giovedì 7 luglio 2016

Altro che integrazione. Solo barbarie e xenofobia

Emmanuel e Chirynyedi Giangiuseppe Gattuso - “Emmanuel Chidi Mbady 36 anni arriva in Italia con sua moglie Chinyery, 24 anni, dopo essere scappato dalla Nigeria. In un attentato i terroristi di Boko Haram avevano ucciso la loro figlia. Emmanuel e Chinyery in Libia perdono il secondo figlio, abortito per le botte dei trafficanti.

Nel settembre 2015 vengono accolti dal seminario arcivescovile di Fermo e chiedono asilo. Il 6 gennaio 2016 si sposano nella chiesa di Fermo. Il 5 luglio la coppia incontra due ultrà che insultano la donna: “Tua moglie è una scimmia”. Emmanuele reagisce ma ha la peggio. Trasportato in ospedale muore il 6 luglio”. Ho voluto riportare integralmente questo testo del video pubblicato su Huffington Post che sintetizza l’incredibile tragedia di martedì 5 luglio scorso e che mi colpito moltissimo.

migranti_ungheria-1000x600Non ho parole. Un fatto gravissimo di profonda inciviltà, violenza, e razzismo. Quel sentimento diffuso più di quanto si pensi e che filtra nei dibattiti televisivi, nelle chiacchiere da bar e nei salotti. Dobbiamo essere onesti con noi stessi. Dobbiamo dircela la verità. L’Italia non possiamo certamente definirla una nazione razzista, ma c’è odio razziale e xenofobia alimentati dalla paura e dalle speculazioni politiche. Che strumentalizzano il fenomeno dell’immigrazione per coglierne un qualche vantaggio elettorale. È così e ne dobbiamo prendere atto. E per questo bisogna attivare ogni accorgimento per mitigare questa deriva pericolosa, non possiamo diventare un Paese così. Ci vuole uno sforzo comune, ci vuole solidarietà, ci vuole tanta generosità.

f173859b-1d10-461b-aae9-d538d94cf505_large-755x500Chinyery ed Emmanuel non erano musulmani e si erano sposati, con un rito particolare per la mancanza di documenti, nella chiesetta di Fermo. Immagini bellissime, musica e colore, che lasciavano trasparire la felicità di una coppia arrivata in un paese amico dopo tanto dolore e traversie. Li aveva “uniti” Don Vinicio Albanesi che svolge un ruolo importantissimo in quella comunità, uno dei capisaldi del nostro sistema di accoglienza.

Lo strazio della giovane è enorme: “Ho perso mio marito, un dolore incredibile. Non posso vivere senza di lui, non ci posso credere”. Aveva iniziato a studiare medicina e per questo Don Vinicio ha preso l’impegno di farle proseguire gli studi in Italia. Un’iniziativa emblematica che potrà servire a dare un segnale di tolleranza e integrazione.

Una ragazza dolcissima insultata pesantemente per il colore della pelle: “scimmia africana”. Un’espressione utilizzata perfino nelle aule parlamentari come è avvenuto nei confronti della ex ministra Kienge, e spesso nei confronti di chi è soltanto “diverso”.

migranti-morti-spiaggiaUn signore, quello che ha ucciso Emmanuel, che pensava volessero scassinare una macchina posteggiata. Un “tifoso” ultras della locale squadra di calcio, come se fosse una qualificazione, ma vicino ad ambienti dell’estrema destra. Un personaggio conosciuto per le sue violenze e sottoposto a Daspo, con il divieto, quindi di accedere alle manifestazioni sportive.

Un provvedimento, però, rivelatosi inutile a salvare la vita e il futuro di una coppia che sperava di avere ritrovato la serenità di una nuova vita. Come le tantissime altre vite inghiottite dal mare quale immane tributo all’egoismo e alla cattiveria umana.

Giangiuseppe Gattuso
07 Luglio 2016

23 commenti:

  1. C'è poco da aggiungere alla perfetta analisi del direttore, una tragedia che ha colpito due persone, due esseri umani già tanto colpiti dal dolore, è imumano e scioccante, sento il bisogno di chiedere scusa a questa ragazza che sperava di aver trovato il suo posto nel mondo col suo uomo e di poter vivere finalmente in serenità. Ti chiedo scusa, perchè in questo paese non siamo tutti come quell'assassino.
    E' vero, bisogna prendere atto che nel nostro paese esiste un razzismo alimentato da certe formazioni che mi vergogno di definire politiche, che si fregiano di questo titolo indegnamente, capaci solo di fomentare la xenofobia, dando colpe agli immigrati e ai profughi, colpe che non appartengono loro, perchè se in Italia le cose non vanno bene, i motivi non sono questi, ve ne sono e ben più gravi e attengono agli italiani più che agli stranieri, ed è un fatto.
    La tolleranza , la generosità, la solidarietà umana, in questo paese comincia ad essere assente, grazie a campagne contro il diverso a volte solo per un pugno di voti.
    E' in momenti come questi che mi vergogno quasi di essere italiana, anche se so di non appartenere a questa minoranza, razzista ed ignorante che non rappresenta la maggior parte degli italiani.

    RispondiElimina
  2. non ho parole !

    RispondiElimina
  3. Santussa Andriano7 luglio 2016 23:55

    Un popolo incivile, un popolo criminale! Questo sta diventando l'italiano

    RispondiElimina
  4. Salvatore Mancuso7 luglio 2016 23:56

    Ci vuole quello che non abbiamo....

    RispondiElimina
  5. Gloria Trizzino8 luglio 2016 00:01

    Sta succedendo di tutto e non credo che sia finita. Assurdo e pauroso.

    RispondiElimina
  6. Schiavone Raffaella8 luglio 2016 00:04

    Ma cosa ci sta succedendo?.....questa è anche conseguenza di tv e giornali che hanno permesso il dilagare dell'odio dando voce e risonanza a personaggi vomitevoli....

    RispondiElimina
  7. Una vita inutilmente spezzata dalla stupidità e dalla pretesa di essere superiori agli altri. Questi cretini che credono che il colore della pelle o il Paese in cui si nasce, stabilisca maggiori o minori diritti compreso quello di sopraffare il prossimo. Una certa parte di politica che alimenta divisioni, discriminazioni, nazionalismi, porta la sua parte di responsabilità nei confronti dei criminali che trovano, nelle parole di certa destra estremista, il rafforzamento dei loro biechi ideali razzisti.

    RispondiElimina
  8. Salvini, e tutti gli estremisti di destra, non possono avere la coscienza pulita dopo quanto è successo a Fermo.
    Questi estremisti sono dei fuorilegge, ed in quanto tali vanno trattati tutti i giorni, non solo quando commettono queste bestualità.
    Quel boia è accusato di omicidio pretirentenzionale, mi auguro che venga trasformata l'accusa in omicidio premeditato per fini abietti

    RispondiElimina
  9. Michele Maniscalco8 luglio 2016 11:43

    Ieri un mio compaesano emigrato in Svizzera ha scritto su FB che i negri li dovrebbero ammazzare tutti e dalli in pasto ai maiali. Questo è un commento che avevo fatto in merito questa mattina.

    RispondiElimina
  10. Giovanni Caianiello8 luglio 2016 11:44

    Intanto, spunta una supertestimone che dichiara che ad aggredire e picchiare è stato l'extracomunitario, unitamente a sua moglie per almeno cinque minuti, poi la reazione di quello che l'ha ucciso. In ogni caso rimane un comportanto da bestie. Non conosco i reali motivi da cui è nato lo scontro, se da un apprezzamento o da una offesa, ma io nella violenza non vedo colore di pelle, solo stupidaggine e becera ignoranza umana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gloria Trizzino8 luglio 2016 13:39

      Hai ragione, ma se qualche volta lasciassimo che l'assassino di qualunque colore, fosse lasciato alla folla forse qualcuno imparerebbe.

      Elimina
  11. Caro direttore, ho apprezzato tantissimo il servizio corredato di un'analisi schietta e molto riflessiva. Sono d'accordo con te, nel ritenere gli italiani un popolo assolutamente non razzista e xenofobo, almeno nella sua indole generale. Però volendo dirla tutta, ci sono anche personaggi che escono fuori dal coro della moderazione e dell'accoglienza. Il fenomeno diventa di esponenziale gravità, se ad uscire dal coro fossero personaggi politici a livello istituzionale. Credo che a nessuno sia sfuggito i vergognosi apprezzamenti che il sig. Calderoli
    rivolse nell'aula parlamentare al ministro di colore Kyenge, definendolo un orango. Non vorrei citare le infinite vessazioni di carattere antropologiche citate dal leghista Borghezio, addirittura contro il meridione. Chiedo a te caro direttore, il "bullo" di Fermo, oltre al suo irascibile carattere, non credi che anche quegli scellerati politici fanno la loro parte?

    RispondiElimina
  12. Michele Principato Trosso8 luglio 2016 13:43

    Giangiuseppe, ci vuole solo una cosa non seguire la linea imposta dal nord america. solo cosi potremo mitigare gli afflussi emigratori. peccato il nostro governo sia asservito mani e piedi agli States.. a loro la ricchezza a noi sti poveri cristi, non parlo di questo singolo caso.. perciò si ha paura del diverso, cultura, etnia, colora, stile di vita. senza scordarci che è sempre esistito il razzismo fin dalla magna Grecia, i greci si sentivano élite nei confronti dei persiani.

    RispondiElimina
  13. Emanuele Gioia8 luglio 2016 13:44

    Il buonismo verso questa invasione islamica da parte di questo governo sta portando il popolo italiano ad essere razzista. I clandestini vengono trattati molto meglio degli italiani , a loro è permessa ogni cosa , non vengono puniti per nessun reato e vivono alle nostre spalle senza dare alcun contributo alla società . Prima si metterà un fermo a questa invasione , prima potremo sbracciarci per riportare tutto alla normalità . Tutto quello che sta succedendo, causa anche l'intervento del Sommo Papa, sta inoltre allontanando gli italiani dalla religione cattolica.

    RispondiElimina
  14. Non strumentalizzate un singolo episodio. Noi Italiani siamo i migliori. Quando un nigeriano a Milano ha ammazzato 3 persone a colpi di accetta non c'è stata una reazione così forte e questo dimostra che siamo migliori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nessun assassino si può considerare migliore di un'altro.....in questo caso impera la democrazia ... sono tutti deprecabili

      Elimina
  15. Dopo tanto dolore, la coppia Emmanuel e Chinyery avevano trovato la serenità e si stavano proiettando verso un futuro di felicità, un balordo, con il suo gesto di odio, ha spezzato la vita di Emmanuel e annullata la felicità di Chinyery. Io, al pari del direttore, non ho parole. Questo non deve esimerci dalla ricerca delle cause che scatenano atti barbari. Mentre il reato rimane individuale, la società dove matura la violenza non è del tutto innocente. In Italia, culla del cattolicesimo, la solidarietà e la generosità dovrebbero essere di casa. Se il razzismo e la xenofobia fanno presa anche in gente non sospettabile, qualcosa non va non solo in Italia ma in tutta l'Europa cristiana. Mentre l'Europa rimane spaccata sull'immigrazione limitandosi alla minaccia di una multa di 6500 euro per ogni immigrato rifiutato, l'Ungheria ha indetto un referendum sull'accoglienza dei profughi come vuole la UE e hanno chiuso i confini con la Serbia e la Croazia. La Lega di Salvini, oltre al no all'euro, assieme al Front National di Marine Le Pen dicono stop agli immigrati. Che dire dei predicatori di odio che alimentano le paure per un pugno di consensi!? Nell'artico viene ricordato il cattivo esempio di alcuni dibattiti televisivi. A proposito mi domando il perché degli inviti fatti sempre ai soliti politici e giornalisti, forse perché oltre alla lite sicura, garantiscono l'audience: che squallore! Su questo terreno aumentano gli egoismi che spingono a chiudersi agli altri, escludendo o discriminando i diversi. Tutti facciamo parte di questa umanità e nessun può essere considerato superiore o inferiore ad un altro. Da anni L'Unione Europea invita con direttive gli Stati membri a dotarsi di leggi antidiscriminatorie. La richiesta viene da una Europa in crisi di valori e non trova accoglimento negli Stati membri dove prevalgono gli egoismi delle forze politiche.

    RispondiElimina
  16. Articolo interessantissimo ricco di spunti da discutere
    Non ci sono scusanti per un crimine da qualunque parte esso arrivi e non importa il colore di chi lo commette Purtroppo oggi in Italia tutto questo non si applica più I ns magistrati per ragioni che sfuggono almeno a me giudicano con due pesi e due misure La presenza rilevante del Vaticano con le sue litanie di buonismo es accoglienza alimenta ipocrisia e buonismo a non finire A tutto questo si deve aggiungere una pessima politica e dei pessimi politicanti che a secondo gli schieramenti si pone pro o contro questa immigrazione incontrollata che porta ad esacerbare l’animo delle persone Concordo con il Direttore l’italiano non è ne razzista o senofobo ma sicuramente l’attuale situazione la difesa a 360° di tutti gli immigrati di qualunque provenienza di qualunque religione da parte di tutte le autorità, l’aumento esponenziale del crimine senza che nessuno paghi per ciò l’insicurezza nelle strade, anche in zone che prima venivano considerate isole felici, ha sicuramente creato una tensione difficile da contenere e che purtroppo genera in certi ambienti situazioni del genere che certamente non va giustificata Mentre non si comprende perché ( se vero ) nessuno parla di un marocchino che ha ucciso a Terni un giovane italiano Ultimo caso di una lunga lista
    E’ necessario ritornare ad una vera legalità che i giudici facciano bene il loro lavoro e che sia chiaro a chi arriva in questo paese che se ne ha diritto può rimanere ma nel rispetto delle leggi e delle regole vigenti in Italia altrimenti possono ritornare da dove sono venuti Mentre chi non ha diritto che venga rimpatriato immediatamente senza tentennamenti Vedi Spagna
    Infine è anche necessario che l’UE sia in grado di gestire questa situazione la prima grave emergenza da decine di anni altrimenti saranno ancora più gravi i problemi per noi

    RispondiElimina
  17. MARISA BIGNARDELLI8 luglio 2016 19:30

    Un articolo che ci richiama a un’attenta riflessione!Molti di noi, la maggior parte di noi, ha sinceramente sofferto per questa ingiusta crudele morte!Questa bellissima coppia mano nella mano, ha passato sofferenze inaudite e quando il loro sogno sembrava avesse un futuro, è successo ciò che è inqualificabile. Io credo fermamente che la loro integrazione ci avrebbe portato del bene. Sarebbe stato un investimento per il futuro. Oggi abbiamo una bella persona in meno e un delinquente che darà solo problemi!Naturalmente, la sua colpa la sconterà con il minimo di pena!Ecco cosa abbiamo!Una moneta falsa in cambio di una d’oro. Non ci sono parole. Non siamo razzisti?Prima avrei saputo rispondere ma ora non lo so! Opportuno l’articolo di Giangiuseppe che ha dato parola, con il suo sdegno a tutti noi! La politica e i giornalisti parlino secondo un’etica della responsabilità. L’equilibrio dell’eccesso deve esserci sempre.

    RispondiElimina
  18. Paolo Giuberti8 luglio 2016 23:23

    E purtroppo caro GianGiuseppe, mi spiace dirlo, ma ho sentito l'altro giorno il dibattito in Senato dove si è ricordato il triste episodio. Il dato? Hanno parlato tutti tranne. silenzio assordante dei 5s...! Paura di perdere i voti in uscita dalla Lega ? Meschino... Indignarsi per Renzi, per la corruzione e le banche e non anche per l'Italia paese che non sa combattere la cultura xenofoba ? Vedute ristrette e non affatto pronti a governare l'Italia...

    RispondiElimina
  19. Con Emmanuel Chidi Mbady è morto il buon senso, il senso della misura e le più elementari regole di convivenza civile...un degrado frutto del dilagare di un egoismo che a partire da chi ha responsabilità di governo e rappresentanza dilaga senza freno fino ai singoli individui e si alimenta dell'ignoranza

    RispondiElimina
  20. Gattuso guardi che i fatti sono andati diversamente. Quello sarà pure un violento ma il Mbady non sembra essere stato da meno.
    Prima di gridare allo scandalo ed al razzismo/fascismo, oltre a comprendere il significato delle parole, approfondiamo i fatti.

    RispondiElimina
  21. Peccato che malgrado le vesti strappate, il battersi il petto e il protrarsi per il perdono ci si é dovuti arrendere all'evidenza: tutto falso. Lo sporco italiano razzista é stato aggredito e si é difeso. Ancora una volta, gli italiani, per ragioni opposte ai loro propositi fanno la figura degli idioti.

    RispondiElimina