolo. speriamo che il 2016 sia l'anno di svolta. Le nostre difficoltà, i nostri problemi hanno una sola ed unica origine ma noi ci ostiniamo a non voler vedere e ci raccontiamo favole,bugie

    RispondiElimina
  10. Comunque credo che l'umanità possa vincere grandi battaglie ma non con gli attuali politici

    RispondiElimina
  11. Lorenzo Romano1 gennaio 2016 20:33

    E' un piacere poter commentare gli articoli dei bravi autori di PoliticaPrima. Gli argomenti interessanti trasmettono il giusto stimolo al commento. Passare qualche ora serale o notturna a leggere gli articoli, scrivere il commento e leggere quelli degli altri mi da l'impressione di partecipare ad un grande dibattito animato da persone che vivono in diverse parti dell'Italia, dal nord al sud. Ringrazio tutti per quanto mi viene trasmesso e, spero di poter continuare a dare il mio modesto contributo. Con l'augurio di continuare con questo piacevole e costruttivo esercizio, auguro a tutti un Buon Anno 2016.

    RispondiElimina
  12. Condivido l'analisi iniziale sull'evoluzione della politica dalla prima Repubblica ad oggi. Ringrazio Giangiuseppe Gattuso per aver creato questo spazio di discussione aperto, plurale e autenticamente democratico che ci consente un sano e costruttivo confronto di idee, passioni, opinioni e valutazioni, sempre interessanti e stimolanti

    RispondiElimina
  13. Nel porgerti i miei più calorosi AUGURI DI UN SERENO e PROLIFICO 2016, estensibili a tutti gli amici del blog, ti ringrazio sentitamente per avermi menzionata per il mio modesto contributo a "PoliticaPrima" ma soprattutto, per avermi dato la possibilità di esprimere, in piena libertà le mie opinioni, talvolta un po' troppo "viscerali " ma assolutamente spontanee e senza censure o autocensure. Auguro, pertanto, LUNGA VITA AL TUO /NOSTRO BLOG.

    RispondiElimina
  14. Buon anno a tutti. Buon anno in particolar modo a te caro Giangiuseppe (io da subito t'ho chiamato Gianni e credo che siamo in molti!) per questa tua idea del blog, qui in molti hanno scritto i loro articoli interessanti e confesso di averne imparato tanto da loro. Dunque, cosa aspettarci da quest'anno? Niente se non la continuazione di quel fruttuoso dibattito intrapreso lungo un anno e quei commenti variopinti che ne seguivano. Il confronto non urlato porta idee validi e le idee validi spesso e volentieri sono portatrici di soluzioni. Ecco, questo è il mio auspicio per questo nuovo anno. Che dire dunque? Buon lavoro a tutto e vediamoci spesso in questa civica arena. A presto un abbraccio al nostro "custode" Giangiuseppe ops! Gianni!

    RispondiElimina
  15. Buon anno a tutti, felice anno nuovo.e sempre avanti con POLITCAPRIMA.....che, giustamente guarda e deve andare sempre più in alto.
    Da questo anno vorrei. tante cose, la prima è un governo nuovo che si interessi ai bisogni reali delle persone e non solo dei potenti. che guardi a chi lavora, ai pensionati. che si, finalmente un Governo eletto dal popolo e non nominato.
    Capisco che è chiedere troppo. è come pensare di vivere nel mondo di Utopia, ma il primo giorno dell'anno, si puo'.
    Grazie Gian.

    RispondiElimina
  16. Michele Maniscalco1 gennaio 2016 21:01

    Anche il nostro Presidente di "Politica Prima ha fatto il suo discorso di fine anno, non ha dimenticato nessuno. E' l'unico che ho letto. Quelli di Mattarella e Grillo non li ho ascoltati ne letti.

    Auguro lunga vita al blog, al suo direttore, a tutti gli articolisti e commentatori che hanno arricchito, positivamente, la mia cerchia di conoscenze, anche se virtuali. Interessanti tutti gli articoli e i commenti.

    RispondiElimina
  17. Antonella Puleo1 gennaio 2016 21:02

    Fiera di far parte degli autori di PoliticaPrima e sempre grata per lo spazio concesso a me è alla mia "battaglia per la libertà" professionale. Grazie.

    RispondiElimina
  18. Buon anno Giangiuseppe. Un po' di luoghi comuni. E , esattamente come fa il Papa, non si dice che il vero pericolo per noi viene dal nazislamismo. Far finta che l'Isis e l'Islam non siano una minaccia per la pace del mondo, è molto pericoloso.

    RispondiElimina
  19. Un grazie al caro Gianni per gli auguri, ricambiati di cuore, un grazie per la possibilità di poter esternare i nostri pensieri e le nostre opinioni in questo spazio che definire libero è riduttivo, è molto di più...è scambio, è passione. è amore è condivisione, è dialogo, è dibattito con la certezza di essere autonomi, di poter discutere senza limitazioni se non la cortesia e la tolleranza che è dell'essere civile.
    Un grazie più personale per avermi dato la possibilità di fare una delle cose che amo,
    scrivere con impegno e passione, spero di continuare ancora per tanto....auguri a Politicaprima...sempre più avanti...

    RispondiElimina
  20. Gabriella Sanchini1 gennaio 2016 21:27

    Giro di boa, oggi, e buon proseguimento di una interessante esperienza. Complimenti Gianni, e Buon Anno a te e a tutti. Mi piace Politica Prima, perchè permette di liberare le nostre idee e lasciarle scorrere sul nastro del nostro tempo, aiutandoci a capire e a riflettere grazie al confronto e al dialogo aperto. L'attualità non manca di offrirci spunti e occasioni ogni giorno, quindi sarà un piacere ritrovarsi su questo blog e continuare sulla strada della riflessione,della critica,dello scambio di opinioni. Un saluto cordiale a te e a tutti gli amici.

    RispondiElimina
  21. Caro Giangiuseppe,tanti auguri a te e a PoliticaPrima perl'anno nuovo e per l'opportunità che mi hai dato di esprimere le mie idee su vari argomenti...grazie
    Non sono le cose che devono cambiare...siamo noi che dobbiamo cambiare davanti alle cose..
    Cosa ci riserva l'anno nuovo..?Non è l'anno nuovo che ci deve riservare qualcosa...siamo noi che dobbiamo porci in maniera diversa davanti alle cose.L'anno che è appena passato non è stato un anno sfigato...il tempo non è sfigato...alcune cose accadono perchè devono accadere e non possiamo farci niente ma molte altre accadono perchè le facciamo accadere,perchè le fanno accadere .... la crisi economica,le guerre,il terrorismo,l'odio e la violenza sono cose determinate dagli uomini non di buona volontà e quest'anno sarà un anno migliore se le coscienze cambieranno eticamente....se i propositi di ognuno non resteranno ipocrite promesse.....se i grandi della terra,compresi i nostri che tanto grandi non sono,si vestiranno di umiltà e non di onnipotenza e non ci prenderanno più per i fondelli,considerato che è questo che hanno fatto fino a ieri....
    La mia speranza è che tutti apriamo davvero gli occhi...capiamo...studiamo....riflettiamo per impedire che anche questo sia un anno sfigato....lo studio libera dalla manipolazione e il plagio delle menti.

    RispondiElimina
  22. Marisa Bignardelli1 gennaio 2016 22:09

    Bellissimo discorso Giangiuseppe!Il primo augurio che ti faccio, PER L’ANNO NUOVO, è avere sempre tanta fiducia, pazienza, tolleranza. La prima dote in assoluto che ti riconosce è quella di essere un talent scouts.Poi ti meriti l’elogio per aver fatto capire a molti (tra cui me stessa) che la politica siamo noi e ciò che ci succede, è politica. In breve ci siamo dentro tutti, pure io che non immaginavo di essere in grado di dibattiti politici. Il tuo virus politico si è adoperato per una coscienza di cittadinanza. Il blog è nostro, dici sempre. E’ vero hai accomunato persone diverse per idee, cultura, esperienza, capacità critiche. Alcuni li riconosco subito solo leggendo le prime righe dell’articolo, con altri non condivido le idee ma sono quelli che mi permettono una riflessione e un confronto in più. Altri sono veri personaggi cui mi sono molto affezionata. Che dire delle nuove leve?Persone in gamba, corrette, preparate che hanno arricchito il nostro blog. Tutti ci siamo sentiti liberi di esprimere le nostre opinioni, liberi di esporci. Io in breve ti definirei un trasmettitore di entusiasmo, IL TUO, verso una politica deludente e spesso ingannatrice. Vorrei ringraziare e fare un mondo di auguri a tutti gli articolisti,che mi hanno dato la voglia di capire.saperne di più,documentarmi. Un augurio aii commentatori, tutti di gran pregio e tutti citati da Giangiuseppe.Sono sicura che il nostro blog si arricchirà sempre di più Voglio finire con le stesse parole del direttore” CI SARA' DEMOCRAZIA quando, finalmente, acquisiremo consapevolezza dell’enorme ruolo di ognuno di noi.


    RispondiElimina
  23. antonella albertini1 gennaio 2016 22:36

    Anche io faccio tanti auguri a Giangiuseppe e a tutti gli amici del blog, nella speranza che il 2016 veda la risoluzione dei tanti problemi che ci affliggono: la disoccupazione soprattutto giovanile, la pungente crisi economica, il degrado morale e politico, le ingiustizie sociali. Non possiamo non sperare che i venti di guerra cessino di soffiare e lascino il posto alla pace e al rispetto della convivenza civile. Non possiamo non desiderare che cessino le morti in mare degli immigrati che fuggono dalla guerra e dalla miseria. Complimenti a Giangiuseppe per la creazione del blog che è un interessante mezzo di confronto. Auguri a tutti

    RispondiElimina
  24. Grazie pronta per iniziare 2016 per esprimere in piena libertà le nostre opinioni

    RispondiElimina
  25. Rosalba Ferrara1 gennaio 2016 22:51

    Coinvolta simpaticamente su questo blog, dove pensieri e giudizi, non sempre in sintonia, si sono incrociati, in modo stimolante, con libertà di espressione, è stata, devo riconoscere un'esperienza positiva. Spero che l'obiettivo di un nuovo anno, non è avere un nuovo anno, ma avere occhi nuovi, orecchie nuove e naso nuovo, per scrivere, commentare, con, e, per fatti nuovi positivi, a favore di questo nostro paese. Un grazie a Giangiuseppe, sempre moderato e attento.

    RispondiElimina
  26. Auguroni di cuore a tutti...e mi raccomando nowinsicily.com ;)

    RispondiElimina
  27. AUGURI DI BUON ANNO a questo interessante Blog, a tutti gli autori che partecipano attivamente,ai più assidui e a coloro che commentano con minor frequenza,ma hanno la voglia di addentrarsi con attenzione nei vari argomenti di confronto e dibattito attratti dallo spirito che anima Politica Prima che è motivo di crescita e partecipazione soprattutto per tutti coloro che, accostandosi per la prima volta, sono rimasti subito "legati" al Blog da una sorta di curiosità che è servita a colmare molte lacune e ha continuato a dare tanti approfondimenti in un campo difficile come quello proposto... Felice Anno Nuovo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anzitutto ancora un augurio di un ottimo 2016, sentito, vero, vibrante al nostro Giangiuseppe che, con tanta passione porta avanti la fatica di questo strumento splendido di comunicazione di idee, alle volte contrastanti ma sempre nel rispetto della piena libertà degli autori il che ne fa una vera e propria “eccezione” nel campo dell'editoria.
      L'augurio, mi sembra non doveroso ma obbligato, va esteso a quanti hanno collaborato e collaborano con lui per l'affermazione del principio democratico dello scambio, libero e sentito e pregno dei principi volteriani del diritto al rispetto di ogni idea, anche se contrastante con la propria visione del mondo. Merito altissimo questo visto l'ambiente in cui si manifesta e le abitudini servili del resto dei massa media italiani di oggi. Bisogna insistere, bisogna continuare a difendere tale peculiarità necessaria come l'aria in un paese che malcostume, interessi innominabili, politici analfabeti di politica, egoismi esecranti, hanno portato al limite della vivibilità civile.
      Un "neo" nell'articolo però esiste e non posso fare a meno di sottolinearlo: quello di aver avuto per me l'attenzione di un paragrafo a parte rispetto alla elencazione dei collaboratori del blog. Giangiuseppe continua a dedicarmi delle attenzioni che in verità non credo di meritare e mi mette sovente in imbarazzo. Gliel' ho detto in privato e glielo ripeto adesso in pubblico: non credo di essere un “fenomeno”anzi fra i collaboratori di Politica Prima ritengo che ve ne siano di tanto più concreti di me anche perché, essendo, per loro fortuna,più giovani interpretano il mondo di oggi e la sua esistenza molto meglio di me e con più sostanziale efficacia. Credo sia giusto e civile rivolgergli un ringraziamento ma anche una preghiera pubblica: non incensarmi troppo Giangiuseppe.........è pericoloso far montare la testa ad un vecchio perché magari si mette in mente di costruirsi attorno un tempio e, con i tempi che corrono, anche di richiedere un “tributo” o un “pizzo” tanto per stare ai tempi.
      E con questo chiudo con un abbraccio collettivo a tutta la “Famiglia”!

      Elimina
    2. Chi, come lei, possiede il senso dell'ironia non invecchia mai!

      Elimina
    3. Mah! Sarà....................la realtà, almeno al momento, non conferma!

      Elimina
    4. Concordo col direttore, un paragrafo a parte per lei Franco è essenziale, lei è un valore aggiunto, la sua "gentile" ironia, il suo cuore nel raccontare sono per me encomiabili ed è bene che Gianni lo faccia...un caro saluto e auguri a lei, che ha una mente molto più giovane della sua età anagrafica...grazie di essere parte, una parte importante di questo spazio libero.

      Elimina
    5. Grazie per le sue parole.........ma mi permetta di metterla sull'avviso: in Italia c'è la tendenza a magnificare le persone, è forse un difetto che ci viene dalle origini così varie della nostra stirpe e queste, ad un certo momento, ritengono di essere diventate dei semidei (sinceramente non è il mio caso perché spesso, sulla base di certe realizzazioni che m'erano naturali, m'è stato chiesto di assumere "posti di comando, ed ho sempre rifiutato)....sarebbe meglio non magnificare troppo e rendere omaggio a tali persone con la realizzazione del loro pensiero se davvero lo riteniamo realizzabile.................Ancora auguri!

      Elimina
  28. Desidero ringraziare Giuseppe Gianfattusa per questo splendido blog fi Politica Ptima ..splendido perche' ognuno di noi puo' postare quello che crede naturalmente con il dovuto rispetto e correttezza, le opinioni si sa possono essere ..giustamente diverse ..ma questo non fa altro che rendere piu' interessante il blog stesso ..auguro lunga vita a Politica Prima ,it ed un saluto a tutti dalla mia splendida Isola e da Cagliari in particolare :::!!beroste alias Giuseppe Floris

    RispondiElimina
  29. La qualità della replica di Franco Gentile ai meritatissimi apprezzamenti che lo riguardano, nell'articolo del direttore Gattuso, conferma e avalla la sottolineatura a lui riservata. Nessuno teme che una persona come Gentile si possa montare la testa. Ancora Auguri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dr.Alesi..La ringrazio e la perdono...ma se ci si mette anche lei la cosa diventa tragica......!

      Elimina
  30. Giovanni Caianiello2 gennaio 2016 14:08

    Dopo il riassunto della politica,dei fatti, avvenimenti e notizie che ci hanno accompagnati negli ultimi mesi, ho apprezzato l'invito del Direttore Gattuso, ad una maggiore consapevolezza e l'auspicio per un attivismo dei cittadini verso la politica e le sue scelte, che influenzano inevitabilmente la nostra quotidianità. Non posso che dargli ragione, considerato che il futuro di tutti dipende sopratutto da questo. La fine di ogni anno solare, subito dopo le manifestazioni di bontà natalizia, che secondo tradizione termina a capodanno, si fanno bilanci e si manifestano buone intenzioni. Questa, è una pratica più che apprezzabile, ma a me piace ricordare che per i buoni propositi e le giuste cause, ogni giorno dei trecentosessantatre restanti, può essere capodanno.

    RispondiElimina
  31. Mi dispiace di dover essere assente in questo periodo.......ma cose di forza maggiore mi trattengono. Spero che passi tutto al piu presto! ma PoliticaPrima, molti degli autori e il nostro grande Giangiuseppe sono sempre nel mio cuore e nei miei pensieri! Auguri a tutti! ma proprio a tutti-tutti! ciao

    RispondiElimina
  32. Cettina Alongi3 gennaio 2016 11:03

    Caro Giangiuseppe questo giornale ci informa di tutto e il pregio vero è l'obiettività con la quale affronta gli argomenti! Un buon giornale lo è solo se riesce ad essere libero perché di giornali di parte siamo ormai colmi e ne rifiutiamo la lettura.
    Per questo, infatti ti ringrazio e mi auguro che riuscirai a mantenere questa preziosa qualità. Buon anno a te e a tutti i lettori!

    RispondiElimina
  33. Rinnovo gli auguri a Giangiuseppe estesi a quanti seguono questo blog che è una palestra di confronti di idee e pensieri, nell'articolo purtroppo vedo che tende ad accettarsi l'idea che questo governo è inevitabile in mancanza di alternativa, è la stessa idea che ha consentito il governo Monti ovvero il commissariamento mascherato dell'Italia da parte della troijka UE-BCE-FMI, che a dispetto degli apparenti contrasti tra il governo e la Commissione Europea purtroppo ahinoi continua, che il 2016 possa politicamente essere l'inizio di una svolta che consenta la riacquisizione della nostra sovranità nazionale.

    RispondiElimina
  34. Caro direttore mi corre l’obbligo di esprimere il mio sentito ringraziamento per avermi citato nel tuo servizio di fine anno. La tua citazione, la annovero tra i tanti riconoscimenti ricevuti nella mia lunga carriera di politico, ricercatore storico e scrittore di opinione. Ho accettato con entusiasmo di aderire a scrivere sul tuo blog così, come ho fatto su alcuni giornali per circa 15 anni, ma non mi sono mai ritenuto un giornalista… ho scritto per la grande voglia di scrivere… forse anche con il desiderio di potermi raccontare come uomo e cittadino di questa amata Italia. Ho riflettuto tanto, volevo evitare, ma una forza più grande del mio sentire, mi spinge a ringraziare sentitamente la persona che dopo una sua sommaria valutazione, ritenne opportuno consigliarti il mio nome da inserire tra i collaboratori di “Politicaprima”. Tutt’ora credo sia inutile ogni citazione, anche se avverto l’obbligo morale oltre che umano di rendere memorabile il suo gesto sincero e generoso. Grazie. Caro direttore, il tuo è da considerare un discorso con il quale capi di Stato, sovrani e presidenti si rivolgono al proprio popolo fornendo un consuntivo dei traguardi raggiunti nell'anno solare trascorso, con auspici e propositi che il nuovo anno possa essere migliore per una informazione leale e libera da condizionamenti. In sintesi quanto da noi sarà espresso, dovrà essere fatto con la consapevolezza, di dover compiere una serie di atti della nostra vita e della propria “storia”, da condividere con gli altri, nel presente in cui vive. In sintesi voglio dire che non bisogna solo scrivere, ma anche descrivere quali potrebbero essere i nostri progetti per il futuro, allora dobbiamo naturalmente essere portati a fare analisi e tirare bilanci, ma senza condizionamenti di nessun genere. Dobbiamo essere spinti perciò, anche a guardare indietro, a riflettere attentamente sui nostri giudizi ed a valutarli con critica severa. Purtroppo, chi non è in grado di fare questo, finisce per non sapere chi sia e come può essere utile alla società in cui vive. Se siamo costretti a guardare all’indietro, è inevitabile che lo si faccia sotto lo stimolo degli interrogativi che la vita ci pone in concreto nel presente, in maniera selettiva, con l’interesse per taluni aspetti anziché per altri. Spesso con il sopraggiungere di nuovi bisogni ci inducono a ripensare ancora, con particolare attenzione verso momenti prima trascurati. Così la nostra coscienza e il nostro spirito sviluppano con sistematicità e precisione, la ricostruzione continua su ciò che è accaduto e continua ad accadere nel mondo esterno determinando in maniera essenziale la nostra condizione e il nostro destino. Perciò è necessario darci un orientamento politico e compiere scelte in base ai propri valori, per poter costruire un mondo che risponda alle proprie aspettative di giustizia, di verità, di moralità. Auguri, caro direttore, e nello stesso tempo nutro la speranza di poter dare un mio fattivo contributo.

    RispondiElimina
  35. Carissimo come ben sai sono stata all'Estero, soggetta ai Wi-Fi emiratini. Ti ringrazio per avermi citata nel tuo ultimo articolo del 2015 e ti auguro un 2016 felice e di sana scrittura. Ho letto qualche commento e devo riconoscere anch'io che sei stato bravo a coordinare il blog. Ho letto parecchi articoli, tutti interessanti, e ci sono stati parecchi dibattiti e tu come sempre hai assicurato il dialogo e il reciproco rispetto e mi auguro che qualche cocciuta mente possa aprirsi grazie ai contributi preziosi di PoliticaPrima.

    RispondiElimina
  36. Sono onorata ed emozionata per essere tra i nomi da te citati direttore! Chiedo scusa per il ritardo della mia risposta ma da prima di natale è iniziato un periodo difficile e non sono stata molto presente. Anche se in ritardo faccio i miei auguri di Buon anno a PoliticaPrima, a tutti gli autori e i lettori e a te e famiglia. Auguri di cuore, grazie per quest'opportunità di scambio di idee, di informazione e di confronto. Un abbraccio

    RispondiElimina