mercoledì 18 aprile 2012

IL MORSO DEL GRILLO ED IL RIGOR MONTIS

di Giuseppe VulloMentre gli adepti di PoliticaPrima stiamo a blaterare di sondaggi improbabili, il berlus-alfanoide Costa si paragona a Carlo Magno, il prode Orlandos da Corleone difende la sua Palermo dall'attacco del giovane saraceno Ferrandellis
spalleggiato dalle bande cracolicitis e dagli squadroni delle lumie di Sicilia...
Scusate ma mi sento Ariosto nella "Palermo sgangherata". Ma a parte gli scherzi mentre rimescoliamo l'acqua nel mortaio o meniamo il can per l'aia, la settima piaga d'Egitto sta per abbattersi su Palazzo delle Aquile. Infatti delle spie informatiche che navigano sul web prezzolate dal principe di Arcore e dai partigiani di Romagna inquadrati tra i bersanoidi hanno trasmesso l'allarme.
Si dice che orde di locuste, cavallette e grilli a 5 stelle, si stanno imbarcando a Genova con obiettivo la conquista di Palermo del fuggitivo conte Cammarata...Tra i cittadini, elettori ed i poveri cristi di Palermo si è diffuso il panico. Debilitati dai primi 5 mesi di interventi e cure da cavallo dal "Professor RIGOR MONTIS” che ci incoraggia e ci tira su il morale.
È vero, il paziente è in coma ma l'intervento è riuscito. Moltitudini di anziani non si ammaleranno più di "pensionite precoce", nel frattempo il prof ha messo a punto una terapia a base di "Imu" e sta lavorando sulla "gangrena dell'articolo 18" se l'intervento non riesce non solo i cittadini ma anche il governo morirà soffocato "da una accise" e da tasse e sovrattasse. Ma già industriali ed imprenditori spaventati migrano all'estero.
E mentre il prof. Rigor Montis si consulta con i cinesi e con la Merkel, i palermitani si aggravano di grillite cronica, recidivante ed ingravescente! La prognosi è riservata. Sembra che già il dieci per cento dei più deboli sia stato infettato dal morso del Grillo 5 stelle.
Il Cardinale ed il popolo di Palermo stanno organizzando una processione per essere liberati dal governo e dall'assedio dei "grillini cinque stelle". Viva Palermo e Santa Rosalia. 


Giuseppe Vullo

18 aprile 2012 

PS. È una sceneggiatura tragicomica ma non molto lontano dalla realtà.

4 commenti:

  1. Caro papi c'è da farsi 4 risate se non fosse che è una tragedia.CMQ complimenti per la VIS comica. Maura.

    RispondiElimina
  2. GIUSEPPE ARENA18 aprile 2012 15:18

    Complementi mi è veramente piaciuto.
    E' vero non è lontana dalla realtà, fra un pò metteranno la tassa (stavolta gradita) sulla morte - chi muore poco prima dovrà versare un tot altrimenti devi rimanere in vita - guai a chi evade (meglio vivere).
    Meditate gente, meditate.
    GIUSEPPE ARENA

    RispondiElimina
  3. Giuseppe mi sono collegato con il blog che mi hai suggerito, non conosco bene la politica palermitana però i personaggi che tu descrivi in questa gustosa satira sono noti anche qui da noi. Ha letto il tuo articolo anche rossela che come sai ha già scritto 3 libri in cerca di pubblicazione. lei ha un gruppo di lettura e teatrale a caltanissetta. Mi hanno chiesto se vuoi scrivere per loro satire ho qualcosa del genere ho dato il tuo numero perchè ci sono le professoresse che ti vogliono conoscere di persona. Quando vieni a san cataldo? Complimenti per l'articolo e per la decrescita felice vorremo costituire un gruppo anche noi a san cataldo. un abbraccio, enzo m.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Enzo M. , PoliticaPrima non è una messaggeria personale. Mi fa comunque piacere se vorrà frequentare il blog e ancor di più se parteciperà con i suoi interventi sui pezzi pubblicati.
      Cordialità

      Elimina