lunedì 11 giugno 2018

UNA RIFLESSIONE SUI LEADER, SALVINI COMPRESO

Matteo Salvinidi Nino Pepe - Non dobbiamo fare l'errore di pensare che i leader spùntino a caso, come i funghi nel bosco, come la portulaca o le altre erbe infestanti.Portulaca_oleracea1-500x360Ognuno di questi non è altro che il frutto e l'espressione di un popolo in una determinata epoca.
Dobbiamo smetterla di pensare che Adolf Hitler sia un personaggio CASUALMENTE spuntato come un solitario fungo porcino nel deserto. Hitler è la Germania del dopo Repubblica di Weimar. Il Nazismo è un fenomeno tedesco, con tutto il disastroso carico teorico-filosofico che ne ha fatto uno dei mali estremi partoriti dall’umanità nella sua millenaria storia.

Mussolini HitlerUn discorso analogo andrebbe fatto su Mussolini, ma in questa sede ve lo risparmio.
Voglio arrivare all'attualità.

Oggi abbiamo Matteo Salvini, un leader molto discusso e criticato anche aspramente un po' da tutti quelli che non si riconoscono nella Lega.
Il fatto che tutti lo critichino, anche molti dei suoi alleati a 5 Stelle che lo considerano soltanto il minore dei mali per la conquista del potere mi porta a pensare che la ragione stia dalla sua parte.
Salvini è espressione dell'Italia di oggi, di quello che quasi un decennio di governi del PD hanno fatto dell'Italia.

Mi spiego meglio.
Gli italiani sono sempre stati un popolo di persone accoglienti, senza alcuna remora o prevenzione nei confronti dello straniero.

Dopo anni di migrazione selvaggia, dopo quello che il PD ha permesso col suo apparente buonismo da salotto ma in realtà vero cinico calcolo politico, dopo aver fatto diventare i porti italiani i posti più sicuri e convenienti per quelli che spesso sono costretti dai mafiosi locali ad imbarcarsi alla volta dell'Europa; dopo avere permesso l'invasione irrefrenabile di migranti che riempiono e a volte devastano le piazze delle nostre città; dopo che l'opinione pubblica è stata devastata da delitti orribili come quello della ragazza uccisa e fatta a pezzi, il popolo italiano ha detto basta.
E così il PD è stato ridotto alle proporzioni di un partitino di seconda fascia e Salvini è diventato Ministro dell'Interno.

È perfettamente inutile che in televisione certi personaggi odiosi come i Radical Chic , critichino a sangue Salvini e il governo M5S-Lega, perchè sono soltanto loro e il loro partito di riferimento che hanno creato tutto questo sconquasso.
Piaccia o non piaccia, Matteo Salvini è l'Italia di oggi.

P.S. Volete sapere cosa sono e chi sono gli odiosi personaggi Radical chic?
flores-d'arcais"FIGHETTI anticonformisti in cachemire con la macchina bella che votano PD, vanno alle Maldive, si incontrano nei ristoranti alla moda, si fanno le canne, vestono esclusivamente capi firmati o di tendenza, che odiano Berlusconi ed il Berlusconismo (il primo perchè è quello che non riusciranno mai ad essere come personalità e brillantezza, il secondo perchè lo considerano troppo becero e non chic) ed infine se ne fregano altamente dei problemi sociali della povera gente e spesso sono anche un po' razzisti. Vengono da famiglie bene, ma disprezzano lo status sociale di papà e mamma. Cioè sputano su decenni di sacrifici dei propri genitori che hanno sudato e guadagnato bene negli anni del boom economico Italiano per permettergli di studiare mentre loro andavano ai concerti, al cinema e ad occupare le università intere invece di occupare solo il banco coi libri e studiare. Sono quelli che si riempiono la bocca di cose astratte o astruse, magnificando scrittori o artisti che sono ai più sconosciuti e decantando pensieri filosofici apparentemente profondi ma che poi al primo segno di problema quotidiano banale vanno in crisi." (Massimo Martini, cit.)

fuksas-e-il-progetto-del-grattacielo-580324A me dà fastidio che gente come Roberto Saviano, Paolo Flores D'Arcais, Gianni Vattimo, Gad Lerner. Massimiliano Fuksas, Vittorio Zucconi , Alan Friedman, Gianrico Carofiglio, Vauro Senese (il più odioso di tutti) e tanti altri di cui adesso non mi sovviene, tutte le sere, a turno, stiano a pontificare in televisione su quello che è giusto o sbagliato nell’Italia di oggi.
Comunque, il popolo è più saggio dei loro governanti, e quando sbaglia ha sempre la possibilità di riparare.

Nino-PepeNino Pepe
11 Giugno 2018

23 commenti:

  1. Francesca Stefani11 giugno 2018 20:16

    Scusi adesso si esagera per me il vero fascista è Soros.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maria Luisa Cosentino11 giugno 2018 20:21

      Forse qualcosina di più e peggio

      Elimina
  2. Tamara Consuelo DAngelo11 giugno 2018 20:17

    Per me questa è l'epoca della fiera dell'ignoranza. I creduloni abboccano sentendosi sapienti. E i giochi sono già programmati da forze più grandi di noi. L'illusione del potere. Micromondi.

    RispondiElimina
  3. Certo, se si continua sulla strada dei precedenti governi, a maltrattare chi lavora, privandoli dello stato sociale e rendendo precario il futuro, di ambiziosi Furer ne arriveranno chissà quanti, non solo Salvini , che parla alla pancia della gente , ma arriveranno anche i raffinati a parlare col cervello . Se si inizia a criticare il presente , trascurando , anzi oscurando il passato , causa dei mali di oggi , abbiamo perso il senso di orientamento . Ricordiamoci , tanto per stare in argomento di attualità , che i malumori diffusi verso gli immigrati , che Salvini interpretano, arrivano dal fatto che un certo signor Renzi Matteo, ha svenduto porti e coste italiani , consentendo gli sbarchi indiscriminati e non programmati , per una misera concessione di 80 euro , e forse non soli quelli, da distribuire agli elettori italiani. Credo che col tempo verremo a scoprire tante altre cose che girano attorno all'affare del secolo , che ha reso più della droga, secondo Buzzi, malavitoso e finanziatore del PD. Diamoci una calmata e guardiamo la realtà per come si è determinata nel tempo, sino ad oggi!

    RispondiElimina
  4. Purtroppo tutti i nomi indicati nell'articolo (che sottoscrivo e altri se ne potrebbero aggiungere), sono il vero, autentico, unico volto del PD. Sono anni che questo partito, geneticamente modificato, adotta una politica che attira la simpatia di quei signori snob-salottieri che sono diventati ventriloqui di industriali, finanzieri, banchieri e imprenditori spregiudicati. Gli sia lieve il crepuscolo

    RispondiElimina
  5. Sono d'accordo con Nino Pepe quando dice che i nazionalsocialismi sono nati come reazione ad un sistema elitario,corrotto ed inconcludente, anche se il riferimento a Salvini lo trovo un tantino azzardato: oggi le cose sono molto cambiate dal punto di vista tecnologico e socioeconomico; abbiamo infatti acquisito la certezza che sono solo i poteri economico-finanziari globalizzati a dettare legge.
    Sono nauseato anch'io, come lo sono sempre stato, dal comportamento radical chic di certa Sinistra; dal loro buonismo becero ed ipocrita che vomitano incessanti nelle TV. Ma ci sono sempre stati e ci sono persone che ancora credono fermamente nell'ideale socialdemocratico. Non riesco però ad accettare il tuo assenso alla citazione riguardo al termine di paragone con Berlusoni: conoscendoti, non potevo che aspettarselo; lo si definisce brillante nel paragone e dalla forte personalità. Lo pseudo uomo politico ha versato il più grandevagone di letame sulla nostra Italia ed ha contribuito più degli altri alla degradazione sociale ed economica di questo Paese esprimendo la sua personalità, a cospetto dei suoi colleghi politici stranieri, in tal guisa che ancora tutto il mondo ride di lui e di noi. Spero, aldilà delle tue e mie considerazione che ci sia veramente un sostanziale cambiamento e confido nell'azione rivoluzionaria del Governo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quando faccio una citazione la riporto tale e quale, non posso eccedere in scrupoli se nella citazione viene nominato Berlusconi senza che vi siano contumelie contro di lui. Mi pare che tu sia "leggerissimamente" ossessionato da questa figura.

      Elimina
    2. Riguardo Salvini, lungi da me paragonarlo a Hitler, ho soltanto detto che i leader non nascono per caso ma sono frutto della società che li partorisce.

      Elimina
    3. Sig Risitano concordo sulle sue parole sul PD e sopratutto su Berlusconi Lo pseudo uomo politico ha versato il più grandevagone di letame sulla nostra Italia ed ha contribuito più degli altri alla degradazione sociale ed economica di questo Paese esprimendo la sua personalità, a cospetto dei suoi colleghi politici stranieri, in tal guisa che ancora tutto il mondo ride di lui e di noi

      Elimina
  6. In realtà, questo governo di populisti rappresenta uno schiaffo solenne, per i presuntuosi evangelisti della sacra regola piddina, ma sopratutto per i padroni del mondo, impegnati nella costruzione del Nuovo Ordine Mondiale, tra i quali seguaci dichiarati, troviamo anche anche l'ex Presidente della Repubblica. Un mondo che ha appena preso una bella batosta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo sulla BATOSTA COLOSSALE sono scioccati disorientati avevano il potere assoluto .ora facciano l'opposizione se ne saranno capaci ahahahah

      Elimina
  7. È finita la campagna elettorale, abbiamo un Governo nuovo eppure continua il classico esercizio di addossare tutti i mali del Paese al PD. Forse i governi FI-Lega sono passati senza lasciare alcun segno! Dal punto di vista personale, fino a questa sera, ero convinto di essere un cittadino normale che votava PD per convinzione e coerenza, invece mi ritrovo un fighetto radical chic dominato da comportamenti e sentimenti che avrei esercitato e sentito senza mai accorgermene. Non so se preoccuparmi, piangere o ridere. È un mio problema, continuerò a ragionare con la mia testa non offuscata da preconcetti, né condizionato da tutta quella gente che pontifica in televisione. I leader non nascono a caso, si costruiscono anche con il populismo diretto all’esaltazione demagogica delle qualità e capacità delle classi popolari. Comunque i leader che emergono non è detto che devono essere graditi a tutti. Lasciamo da parte queste teorie e parliamo dei fatti concreti come il fenomeno dell’immigrazione. Ne abbiamo parlato in diverse occasioni e abbiamo convenuto che trattasi di un problema che va risolto in ambito europeo e per farlo bisogna superare gli egoismi statuali, ma non bisogna nascondere quelli nazionali: poche Regioni e comuni hanno risposto al piano di ripartizione e accoglienza, la maggioranza ha elevato steccati e in questa confusione si sono infiltrati gli approfittatori. Ricondurre il fenomeno dell’immigrazione ad un business vuol dire chiudere gli occhi sulle reali cause. L’Italia non ha mai voluto affrontare il fenomeno con il giusto verso, ha inteso aggirarlo con la legge Bossi-Fini. Legge che ha aggravato la situazione tanto da perdere il controllo, per ripristinarlo si è dovuto ricorrere alle sanatorie. Siamo arrivati al presente con un ministro Marco Minniti, guarda caso del PD, che è riuscito ad invertire la situazione, gli è stato riconosciuto da tutti compreso dall’attuale Governo. Sulla situazione che si è venuta a creare con il caso della nave Aquarius non è detto che gli Stati che hanno chiuso le frontiere le riapriranno. Oggi ha risposto positivamente il Governo socialista della Spagna, domani chi risponderà?! Chiudo con una considerazione politica: Salvini ha mostrato i muscoli, Di Maio si è accodato, Conte ci ha messo il cappello. Che dire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se voti pd hai davvero parecchi, parecchi problemi

      Elimina
    2. Lorenzo Romano12 giugno 2018 09:06

      Luca Ellero, vuoi dire che devo andare da uno strizzacervello?! Comunque un po' di lucidità non mi manca, quella di rispettare la tua scelta!

      Elimina
    3. Basta guardare i dati ... l’Italia è stata governata dal pd per 5 anni con una maggioranza bulgara ... siamo scesi in tutti gli indicatori macro... o siamo sfigati o siamo stati governati da imbecilli

      Elimina
  8. Lorenzo, consolati. Tu non sei un radical chic, sei una persona per bene, che ha creduto nel PD e lo ha sostenuto. Nessuno te ne fa una colpa, e d'altronde in qualcosa bisogna credere. Il nostro amico Giangiuseppe crede sempre in qualcosa o in qualcuno, politicamente parlando. Ha creduto (anche lui) in Berlusconi,ma anche in Ferrandelli, in Crocetta, e allora? Solo gli imbecilli non cambiano mai idea. Adesso crede nel M5S. Qual'è il problema? Piuttosto devo lamentare l'atteggiamento di quelli che si permettono di giudicare le persone da quelle che sono state le oro preferenze politiche dimostratesi sbagliate nella storia. Io ho Nino Risitano, persona eccellente, che non riesce a sopportare come uno come me, persona per bene fino a prova contraria, abbia creduto in Berlusconi e ancora oggi non sia capace di scrivere ingiurie e contumelie verso di lui. Che ci vuoi fare, il mondo è bello perchè è vario. Io comunque, al posto tuo, farei causa al PD per averti alla fin fine ingannato, costringendoti ad un mal di fegato continuo, a causa del fatto che tu debba leggere sempre commenti negativi (verso il PD, ovviamente)
    Si scherza, ri-ovviamente!

    RispondiElimina
  9. Lillo Antinoro12 giugno 2018 09:00

    Scusate, non mi pare che Nino Pepe abbia voluto paragonare Salvini ad Hitler. Ha semplicemente detto che determinati personaggi storici, condivisibili o meno, sono sempre la risposta della società agli errori di un sistema vessatorio che fa venire meno diritti e certezze, e trasferisce ricchezza verso numero limitato di individui. Nel caso specifico La Lega e il M5S sono la risposta del popolo ad un capitalismo senza etica che ha utilizzato, come longa manus, il PD.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realta partiti socialisti e popolari stanno crollando dappertutto!
      Grecia in primis
      Italia dopo
      Altri seguiranno

      Elimina
    2. Lillo Antinoro12 giugno 2018 09:24

      Vadim Nardone è vero e come dice Rampini ciò è la conseguenza dell'essersi la sinistra appiattita su un liberismo selvaggio. Il laburista Corbyn, che ha ripreso nella sua politica le tematiche della sinistra ha dato nuova linfa al partito laburista che sembrava sparito. Ma i laburisti hanno avuto il coraggio di ripescare Corbyn. In Italia fino a quando il PD non si libera dell'attuale classe dirigente composta da soli ex DC, non può tornare ad essere credibile come sinistra.

      Elimina
  10. Giacomo Ferraro12 giugno 2018 09:26

    Si potrebbe pure dire che ogni popolo ha i leaders che si merita, e sicuramente Salvini ed anche Di Maio sono due singolari rappresentanti dell'italica gente. Lui come pure Di Maio, anche se i toni di quest'ultimo sono pacati e soft, hanno avuto la capacità di sapere leggere nella gente il malumore e la voglia di dire basta ad una cattiva gestione della cosa pubblica . Ed hanno cavalcato la tigre, e si rafforzano ogni volta che i soloni del PD ed i vari lacchè di regime sputano sentenze non rendendosi conto che così facendo si scioglieranno come neve al sole.

    RispondiElimina
  11. Il PD si sciogliera' come neve al sole ..perche' hanno renzi e lo tengono stretto il vero problema loro e' sopratutto l'arrogante pallone gonfiato (secondo me) dimenticavo bugiardo (non aveva proclamato con enfasi che se perdeva al referendum insieme alla Boschi ..udite avrebbero lasciato la politica hanno poi perso anche le lezioni ed il risultato e' stato vedere Renzi SENATORE ..ma come il Senato lo voleva abolire !!BUFFONE

    RispondiElimina
  12. Non mi sono mai interessata di politica ma oggi il governo mi fa vergognare per quello che fa. troppa malvagità.

    RispondiElimina
  13. Salvini è omofobo, razzista e populista.
    Cittadinanza subito a tutti i migranti!

    RispondiElimina