domenica 9 ottobre 2011

IL TEMPO STA PER SCADERE

Gigliola Ibba
POLITICI IL TEMPO STA PER SCADERE. E siamo a due. Non è bastato l'avviso a pagamento di Diego della Valle sul Corriere della Sera del 1° ottobre scorso "POLITICI ORA BASTA", con il quale ha sostanzialmente dato una sberla al mondo politico.
Le reazioni sono state tante, e alcuni, Rosy Bindi in testa, hanno vivamente protestato, altri hanno condiviso nel merito e nello spirito l'appello. E nella puntata di Ballarò della settimana dopo, il 5 ottobre, lo stesso industriale ha ripetuto il suo j'accuse. Entrando poi  fortemente in polemica con l'ex Ministro dei Beni Culturali Sandro Bondi. 

"Quando voglio discutere di cose che riguardano la qualità dei prodotti ne parlo con i capi delle ditte, non con i ragazzi di bottega". Una fragorosa caduta di stile che non ha fatto certo onore al patron di Tod's. Ma ecco un nuovo AVVISO A PAGAMENTO sul Corriere della Sera dell'8 ottobre, una settimana dopo, che ritorna a dare il TEMPO ai politici. Questo volta ci ha pensato Gigliola Ibba. "Una cittadina, si definisce lei, come ce ne sono tante nel Paese. Che paga tutte te tasse, anche quelle non dovute: non ha mai commesso un abuso edilizio e non ha mai versato un euro o una lira per ottenere un incarico, pur avendo lavorato con enti pubblici e privati per importanti commesse"

Gigliola Ibba, da ciò che si trova in internet, è stata tra l'altro Amministratore delegato della "Burson-Marsteller",  società leader di consulenza in strategie di comunicazione e relazioni pubbliche con uffici e sedi in Italia e all'estero. Anche lei come Della Valle ha posto alcune questioni pesanti: "NON MI RICONOSCO IN VOI. VOI NON MI RAPPRESENTATE". "Quindi non vi voto. E come me tanti". Però potete ancora "DARE L'ESEMPIO". "Non ho parole per dire quanto in basso siete arrivati". "Tagliate le vostre spese e i vostri privilegi: sarà un esempio forte". E poi ancora, "LAVORARE INSIEME.  

Se una legge è buona votatela, indipendentemente dallo schieramento che l'ha proposta. Se non è buona, cercate di offrire proposte migliori e fatele conoscere anche a noi. Nelle democrazie più avanzate la maggioranza e l'opposizione cercano di lavorare insieme. Il Belgio senza governo da oltre 250 giorni, ha visto crescere il suo pil e diminuire il debito pubblico. Quando i genitori non ci sono i figli si danno da fare e qualche volta i risultati sono sorprendenti
Il personaggio, non c'è che dire, ha avuto grande coraggio. Le disponibilità economiche per comprare una pagina intera del Corriere, ovviamente ci sono tutte. E, come scrive a chiusura dell'avviso, "non ho paura di verifiche fiscali, ne di sbirciatine nella vita privata. Sono inattaccabile. La mia iniziativa vuole essere un modo per dare voce a chi non può. Non voglio entrare in politica, largo ai giovani, perché la rispetto troppo per cimentarmi in un mestiere non mio. Insomma anche stavolta una grande lezione e un preoccupante segnale che rivela, se ce ne fosse ancora bisogno, un sentimento di fortissimo disagio nei confronti di questa politica malata.
Serve urgentemente porre rimedio. Gli avvisi stanno per finire.


***

3 commenti:

  1. "Tempus fugit!"
    esse gi

    RispondiElimina
  2. In questo momento servirebbe responsabilità e senso dello Stato, non è litigando che si trova una soluzione. Ma chiedere questo ai nostri politici e davvero una utopia.
    Abbiamo eletto forse il peggio da quando è nata la Repubblica. Danno uno spettacolo vergognoso.
    Forse in Parlamento hanno unificato i gruppi politici (maggioranza e opposizione) in uno solo partito gli "IRRESPONSABILI".
    Meditate gente, meditate.
    GIUSEPPE A.

    RispondiElimina
  3. Gli industriali farebbero bene a farsi un esame di coscienza prima di parlare e dettare condizioni. Hanno forse dimenticato tutti gli aiuti dello Stato, in termine di finanziamenti, Cassa Integrazioni Speciale, accompagnamento alle pensioni dei dipendenti in esubero per non parlare delle loro eventuali evasioni fiscali.
    Quanti di loro, dopo avere usufruito dei tanti benefici dello Stato (leggi soldi degli italiani) hanno portato le loro produzioni all'estero dove la manod'opera costa di meno?
    Oggi tutti hanno pure di che lamentarsi, ma mi facciano il piacere... !!!
    Quanti di loro nel 2002 hanno aderito al condono fiscale, quello tombale, e che ad oggi non hanno versato nulla ?
    Meditate gente, meditate.
    GIUSEPPE A.

    RispondiElimina