venerdì 19 settembre 2014

SIAMO ORMAI NEL IV REICH DI MERKEL?!

angela_merkel_26mar13di Giuseppe Vullo - Nel paese di HEGEL... Hansel, Gretel e dello strudel, siamo ormai nel IV reich di MERKEL?! Reich significa: regno. impero, stato. Chi sa di storia mi contesterà subito che il IV reich esista.
È vero per ora, formalmente, ma nella sostanza? Tutti sicuramente conoscono il terzo reich di Hitler. Il secondo reich di Guglielmo e Bismark. Ma il primo reich? Ed il quarto? Per me il reich va dal primo al quarto, morto e risorto come l'araba fenice! Ma occorre andare con ordine per riassumere oltre 1200 anni di storia! Il primo reich o sacro romano impero nacque, formalmente, nel 962 con Ottone I erede dell'impero carolingio esclusa l'odierna Francia.
Ma molta storiografia fa risalire il sacro romano impero, all'incoronazione a Roma nel natale dell'800, di Carlo Magno re dei franchi, quindi secondo la mia tesi i "Reich" sono 4 e vanno rispettivamente: 1) Carlo Magno; 2) GuglielmoI-Bismark ; 3) Hitler; 4) A Merkel. Dal 1512 per decreto cambia in: "sacro romano impero della nazione germanica". Si dissolse formalmente nel 1806. Il sacro romano impero costituì assieme al papato i due poteri universali, che si scontrarono per secoli nelle fazioni "guelfi e ghibellini". I guelfi derivano dalla casata bavarese e Sassoni dei Welfen, i ghibellini dalla casata Sveva degli Staufer signori del castello Wibeling. A Firenze nel XIII secolo dopo la cacciata dei ghibellini addirittura i guelfi si divisero in bianchi e neri.
Dante_Alighieri_1Ricorderete che perfino, il povero Dante Alighieri ne fece le spese venendo esiliato, "ma se la parte nera per una cosa invera non mi avesse da Firenze esiliato...non avrei commesso l'orrore, o carissimo lettore, di scrivere la commedia(poi divina) che per te è una tragedia"! Scusate questa mia autocitazione! Insomma continuando per sommi capi questo affresco storico, con il prevalere degli "Hohenstaufen da cui Federico Barbarossa ed i suoi scontri con il papato ed i comuni, fino al nostro Federico II, che fa entrare di diritto la Sicilia nella grande storia del sacro romano impero.
Quindi a quei tempi i Siciliani (prevalenti sui teutonici, bizzarrie della storia) ed i Tedeschi erano concittadini, ma con Palermo ed il palazzo dei normanni cuore pulsante del potere di Federico, figlio di Costanza d'Altavilla l'ultima erede dei normanni e di Enrico VI figlio del barbarossa. Anche Federico si scontrò con il papato, del quale in fondo rimase vittima, con diverse scomuniche! Ora facciamo un salto di oltre mille anni ed arriviamo al secondo reich che nacque nel 1871, dopo aver sconfitto la Francia di Napoleone III a Sedan, con l'unificazione tedesca sotto l'egida della Prussia di Guglielmo I ed il suo cancelliere Otto von Bismark. Il secondo reich e la sua monarchia muoiono con la sconfitta del 1918 (1°guerra mondiale). Guglielmo II va in esilio in Olanda e nasce la repubblica di Weimar.
hitler5Il terzo reich è quello più famoso di Hitler e va dal 1933 fino alla sua definitiva sconfitta nel 1945. Reich nazista o grande reich. Addirittura "Tausendjahriges reich", impero millenario. Non dimentichiamo che nell'inno tedesco le prime parole sono: Deutschland, Duetschland uberalles, Germania sopra a tutti. Allora ora andiamo alla suggestiva ipotesi della Merkel cancelliera del IV reich. Diversi giornalisti ed osservatori politici ormai parlano apertamente di IV reich dell'imperatrice Merkel. La guerra continentale non vinta da Hitler con i cannoni, la sta vincendo la Kaiserin Ankela. Quell'egemonia non conquistata con le armi è stata imposta con l'euro! La Germania cosciente della sua forza pretende di trasformare la sua ossessione per il rigore finanziario e la stabilità monetaria, nella costituzione materiale dell’Europa, minacciandone cosi gli equilibri economici, le conquiste sociali e perfino il funzionamento democratico.
Angela MerkelQuindi i sogni del pangermanismo millenario del reich, la sua volontà di potenza e sogni di egemonia Europea sono diventati realtà. Perciò dall'oro all'euro dei nibelunghi, nel paese di HANSEL, GRETEL e dello STRUDEL ecco a voi l'imperatrice del IV reich Ankela Merkel! Ma noi Italiani come finiremo? Semplice ed indolore, con i buoni auspici del filo tedesco ex presidente Monti, e del futuro presidente Draghi? Cederemo la nostra sovranità all'Europa, nella fattispecie Merkel, ritorneremo ad essere concittadini, come ai tempi di Federico di Svevia, questa volta con i teutonici prevalenti. Noi siciliani risolveremo sicuramente i nostri problemi atavici, di mafia e disoccupazione. Con la Sicilia ci sono tante affinità e concordanze storiche. Ai tempi di Federico i tedeschi abitavano all'albergheria, quindi vi torneranno con il completo restauro del centro storico.
La mafia sarà sradicata, perché con la cultura mitteleuropea è incompatibile. Ci saranno grossi flussi migratori tra Sicilia-Germania e viceversa, noi manderemo i nostri pizzaioli, cuochi, lavapiatti, gelatai e operai per l'industria tedesca, la nostra disoccupazione sarà debellata! I tedeschi ci manderanno i loro imprenditori, amministratore e politici onesti, se ci mandano delle walchirie e delle biondone teutoniche per migliorare la nostra razza, sarebbe il massimo! Questi scambi tra concittadini del IV Reich saranno normalità. Noi Siciliani avremo il nostro posto di lavoro nel paese dei nibelunghi e loro finalmente avranno un posto al sole nelle belle spiagge della Sicilia!
Giuseppe VulloGiuseppe Vullo
19 Settembre 2014 

25 commenti:

  1. C'erano un Francese, un Tedesco, un Americano ed un Italiano..........
    Tante barzellette iniziavano cosi, a volte si rideva tanto a volte meno.
    Il tutto tendeva a sottolineare la differenza tra popoli e culture, ma erano solo barzellette.
    Ci piace inventarci nemici, gente che ci vuole male, gente e paesi da invadere o paura di essere invasi, queste non sono barzellette ma è storia.
    Ma i veri e soli nemici dello stivale sono gli Italiani.

    RispondiElimina
  2. Emerge, ancora, l’amore/odio (più amore per la verità) di Pino Vullo nei confronti dei tedeschi. Lo si percepisce subito, e, forse, c’è anche una sorta di complesso di inferiorità. Un racconto che esprime, oltra ad un’accurata rivisitazione storica dei 3 reich, anche preoccupazione per questa nostra Italia e la Sicilia in particolare. E su questo non ha tutti i torti. Ma, come al solito, viene da dire: e allora che fare? Ci dobbiamo preoccupare, come dice lui, della nuova imperatrice del IV reich Ankela Merkel? O anzi no perché la Sicilia risolverebbe tutti i suoi problemi. Mafia compresa. Per la verità pizzaioli, cuochi, lavapiatti, gelatai e operai siciliani in Germania ce ne sono a bizzeffe e anche il concetto di miglioramento della razza non mi pare molto igienico. E allora, caro Pino, stai sereno. La ‘cancelliera’ ama già la nostra terra al punto che fa le vacanze a Ischia da vent’anni, visita Pompei e credo anche altro, e le frotte di tedeschi continueranno a frequentare le nostre spiagge a prescindere dall’evoluzione del IV reich. Insomma, un raccontino, ricco di storia, per sorridere un po’. Come le simpatiche e famosissime barzellette di cui parla Sergio Volpe. Non sarebbe il caso di ritornare a pubblicare qualcosa sulla decrescita felice?

    RispondiElimina
  3. Ancora una volta complimenti, al direttore grande amico Gattuso, si... complimenti...! Per la sua flemma...moderazione...intelligenza...solo lui può reggere persone come me ed altri....sarcasmo...cinismo...pessimismo...ironia...etc. che l'argomento in essere possa essere derubricato come barzelletta o il solito raccontino storico....mi dispiace dirlo ma denota una certa ignoranza e conoscenza della storia...(lo dico nel senso buono) cioè ignorare la saggistica e tutte le pubblicazioni attuali....basta cliccare "IV reich" ed avrete una vasta letteratura...(sul pangermanismo millenario). Il complesso d'inferiorità dei Siciliani ?...Esiste nei confronti di quelli del nord Italia.... figurati nei confronti dei Tedeschi ! D'altronde se due volte, ci siamo alleati con loro, I° e II° guerra mondiale...e due volte abbiamo tradito....se dal 46-47 con il cappello in mano andiamo a cercare lavoro in Germania...se loro fossero una potenza nucleare come la Russia....unita alla loro potenza economica...ed al loro atavico e Prussiano militarismo....altro che barzellette...!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro dottore, aldilà del faceto e dell'ironia che ti è propria, la tua analisi è acuta e veritiera, come hai evidenziato, esiste tutta una letteratura in proposito che definisce il tutto , appunto VI Reich.
      Abbiamo abdicato alla nostra sovranità e non solo monetaria in nome di un modello europeo di sinistra e che fa molto comodo alle lobby alle multinazionali in mano ai sionisti. nessuno regala niente e tanto meno i tedeschi ...

      Elimina
    2. IV Reich , trattasi di refuso, pardon

      Elimina
    3. Grazie caro avvocato o è meglio avvocatessa dal momento che sei una bellissima donna...CMQ grazie veramente Tiziana...sapendo gli impegni che hai...?! Pur tuttavia qualora lo vorrai e scriverai un articolo per questo blog, quello sui vegetariani era in comproprietà, mi farai un piacere...a me ed al mio amico direttore...ciaoooo a presto....

      Elimina
  4. Non credo per niente che il problema dell'Italia dipenda da ciò che vuol fare la Merkel. Il problema è sempre la classe politica e gli italiani.

    RispondiElimina
  5. Nell’articolo dell’amico Pino Vullo si nota l’evidenza del desiderio di voler continuare ad essere umoristicamente ottimisti sul futuro dell’Europa. Ma la preoccupazione dell’aggravarsi della crisi economica della nostra Italia, per non dire della Sicilia, è così crescente da far prevalere, alla fine, il nervosismo, quindi l’angoscia e perciò il sarcasmo demonizzatore.
    Comprendo questo stato d’animo. In gran parte lo avverto anch’io, e sicuramente non siamo solo noi due a viverlo.
    Pur tuttavia, caro Pino, io sottolinerei che l’unico paese il cui PIL è in recessione è l’Italia. Tutti gli altri sono messi meglio. Dunque la Germania c’è l’avrebbe solo con l’Italia? Mi sembra eccessivo.
    La Merkel fa semplicemente il suo mestiere,e cioè un capo di governo che fa gli interessi della sua nazione.
    Il nostro problema, dell’Italia e della Sicilia, è che abbiamo capi di governo che fanno gli interessi loro (Berlusconi prima e Renzi adesso) e non abbiamo una nazione, cioè un popolo, ma solo un insieme anarchico ed imbroglione di individui che coltivano il proprio orticello, magari rubando il pane e l’insalata dal giardino del vicino.
    Il siciliano poi, lo sai meglio di me, storicamente fa la stessa cosa da 3.000 anni, se ne stà seduto su una sedia davanti alla porta di casa sua aspettando che passa il conquistatore di turno (oggi UE) a tirargli il pezzo di pane. E lui risponderà “baciamo le mani” e “assa mancia, quannu l’avi mi runa”.

    RispondiElimina
  6. Caro Pasquale la Germania non ce l'ha con noi, anzi ci sono molti tedeschi che ci amano . A cominciare dalla mia amicizia personale con il dr Fischer e la sua famiglia, non dimenticando il grande Goethe che rese omaggio a fine 700, alla Sicilia dedicandoci la poesia "Mignon", non dimenticando la fissazione del tedesco Federico barbarossa che aveva la smania di far sposare uno dei suoi figli con uno/una dei rampolli della monarchia sicula-normanna...riuscendoci poi con il figlio Enrico VI, seppellito alla cattedrale di Palermo assieme alla moglie Costanza ed al figlio Federico Ruggero ! Ma anche oggi.... c'è un mecenate tedesco... che ci offre i suoi soldi per restaurare la cappella palatina del palazzo dei normanni, possiamo ben dire dei nostri avi siciliani ed dei suoi avi germanici. Questo mecenate tedesco attuale ed attivo (anche come imprenditore, viale regione) con amicizia per la nostra terra si chiama "Reinhold WÜRT"....il quale ha offerto 3 milioni di euro per la cappella palatina ! Se potessimo attirare tanti imprenditori e nel futuro anche amministratori e politici tedeschi efficienti ed onesti....lo dico seriamente...infatti la completa unione presuppone la totale cessione di sovranità o no ?? Quindi uno scambio di popolazione dovrebbe essere la regola....è proprio recente (mesi), che mio cognato 55 anni ha perso il lavoro ed assieme al figlio di 22 anni lo ha trovato in Germania, altro mio nipote di san Cataldo ascensorista, dopo un anno di sbattere la testa, ha smontato casa e venduto i mobili e si è trasferito a Saarbrücken con moglie e figlia di 3 anni....subito gli hanno dato un contributo per la bimba di 150 euro, aiuto per affitto casa e lavoro ben retribuito per il capofamiglia e corso di lingua gratuito per tutti. Che dire... ? Se siamo nel IV Reich...viva il IV Reich...!

    RispondiElimina
  7. http://www.repubblica.it/economia/2014/09/20/news/la_germania_cerca_lavoratori_in_puglia-96174341/?ref=HRER1-1..................CHI CERCA LAVORO IN GERMANIA IN QUESTO LINK TROVERETE DELLE OPPORTUNITA'. GV

    RispondiElimina
  8. Molto bella , storicamente precisa e condivisibile ,magari tornassero gli " Hohenstaufen"ma c'è un però :dove ci sta portando Obama e la follia USA?

    RispondiElimina
  9. QUESTO ARTICOLO E' LETTERALMENTE FANTASTICO. MI SONO DIVERTITA MOLTO NEL LEGGERLO. GIUSEPPE VULLO E' STATO IRONICAMENTE CHIARO NEL MOSTRARE LA NOSTRA GRAVE SITUAZIONE POLITICA.CI SIAMO IMPANTANATI BENE. DIREI,ANZI,CHE SIAMO NELLE SABBIE MOBILI...E SI SA COSA SUCCEDE UNA VOLTA CHE CI SI E' CADUTI DENTRO!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ringrazio Bianca Spatola, persona a me sconosciuta, per il giudizio entusiastico rilasciato sul mio articolo. "articolo letteralmente fantastico", questa giudizio peggiora il concetto che ho di me stesso, nella fattispecie fortemente narcisistico. CMQ grazie alla lettrice se esiste nella realtà. Non dimentico mai di essere assertore del "dubbio sistematico di Cartesio", per cui molti giudizi, questo blog, il direttore del blog, non esistono per me, perché loro tutti "sono un illusione dei sensi". o almeno facciamo finta che sia cosi. CMQ bisogna difendere le proprie convinzioni, come fece il grande "Socrate"...che mori per le sue idee...

      Elimina
  10. Interessantissimo" escursus" storico..ma quanta verità e principalmente realtà.Mah! QAbbiamo dalla nostra parte Obama, ma, in un certo senso dovremmo dire che dalla fine della guerra ad oggi abbiamo avuto sempre accanto ( o sopra?) l'America che ci ha in un certo senso messi in sicurezza. La realtà sconvolgente è però quella che, comunque la giriamo, sempre dei satelliti saremo, o Dio, se non della Germania dell'America e chi sà, col tempo, potrebbe anche esserci la Cina! Il vero guaio è che manchiamo di statisti veri poichè quelli che abbiamo sono solo dei trafficanti, preoccupati della poltrona e di trovare il modo di fottere, per primi, i propri connaazionali...certo che a pensarci bene viene nostalgia di Enea e Romolo.......ma sono soltanto dei sogni...........

    RispondiElimina
  11. ipotesi iv reich plausibile economicamente. militarmente ormai non credo possano esserci guerre di tale portata, non ci sarebbero ne vinti ne vincitori. veramente un quadro storico molto lineare e comprensibile di come si arriva da primo al quarto stato. la germania è sempre al centro dell'europa sia militarmente che economacamente. l'autore ha scritto una bella pagina di storia-politica.

    RispondiElimina
  12. http://www.libreriauniversitaria.it/quarto-reich-germania-ha-sottomesso/libro/9788804640998 Mando questo link al direttore ad ai lettori e commentatori di questo blog perchè possano approfondire da giornalisti famosi e più credibili di me. Infatti il libro di Feltri sul IV Reich non può essere ridicolizzato a raccontino e barzelletta sull' italiano, tedesco, americano, francese etc.

    RispondiElimina
  13. Incrediile come questo articolo futuristico, anzi preveggente, di Pino Vullo abbia preceduto le tesi di Feltri e Sangiuliano. I due giornalisti si basano su lettere, telefonate, messaggi delle alte cariche europee, dove si impone il punto di vista della germania in maniera quasi autoritaria e ricattatoria, con l'uso disinvolto del debito e dello spread, sui titoli pubblici degli stati indebitati come la Grecia, Spagna, Portogallo, Italia ora comprando ed ora vendendo i titoli di stato, dove si vuole raggiungere un risultato politico favorevole alla politica restrittiva della Germania. Il caso più eclatante è proprio quello dell'italia dove hanno costretto Berlusconi(ultimo eltto democraticamente) a dimettersi con l'ausilio di Napolitano e Monti( filo tedesco). Quindi abbiamo avuto 3 governi non eletti dal popolo, Monti, Letta, Renzi, il cui compito è di fare le cosidette riforme che spesso si tratta di macelleria sociale come in Grecia dove si sono licenziati e ridotti gli stipendi a migliaia di persone. La stessa operazione si vuole fare in Italia ma in questo paese le resistenze dei comunisti e più forte,. Ma tuttavia il taglio delle pensioni il più pesante che si sia mai visto, ora l'abolizione dell'articolo 18, e l'abbandono delle tutele per i lavoratori, l'istituzionalizzazione del precariato, la vendita delle aziende pubbliche, il prelievo forzoso dai conti correnti ed infine una patrimoniale uguale per tutti. Per capire il IV Reich non si può prescindere, dallo studiare la sua cancelliera, figura meno limpida, di quel che si crede. Innanzitutto il suo vero nome è: Angela Dorothea Kasner. Il misterioso trasferimento del padre, iscritto al partito nazista, al misterioso trasferimento nell'unione sovietica, la militanza giovanile nei gruppi comunisti, il tradimento di Kohl ed il breve matrimonio con il sigr Merkel di cui ha mantenuto il cognome. La ragazza venuta dall'est ha tutti gli elementi per una spy story. Se all'interno dell'unione europea non ci sara una redistribuzione di forze, se cioè da europa Germanica, non si passa ad una Germania dell'europa(Tomas Mann). La cancelliera di ferro compirà il sogno del pangermanismo millenario, ovvero di egemonia dell'europa sogno tedesco che si era infranto con il tragico falimento nelle due guerre mondiali. Problema molto complesso ma da non sottovalutare, il tempo e la storia ci diranno se L'amico Vullo ed i giornalisti Feltri e Sangiuliano avevano ragione. Complimenti per la profondità e verosimiglianza di quello che sta accadendo in italia dove politici ignoranti non hanno ne la preparazione intellettuale, storica, ne economica ne la statura ed onestà per capire quello che sta avvenendo sulla pelle degli stati europei ed a favore della Germania e del IV Reich !

    RispondiElimina
  14. Sergio Potenzano22 settembre 2014 10:17

    Rimango sempre ammaliato dagli articoli dell'amico Vullo, un misto di grande cultura storica ed economica dei paesi e dei personaggi europei, che rappresentano una gradevole lezione da apprendere.
    Rimango ogni volta colpito dalla stesura con dovizia di particolari dei suoi articoli e dei suoi commenti, che non posso fare a meno di ammirare.
    Non entro nel merito dei rapporti economici e politici dei paesi europei, ma non posso che confermare quanto detto dall'amico Vullo sul lavoro in Germania, che ritengo encomiabile e soprattutto da modello a cui ispirarsi.
    Oggi la situazione lavorativa in Italia e soprattutto in Sicilia, la conosciamo tutti, non è più un tabu', e tutto ciò che ti da qualche speranza di poteri creare un futuro, inevitabilmente ti attrae, che sia Germania, Inghilterra o altro, diventa un problema secondario.
    Quando leggi che in Germania ti offrono un posto di lavoro, che ti fanno il corso di tedesco, che ti fanno anche il corso di formazione, ti aiutano nel trovare alloggio e vitto e poi tifanno lavorare e ti danno un buon stipendio, cosa puoi chiedere di più?
    Non sono chiacchere, ho amici miei e dei miei figli che l'hanno testato e funziona veramente così, un altro mondo, in Italia probabilmente una cosa del genere non accadrà mai, siamo lontani anni luce, c'é da chiedersi; ma come fanno? Sono loro avanti o noi indietro? O forse tutte e due?
    Fatto stà, che quando i miei figli saranno laureati, ormai manca poco, li inciterò a guardare alla Germania, forse non staranno bene con il clima, forse con la mentalità tedesca, ma di sicuro conosceranno una realtà fatta di diritti e doveri dove i tuoi meriti saranno premiati, senza la necessità della raccomandazione, dove si preoccupano del tuo benessere economico e sociale, dove potrai fare crescere i tuoi figli guardando al loro futuro con sicurezza e fiducia.
    In Italia sei solo un numero che ha solo doveri.

    RispondiElimina
  15. Caro Sergio non posso fare altro che ricambiare la tua generosità e la tua dolcezza. Ci conosciamo poco ma...una persona per bene, un figlio del popolo, un lavoratore, Cristiano coerente ed intellettualmente onesto...si riconosce a lume di naso e dall'odore...odore di onestà ed amore....per la famiglia, i figli, il prossimo, il proprio paese. Valori oggi non proprio diffusi caro Sergio te l'assicuro...! Io ho preso questo blog con amore per il nostro Gianni Gattuso, lo faccio con passione ed affetto, mi rendo conto di scrivere cose a volte incomprensibili, sopra le righe, spigolose, a volte risibili...alla ricerca della battuta, dell'ironia, della rima,del racconto romanzato, insomma dell'affabulazione...Ma chiaramente non tutti apprezzano o condividono o capiscono. Anche il nostro direttore spesso si spazientisce con me, perché mi esprimo in modo irrituale, non convenzionale, fuori dalla realtà. Anche questo articolo lo ha tenuto conservato in un cassetto per circa 15 giorni...forse non ritenendolo all'altezza dell'uditorio...o non utile per l'audience...preferendo pubblicare articoli più popolari....ma io lo capisco e lo perdono, perché nonostante tutti i suoi difetti lo lo amo perché è generoso e si arrampica sugli specchi per tenere a galla questo blog, moderare e stemprare le spigolature che qualche volta emergono tra i vari attori di questo social. Io sono una persona socievole, elastica, un po' volubile, quasi bipolare, ottimista, pessimista, giocherellone, serio, sarcastico, cinico, introspettivo, barocco, prolisso, ipertrofico etc...Ma quello che mi da noia sommamente è la superficialità ed insopportabile l'arroganza che diventa micidiale se unita all'arroganza. Infine per concludere volevo ringraziare chi mi ha letto, chi ha fatto commenti critici e quelli che hanno fatto commenti generosi nei miei confronti. Un caro saluto a tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volevo dire arroganza unita all'ignoranza...

      Elimina
  16. La Germania ci ha già invaso. Ora sai dove sarà il problema? Gli invasori che stano entrando nel nostro Paese. E tra questi ce ne sarà uno che spazzerà a tutti. Cosi la vedo e non solo, ho il terrore che la nostra Italia scomparirà. Ecco perché è necessario che noi tutti ci diamo da fare per salvarla.

    RispondiElimina
  17. Cara Letizia non ti devi preoccupare della Germania ma dello stato islamico e dei tagliagole dell'isis. ti mando un link....http://notizie.virgilio.it/videonews/l-isis-conquisteremo-roma-uccideremo-militari-civili-video.html

    RispondiElimina
  18. Caro Salvatore grazie dei complimenti. La tua analisi è suggestiva e verosimile. che la Merkel si chiamasse Kasner non lo sapevo tutte le tesi e le ipotesi del libro di di Feltri sono attendibili e sinceramente non conoscevo. Ora ho saputo che è uscito sta per uscire il libro IV Reich sembra che io abbia copiato, ma in tutta onesta io l'articolo lo avevo scritto circa 15 giorni fa e sconoscevo il libro di Feltri. Evidentemente c'è un sentire comune.

    RispondiElimina
  19. Se tornassero gli Hohenstaufen ? Ma se il terrorista Bin Laden in un suo editto rivendicava il ritorno della spagna a della sicilia agli arabi...perchè gli svevi o tedeschi non potrebbero rivendicare il ritorno della sicilia allora scippato dagli angioini e dal papa francese ?

    RispondiElimina
  20. IL PIANO DRAGHI NON PIACE A BERLINO...CHE NE PENSATE...

    RispondiElimina