martedì 13 aprile 2021

ITALIA. POPOLO DI FURBI E DI FESSI

di Torquato Cardilli - Esattamente un secolo fa, nel 1921, lo scrittore Giuseppe Prezzolini dava alle stampe una raccolta di aforismi dallo stile mordace e pungente che descriveva l’indole dei nostri connazionali dividendoli in furbi e in fessi.
A distanza di quasi 15 anni da allora, Mussolini, scottato per l'affronto della Società delle Nazioni che aveva imposto contro l'Italia le “inique” sanzioni per la aggressione italiana dell’Abissinia,
cercò di risollevare l'orgoglio nazionale in un discorso, rimasto celebre, inteso alla glorificazione del suo popolo fatto “di poeti, artisti, eroi, santi, pensatori, scienziati, navigatori, trasmigratori”, come fu poi scolpito sul palazzo della civiltà all’EUR.
Pur non esistendo una definizione codificata dei fessi, secondo Prezzolini chi pagava il biglietto intero in treno, chi non entrava gratis a teatro o a un
ritrovo; non aveva uno parente parlamentare, un cavaliere amico della moglie, un protettore potente in Magistratura, nella Pubblica Istruzione, nella Polizia, massone o gesuita, chi dichiarava al fisco il suo vero reddito, chi manteneva la parola data anche a costo di perderci, era certamente un fesso.

Per converso il furbo, che non ha principi, ma solo fini, e per questo non è da confondere con l’intelligente che può anche essere fesso, eccelle nelle virtù negative contrarie: per la legge di Murphy si trova sempre in una posizione che segna il limite della propria competenza occupando un posto non per le sue vere capacità, ma per l’abilità nel fingere di averle.

Per lui la parola dovere è la più utilizzata non per riferirsi all’obbligo di diligenza nel rispetto delle leggi o di adempimento scrupoloso dei compiti affidatigli, ma per declamarla nelle solenni orazioni funebri in memoria dei fessi che lavorano sodo e pagano le tasse, che mandano avanti il paese e che per esso muoiono mentre gli altri se la spassano.

Non c'è furbo che non abbia qualche scheletro da nascondere e che non disdegni di associarsi ad altri briganti della sua specie, per spartirsi cinicamente la ricchezza prodotta dai fessi, che in generale sono anche stupidi perché sopportano da sempre accontentandosi di qualche misero vantaggio.

Gli esempi di truffe economiche, di fallimenti fraudolenti, di malversazioni bancarie, di ladrocini e di appropriazione dell’altrui risparmio, di torsione delle leggi nell'esclusivo interesse personale, di concessione con i soldi dei risparmiatori di prestiti agli amici e che non sono più tornati indietro, di frodi pubbliche, di aiuti e sovvenzioni a fondo perduto, di turbativa del mercato, di favoritismi occulti, di conflitti di interesse, sono talmente tanti - commessi proprio da chi sta più in alto nella scala sociale - da poter riempire i volumi di un'enciclopedia.

Ciò nonostante l'italiano medio, istupidito da una televisione e da un'informazione distorta, ha un tale culto per la furbizia, che arriva persino all'adulazione di chi ne fa largo uso a suo danno in famiglia, nella scuola, nella carriera, nella vita di ogni giorno.

Il fesso vittima del sopruso pur lamentandosene a bassa voce, o bofonchiando, in cuor suo si ripromette di imparare la lezione per emularne in sedicesimo il misero comportamento soprattutto in ambito fiscale, lavorativo e sindacale.

È cronaca quotidiana quella che vede i furbi, soprannominati con il diminutivo gentile e perdonista di “furbetti”, commettere reati di frode pubblica con il cartellino timbrato senza lavorare, oppure con lo scavalcamento di ogni ostacolo o procedura a danno di altri nascondendosi dietro l'ipocrita ammissione del rispetto della legge formale, che presenta sempre qualche lacuna o varco in cui accomodarsi. La quale legge, per l'ottusità del legislatore e del suo interprete, riesce persino a punire quelli che osano denunziare o semplicemente evidenziare l’altrui sopruso.

Qualche esempio recente dei giorni nostri? Il Garante per la privacy ha sanzionato l'INPS per le verifiche compiute su quanti, pur godendo di posizioni e retribuzioni di prestigio, hanno chiesto ed ottenuto, all'inizio della pandemia, il cosiddetto bonus Covid. Si trattava di Parlamentari, Consiglieri regionali, Assessori comunali che hanno suscitato la pubblica, ma inefficace, riprovazione, per aver carpito, in assenza di un esplicito divieto legislativo, il beneficio di 600 euro, destinato a chi aveva realmente bisogno perché ridotto alla fame dal “lockdown”.

La pandemia oltre ad aver fatto schizzare verso l'alto le diseguaglianze ha evidenziato una serie infinita di altre furbizie: dallo scandalo delle mascherine
con contratti miliardari e provvigioni milionarie concesse a millantatori di professione agevolati dalla cecità politica di chi doveva controllare, alla vicenda dei camici, fatti figurare come donazione dopo che era stata scoperta la vera fattura con coinvolgimento del presidente regionale lombardo, alla questione dell’ospedale Covid praticamente inutilizzato alla Fiera di Milano, al software di gestione delle prenotazioni per le vaccinazioni (sempre in Lombardia) pagato parecchi milioni e preferito a quello gratuito delle Poste, oppure ad atti di vero arrembaggio banditesco per ottenere la vaccinazione senza file di attesa scavalcando i più bisognosi di cure, facendo valere il potere politico o corporativo, proprio a danno di tanti vecchi che ci hanno rimesso la pelle.

A queste due categorie dei furbi e dei fessi ne aggiungerei amaramente altre due per le quali non è necessario spendere eccessive parole perché, come dicevano i latini, la definizione è in “re ipsa”: i delinquenti con sentenza penale passata in giudicato o con condanna evitata per prescrizione, e gli ingenui cioè quelli che si stupiscono del livello di ingordigia degli speculatori, dei profittatori, della fellonia di tanti politici che calpestano la parola data, il programma elettorale, i giuramenti e gli impegni presi, la collettività e il proprio paese, ma che continuano ad eleggerli piuttosto che mandarli a faticare per cercarsi un lavoro.

Torquato Cardilli
13 aprile 2021

18 commenti:

  1. Siamo messi proprio male

    RispondiElimina
  2. Ferdinando Pellecchia13 aprile 2021 19:35

    Ma dove si porteranno tutti quei soldi grondanti sangue e dolore ???

    RispondiElimina
  3. Valeria Ortombina13 aprile 2021 20:04

    E proprio vero parlano sempre i Peggiori con la FEDINA SPORCA !!POVERI CONDANNATI !VERGOGNATEVI!!

    RispondiElimina
  4. Renato Renato Castiello13 aprile 2021 20:14

    DOVREMMO PROCESSARLI TUTTI È SEQUESTRO DI TUTTI I BENI ACCUMULATI CON LA POLITICA SPORCA ITALIANA È IL POPOLO DA UNA VITA CHE HA PAGATO TUTTI LE LORO SPORCHE MACERIE CON IL RAPIMENTO DI TASSE SALATISSIME E RUBARE DENARO DAI PENSIONATI LADRI DELINQUENTI SFRUTTATORI IMBROGLIONI CONDANNATI INDAGATI INQUISITI ECC.ECC

    RispondiElimina
  5. Franco Golosio13 aprile 2021 20:15

    I furbi sono pochi, la maggior parte direi fessi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo invece i furbi sono troppi. E continuano a moltiplicarsi alla faccia di chi riesce a malapena a vivere dignitosamente ed arrivare a fine mese con tanti sacrifici. La colpa e' pero' anche nostra perche', in molti casi, continuiamo a votarli.

      Elimina
  6. E vero noi siamo noi gente per bene... voi siete 4mafiosi... giù tutta la destra ... sempre è solo 5s grande presidente Conte.

    RispondiElimina
  7. Angelo Siliberti13 aprile 2021 21:22

    Voi siete un cazzo avete fatto fallire banche verdini, il puttaniere fatto fallire l'Italia, salvini Renzi ci rubano ogni giorno

    RispondiElimina
  8. Al posto dei puntini era scritto: siete onesti e polli e noi continuiamo a fregarvi.

    RispondiElimina
  9. Armando Simone13 aprile 2021 21:24

    Incominciamo come hanno fatto in Ucraina, quando li vedete per strada, li alzate di peso e li buttate nei cassonetti dell'immondizia.

    RispondiElimina
  10. Mario Blasetti13 aprile 2021 21:26

    Il conflitto di interessi, se non si fa questa legge, possono fare comodamente i cazzi loro tranquillamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. purtroppo le leggi le fanno loro e non il popolo. Quindi finché la maggioranza degli italiani continuerà a votare per i furbi e i farabutti non ci sono speranze

      Elimina
  11. Michele Guerra13 aprile 2021 21:27

    Caro odino liberarci dal male e se vuoi fare qualcosa falli dimagrire fino a raggiungere 20 kili così la dipartita e sicura sicuro di un suo interessamento le porgo i più distinti saluti ooooooo non dimenticare il loro entourage seno escono altri.

    RispondiElimina
  12. Non si dovrebbe mai odiare nessuno. Però ci sono dei personaggi, soprattutto in politica, che sembrano fare a posta a farsi odiare dalle persone normali e intelligenti.

    RispondiElimina
  13. Francesca Campano13 aprile 2021 22:18

    A tutti i tonti che li votano:
    Non vi lamentate se tante cose non funzionano in Italia, siete voi che date potere col vostro voto a questo marciume di ladroni incravattati.

    RispondiElimina
  14. Francesco Di Masi13 aprile 2021 22:20

    L'informazione asservita e leccaculesca e' anch'essa responsabile di tutto questo degrado politico per procacciarsi favoritismi personali a scapito del povero e sprovveduto utente.

    RispondiElimina
  15. La mancanza dei controlli, la confusione o la sovrapposizione dei ruoli fra controllore e controllato danno la possibilità ai furbi di agire indisturbati. La categoria dei furbi è prima di moralità. Cosa si può dire dell’ultima variante, quella dei “furbetti del vaccino? Non hanno scrupoli! Quelli che, per il senso del dovere, rispettano le regole non sono fessi. Chi si ritiene “fesso” tende a fare il salto di qualità diventando “furbo”. Comunque , il cattivo esempio viene dall’alto. Mia madre spesso mi rammentava il vecchio proverbio siciliano: “U pisci feti ra testa” (Il pesce puzza dalla testa). Chissà, forse un giorno i fessi che fessi non sono, si incazzeranno e …...

    RispondiElimina
  16. E' evidentissimo che in Italia cresce nasce e si riproduce la CORRUZIONE quindi i furbi saranno gli EROI e tutti gli altri saranno solo e semplicemnte dei fessi ..dire ONESTA' in questo paese e 'peggio di una bestemmia e i fatti del vaticano del cardinale Becciu (vedi report) dimostrano ancora di piu' come la corruzione sia nei gangli del paese

    RispondiElimina