martedì 21 giugno 2016

IL M5S VINCE E RENZI SI SENTE INCOMPRESO

Raggi e Renzi Incompreso e pensierosodi Giovanni Caianiello - Niente dura per sempre. Questa volta sono cadute due capitali in un sol colpo, quella precedente e quella attuale.
Ma non c’è niente di preoccupante, in fondo, sono solo due grandi battaglie perse, e solo 19 su 19 ballottaggi contro i Cinque Stelle, però non è la guerra!

renzi-smanetta-col-telefono-a-san-pietroburgo-3-810558Il comando è ancora nelle mani di Renzi, proprio come il suo smartphone, compagno inseparabile persino negli incontri con leader mondiali, con il quale ordina e dirige il suo esercito a suon di Tweet e selfie. A Roma vince Virginia Raggi che ha più che doppiato il PD, ma questo si sapeva da tempo, anche se Rondolino dalle colonne dell’Unità, fino a poco tempo prima annunciava: "Vi do una buona notizia, la Raggi non arriverà neppure al ballottaggio". Infatti.

fassino-1Ma quello che il Presidente del Consiglio proprio non si aspettava, dopo ventitré anni di matrimonio sinistra/Fiat, è la perdita di Torino, la roccaforte storica proprio della sinistra, del Sindaco Fassino cofondatore del Partito Democratico. Ma poco importa, Renzi che è tutto fuorché di sinistra, guarda oltre. La madre di tutte le battaglie la combatterà sul referendum. È questo il compito più importante del suo mandato: Portare in porto la riforma costituzionale, importantissima per la finanza che conta. Si sa, l'economia è il fulcro intorno al quale gira praticamente tutta la vita di interi paesi, cittadini e soprattutto le banche. Renzi lo sa e le sostiene con tutte le sue energie.

Renzi BoschiRenzi è stato finora bravissimo, persino più di Mario Monti. Le ha studiate e messe in pratica, proprio tutte. Dai salvataggi delle banche, pagando i loro debiti, anche grazie alla contribuzione anche se non volontaria di migliaia di bravi cittadini e siccome uno statista ha anche l'obbligo di prevedere le crisi bancarie, con grande lungimiranza, ha persino previsto il "Bail in" per il nostro paese. Cioè quella norma che prevede che se le banche vanno in crisi, potranno salvarsi prelevando i soldi direttamente dai conti correnti dei cittadini, così il governo non dovrà più intervenire ogni volta per risanare i loro debiti. Geniale!

Ma ancora più geniale è invece il suo rimedio alla legge Fornero. Perché abolirla quando la soluzione diventa la pensione anticipata? Quindi, chi vorrà andare in pensione in anticipo, potrà farlo prima dei limiti di età, solo che per farlo, dovrà chiedere un prestito alle banche per coprire il periodo nel quale non verserà più contributi. Praticamente, chiederà in prestito i propri soldi, per andare via con qualche anno di anticipo e li restituirà con gli interessi, nei successivi vent'anni. Altro che chiacchiere!

A questo punto, sorge un dubbio spontaneo: Ma alla luce dei risultati elettorali, è possibile che i cittadini non abbiano capito le politiche del rottamatore della vecchia politica, degli inciuci di Palazzo, dei corrotti, delle auto blu, dei voli di Stato etc.…? Eppure, tutte le sue riforme sono sotto gli occhi di tutti e sono state spiegate nelle Tv e sulla maggior parte dei giornali e nei talk show. Certo che gli italiani sono proprio strani.

Alessandro Di Battista M5SDal punto di vista degli avversari politici per Renzi invece, la tornata elettorale segna la fine della luna di miele con il Paese e suona come una sconfitta cocente, che evidenzia il declino del renzismo. La pensa così anche una parte dello stesso PD, infatti c’è già chi punta al congresso e si candida come segretario del partito.
Ma io credo che ciò che ci insegnano queste elezioni comunali dalle Alpi alla Sicilia, è che ai cittadini forse non piace l’idea dell’uomo solo al comando. In passato, quando questo è successo, ci sono già stati troppi danni in questo paese che la gente non ha ancora dimenticato. Ma ci dicono anche che questo non è più un voto di protesta, ma che contano sempre meno i grossi nomi da esibire e sempre più i programmi.

Wall StreetI media nazionali e persino gli avversari politici, quasi rimproveravano al M5S di non candidare un nome eccellente a Roma, come quello di Di Battista. “Candidano un anonimo perché hanno paura di vincere” dicevano. I pentastellati, al contrario, sostenevano che non contavano i nomi ma i progetti ed i risultati oggi, danno ragione a loro.

E mentre i maggiori quotidiani internazionali riportano la caduta di Roma ed il declino del PD, Renzi, deluso di non aver raccolto quanto seminato, medita il da farsi, e pensa alla grande battaglia del referendum di ottobre.

Giovanni CaianielloGiovanni Caianiello
21 Giugno 2016

33 commenti:

  1. Sarà interessante vedere, e sentire, la minoranza PD alla prossima ed imminente direzione di partito. Sarà il solito e stanco ruggito del coniglio che alla fine si concluderà con un sostanziale "volemose bene”? oppure, come gli elettori del PD si aspettano, verrà finalmente accompagnato alla porta il responsabile, il mandante di questo cataclisma Piddino? Ah, dimenticavo, ma che fine ha fatto Verdini? non si sente da domenica sera, chissà perché....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo adesso ci sara' il 24 giugno 2016 una vera resa dei conti ..la sconfitta enorme c'e' stata eccome e brucia terribilmente ..i poltronissimi del partito democtatico stanno ..pericolosamente vacillando ..la SINSITRA e' morta o moribonda ..credo che verdini verra' archiviato ..e forse anche Renzi il suo magico tocco da Re Mida non funziona PIU? la gente si e' stancata ..con il patto del Nazareno e' iniziato il declino ...e con Verdini si e' TOCCATO IL FONDO.o SI CAMBIA E SI RITORNA AI VECCHI PPRINCIPI DELLA SINISTRA oppure il Movimento diventera' sicurmente ineviatbilemnte il primo partito d'Italia ..governadola !

      Elimina
    2. Maurizio, questo sarebbe il momento più concreto per la sinistra di minoranza, per dare una spallata a Renzi. Ma avrà il coraggio di andare fino in fondo senza arrendersi prima? Certo, comunque vada il ruolo di Renzi è fortemente compromesso. Dal punto di visto della sinistra, il suo fallimento è lampante su tutti i fronti, come è evidente la sua subalternità totale alle banche e multinazionali che governano l'Europa, in nome delle quali sta "rifromando" il paese. Credo che sia arrivato il momento di ricomunciare a respirare un po di aria fresca e un po più democratica.

      Elimina
    3. Rosario Arcidiacono21 giugno 2016 15:24

      Ma quando mai! La minoranza abbaia ma non morde. Se così non fosse non avrebbe sopportato la vergogna dei voti di fiducia a ripetizione. Chi aveva una dignità personale da difendere ha già lasciato un PD che di sinistra e di socialista non ha più nulla.

      Elimina
    4. Santussa Andriano21 giugno 2016 15:25

      Scusate se mi intrometto, ma quel nulla di sinistra è stato sempre un nulla. Solo parole parole parole parole e tanta immaginaria ideologia. Ricordo il COMUNISTA Berlinguer (senza doubio ottimo politico) padrone di mezza Sardegna dire ad una tribuna politica "tutti in casa debbono avere un frigorifero, non solo i ricchi". Beh il frigorifero negli anni 70/80 quasi tutti gli italiani lo comprarono, a rate ma lo comprarono e non grazie alla sinistra, bensì alla DC che attuava il "mangio io e mangia pure tu" sotto parvenza di benessere. E ricordo anche il segretario del PCI di Catania splendida signora di una delle famiglie più ricche di Caltagirone dire, ad una giovane incinta che non voleva abortire, "non hai diritto di mettere al mondo un figlio perchè non hai nulla da offrirgli, sei povera ed egoista". E ricordo anche, due giovani ragazzae rivolgersi alla CGL perchè il loro datore di lavoro da tre mesi non le pagava sentirsi rispondere dall'avvocato del sindacato "Benissimo vi preparo la lettera di intimazione, ma dovete lasciare 100 milalira in segreteria" e al dire delle giovani "ma non li abbiamo pagheremo quando li avremo" rispose "mi spiace non posso aiutarvi". Di questi potrei fare lunga lista essendo stata molti anni nel sociale. Nel frattempo aumentava il benessere di emeriti sindacalisti come Bersani e Bertinotti che calzavano scarpe Prada. Ecco questo è ciò che hanno seminato e questo è il raccolto oggi.

      Elimina
  2. l'ANALISI DI CAIANELLO E' ...QUASI ..PERFETTA ..LA VOGLIAMO DIRE LA VERITA'? ALLORA SARA' IMPIETOSA..LA VERITA' ..RENZI ED IL SUO PARTITO HANNO PERSO IN MODO CLAMOROSO ECLATANTE ..NE PARLANO TUTTI I GIORNALI E MEDIA DEL MONDO TRANNE QUELLI ITALIANI DA ANNI NELLE MANI DEL PD RENZIANO E ANCHE DEI VARI TELEGIORNALI ..CRONACA DI MORTE ANNUNCIATA ? PER NIENTE ANNUNCIATISSIMA ..I DISORDINI CONTRO RENZI SI SONO PUNTUALMENTE VERIFICATI IN MOLTE CITTA ITALIANE .NON BASTAVANO COME SEGNALE ? L'ARROGANZA DI RENZI PERCHE' LO SAPPIAMO BENISSIMO CHE RENZI E' DIVENTATO ARROGANTE IN MODO FASTIDIOSO SUPPONENTE E MONTATO CON IL AEREO IL RENZI FORCE ONE CON IL QUALE HA GIRATO IL MONDO COME UNA TROTTOLA ..FREGANDOSENE DEGLI ITALIANI E DELL'ITALIA STESSA PENSANDO SOLO ALLA SUA FIGURA IMMORTALE DA VERO ---DITTATORE L'UOMO SOLO AL COMANDO ...E' RIMASTO VERAMENTE SOLO ..GIA SI SENTONO DIMISSIONI DEI DIRIGENTI RENZIANI ..E' ARIVATA L'ORA DI FARE I CONTO IL 24 GIUGNO C'E' IL CONGRESSO E SARA' DIVERSO DAI SOLITI CI SARA' LA RESA DEI CONTO LA SFIDUCIA SU RENZI ..O LA PRIMA VERA SFIDUCIA ..VEDREMO E POI NE RIPARLEREMO !QUESTO E' IL MIO PARERE ..NATURALMENTE ..CRITICABILISSIMO COME SEMPRE !!A RIVEDER LE STELLE......

    RispondiElimina
  3. Franco Gentile21 giugno 2016 11:12

    Direi che un primo segnale che Renzi si può battere è venuto con le amministrative che ovunque hanno bocciato gli ultimi due anni della politica Piddina non solo a livello nazionale ma anche a livello locale.. Ciò è stato possibile grazie ad una generazione giovane che finalmente comincia a farsi sentire non solo per certe "mode" ,discutibili o meno, ma anche per una presa di coscienza della necessità di essere vera comunità attiva e non sempre in attesa del "salvatore" e poi anche perché messi dinanzi all'evidenza di un futuro molto incerto. A questo si è aggiunta quello strato della popolazione che, quando l'aspettativa di riposo dopo una vita di lavoro. è in vista ha spinto anche la classe diciamo dei sessantenni a prendere coscienza di una realtà futura del tutto aleatoria con l'ultima sparata del "pensionamento con mutuo"! A questo punto altro lato incerto per Renzi è il referendum costituzionale. Potrebbe essere il segnale della disfatta ma necessita dell'attenzione particolare di tutti i cittadini a qualsiasi classe sociale appartengano ( salvo ovviamente quella dell'alta finanza)perchè una vittoria del "SI" significherebbe la sconfitta totale della democrazia, della libertà individuale e comunitaria e della dignità di ogni persona come tale. Alla fine, dunque: arrivederci ad ottobre.......e speriamo bene. Certo grande responsabilità per una presa di coscienza giusta,umana,socialmente utile, da oggi, ricade interamente sul M5S che non può e non deve tradire le promesse elettorali e stare molto in guardia perché la "criminalità politico-mafiosa" dei vinti di oggi non se ne starà certamente con le mani in mano .......

    RispondiElimina
  4. Caro Franco ..come sempre ..analisi ..prefetta che condivido in tutto il 24 giugno con il congresso o la riunione ci sara' la Resa dei Conti ..nel partito la sconfitta e' stata enorme ..perdere Roma la capitale d'Italia non e' per niente ...facile da accettare il segnale poi di Torino e' chiarissimo come il SOLE finito il renzismo ..? Io penso che stavolta ci siamo ..

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Ieri sera mentre ascoltavo non mi ricordo quale programma...ho sentito ribadire Pro PD( tra le cose fatte bene) l'assunzione di 100.000 docenti. Per carità ...è vero, ma avrei voluto URLARE nella faccia di colui che lo diceva con tanta BORIA che la maggior parte dei docenti neoImmessi del Sud soprattutto di alcune classi di concorso, sebbene abbiano avuto come Prima provincia quella scelta, ADESSO in fase di mobilità saranno/saremo catapultati al NORD dove NON avremmo avuto alcun bisogno di essere inviati da un Piano Straordinario che è stato messo in campo proprio per DANNEGGIARE i Precari Storici con punteggi anche elevatissimi grazie a tutti gli anni di servizio. Ieri sera pensavo che questo governo Renzi ha agito in modo sciocco nei riguardi dei docenti. Noi siamo un gruppo che ha votato PD da sempre....quel PD che per noi era rappresentato da Alessandra Siragusa scomparsa prematuramente per grave malattia. Bersani FORSE...se avesse voluto...avrebbe potuto salvarci conoscendo bene la nostra storia e quanta ingiustizia abbiamo dovuto subire in decenni e decenni.Il sindacato ha le sue colpe ...grandi colpe perchè ha proposto soluzioni per alcuni a discapito di altri e a parità di merito. Viviamo nel Paese delle ingiustizie, delle conoscenze, dei patti politici, appunto del volemose bene alla fine! La POLITICA del nostro Paese si occupa di salvaguardare le proprie posizioni politiche fregandosene alla grande degli abitanti. Quando la politica consente che persone che hanno lavorato da SEMPRE nella propria provincia di appartenenza vengano a 50/55/60 anni SBALLATI AL NORD per lavorare...penso che ancora Renzi deve pagare alto questo sacrificio di tante persone che, come me, hanno amato la propria professione. Una professione che sta alla base della formazione della società. Noi docenti dovremmo accompagnare i nostri bambini, adolescenti, giovani verso lo sviluppo di un pensiero critico. Dovremmo fare politica nelle scuole perchè solo la conoscenza dei fatti ci rende e rende consapevoli. La politica siciliana in particolare non ha alcun peso politico. Cosa ha fatto il Parlamento siciliano di buono negli ultimi 100 anni? E dire che la nostra è una regione AUTONOMA ( si fa per dire) dove l'autonomia, per esempio sulla scuola, non viene affatto usata per rendere la scuola eccellente come in altre regioni autonome. Si potrebbe continuare a parlare della Sicilia politica a mai finire. Qui persistono ancora le clientele e la gente si mette in fila dal politico di turno sperando che ti risolva il problema, il tuo personalissimo problema.

    RispondiElimina
  7. Armando Pupella21 giugno 2016 12:18

    Articolo azzeccato! Renzi ha ragione ha sentirsi incompreso. Io non l'ho compreso, anzi l'ho capito: Non mi sembra normale e legale che il Governo, espressione del Parlamento eletto col poco democratico e incostituzionale porcellum, modifichi la costituzione senza nemmeno aver proposto le modifiche in campagna elettorale agli italiani. Ed ha sostituito il porcellum con l'italicum, quasi un porcellum bis, ANZI UN CACATELLUM ! Questo Governo dovrebbe occuparsi S O L O degli affari correnti e darci una legge elettorale democratica. Quando boccio' il porcellum, la Corte Costituzionale disse che possiamo votare col proporzionale. Applicando al proporzionale il CORRETTIVO della sfiducia costruttiva si assicurano massima rappresentativita' democratica e stabilità di governo che evita frequenti e lunghe crisi di governo, al buio. Con sfiducia costruttiva, mentre si sfiducia il governo, simultaneamente si concede la fiducia al nuovo governo; se in Parlamento non c'è maggioranza per la sfiducia il governo rimane in carica.
    Il Giudice Paolo Borsellino diceva che la rivoluzione si fa nelle piazze, ma il cambiamento nella cabina elettorale; AVEVA RAGIONE, ED IO MI PERMETTO AGGIUNGERE: CON UNA LEGGE ELETTORALE NON OSCENA, MA DECENTE.

    RispondiElimina
  8. Le profezie di Rondolino , degli esponenti politici di destra e di sinistra ,dimostrano quanto i partiti si siano allontanati dalla realtà dei cittadini,non c'hanno capito niente.La politica che dovrebbe amministrarli e tutelarli si è rivelata una macchina da guerra manovrata dalla finanza.Lo stato trafigge se stesso,perché lo stato è dato dai cittadini prima ancora che dai vertici che lo governano.Non solo corruzione e privilegi ma induzione al suicidio,affamare quanti da questo sistema capitalista che, per mantenersi in vita chiede sangue (e non è una metafora) si sono trovati,senza lavoro,senza diritti,senza tutele.L'errore fondamentale di questo capitalismo è stato smantellare e annientare la borghesia,il ceto medio che finché è esistito,non rompeva le scatole,si accomodava,con passività partecipava alla vita politica che gli consentiva un certo benessere economico.Si sono creati i tanto ricchi e i tanto poveri,il ceto medio è quasi scomparso,non essendoci più un proletariato consistente e tolti i diritti a quello rimasto,la lotta di classe si è trasformata in lotta sociale,tra la casta privilegiata e i cittadini considerati ormai solo fonte di introiti per le ruberie e il mantenimento di una oligarchia di nulla facenti,spesso delinquenti e forse neanche tanto intelligenti.De Magistris non è cinque stelle,eppure anche lui ha trovato consensi, da quanti non ritengono più funzionali i partiti che tutti conosciamo e la politica praticata con il macete a danno dei contribuenti,ormai denominati"consumatori".

    RispondiElimina
  9. Quando la politica è solo palcoscenico, non c'è da meravigliarsi se il protagonista dello spattacolo diventa un comico.

    RispondiElimina
  10. Grntile Signora Maria Pia Labita, a suo tempo mi soino speso ed ho scritto molto sul tema della "Buona Scuola". Nella mia ricerca di notizie e motivazioni che muovono un certo tipo di politiche economiche e sociali, ho potuto trovare conferma a molti dei miei dubbi iniziali. Devo purtroppo confermarle, che da qualche decennio, il sincero sentimento di appartenenza a questa o quella corrente politica è del tutto ingiustificato, come la fede nelle ideologie alle quali, fino a qualche tampo fa eravamo convintamente legati. I partiti dimostrano ormai concetti del tutto diversi e fondati sulla autoconservazione ed affarismo ramificato in ogni angolo della società, dai consiglieri comunali del più piccolo comune, ai deputati e senatori fino al Presidente della Repubblica (vedi Napolitano), Presidente del Consiglio compreso, che come è lampante opera nelll'unico interesse della finanza, delle banche e multinazionali. Tutte le sue riforme, infatti, vanno esclusivamente in quella direzione, anzi, proprio da queste spesso anticipate. Non è quindi più il tempo delle simpatie e le appartenenze, ma di un sostegno a programmi e reale buon governo, nell'unico interesse dei cittadini.

    RispondiElimina
  11. Il dato rilevante di queste consultazioni, a mio avviso, riguarda il voto giovanile e quello delle periferie. A Roma, per esempio, hanno votato Raggi l'80% di chi aveva meno di 40 anni e hanno votato M5S i residenti di tutte le periferie e tutti i municipi tranne quelli del centro. Per intenderci, ai Parioli, dove c'è tanto benessere sociale e poco disagio economico delle famiglie. Un voto, quindi che ha veramente dell'eclatante e sul quale, il PD per primo dovrebbe farsi molte domande. E poi tentare di dare le risposte più adeguate.

    RispondiElimina
  12. Piero Maniscalco21 giugno 2016 15:28

    Secondo me ...era troppo impegnato a ciattare con la Maria Elena Boschi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Renzi e' un arrogante ..maleducato come pochi a livello internazionale pecca per mancanza assoluta di stile sempre usando il cellulare ..mette l'Italia in ridicolo ...

      Elimina
  13. Eugenio Magrini21 giugno 2016 15:28

    Si dovrebbe analizzare prima di tutto il perchè i voti della DX sono finiti ai M5S Poi ancora debbono ringraziare la minoranza DEM che ha remato contro Per i resto come detto vedremo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maurizio Alesi21 giugno 2016 20:32

      C'è poco da analizzare. Gli elettori che votavano a destra, tra il PD e i 5Stelle, hanno preferito i 5Stelle. Semplice no?

      Elimina
    2. Elementare .. WATSON !!!

      Elimina
  14. Roma non è Torino e purtroppo la Raggi non mi sembra l'Appendino. Non è una battuta e non voglio essere pessimista, ma il M5S si deve dare da fare, come tutti i cittadini romani, per sostenere ed aiutare l'attuale Sindaca a realizzare coerentemente il cambiamento. Non mi aspettavo la vittoria di Chiara a Torino e mi è dispiaciuto per Fassino, che ha lavorato bene elevando la sua città a polo culturale. Ma Fassino non è il PD, anche se ne è stato uno dei fondatori. Anch'io sono stato iscritto al PD fin dalla nascita ed ancora lo sono...e sapete perché? Perché ho sempre pensato, ed è quello che il furbastro proporrà, che nelle prossime Primarie potranno votare solo gli iscritti. Spero che il no lo spazzi via prima e che si ritorni a fare politica di Sinistra, badando alle necessità di tutti i cittadini e non solo di una casta assoggettata alle lobby voraci e ciniche.Renzi ha tradito la socialdemocrazia cercando d'iniziare un percorso di privatizzazione in settori che da questa non devono essere neppure scalfiti: la Scuola, la Sanità e l'Ambiente. A chi credete che siano andati i voti dei Prof e della maggior parte del personale scuola? Sono tanti i motivi della vittoria della Raggi come sono tanti i problemi che assillano i cittadini. È la rabbia della piccola e media borghesia che si vede scalata di uno o due posti nella scala reddituale a vantaggio di una elite privilegiata che diventa sempre più ricca. Cinque Stelle e la Raggi sono l'unica possibile risposta democratica e socialdemocratica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto ..Renzi con il patto del Nazareno HA TRADITO I SUOI ELETTORI LA SINISTRA E SI E' POI CON VERDINI posizionato decisamente a DESTRA !pUNTO E BASTA DEVE ANDARE A CASA HA GIA' FATTO TROPPI DANNI ..LA SCONFITTA E' DA IMPUTARE AD UNA SOLA PERSONA ....MATTEO RENZI ..PUNTO E BASTA !!

      Elimina
  15. Vincenzo Agnese21 giugno 2016 19:36

    Complimenti per la vittoria dei 5 stelle, speriamo , lo dico di cuore, presentino qualcosa di nuovo nel panorama italiano, ma quello che non capisco è la gioia di forza italia, cuffariani, ex dc, sinistra dissidente etc etc.Ma veramente pensano che caduto Renzi, le pecorelle smarrite lasceranno i 5 stelle per tornare agli ovili di appartenenza? Mah!

    RispondiElimina
  16. Salvatore Di Salvo21 giugno 2016 19:38

    Il PD merita tutta questa gran sconfitta, é il garante dell'Europa delle banche e della finanza...
    Che poi sia stata sconfitta da un movimento creato da un comico,la dice lunga sulla sua consistenza,l'integralismo e il negare la realtà li ha fregati!...giustamente!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oRA CHE LA SCONFITTA E' ARRIVATA ,,SARA' TROPPO TARDI PER RENZI .FORSE IL 24 CON IL DIRETTIVO TENTERANNO DI FERMARE LA DISFATTA MA FERMARE UN TRENO E' MOLTO DIFFICILE ..CI SARA' LO SCHIANTO ICURAMENTE ..VEDREMO QUANTI MORTI E FERITI CI SARANNO SOLO DPO SI POTRA' VEDERE SE IL PD E' GIA MORTO O E' IN AGONIA ..

      Elimina
  17. Raffaele Bonafede21 giugno 2016 19:40

    Il vero problema per il PD è che sul territorio va un po' ricostruito perché in parecchie zone del Paese, una per tutte Napoli città, all'uscita della vecchia guardia non si è ancora riusciti a far fronte con nuove leve credibili ed autorevoli. Riguardo ai ballottaggi l'altro elemento da valutare è il fatto che i candidati del M5S per il PD sono imbattibili al ballottaggio perché sono appoggiati dall'elettorato di destra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa Raffaele, con tutto l’affetto che mi lega a te, dimentichi che la Valenti a Napoli era appoggiata da liste civiche fatte dai cosentiniani e che il PD governa il Paese con Alfano, Verdini, Lorenzin, Lupi, Chicchitto e Schifani (che non sono certo la sinistra che ho conosciuto quando vi militavo). I 5 Stelle al ballottaggio sono appoggiati dall'elettorato di centro destra, (dai cittadini comuni non dalla nomenclatura). Cioè gli elettori di centro destra, quando sono chiamati a decidere tra PD e 5 Stelle, preferiscono i 5 Stelle. Questa secondo me è l'analisi. Non volerlo capire vuol dire continuare a farsi del male.

      Elimina
  18. Mario Cecchini21 giugno 2016 19:41

    Matteo Renzi ha riconosciuto che la sconfitta del PD travalica il fatto si tratti di un confronto di semplici votazioni Amministrative. Ha riconosciuto la batosta presa dal suo partito, come "sacrificio di garanzia", per dimostrare che lui riconosce lealmente di avete perso. Ma temo che il suo Governicchio, gia' inserito nei binari preordinati da Bruxelles, non cambierà il percorso. Lui conosce bene l'Elettorato Italiano e sa che può rischiare. Tanto in caso di perdita non se ne andrebbe lo stesso. Un po' come ha dichiarato Cameron in Inghilterra. In caso di vincita della Brexit, ci sarà certamente bisogno di un Soggetto in grado di trattare con l'Europa e lui sarebbe il più adatto. In caso di vincita del NO in Italia, lui Renzi sarebbe l'unico in grado di smorzare gli strali della Merkel contro l'Italia. Quindi mettiamoci il cuore in pace. Anche in caso della vittoria del NO, da noi cambierebbe niente. Temo infine che il M5S, lungi dall'avere capito che nel PD, non tutti sono marci dentro, continuerà (temo non sappiano fate altro) con la Campagna degli Scontrini, per demolire quello che resta del Monolite Partito Democratico. Solo dopo averlo demolito, hanno forse la speranza di andare al Governo del Paese... Tranquilli! I Grillofori continueranno il loro lavoro in Rete, per tenerci informati sul colore delle mutande della Ministra Boschi. Ma questa è tutta un'altra storia. Un Consiglio: Con la presa di Roma e di Torino, intanto facciano pratica. Se faranno bene lì, forse avranno il Diploma di Maturità per volare più in alto. Come dice Beppe Grillo.... Per ora!

    RispondiElimina
  19. Oggi ad Agorà, Pier Luigi Bersani: "Le amministrative le ha perse il Pd, a me non piace caricare addosso a una persona sola. Certo, chi guida deve avere l'umiltà di riflettere. Abbiamo perso perché non abbiamo più il contatto con la realtà, che non è quella che Renzi ci sta raccontando. E non è quella che ci raccontano i troppi amici, ci son troppi applausi in giro". Renzi, non potendo negare l'evidenza, ha dovuto ammettere la sconfitta del PD e il successo del M5S ma in quanto ad umiltà siamo lontani. Dovrebbe chiedere scusa per tutte le manovre messe in campo per screditare i candidati del M5S, è stato punito dagli elettori con un voto dalla doppia valenza: " PROTESTA E RICHIESTA DI CAMBIAMENTO ". Il successo, a Roma, di Virginia Raggi era scontato. Il generoso Giachetti, con la zavorra del PD, è riuscito ad arrivare al ballottaggio grazie alle beghe della destra. Doppia sconfitta, non passare al ballottaggio ed essere doppiato nei consensi. La sconfitta più amara è quella della perdita dell'amministrazione di Torino. Qui Fassino avrebbe dovuto vincere al primo turno, ma la protesta per la politica del governo ha voluto punire un personaggio espressione della sinistra storica che non ha, apertamente, contestato la svolta a destra del partito che ha contribuito a fondare. Dopo la sconfitta ha scoperto che le difficoltà sociali della popolazione pesano. A Bologna Merola è riuscito a passare per aver tenuto le distanze da Renzi. La situazione milanese è diversa da tutte le altre realtà, non può essere considerata una esclusiva vittoria del PD. Giovanni Caianiello ci ricorda che il comando è ancora nelle mani di Renzi che cercherà la rivincita con il referendum di ottobre. E' probabile che l'onda lunga dell'esperienza romana arrivi al referendum!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Renzi il treno a 250 all'ora del Partito Democratico ..con la SCONFITTA MADORNALE CHIARA ASSOLUTA ..vincere Roma e Torino danno sopratutto ROMA ..LA CAPITALE D'ITALIA .ripeto non la piccola citta di privincia ma la CAPITALE D'ITALIA ,,tutti i GIORNALI DEL PIANETA HANNO PARLATO DELLA RAGGI IN MODO POSITIVO . E ..SOPRATUTTO DELLA ...SCONFITTA DI RENZI A LIVELLO PLANETARIO ..IL MOVIMENTO CINQUE STELLE ORA LO CONOSCONO IN TUTTO IL PIANETA !!iL TRENO E' RIMASTO SENZA GUIDATORE ..ADESSO SI SCHIANTERA' MALAMENTE IL 24-6-2016 SI CONTERANNO I MORTI ED I FERITI !il colpevole UNO UNICO E SOLO ..L'ARROGANTE MATTEO RENZI ..

      Elimina
  20. Faccio i miei complimenti a Giovanni Caianiello per la meticolosità con la quale ha voluto curare il servizio. Ritengo la sua, una disamina schietta delle amministrative appena conclusasi con lo scopo di porre all’attenzione del lettore uno stato di fatto molto evidente, ma nello stesso tempo pone dei grandi interrogativi che ognuno di noi dovrebbe porsi. In sintesi, un servizio che mi piace, come si dice in gergo, un “avviso ai naviganti” e per tutti coloro che intendono avventurarsi nei commenti di una situazione politica che lascia pochi spazi alla pura demagogia. Concordo nel ritenere queste amministrative un serio motivo di profonda riflessione politica non solo per chi ha acquisito consensi, ma anche per chi li persi. La situazione politica italiana interessa tutti, maggioranza e opposizione, ma soprattutto le fila dei “disertori”che vanno ingrossandosi sempre di più. Mi auguro, caro Giovanni, che il nostro Presidente del Consiglio abbia preso seriamente coscienza del “terremoto” elettorale ed apra senza alcun tentennamento a ciò che il responso elettorale ha chiesto. L’altro augurio che mi faccio che, anche chi ha vinto sappia mantenere una linea di coerenza a quanto promesso in precedenza nelle varie azioni politiche. Non nascondo il desiderio di conoscere come il nuovo sindaco di Torino, si muoverà sulla questione NO-TAV. Non dimentico che il movimento pentastellato era parte attiva ponendosi alla testa di coloro che boicottavano l’opera. Non vorrei che si ripetesse l’esempio di Parma, quando i simpatizzanti del M5S boicottavano l’inceneritore e poi l’opera è lì sotto gli occhi di tutti. Ciò dimostra quando vado affermando da tempo, che i buoni propositi non sono sufficienti per realizzare la gran voglia di cambiare le cose secondo una propria visione. Certamente essere fiduciosi della propria autostima è importante, ma in una nazione definita civile e democratica, non basta voler cambiare l’esistente, seppure su valide ragioni, bisogna superare soprattutto i tanti ostacoli che ci vengono posti da un complicato stato di diritto e da una potente burocrazia non semplice da combattere. Attualmente si grida “al lupo al lupo”… per abrogare la legge Fornero. Sinceramente mi viene da ridere, anzi sono convinto che qualunque Governo siederà a Palazzo Ghigi non sarà mai in grado di riportare il nostro sistema pensionistico allo stato precedente alla legge in questione. Probabilmente nessuno si rende conto del disavanzo INPS dell’anno 2012 e quale sistema poteva essere adottato per pagare gli importi delle pensioni in essere. Certamente la riforma ha bisogno di essere “restaurata” nei casi di grave ingiustizia sociale, ma il limite di età per la quiescenza rimarrà certamente inalterato. Caro Giovanni, a proposito dell’opportunità di candidare un nome più prestigioso della Raggi, beh… devo dirti che sarebbe stato sostanzialmente ininfluente sull’esito del responso elettorale, a mio modesto parere i romani ed i torinesi si sono recati alle urne con un solo obiettivo : CAMBIARE. La convinzione rende gli uomini ciechi e sordi.

    RispondiElimina
  21. Maria Grazia Carini22 giugno 2016 17:56

    Fiumi di parole sono state spese, ed altre ancora se ne spenderanno, in ordine alle ultime consultazioni comunali, da parte di politici, politicanti, fini politologi e quant'altro. Due le considerazioni da semplice cittadina italiana, la prima in ordine a vinti, vincitori, parzialmente sconfitti ecc: A VINCERE É STATA SOLO LA FAME DI GIUSTIZIA SOCIALE TRASVERSALE RISPETTO AD OGNI CREDO POLITICO DEI CITTADINI ITALIANI. la seconda considerazione, in merito, alla valenza socio politica, relativamente al successo del movimento 5stelle, ebbene la chiave di volta può essere letta in una dichiarazione di Grillo: "costringeremo tutti a diventare più onesti". Mi permetto una piccola modifica: "a diventare un po' più onesti ". Se cosi fosse, avranno VINTO gli ITALIANI TUTTI.

    RispondiElimina
  22. La minoranza Dem continua a belare flebilmente,e ad approvare ogni porcheria il rignanese,che cerca di fare il bello ed il cattivo tempo a suo piacimento...proprina
    ..
    Credo fosse inevitabile e scontato, ci sarebbe stato questa sorta di stravolgimento politico. Non resta che attenderli alla prova del governo.... se. riusciranno bene....altrimenti....sarà l'ennesimo capitolo brutto della italica politica.

    RispondiElimina