mercoledì 10 ottobre 2012

PENSIERI IN LIBERTÀ DUE

Rosario Crocettadi Felice AjelloOggi a circa ad una ventina di giorni dalle elezioni, colgo l’occasione per esprimere il mio pensiero in ordine a questa confusa, frenetica e poco edificante campagna elettorale.
Da un esame della situazione generale sono profondamente deluso e amareggiato per come la mia Palermo e la mia Sicilia, siano in uno stato di profondo degrado e abbandono.
La Campagna Elettorale Amministrativa Palermitana aveva dato un anelito di Leoluca Orlandosperanza per un cambiamento… ma quale cambiamento!!! Credo proprio di avere vissuto un’ illusione, un sogno… o meglio un incubo… da cui mi sono svegliato madido di sudore e con un vuoto allo stomaco.
Una Palermo invivibile, sporca come e più di prima, uno sciopero al giorno con punte di ordinaria follia, una macchina amministrativa compassata e lontana dai cittadini. Enti locali sull’orlo del collasso senza 1 euro da spendere anche per l’ordinario, licenziamenti ed altro ancora….ma guardate un po’…si ha la sfrontatezza di organizzare festini e festazze… da settembre a dicembre per la modica cifra di circa € 850.000. VERGOGNA!
Sul palcoscenico regionale cosa ci aspetta? Un triste presagio aleggia sui tetti di Palazzo dei Normanni. Ci stanno preparando un grande bidone… che vinca uno o l’altro poco importa. I partiti anche in questa occasione hanno dimostrato di non avere a cuore le sorti della nostra Sicilia, anzi hanno messo in risalto il profondo egoismo che pervade i loro leader .
Per accaparrarsi una fetta di potere più o meno consistente hanno preferito giocare al massacro per donarci il 28 ottobre una Sicilia ingovernabile. Nessuna Maggioranza potrà uscire dalle urne.
Molti parlano già di nuove elezioni, ma si sbagliano, pensate veramente che i neoeletti , dopo aver investito fiumi di denaro e assaporato i privilegi a loro riservati, possano abbandonare Sala D’Ercole? Assolutamente NO. Inizieranno i balzelli, gli accordi sottobanco, le promesse di varie prebende ed altro ancora, si formerà un governo atipico per niente collegato con gli schieramenti preelettorali.
Anch’io voto Rosario Crocetta, ne condivido le impostazioni e i propositi, una persona che ha messo da parte la cosa più sacra… la LIBERTA’ di vivere una vita normale. Il suo tentativo di cambiamento ostacolato non soltanto dagli IDVuomini berlusconiani, ma anche da coloro che dovrebbero condividerne i veri valori… amici di Italia dei Valori per la vostra oscura miopia o meglio per oscure mire di potere state stendendo la mano ai vostri, almeno sulla carta, più acerrimi nemici.
Spero che gli elettori mettano da parte la voglia di mandare tutti a quel paese, colti dal sadico piacere di bruciare la scheda elettorale e diano la migliore risposta possibile, votando CROCETTA.
Felice-Ajello  FELICE AJELLO
  10 ottobre 2012







4 commenti:

  1. maria pia labita11 ottobre 2012 00:20

    Condivido l'analisi politica e aggiungo che, nonostante lo SBARCO di GRILLO in Sicilia, nonostante la miopia di IDV, i siciliani comprendano che solo con Rosario Crocetta potrà esserci una vera svolta.

    RispondiElimina
  2. Rari ma puntuali gli interventi di chi ha scritto l'articolo.
    L'analisi di cio' che e' accaduto , che accade e che accadra' lucida.
    Troppo severa e prematura su ''ORLANDO'' sindaco .
    Anche fin troppo clemente su '' ORLANDO'' politico .
    E' chiaro che la sicilia si gioca forse la partita piu' importante della sua storia , una partita a due , da una parte Crocetta con la sua storia , sostenuto dai partiti di Bersani e casini , dall'altra Musumeci anche lui con la sua storia , ovviamente sostenuto dal duo Storace-Berlusconi .
    Bene , detto questo cosa fanno in sicilia il duo Orlando-Vendola ?
    Si mettono fuori dalla vera partita ,rischiando di non essere presenti neppure in assemblea , e facendo rischiare a tutti noi siciliani di fare tre passi indietro davanti alla storia .
    Pero' , A livello nazionale vedo che Vendola partecipa alla primarie di coalizione e Di pietro in un modo o nell'altro anche .
    Sicilia laboratorio politico ,si diceva cosi' un tempo , forse e' valido anche adesso , solo che noi siciliani in questo laboratorio abbiamo solo il ruolo di topini-cavia .
    Spero con tutto il cuore che malgrado tutto , Rosario Crocetta possa essere il nuovo Presidente di tutti i siciliani .

    RispondiElimina
  3. Nella giungla, ogni mattina, la gazzella si sveglia e sa di dover correre più veloce del leone.
    Nella giungla il leone si sveglia e sa di dover correre più veloce della gazzella.



    Nella Regione Lombardia, ogni mattina, un assessore si sveglia e sa di dover correre più veloce della gazzella..... (dei carabinieri)

    RispondiElimina
  4. Il disgusto di Ajello per i misfatti della classe politica uscente, e per quelli che minaccia di compiere quella rientrante e subentrante è descritta nella maniera più oggettivamente condivisibile.
    Non si può negare,comunque,che davvero il trio Vendola,Di Pietro e Verdi questa volta hanno platealmente "abdicato" al loro dovere morale e politico di concorrere alla elezione della migliore alternativa possibile al governo uscente: Crocetta, che fra l'altro è un indipendente nel PD, e quindi doveva essere assolutamente gradito a SEL-IDV-Verdi.
    E invece niente. Si sono defilati. Anzi peggio, sono antagonisti e riversano critiche e sospetti su Crocetta a ancora più velenose di quelle che "non dicono" a Musumeci e Miccichè.
    La loro scelta di non unirsi in un centrosinistra ad un passo dalla vittoria è tra le cose più "scellerate" alle quali stiamo assistendo.
    Gli elettori responsabili, allora, facciano "contenti" SEL-IDV-Verdi che non si vogliono contaminare con il maggiore partito democratico veramente alternativo al centrodestra di Storace- Berlusconi, non li votino, li lascino ancora una volta fuori dall'ARS. Al loro posto vedo preferiti e preferibili i rapppresentanti di M5S, sia nelle persone, nelle denunce e nei programmi.
    Io comunque voterò Crocetta Presidente e Ferrandelli deputato.

    RispondiElimina