lunedì 9 giugno 2014

Lavoro e precariato. Il problema di sempre

protesta-precariatodi Giangiuseppe Gattuso – I dati parlano chiaro. La disoccupazione in Sicilia ha raggiunto limiti straordinari. Il 21%, contro una media nazionale del 12,2%.
Il dato più eclatante riguarda i giovani, tra quelli dai 15 ai 29 anni, siamo al 46%. Praticamente uno su due. Una situazione insostenibile. Drammatica. E la Sicilia diventa ogni giorno di più una terra di ultra 65enni (quasi il 19%) con un crollo della natalità indicativo di una preoccupazione fortissima delle giovani coppie a fare figli. I nostri ragazzi più preparati fuggono via, e la tendenza è in aumento. L’insicurezza spinge tantissimi giovani laureati e diplomati a cercare altrove un futuro migliore. Depauperando, così, il nostro patrimonio umano e culturale. Un disastro. .
A questa già critica situazione si aggiunge la piaga del cosiddetto precariato storico a carico della pubblica amministrazione nella sua più ampia accezione. Non c’è comune, piccolo e anche piccolissimo, ente di qualsiasi natura, società partecipate partorite dalla prolifica fantasia degli amministratori dei decenni trascorsi e di tutti i partiti che hanno gestito la cosa pubblica, che non ne abbiano un certo numero. E quasi sempre in numero sovrabbondante e sottoutilizzati.
crocetta-640Migliaia di ‘soggetti’ assunti attraverso meccanismi i più disparati utilizzando leggi e provvedimenti amministrativi di ogni genere. E formando platee di lavoratori socialmente utili, di personale ex emergenza di qualche cosa, di cooperative sociali, di partecipanti a corsi di formazione appositamente inventati, e così via fino alla massa enorme degli stagionali della forestale, e, ultimamente, il pozzo senza fondo della formazione. Ma di sicuro ne dimentichiamo qualche sotto specie, e derivati di questo o quel progetto.
Ogni anno la Regione Siciliana ‘deve’ trovare le coperture finanziarie per il pagamento degli stipendi e dei sussidi. Insomma, per risolvere definitivamente la questione attraverso un processo di stabilizzazione o qualcosa di simile. Un’impresa onerosissima e, forse ancora peggio, senza una visione complessiva e un progetto di utilizzo produttivo di una così gran numero di risorse umane. Uno spreco delittuoso.
Non si contano, infatti, le opportunità rimaste nei cassetti per l’utilizzo virtuoso di tale personale. Con il duplice risultato negativo di aggiungere all’onere pesantissimo per le casse pubbliche, quello della mancata attivazione di servizi essenziali che buona parte di questi lavoratori avrebbe potuto assolvere. Beni culturali, aree verdi, igiene ambientale, assistenza agli anziani, e poi ancora altro in un elenco che non è il caso di approfondire in questa sede. La soluzione più semplice, più alla portata di tutti, invece, è stata, almeno per buona parte di questi, quella dell’assistenzialismo. E cioè la garanzia di un ‘sussidio’ mensile a fronte di un impegno limitato, di una ‘presenza’ che non stravolgesse lo status quo. Con l’accordo e la connivenza di politici, classe dirigente e sindacati. Così da sempre.
Davide Faraone - Facsimile(1)Adesso i nodi sono arrivati al pettine. Le risorse si riducono sempre di più e le procedure di stabilizzazione si sono arrestate. E arrivano le proposte di ‘nuove’ soluzioni. Come quella fatta da Davide Faraone, Il responsabile Welfare del Pd, che propone di costituire un 'bacino unico': l’Agenzia regionale per l’equità sociale e la promozione del lavoro” di tutto il precariato siciliano, una sorta di luogo di transizione verso le società private che andranno a sostituire quelle pubbliche nella gestione di quei settori nei quali vengono utilizzati i precari.
Quindi niente più assistenzialismo e stipendifici, ma la creazione di “lavoro vero”. Il tutto mediante l’utilizzazione di uno strumento tanto discusso e avversato come il cosiddetto 'reddito minimo garantito'. M5SInsomma, la realizzazione pratica del cavallo di battaglia del Movimento 5 Stelle. Un argomento di cui abbiamo parlato altre volte su PoliticaPrima. Una proposta interessante sulla quale va aperto un serio dibattito. Il Governo Regionale e le forze politiche presenti nel Parlamento siciliano, hanno il dovere di intervenire con urgenza per trovare la soluzione e riaccendere la speranza dei nostri giovani.
Giangiuseppe Gattuso
09 giugno 2014
* Aggiornamento di martedì 10 giugno. Sul Giornale di Sicilia un articolo (clicca per leggere) di Giacinto Pipitone sulla proposta di Davide Faraone con ampi dettagli e la risposta del Presidente Crocetta che chiude il pezzo così: “I problemi amministrativi si affrontano con studi e leggi. E sono diversi dai problemi politici. Evidentemente chi non vive da dentro le questioni si limita a proporre soluzioni che restano sganciate dalla realtà”. Più chiaro di così.





4 commenti:

  1. Proposta interessante ammesso che ci sia qualcuno che creda ancora nella classe politica siciliana e forse nella democrazia. Infine non credo che Faraone ed anche Renzi abbiano queste capacità taumaturgiche fintanto che esiste la specificità siciliana.

    RispondiElimina
  2. Siamo di fronte ad una situazione paradossale. Il responsabile welfare del PD fa una proposta articolata per affrontare il grave problema del precariato in Sicilia, cercando di trovare soluzioni sostenibili, anche se non proprio originali, per utilizzare meglio questa gran massa di personale, e il rivoluzionario Crocetta, dello stesso PD, bolla la proposta come "sganciata dalla realtà". Ma se si parlassero prima non sarebbe più serio e meglio per tutti?

    RispondiElimina
  3. ass. disoccupati14 giugno 2014 00:30

    Aspettiamo da sempre un lavoro.

    RispondiElimina
  4. solo chiacchiere riforme, province, senato, giustizia e il lavoro, l'economia. Gia i poveri sono 10 milioni continuiamo casi.

    RispondiElimina