lunedì 1 ottobre 2012

PARADOSSO SICILIANO LA VERA E STRANA ALLEANZA (Idv, Sel, Fds, Verdi, Destra, Pdl e Pid contro Crocetta)

Marano-Musumeci-Fava-Storace-Vendola-Orlandodi Ignazio Mazzara - Il Pdl al suo minimo storico dopo il disastro dell’ultimo governo Berlusconi, gli scandali del Pdl Lazio, gli abbandoni di personaggi di primo piano, le notizie di fatti vergognosi che emergono ogni
giorno, un segretario nazionale che fa quasi tenerezza per la sua sincera devozione a chi tutto deve.
Angelino-AlfanoLa Destra, condannata dalla storia, invischiata tra Pdl e ex missini della prima ora.
Il Pid, ora cantiere popolare, che si dibatte per restare a galla e superare l’ambito 5%, nelle mani di un leader rimasto orfano, ma coriaceo nel mantenimento del potere.
Tutti insieme, sentitamente, ringraziano. Un grazie vero, sincero, riconoscente e presagio di future ricompense. Nello Musumeci, uomo d’ordine, affidabile, della destra pura e dura, scelto da Miccichè, poi pentito, per mancanza di uomini presentabili del Pdl, si ritrova a combattere una battaglia con una marcia in più.
Quella dei compagni Fava/Marano e di Sel, Idv e Rifondazione Comunista e Verdi. Sembra una barzelletta ma non lo è affatto. Anzi, è una strana paradossale realtà tutta siciliana. Quella per cui gli uomini e le donne della sinistra vera, orgogliosa, dei nostalgici di antichi furori, di uomini come Vendola che si alleano con il Pd solo quando serve (Pisapia, Sel, a Milano, Massimo Zedda, Sel, a Cagliari, lo stesso Vendola in Puglia, Doria Sel, a Genova e anche se con una storia diverse, De Magistris a Napoli). Di altri come Di Pietro e il grande sindaco Orlando che lottano sempre per qualcosa che non si sa cos’è, ma, che, poi fanno di tutto per non dispiacersi troppo gli uomini di Silvio. Non si sa mai.
Alla fine, si ritrovano, in Sicilia, a combattere una battaglia, persa in partenza, ma tutta rivolta a non far vincere l’altro. Il nemico vero. Quello che, invece, potrebbe sconfiggere, battendoli definitivamente, le forze della destra e del centro destra. Come il marito usa le forbici contro se stesso per far dispetto alla moglie. Solo che, questa volta, il dispetto è fatto ai siciliani che vorrebbero cambiare. Ma è una scelta. Un’opzione politica che, comunque, va accettata. Come tutte quelle che hanno nell’intimo di ognuno la consapevolezza di un sogno, di un ideale, e anche di una utopia, che non guasta mai.
Ma, nessuno, può pretendere che venga accettata e riconosciuta come la scelta ‘GIUSTA’. Perché giusta non è. Anzi, è tutto il contrario.
Ha creato una spaccatura tra le forze del cambiamento, una frattura grave per le battaglie di domani, quando l’orizzonte sarà ancora molto più ampio. E per il fatto incontestabile che tutto questo finisce con il favorire, ancora peggio se consapevolmente, il candidato di destra, di un centro destra, che tutta la sinistra dovrebbe combattere.
Non è possibile e non è onesto sostenere che votare Rosario Crocetta, è la stessa cosa di votare Musumeci e Miccichè. E quindi meglio che vincano gli altri, quelli ben conosciuti con i quali poter parlare, di tutto.
Complimenti e auguri. Vedremo, però, nonostante tutto, cosa saranno capaci di fare i siciliani, con tutti i loro paradossi e le loro contraddizioni.
Ignazio Mazzara   IGNAZIO MAZZARA
   01 ottobre 2012

21 commenti:

  1. Intrigante l'articolo di Ignazio Mazzara.
    Anch'io, devo ammettere, non ho capito bene il ritiro/esclusione di Fava.
    Certo la buccia di banana sulla quale sembrerebbe essere scivolato Fava e il suo schieramento , tutta gente molto, ma molto, navigata in politica, mi sembra una "balla colossale".
    Come si dice a Napoli che "cà nisciuno è fesso", così anche a me questa sembra un altra trovata "aramaica",questa volta al contrario.
    Dapprima, e con molto anticipo, si annuncia: mi candido, mi candido, mi candido. E poi, invece, si fà l'esatto contrario.
    Dice bene Ignazio, qualcuno che potrebbe far vincere agevolmente Crocetta e ciò che rappresenta, cioè l'unica alternativa di discontinuità oggi possibile in Sicilia, ha invece deciso di fare vincere l'avversario.
    Forse il ragionamento fatto può essere questo: siccome sò per certo che non posso vincere, allora, piuttosto che far vincere il mio odiato compagno preferisco far vincere il nostro comune avversario che, poi, non potrà non essermi grato e generoso nei miei confronti.
    Non mi sfugge nemmeno l'ipotesi che questo "complotto" sia finalizzato a far fallire l'esperimento nazionale nel laboratorio siciliano: provare se il duo UDC-PD può funzionare alle prossime elezioni politiche 2013.
    In definitiva, della Sicilia e dei siciliani ai partiti e loro leaders non gliene può fregare di meno. Mai stati così in basso in 65 anni di Sicilia repubblicana.

    RispondiElimina
  2. Analisi precisa e puntuale caro Ignazio, la sinistra a parole vuol combattere il centro destra, ma ci rendiamo conto che nei fatti poi fa tutto per far perdere i politici più vicino a loro.
    Quante volte la sinistra per piccole beghe di potere interne si è divisa sempre a favore del centro destra è più precisamente a favore di Berlusconi, sembra passato un secolo, appena 12 anni fa Bertinotti con il patto di desistenza fece vincere Berlusconi, dopo alcuni anni la sinistra Di Liberto e compagni fece cadere Prodi sempre a favore di Berlusconi.
    Adesso c’erano tutti i presupposti perché la sinistra si unisse per governare questa terra, invece ha fatto e sta facendo di tutto perché vinca Musumeci.
    Speriamo che tutto ciò non accada ed il popolo siciliano sia più maturo di questi politicanti, che sembra che abbiano un solo interesse non far primeggiare gli uomini che potrebbero dare una vera svolta alla Sicilia.

    RispondiElimina
  3. Cominciamo col dire che oggi è stato mandato a processo Il sig. Penati, e con lui il "sistema PD", un'organizzazione scientifica di tangenti a gogò.
    Ma anche lì cominciano a volare gli stracci, perchè Penati ha detto che non si dimette se prima non lo farà Vendola.
    E' singolare che le dimissioni del governatore della Puglia, coinvolto in una serie di scandali nella gestione della sanità pugliese, venga invocata da uno di sinistra, mentre la destra , sull'argomento, sta zitta. Vuol dire che le vere magagne della sinistra le conoscono meglio loro stessi, più che i loro avversari politici.
    Se Sparta piange, Atene non ride!!!
    Lo scandalo della regione Lazio, anche se inferiore come cifre a quello di cui sopra, è più ripugnante perchè stanno venendo fuori verità e personaggi da voltastomaco, come quel Fiorito, arrogante, disgustoso e rivoltante che per giunta ha manifestato l'intenzione di candidarsi ancora.
    Io temo che anche nel processo Penati verranno fuori cose e personaggi disgustosi.
    .............
    L'analisi di Ignazio Mazzara, ancorchè fatta secondo un punto di vista non neutrale, ha un senso e una ragion d'essere, infatti alcune osservazioni sono molto pertinenti, mentre su altre vorrei qualche spiegazione.
    Ad esempio, vorrei che mi si spiegasse come mai e perchè Di Pietro e Orlando fanno di tutto per non dispiacere gli uomini di Silvio.
    Altra cosa che non mi torna è (nel commento di Luigi Riggio) l'accenno a Di Liberto e compagni che avrebbero fatto cadere Prodi a favore di Berlusconi, mentre a me risulta che caduto Prodi, la legislatura continuò con l'insediamento di D'Alema.
    E' comunque vero che la sinistra in Sicilia è un pò sparpagliata, ma anche dall'altro lato non scherzano. Si potrebbe dire la stessa cosa della destra, infatti, da un altro punto di vista opposto a quello di Mazzara, anche loro stanno facendo di tutto per far vincere la sinistra.
    Ovviamente sarebbe molto meglio che sinistra e destra si sfidassero con soli due schieramenti alternativi, a viso aperto e senza sotterfugi. Sarebbe più facile per uno dei due schieramenti raggiungere il 51% e così governare senza alleanza innaturali e senza rotture di scatole.
    Così, invece, il finale sembra già scritto, infatti nessuno arriverà alla maggioranza assoluta, neanche col premio di maggioranza e la Sicilia sarà ancora una volta governata da alleanze, diciamo così, innaturali e in mezzo a compromessi vari.
    Non è una bella previsione, ma tant'è...

    RispondiElimina
  4. Non torno sull'argomento della mancata unita' delle forze progressiste in sicilia,ne prendo solamente atto .
    I veri motivi non li hanno resi pubblici , ritengo comunque che siano ragioni importanti ed indicibili e probabilmente piu' personali che politiche .
    Un fatto e' certo che le oscure ragioni della non unita',hanno prevalso sugli interessi sei Siciliani che vogliono cambiare pagina .
    Io credo o spero ,che la pagina si cambi egualmente ,e che la gente sia piu' illuminata e concreta di quanto non lo siano stati certi capipartito.
    Comunque voglio augurarmi che i partiti di Vendola e di Pietro da un lato ed il Pd dall'altro ,abbiano almeno la linearita' di non provare mai piu' una qualsiasi alleanza , spero mai piu' alleati in nessun tipo di competizioni a nessun livello .
    Sarebbe gravissimo che dopo una rottura cosi' netta ,fatta e consumata sulla testa e sulla vita di un popolo , domani in un qualche modo riprendessero a parlare di alleanze e di progetti politici comuni, almeno abbiano l'onesta ed il rispetto verso tutti i sicialini di dire ''MAI PIU' INSIEME ''.

    Poi vorrei complimetarmi con Ignazio Mazzara per l'articolo che dara' spunto a riflessioni importanti e forse utili a capire cosa in realta' stia accadendo .

    RispondiElimina
  5. la menza bruno2 ottobre 2012 08:34

    In questi giorni convulsi di presentazione di programmi e liste si e' assistito, in fondo, a qualcosa di netto e preciso.
    La connotazione di ciascun candidato sembra garantire una nettezza di posizioni per quel che concerne il futuro della Sicilia.
    Non sembra arduo pensare che il centrodestra si stia attrezzando per dimostrare che si puo' governare da posizioni di estrema destra dandosi un nome di centro-destra.
    I proclami di Fava sono stati inficiati dalla gaffe della residenza iperbolicamente definita "golpe", evocando carri armati cileni con servizi segreti che spostavano la casa di Fava verso lidi distanti dalla Sicilia.
    Mi pare piu' composta la posizione di Rosario Crocetta, che continua a sviluppare temi sulla legalita' e sulla posibilita' di sviluppo ridando respiro e dignita' alle capacita' produttive del popolo siciliano.
    Non mi sembrano conciliabili, quindi le posizioni in campo, per inciuci futuri.

    RispondiElimina
  6. A differenza di molti altri commentatori io comprendo in via di principio le logiche politiche che anche su scala nazionale allontanano la sinistra dal pd. Il pd, infatti, non solo sembra guardare ad altro in termini di alleanze, ma sembra avere materialmente abbandonato (eccezion fatta per qualche suo isolato esponente) ogni pretesa di socialdemocrazia. La ferocia con cui Vendola è stato attaccato per il suo ovvio e doveroso appoggio ai referendari in tema art. 18 ne è la riprova. Certo questa sinistra pecca di una ricercata voglia di confermarsi quale sinistra di nicchia, che non può certo essere apprezzata da chi di nicchia non vuole restare. Nel caso delle regionali siciliane, tuttavia, le cose avrebbero ben potuto prendere una piega diversa: Crocetta, inizialmente candidatosi col solo sostegno di movimenti ed associazioni, era infatti a mio parere il miglior candidato possibile per uno schieramento di centrosiniostra comunque concepito; e lo stesso Crocetta ha fatto più volte appello (prima e dopo il sostegno ricevuto da pd ed udc) agli esponenti di quella sinistra per ritrovare l'unità. Purtroppo tali appelli sono rimasti inascoltati, ed è chiaro che se oggi la coalizione di centro-sinistra appare sbilanciata verso il centro, una parte di responsabilità non minima è da rinvenire negli stessi che ora sostenendo fava e la marano denunciano tale situiazione. Infine le dichiarazioni di Orlando secondo cui Crocetta, Musumeci e Miccichè sarebbero la stessa identica cosa, sono soltanto sciocchezze non meritevoli di commento

    RispondiElimina
  7. Mazzara Ignazio2 ottobre 2012 09:43

    Si è vero come dice l'amico Pepe che il ragionamento che ho fatto può essere speculare anche per la Destra.
    Ma se ricordi, inizialmente Musumeci è stato per un breve lasso di tempo candidato della destra e del centro destra intero.
    Non so cosa sia accaduto, quali strategie o dinamiche siano intervenute, si possono fare solo illazioni al di fuori delle dichiarazioni ufficiali, alle quali permettimi di non credere.
    Di contro Crocetta è stato vessato dall'inizio da una parte della sinistra radicale e più conservatrice, pur avendo nel suo bagaglio principi, comportamenti e temi sviluppabili per la comutità siciliana.

    RispondiElimina
  8. Caro Ignazio, la tua anlisi, logicamente scritta da puro idealista di sinistra, come chi ti scrive è un puro dell'"altra" politica onesta, che per anni ha assistito allo scempio perpetrato da silvio & C!!!!.Però permettimi, ma di cosa stiamo parlando quando i colonnelli siciliani da Cracolici ad Apprendi (opposte correnti, quindi tutto il partito) siano stati altrettanto complici e registri negli ultimi anni dello scandaloso quanti antidemocratico governo siciliano, che votato dal popolo di dx, si sia ritrovato assessori e ed amministratori di sx Boh, misteri e paradossi siciliani;forse tanto mistero non è perchè il potere ed i "piccioli"piacciono a tutti, compreso chi demagogicamente spesso predica bene sulle porcate di Silvio e poi razzola male!!Ritornando alle nuove elezioni, emerge un nuovo candidato, creato per dispetto da miccichè che resosi conto che non potrà mai essere il candidato di un polo di dx, tira fuori dal sacco il suo antimccichè, da opporre a Cascio;apprezzatissimo amministratore, uomo onesto finanche votato in passato dalla catania pensante di sx, uomo che ha preso posizioni nette contro la mafia, purtroppo per Miccichè e per tanti altri un uomo di destra, di quella vera ,che subito ha negato al suo creatore imposizioni su poltrone o ricattucci.Ha imposto che la sua lista avesse come comune denominatore la fedina penale pulita!Gli si è rivolto contro, costringendo il Miccichè a riproporsi per evitare perdite di potere.Ma tu attento osservatore tutto questo lo sai, come saprai come a Catania uomini fidati di Lombardo sono iscritti nella lista di Crocetta?? O lo stesso Miccichè sia grande amico di Leanza? Misteri della nostra strana terra caro Ignazio, tu ed io siamo due persone pulite che la politica la vivono, non ci vivono come questi signori.Ma tornando a Musumeci e sulla speranza perduta del popolo siciliano, devo rappresentarti che finalmente e forso con orgoglio, dalla Sicilia sta ricrescendo una nuova voglia di politica, quella vera che si fa sui marciapiedi e magari con una risma di volantini, quella in cui i giovani di un partito mandano a fanculo i propri capi per lo squallidissimo clientelismo sui posti in lista.E' vero, dalle ceneri rinasce la vita, e forse dallo squallore regionale e nazionale finalmente forse si riinizia con le proposte, con il sociale!Su Fava cera la vs. speranza, quella delle persone pulite come te che credevano in un progetto,ma.....................credevi veramente che sarebbe diventato Prsidente???Un abbraccio Ermanno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ermanno,
      innanzitutto grazie per essere qui presente, ti ho invitato a leggere ed a scrivere su PoliticaPrima, perchè ho grande stima di te e rispetto per le tue idee, anche se la vediamo in modo diverso.
      Come diceva De Andrè in una sua famosissima canzone "dal letame nascono i fiori", cosa importante che sia viva la speranza di una politica con la "P" maiuscola, che a prescindere dalle ideologie, sia pura e non inquinata da farabutti politicanti di strapazzo.
      Un abbraccio

      Elimina
  9. c'è molta lucidità in questa riflessione di Mazzara ed anche una comprensibile vena di amarezza per un percorso di scelte politiche dettate da ragionamenti poco comprensibili a chi ama il vero primato della politica. penso che i siciliani siano in grado di comprendere ogni caso. sperando che sappiano scegliere"il meno peggio"

    RispondiElimina
  10. SERGIO POTENZANO6 ottobre 2012 18:30

    Da quando è nata Politicaprima ho comprato ogni giorno il giornale di Sicilia e ho letto con più attenzione le pagine di politica nazionale, regionale e locale, e francamente ho notato quanto sia importante sentirsi informato e soprattutto poter comprendere gli articoli ed i commenti degli amici di politicaprima.
    Oggi mi rendo conto, leggendo i vari commenti, che mi manca la memoria storica della politica ai vari livelli, per cui, anche se apprezzo i vostri interessantissimi commenti, non sono in grado di partecipare come vorrei, per cui sorge spontanea una domanda, ma ho fatto bene, in passato, a disinteressarmi della politica per dedicare il mio tempo alla pittura, alla musica etc., oppure no?
    Riflettendo attentamente, mi rendo conto, oramai da un bel po di tempo, che la politica mi da solo tristezza, le ruberie ai vari livelli, i cambi di casacca incomprensibili, le strategie usate per rimanere sempre a galla, le promesse non mantenute, la mancanza di programmi seri ed attuabili per uscire da questa crisi, insomma la politica in generale mi provoca nausea, rabbia, senso di impotenza, frustrazione etc.
    Ma non era meglio quando ero mi interessavo ad altro? Almeno non facevo bile.
    L’unica cosa positiva è aver avuto l’onore di aver conoscere i miei amici di Politicaprima, dei quali continuerò a leggere con interesse gli articoli e i commenti e continuare ad apprezzarli per la loro cultura ed intelligenza.
    Complimenti a tutti, siete Grandi!!!!!



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Sergio, ti assicuro che la tua tristezza per la miseria ed il degrado nelle quali si è ridotta adesso la politica è anche la mia.
      Aggiungo la personale convinzione che per davvero la politica, intesa come libera e democratica partecipazione alla competizione per il governo del paese (quindi della nostra vita) è stata "fatta fuori" nel 1992 con il referendum Segni che abrogò il proporzionale. Il maggioritario fu la "vendetta" dei poteri forti per "vendicarsi" di "Mani pulite" e per impedire al PCI-PDS (forse in parte veramente organizzatore del trappolone con le toghe rosse) di prendere il potere (in quanto risultava l'unico, ed era una bugia, estraneo agli scandali di tangentopoli) con il voto proporzionale degli indignati di allora.
      Adesso, dopo vent'anni, siamo di nuovo allo stesso punto con "rimborsopoli" o "contributopoli" (fate voi), e oggi come allora vogliono cambiare la legge elettorale per impedire che lo sdegno popolare li possa travolgere con l'attuale "porcellum". E già, perchè incredibile a dirsi ma vero,persino l'attuale porcellum, poichè dà il 60% a chi prende più voti, potrebbe,per effetto dell'indignazione popolare, dare la maggioranza persino a M5S (hai visto mai), o ad una coalizione M5S-IDV-SEL.
      Dunque, la "politica è morta da 20 anni (dal 1992). Da allora solo guerra per bande, per clans,per caste e con la complicità di un esercito di utili idoti.
      La resurrezione del primato della politica ci sarà, ne sono sicuro, non può finire così. Il fautore sarà la coscienza civile e l'ira di quegli elettori che prima ragionando tra loro, come facciamo noi in questo blog, alla fine troveranno l'unità di azione e di voto.
      A quel punto, quel giorno , popytremo tornare a gridare: "Viva l'Italia e gli Italiani".

      Elimina
  11. Ho letto l'articolo e lo condivido in pieno. Quali sono gli argomenti che i cosiddetti sinistri espongono sul web contro Crocetta? Il solito gossip sul candidato Tizio, o Caio, o la solita litania contro alcuni esponenti del PD invisi all'attuale sindaco di Palermo e soprattutto a La Repubblica, per motivi tutti ancora da chiarire. Null'altro, perché è difficile rendersi credibile dopo la vicenda pirandelliana del ritiro di Fava, è difficile dire ai Siciliani che chi si è autoproclamato depositario degli ideali della sinistra si è alleato con una forza politica che a Bruxelles fa parte dell'Eurodestra e come tale ha votato TUTTA la politica monetaria ANTIOPERAIA e ANTIMERIDIONALE che la Merkel e la Bundesbank hanno imposto all'Europa, perché è difficile spiegare che le fabbriche in SICILIA chiudono e si perdono posti di lavoro anche perché il SINDACATO è stato INESISTENTE e succube delle politiche ANTIMERIDIONALI del Governo Berlusconi. Cosa ha fatto la FIOM per impedire che FIAT si mettesse per traverso impedendo l'arrivo dei suoi concorrenti stranieri? Cosa fa ha fatto la FIOM per la vertenza del cantiere navale che continua a perdere posti di lavoro? NULLA a parte favorire il REGALO dei bacini a FINCANTIERI. E quindi è meglio parlare di Gossip....

    Raffaele Bonafede

    RispondiElimina
  12. La teoria che la sinistra e la destra siano alleati per far vincere Musumeci mi sembra ridicola e bizzarra. Magari perché sia lui che Fava sono entrambi di Catania? Vuoi vedere che se non vince Crocetta è colpa di Fava?
    Se Crocetta non avesse preferito l'alleanza con l'Udc piuttosto che con la sinistra si poteva discutere come sta facendo Vendola con Bersani. Se Crocetta perde, vuol dire soltanto che lui non era il candidato giusto. Punto.
    Se poi dovesse vincere...
    Poi ha ragione Raffaele Bonafede quando dice che si preferisce parlare di gossip piuttosto che di programmi, di come ha governato il Pd in Sicilia con Lombardo e della novità (???) che rappresenta il Crocetta in termini di discontinuità con i governi Cuffaro e Lombardo. Ma fare un articolo su questi argomenti è davvero difficile. Si rischia di far perdere Crocetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il rischio di far perdere Crocetta sarebbe il contenuto dell'articolo? Mi pare, questo si, davvero bizzarro. La politica, in fondo, è molto semplice nelle sue esplicazioni finali e quindi, dopo tutte le dietrologie possibili e immaginabili, bisogna fare i conti con le possibilità di centrare un obiettivo o meno. E mi pare evidente che lo sforzo immane che la cosiddetta sinistra unita di Fava-Marano sta facendo non può che giovare al candidato della destra e dell'essenza del peggiore Pdl e del Pid che si chiama Musumeci. E qualcuno va dicendo in giro che, nell'eventualità di una vittoria di Nello, i tappi di champagne salteranno con gioia nelle segreterie di Sel Idv e via dicendo. E comunque, è sempre una scelta libera di cui bisognerà prendere atto a futura memoria.

      Elimina
  13. Pensiero e azione......
    Bene , l'azione la rappresenta Nello Musumeci , che bando alle chiacciere , ha messo la peggiore sicilia attorno ad un tavolo , e parlando di cose concrete ha messo tutti d'accordo .
    Ognuno ha portato qualcosa ed avra' qualcosa .
    Qualcuno porta la mafia ,altri la massoneria ,altri il mondo degli intrallazzi ,altri piu' semplicemente la capacita' di rastrellare voti in qualunque modo.
    Musumeci ci mette invece la faccia e la storia , faccia fascista e storia idem .
    Ovviamente il definirsi fieramente fascista non ha creato nessun problema agli alleati , figuriamoci quanto puo' interessare a Berlusconi e soci il riferimento ideale di musumeci , per loro contano i fatti ,ed i fatti loro in particolare .
    Dall'altra parte, invece ,il pensiero , pensiero astratto e sconclusionato che come unico e storico risultato avra' quello di perdere .
    Perdere anche quando sembra impossibile ,ma l'egocentrismo e l'egoismo di tutte le pseudo sinistre e di tutti salottieri da strapazzo ci costringera' probabilmente a rimanere quelli che siamosempre stati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuseppe Arena20 ottobre 2012 13:40

      Caro Sergio,
      troppo discriminante.

      Elimina
  14. I discorsi fatti in questi ultimi giorni con alcuni amici e conoscenti sull'orientamento del voto personale di ciscun conversatore mi ha scioccato e sconcertato.
    In tutte le precedenti consultazioni elettorali non mi era mai capitato di ascoltare ragionamenti ed opinioni così pieni di disprezzo e rancore da parte del cd. "uomo della strada" verso le istituzioni, i partiti, i candidati e perfino contro chi "semplicemente" chiede o sollecita "garbatamente" un semplice voto di preferenza per un candidato.
    Siamo oltre l'antipolitica ed il disprezzo.
    Siamo nell'anticamera del ribellismo anarchico.

    RispondiElimina
  15. Alcune e rare volte succede di dover e poter scegliere,mi rendo conto che puo' essere magari scomodo e poco conveniente se non rischioso,quindi un sano ''CERCHIOBOTTISMO'' puo' essere piu' consigliabile,io purtroppo non sono abile in questa salutare disciplina .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuseppe Arena20 ottobre 2012 16:22

      Non si tratta di CERCHIOBOTTISMO non si può fare di tutta l'erba un fascio.
      In tutti posti: associazioni, partiti ed altro troviamo le pecore nere e molte volte sono più le nere che le bianche; ma non per questo infanghiamo le bianche.
      Valutiamo con più serenità, non lasciamoci prendere dall'ira funesta.

      Elimina
  16. siamo agli ultimi giorni prima della fatidica giornata in cui sapremo CHI diventerà il nostro Presidente della Regione. Rosario Crocetta è il candidato che mi convince di più per il Programma. Ho avuto modo di ascoltare anche altri candidati e sempre più si è consolidata in me la convinzione che puntare su Rosario fosse la scelta giusta per tutti i siciliani che per anni e anni si sono lasciati abbindolare continuamente da false promesse di SALVATORI di turno! Adesso anche Grillo viene visto ahimè come il Salvatore della Patria e così facendo si perderanno voti preziosi che alla fine saranno inutili. MI auguro che in uno scatto di orgoglio si accenda la fanosa lampadina e tutti acquiscano la consapevolezza che è ora di cambiare e puntare su competenze e onestà.

    RispondiElimina