lunedì 16 maggio 2022

DUE PESI E DUE MISURE

di Torquato Cardilli – L’espressione “usare due pesi e due misure”, vecchia come il mondo, è citata persino nella Bibbia (nel Deuteronomio, uno dei libri del Pentateuco), radice della tradizione giudaico-cristiana.
La metafora, utilizzata per mettere in guardia l’uomo semplice dalle frodi e dagli inganni del commerciante truffaldino, è stata col tempo traslata ad altre realtà come il comportamento dei genitori che trattano i figli in modo diseguale, o dei giudici che infliggono pene diverse per reati identici o dei politici che promettono e ingannano il popolo.

Come ha insegnato Manzoni nella storia della colonna infame, la politica è terreno fertile di menzogne, di abuso di potere, di violazioni delle leggi e se allarghiamo l’orizzonte alla vastità della politica estera constatiamo che spesso gli Stati fanno della metafora una perversa abitudine, una specie di direttiva operativa, un binario guida su cui far proseguire i rapporti internazionali nei confronti di alleati, amici e nemici.

Dopo la carneficina della seconda guerra mondiale (circa 30 milioni di vittime tra civili e militari di tutte le nazioni coinvolte) i vincitori, orripilati da quello che avevano visto, da quello che avevano fatto e da quello che avevano subìto, decisero di creare un’Organizzazione politica, più efficace della defunta Società delle Nazioni, aperta a tutti gli Stati che accettassero di uniformarsi ai principi del diritto internazionale, codificati nello statuto.

L’ONU vide la luce nell’ottobre 1945, due mesi dopo l’orrore della strage atomica di Hiroshima e Nagasaki. La sua Carta fondamentale, è un vero monumento alla sacralità del rispetto reciproco tra gli Stati, all’integrità territoriale, alla sovranità di ogni paese, alla non ingerenza negli affari interni altrui, al divieto dell’uso della forza per dirimere divergenze e contrasti. Quest’ultimo punto, assurto a fulcro giuridico dei corretti rapporti tra Stati, è stato interamente recepito dalla Costituzione italiana, che ci impone il ripudio della guerra come strumento per risolvere una controversia internazionale.

Lo scopo principale dell’ONU era dunque quello di garantire la pace universale. Obiettivo completamente fallito per responsabilità individuale e collettiva dei cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza (USA, Regno Unito, URSS, Francia, Cina) che hanno tollerato o promosso conflitti ovunque nel mondo in funzione dei propri obiettivi geopolitici, e che per ribadire la loro supremazia, si sono riservati un diritto negato a tutti gli altri.

Si tratta di quello che viene comunemente chiamato “diritto di veto”, per impedire l’approvazione di una risoluzione ritenuta contraria ai propri interessi. Infatti ogni risoluzione del Consiglio di Sicurezza deve passare con il voto favorevole espresso di tutti i cinque grandi; se non c’è il voto positivo di uno dei cinque la risoluzione muore.

A 77 anni di distanza da quegli impegni e da quello spirito di pace universale bisogna realisticamente riconoscere che la Carta è stata violata moltissime volte dagli Stati potenti e da quelli deboli, e che ogni violazione è stata figlia del desiderio di potere e di predominio da conservare o da conquistare.

Siamo al terzo mese di guerra in Ucraina che ha diviso il mondo in due metà, pro o contro; da una parte le democrazie occidentali, dall’altra i paesi più popolosi del mondo alcuni dei quali retti da sistemi autocratici. Tutti urlano, si insultano, parlano in favore della pace, ma nessuno fa un vero passo avanti; ciascuno vuole nascondere la propria debolezza dietro atteggiamenti e dichiarazioni bellicose e i media, applicando la metafora dei due pesi e delle due misure, fanno a gara per sdraiarsi sulle motivazioni del potente a loro più vicino che, nei fatti, sostiene il prolungamento della guerra.

Il conflitto in Ucraina, dopo essere passato al vaglio dell’Assemblea Generale dell’ONU che si è espressa in modo estremamente maggioritario per la condanna dell’invasione della Russia (140 si, 38 astenuti, 5 no, 10 assenti) è finito sul tavolo del Consiglio di Sicurezza. Qui, dopo un florilegio di accuse e controaccuse, scambiate con passione tra i delegati russo e americano, il mancato voto favorevole della Russia all’adozione di una risoluzione di condanna, ha bloccato ogni passo successivo.

È chiaro a tutti che la Russia ha infranto il diritto internazionale violando con le armi i confini dell’Ucraina per seminarvi morti e distruzioni, ma di violazioni e veti è pavimentata la storia dell’ONU.

La Russia (erede dell’URSS dal 1991) si è avvalsa del “diritto di veto” in pochissime occasioni, mentre gli Stati Uniti vi hanno fatto ricorso decine di volte, nella maggioranza dei casi per bloccare risoluzioni di condanna per i propri misfatti e per le reiterate violazioni del diritto internazionale, della carta delle Nazioni Unite, delle raccomandazioni dell’Assemblea Generale, da parte dell’alleato Israele.

Dopo la guerra dei sei giorni del 1967 tra Stati arabi sconfitti (Egitto, Siria, Giordania, Libano) e Israele, il Consiglio di Sicurezza varò la risoluzione 242 del 22 novembre 1967 approvata all’unanimità, che prevedeva la cessazione dello stato di guerra e il ritiro delle forze israeliane dai territori occupati (Cisgiordania, alture del Golan siriano, territori di confine libanesi e penisola del Sinai egiziano).

Tale Risoluzione, nonostante i ricorrenti richiami dell’Assemblea Generale (gli Stati Uniti hanno sistematicamente fatto naufragare ogni Risoluzione del CdS di ulteriore condanna dell’occupazione), è rimasta inapplicata in questi 55 anni (salvo la restituzione del deserto del Sinai avvenuta a seguito di un’altra guerra nel 1973).

Analogamente l’occupazione di Gerusalemme, annessa da Israele e proclamata sua capitale eterna, può essere paragonata all’occupazione russa e successiva annessione della Crimea: Israele accampando un legame storico che si perde nel tempo a ben prima della distruzione di Tito del I secolo d.C. ha rifiutato di adempiere alle prescrizioni obbligatorie dell’ONU, che vietavano la trasformazione dello status giuridico della città santa.

Gli Stati Uniti sono andati ben oltre il sentimento e l’atteggiamento di amicizia verso Israele: violando anche essi la risoluzione dell’Onu hanno trasferito con Trump la propria ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme riconoscendone la qualità di capitale dello Stato contrariamente al diritto internazionale.

La Russia dal canto suo, proprietaria della base navale di Sebastopoli, rifondata nel XVIII secolo dal principe Potemkin, nel riaffermare che per secoli la Crimea, abitata in larga

maggioranza da russofoni, era parte della nazione russa, ha voluto cancellare la cessione del segretario del PCUS Kruscev (ucraino) che nel 1954 ne fece assegnazione amministrativa alla repubblica sovietica dell’Ucraina.

Nel 2014 la Crimea ha proclamato la sua secessione e indipendenza dall’Ucraina prontamente riconosciuta dalla Russia che di lì a poco, per contrastare la reazione del governo di Kiev, divenuto anti russo con un colpo di stato, favorì l’organizzazione in Crimea di un referendum popolare di annessione.

L’Ucraina e la comunità internazionale attraverso l’Assemblea Generale dell’Onu espressero la condanna dell’annessione con una raccomandazione che raccolse 100 voti favorevoli, 11 contro e 58 astensioni. Il successivo passaggio in Consiglio di Sicurezza fu bloccato dall’opposizione della Russia e dall’astensione della Cina.

In mancanza di un’azione coercitiva da parte del CdS, gli USA si fecero propugnatori dell’imposizione di severe sanzioni economiche contro la Russia che fu anche espulsa (sempre su richiesta degli Stati Uniti) dal G8.

Per giudicare se veniva seguito il sistema dei due pesi e due misure basta ricordare l’atteggiamento degli Stati Uniti e della Nato in occasione della secessione indipendentista del Kossovo a danno della Serbia la cui capitale Belgrado fu pesantemente bombardata dall’alleanza occidentale fino alla capitolazione.

Allora nessuno in Occidente, a livello governativo o di informazione, si oppose alla durezza della devastazione né sollevò critiche per l’assenza di un minimo di “pietas” per le vittime e le distruzioni. E in quel caso la Serbia, ingoiò il rospo senza reagire.

Del resto questo atteggiamento abitudinario del “double standard” da parte dei media occidentali era stato manifestato dopo i bombardamenti selvaggi su Baghdad, su Aleppo, su Tripoli, sull’intero Yemen, sull’Afghanistan che complessivamente fecero più di due milioni e mezzo di vittime.

Per non parlare del dramma dei milioni di rifugiati. Quelli ucraini sono stati visti con occhi compassionevoli a differenza di quelli dalla Siria, dalla Libia, dall’Afghanistan, dall’Iraq, dal Kurdistan. I primi hanno suscitato emotivamente una gara di solidarietà di accoglienza (in Italia ne sono già arrivati 130mila), gli altri hanno visto sbarrate le porte dell’Europa in maniera dura con barriere di filo spinato e brutalità delle varie polizie di frontiera che li bastonavano e respingevano senza cibo, senza acqua, senza ripari in mezzo alla neve.

A questi profughi di seconda categoria veniva concessa la scelta di morire sull’uscio dell’Europa o di languire duramente in Turchia in miserevoli accampamenti, organizzati dal dittatore di Istanbul e pagati dai governi europei, gelosi del proprio welfare, perché fosse impedito loro sine die l’attraversamento del Bosforo.

La coscienza sporca dell’Occidente si è limitata a qualche ipocrita lacrimuccia per gli emigranti affogati nel Mediterraneo e nell’Egeo e per il corpicino del bambino siriano Aylan, spinto sulla spiaggia dal mare come un relitto e amorevolmente raccolto da un soldato turco, la cui immagine ha fatto il giro del mondo alla velocità della luce ed altrettanto velocemente è stata dimenticata.

Infine la questione dei diritti umani trattata anch’essa con la bilancia truccata dei due pesi e due misure. Per le atrocità commesse in Ucraina la Russia è stata espulsa dal Consiglio dei diritti umani con voto dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite (93 voti favorevoli e 92 espressi in modo diverso; il quorum era di 78 e le cinquanta astensioni per regolamento non sono entrate nel conteggio). Nulla è stato mai intentato a livello internazionale per condannare le violazioni dei diritti umani della Turchia contro i curdi, dell’esercito e dei “contractor” americani per gli abusi sessuali consumati alla presenza dei figli delle vittime, con fucilazioni a freddo di intere famiglie, bambini compresi, durante l’invasione dell’Iraq, di torture documentate spavaldamente sui social dagli stessi soldati comportatisi da veri aguzzini nelle carceri irachene di Abu Ghraib o nel campo di prigionia di Guantanamo.

Andando indietro nel tempo chi ricorda se vi siano stati seguiti a livello internazionale sui massacri di Deir Yassin, o di Sabra e Shatila in cui migliaia di civili inermi furono trucidati in puro stile nazista? O se siano stati condannati i crimini commessi anche in territori estranei al teatro di guerra: uccisione e vilipendio di cadavere del giornalista Kamal Khashoggi a Istanbul, rapimenti di persone all’estero orditi dalla CIA, tra cui quello dell’imam Abu Omar a Milano, fatto uscire clandestinamente dall’Italia per essere consegnato alle torture degli aguzzini egiziani, noti per la loro ferocia, di cui è stato vittima anche il nostro Giulio Regeni?

Del resto ancor oggi a più di un secolo di distanza, se ci si permette di ricordare lo sterminio degli armeni, Erdogan (che bisogna tenere buono perché membro della Nato) minaccia impunemente fuoco e fiamme e l’Occidente tace.

Infine per quanto ci riguarda più direttamente, sempre nel quadro dei due pesi e due misure, non si capisce perché i nostri governi accettino il sopruso, senza una forte reazione politica, di vedere il cittadino Chico Forti condannato nel 2000 a vita per omicidio, da una Corte americana prevenuta come fu nel caso degli innocenti Sacco e Vanzetti.

I nostri Presidenti della Repubblica, Presidenti del Consiglio, Ministri degli Esteri in centinaia di contatti personali in 20 anni con gli omologhi americani, sono stati incapaci di pretendere tra alleati corretti il provvedimento di grazia presidenziale, accontentandosi di frasi di circostanza e della solita pacca sulla spalla. Al contrario il nostro Presidente della Repubblica è scattato sull’attenti più d’una volta di fronte alla richiesta di concedere la grazia a vari cittadini americani condannati da tribunali italiani con sentenza passata in giudicato.

Ma c’è di più: soffriamo ancora, dopo 77 anni dalla fine della seconda guerra mondiale, di una condizione di vassallaggio.

Concediamo “in saecula saeculorum” l’immunità dalla giustizia penale italiana ai militari americani operanti nelle basi in Italia (Aviano, Ghedi, Napoli, Livorno, Sigonella, Pordenone, Gaeta, San Vito, Vicenza ecc.). Così, ad esempio, per la tragedia della funivia del Cermis i militari responsabili sono stati lasciati liberi di rientrare nel loro paese, mentre le vittime italiane di quella strage ancora attendono giustizia.

Torquato Cardilli
16 maggio 2022 

Laureato in Lingue e civiltà orientali e in Scienze politiche per l’Oriente. E’ stato Ambasciatore d’Italia in Albania, Tanzania, Arabia Saudita ed Angola. Ha redatto oltre 200 articoli di carattere politico ed economico pubblicati in Italia e all’estero da varie testate ed agenzie di stampa.

24 commenti:

  1. Saverio Cipriano16 maggio 2022 17:17

    Ottimo e opportuno articolo

    RispondiElimina
  2. Non soffriamo di vassallaggio, siamo lieti di avere per amici gli USA , da quando ci hanno liberati dal nazi-fascismo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei rispondere pacatamente con l’apologo del cervo e del cavallo.
      I due quadrupedi convivevano in pace, ciascuno badando al proprio pascolo, ed erano concordi nel respingere eventuali intrusioni. A un certo punto però entrarono in contrapposizione: il cervo facendo valere la maestosità e la forza delle sue corna entrò nel territorio del cavallo impadronendosene per buona parte. Fu guerra aperta. Il cavallo dopo aver perso più della metà del suo spazio, vistosi inferiore, per non soccombere si appellò all'uomo, dotato di una superiorità in armi e intelligenza, che non si fece pregare. Questi gli montò in groppa, gli mise il morso e le briglie e guidandolo al galoppo inseguì il cervo trafiggendolo a morte. Fu così che il cavallo passò dalla libertà al dominio del padrone che non smontò più dalla sua groppa.
      Questa storiella sembra la metafora del rapporto tra Italia e Stati Uniti.
      Il cavallo Italia per liberarsi dall’occupazione del cervo nazista nel 1943 chiamò in soccorso l’uomo degli Stati Uniti. La guerra fu vinta. Di lì a poco, di fronte alla minaccia dell’orso sovietico, gli Stati Uniti ci imposero una presenza militare, divenuta permanente e codificata con la sottoscrizione di una serie di accordi di collaborazione, a partire da quello di Washington del 1950, seguito da altri sedici trattati di cooperazione militare firmati da parte italiana senza condizionalità.
      In epoca di guerra fredda tra le due superpotenze l'Italia accettò di buon grado di ripararsi sotto l'ombrello atomico americano, ma vi rimase in una condizione di subalternità che via via si trasformò, data la sproporzione di forze e di peso internazionale, in un rapporto ancillare, di cavalier servente, di affittacamere, servitù non più giustificata per le mutate le condizioni internazionali dopo la caduta del muro di Berlino ed il disfacimento dell'Urss.

      Elimina
  3. E' un vero piacere leggere la disamina di un tema con una visione su un orizzonte ampio e con il conforto di fatti che evidenzino come sia facili fare in modo di influenzare l'opinione pubblica.
    I fatti riportati sono incontestabili e dimostrano come le regole siano utili per garantire la convivenza in periodi di relativa tranquillità ma che mostrano un'insospettata elasticità e, quando intralciano gli interessi di chi è forte, lascino il posto alla regola del più forte.
    Ritengo che la storia sia un'ottima maestra che sfortunatamente ha pochi alunni

    RispondiElimina
  4. Antonio Filippi16 maggio 2022 22:02

    una volta ci avrebbero definito una colonia americana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gesualdo Napoleone17 maggio 2022 07:28


      Antonio, purtroppo lo siamo ancora!

      Elimina
  5. Enrico De Vivo16 maggio 2022 22:32

    Invece noi per Girone e Latorre subito ci calammo le brache, altrimenti saltava la commessa di 12 elicotteri.....

    RispondiElimina
  6. Condivido dalla prima all'ultima parola

    RispondiElimina
  7. Filippo Santorelli17 maggio 2022 07:30

    Il nostro vassallaggio agli USA è sconcertante.

    RispondiElimina
  8. Ricordo molto bene l’episodio della funivia del Cermis, il segno evidente che non siamo solo un satellite americano, ma una loro “servitù” in tutto e per tutto….
    Noi, le nostre vite, il nostro destino non conta niente per quei guerrafondai….
    E tutto questo, ieri come oggi, grazie a chi ci governa

    RispondiElimina
  9. Flavio Di Renzo17 maggio 2022 07:39

    Basta con gli Usa e la nato ci hanno liberato una volta e adesso ci rendono schiavi per la loro cattiveria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yolanda Scroppo17 maggio 2022 07:43

      Flavio, l'America e la Nato non fanno nulla per nulla. Se l'America ha salvato l'Italia lo ha fatto per il suo tornaconto. Infatti è la padrona dell'Italia. Se lo sta facendo con l'ucraina è per lo sfruttamento delle matterie prime che possiede. Perché non va a salvare molti paesi in guerra da anni dove sono morti a milioni e non si degnano nemmeno a nominarle queste nazioni mentre con la Russia vogliono farla continuare così faranno arricchire tutti i fabbricanti d'armi. L'America non si è mai scomodata per nulla ma solo per i loro interessi.

      Elimina
  10. Lo stato di minorità dell'Italia, della Germania e del Giappone, si sintetizza con tre parole..."guai ai vinti"! Abbiamo perso la seconda guerra mondiale, senza condizioni. Ora dobbiamo ringraziare gli Americani che ci hanno consentito la loro democrazia e ci difendono da eventuali aggressioni (vedi le orde russe) e ci riparano tramite nato, sotto il loro ombrello nucleare! Che vogliamo di più? Chi è causa del suo mal pianga se stesso! Chi ha portato mio zio, dal piccolo borgo di Favara, a morire nella lontanissima Russia? Il nazifascismo di Mussolini ed Hitler naturalmente! Guardate che i russi non hanno dimenticato che abbiamo invaso il loro paese, al traino dei tedeschi.

    RispondiElimina
  11. L'ultimo commento anonimo è mio G. Vullo

    RispondiElimina
  12. Francesco Tapogna17 maggio 2022 16:32

    Alleatevi con la democratica Russia, li è il vostro posto, così finisce il vassallaggio e inizia la dittatura.

    RispondiElimina
  13. il marchese del grillo la giustizia non e' di questo mondo!!!

    RispondiElimina
  14. Ionne Burzacchi17 maggio 2022 16:45

    Il popolo italiano non ha bisogno di nemici i nostri parlamentari ci pensano loro a castigarci ci odiano mi chiedo cosa ha fatto il popolo per meritarsi una classe politica!!!

    RispondiElimina
  15. Alfredo Aloisi18 maggio 2022 07:47

    Nessun vassallaggio con nessuno. Purtroppo i politici degli ultimi 40 anni si sono interessati solo del loro orticello facendolo diventare un latifondo!!

    RispondiElimina
  16. Gianfranco Duci18 maggio 2022 13:16

    Vi dimenticate che gli USA hanno distrutto mezzo mondo con false notizie causando oltre 30 milioni di morti dalla Corea in poi arrivando fino all' Ucraina.

    RispondiElimina
  17. Non è colpa degli americani, ma dei nostri politici e della nostra giustizia che ci mettono in condizione di vassallaggio anche nei confronti dell'India e dell'Egitto (vedi i precedenti). Comunque a me personalmente le basi americane non mi danno fastidio.

    RispondiElimina
  18. Salvatore Rubino18 maggio 2022 13:27

    Vi do un consiglio per portare Putin a un tavolo ci vuole la tavola imbandita di cibo mediterraneo e vino, tarallucci e parmigiano così ci sarebbe la pace.

    RispondiElimina
  19. Francesco Vallefuoco18 maggio 2022 13:28

    Tutto questo grazie alla nostra vecchia classe politica... Che poi tanto vecchia non è perché morti i padri sono arrivati i figli, morti i figli sono arrivati i nipoti, morti i nipoti sono arrivati i pronipoti e così in eterno... come l 'oscillare del pendolo di un orologio...

    RispondiElimina
  20. Dino Scaramuccia18 maggio 2022 15:25

    Complimenti per il suo articolo condivido in pieno, i morti Italiani per colpa degli Americani non contano , per loro la giustizia non c’è, ne possono fare tutto quello che vogliono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi viene in mente l'aforisma di de Quevedo: "Cuando no hay justicia es peligroso tener razón" cioè è pericoloso avere ragione quando non c'è giustizia.

      Elimina