martedì 25 gennaio 2022

ESISTE UNA POLITICA ESTERA ITALIANA?

di Torquato Cardilli - Un anno fa, di fronte alle complicazioni che si profilavano all'orizzonte internazionale nel Mediterraneo, nel Medio Oriente e nel fianco orientale dell'Europa, mi ero posto la domanda di quale fosse la politica estera italiana. Ammetto di non essere riuscito a darmi una risposta che riempisse il vuoto.

domenica 23 gennaio 2022

ONORE E RISPETTO

di Torquato Cardilli - Tra le tre grandi religioni monoteiste, secondo i testi sacri tutte discendenti da Abramo, quella Israelitica è certamente la più antica: vive da 5.872 anni. La sua civiltà ha assorbito e influenzato le altre culture nate dopo

lunedì 17 gennaio 2022

IL CANDIDATO IMPRESENTABILE

di Torquato Cardilli - Manca una settimana all'appuntamento più significativo sul piano istituzionale, quello della elezione del Capo dello Stato.

lunedì 10 gennaio 2022

"PIOVE, GOVERNO LADRO!"

di Giovanni Caianiello - Quando i Granduchi di Toscana imposero la tassa sul sale, questo veniva pesato e venduto ai contadini sempre nei giorni di pioggia, poiché da bagnato, era notevolmente più pesante. Il furto di Stato. Insomma, storia vecchia? Non tanto.

sabato 8 gennaio 2022

A PROPOSITO DEI 5STELLE

di Giovanni Caianiello - Ci sono vari modi di discutere i fatti. Ragionando, sragionando. Con preconcetto, acredine o solo per sindrome da bastian contrario. Ma per l'onestà intellettuale, i fatti, non possono essere descritti diversamente da quel che sono nella realtà.

martedì 4 gennaio 2022

Il miracolo apparente affogato nel latinorum d’occasione

di Torquato Cardilli - Draghi è davvero quel fulmine di guerra, che ci avevano annunciato con squilli di tromba e rulli di tamburi, capace di camminare sulle acque tempestose della politica italiana e rimettere il paese in carreggiata?

domenica 2 gennaio 2022

2022. PROBLEMI POLITICI E PREOCCUPAZIONI

di Giangiuseppe Gattuso - È finito l'anno con la pandemia in corso dopo aver vissuto l'incubo del 2020 quando nulla sapevamo. Il sottoscritto ne apprezzò subito la pericolosità traditrice con 24 giorni di ospedale con i medici che curavano a mani nude. Andò bene. Non c’erano vaccini e chi ne parlava immaginava tempi lunghi, poi il 27 dicembre la prima dose e sembrò l’inizio della fine.