mercoledì 12 dicembre 2012

IO… IO… IO… SONO DIO!

SilvioDiodi Catone - Una settimana di passione. Il cattivo umore mi pervade. In fondo sono le solite ambasce... Ma cosa c'è oggi di nuovo nell'aria, uno spiffero frizzante di ponentino?
O forse il pagamento dell'imu, il mutuo, la solita multa per divieto di sosta, il futuro dei figli e nipoti? Ma l'inquietudine mi attanaglia... questo inizio di settimana un'altra verità ed un'altra realtà domina il nostro orizzonte. Il ritorno dell'ecce homo, le dimissioni del prof. Monti uomo sobrio e dignitoso, la reazione dei mercati, la borsa che precipita, lo spread al galoppo! Con questi presupposti mi verrebbe di fuggir lontano, in un paese onesto e sconosciuto, con i vecchi sulle spalle i figli ed i nipoti per la mano. Ma siamo in una trappola mortale, circondati da mercenari, amazzoni e quaraquaquà.
Se uno vuole stare in paradiso a dispetto dei santi... Ma se invece lui è convinto di essere anche il padrone del paradiso? EGO SUM e voi non siete un ca... Io berlusconi_cornason tornato per salvare l’Italia e gli Italiani... ma guardi noi non vogliamo essere salvati... Infatti lui ha dimenticato che come schettino ha portato la nave sugli scogli e poi ci ha lasciato tra le mani di un vecchio presidente ed un senatore per l'occasione.  Però avendo lui, un io ipertrofico e narcisistico, un vero caso psicopatologico... stare lontano dal palcoscenico per lui è impossibile! Si circonda di nani per sembrare più alto di donnette per sembrare più virile di brutti per sembrare più bello.
Se poi qualcuno volesse uscire dallo stato di vassallaggio e di minorità allora viene subito Silvio delicatominacciato di non essere candidato, avendo in mano il porcellum. Poi ci sono le bagasce ed i ruffiani che alimentano il suo narcisismo. Lui è il nostro sole che ci illumina e ci riscalda, dicono i suoi seguaci. Cosi facendo invece di aiutarlo ad un buen retiro ed una serena vecchiaia, aumentano i suoi deliri e le sue paranoie, turbando la serenità e la pace sociale e soprattutto danneggiando l'economia, sprofondando in un buco nero il nostro paese, avvicinandoci sempre più alla sindrome Greca ed al punto di non ritorno.
Insomma un "SUPERUOMO DELIRANTE BORDERLINE, TRA GESU' E NERONE"! Infatti vuole resuscitare, dopo essere morto politicamente, e vuole anche incendiare l’Italia. "IL RE E' NUDO! E I SUDDITI? I SUDDITI... O SONO CIECHI O SONO GUARDONI O SONO PECORONI"!!
Ma come sempre l’ultima parola sarà del popolo sovrano. Questa volta la scelta è definitiva. L’Europa e il mondo intero ci guardano.
Catone

13 commenti:

  1. Ringraziamo veramente il cielo che nel paese dei burloni e dei bugiardi esistono ancora figure come "Catone" che cercano di ristabilire la verità, dicendo pane al pane e vino al vino. La borghesia italiana si dovrebbe vergognare di presentare ancora dopo vent'anni un personaggio oscuro come berlusconi. Mi sembra impossibile che un paese importante come l'italia, la destra non riesca ad esprimere un politico che non ci faccia vergognare. Dovremmo imparare dalla storia abbiamo avuto Mussolini che ci ha trascinato in una guerra disastrosa e vergognosa. Perciò basta con personaggi che baciano la mano a cheddafi e che sono compagni, di merende di putin.

    RispondiElimina
  2. Se quella notte, per divin consiglio,
    la donna Rosa, concependo Silvio,
    avesse dato ad un uomo di Milano
    invece della topa il deretano
    l’avrebbe preso in culo quella sera
    sol Donna Rosa e non l’Italia intera.

    Roberto Benigni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh quanti sono coloro che si ritengono gran regi! Ma qui staran come porci in brago, di se lasciando orribili dispregi !

      Elimina
  3. Solo il popolo sovrano ha in mano il destino dell'Italia e quindi di se stesso. Sivlio Berlusconi fa il suo mestiere, da buon imprenditore, da buon venditore, e da politico con la p minuscola. In fondo si comporta come tantissimi altri, come è stato finora quasi per tutti, coome, per esempio, il politico siciliano che alla domanda sui suoi interessi verso qualche ente di formazione professionale, ha candidamente risposto: "io faccio politica, come farei altrimenti a trovare i voti". Una concezione della politica che rispecchia il disastro di questi ultimi decenni: interessi, privilegi, ricerca del consenso in cambio di qualcosa. Tutto qui. Ecco perchè, alla fine, sono i cittadini che possono cambiare le cose. Ma per far questo devono avere la cosapevolezza del loro ruolo. E purtroppo non sempre è così. Auguri Italia.

    RispondiElimina
  4. Più che vergognarsi di questo o di quell'altro, è il popolo BUE che ha dato i voti al Cav. e glieli darà ancora a dover essere educato. Bisogna educare il popolo a sapere scegliersi con più oculatezza le persone da cui intende essere governato. Io propongo l'istituzione di un nuovo Ministero della Cultura Popolare, un altro MINCULPOP che possa sbrigare la pratica di iatruire il popolo BUE. Poi propongo anche l'istituzione di qualche bel campo di concentramento con tanti fili spinati intorno, dove mettere i riottosi, quelli che non vogliono studiare e imparare. Infine se tutto questo non basta, propongo un cambiamento della nostra Costituzione, un bell'articolo ad personam per impedire a Berlusconi di ripresentarsi come candidato.
    Questo farebbe il paio col fatto che l'Italia sia stata già messa nella lista nera delle nazioni che imprigionano i giornalisti.
    P.S. : Ma vi fa così tanta paura la candidatura inutile, perchè sicuramente perdente, del Berlusconi attuale?

    RispondiElimina
  5. Credo che nessun italiano avrebbe scommesso più di tanto che Berlusconi si sarebbe riproposto, meglio dire imposto, candidatato per Palzzo Chigi ancora una volta. Nemmeno i suoi fedelissimi ci credevano più, tant'è che si stavano preparando alle loro primarie.
    E invece, colpo di scena, o meglio dire, di teatrino. Berlusconi ha rotto gli indugi, e non solo quelli, ha mandato tutti i suoi a quel paese e si candida con una convizione paranoica degna del famigerato inquilino del "bunker" di hitleriana memoria.
    Sono sicuro, più che fiducioso, che questa volta non ce la farà, e di brutto pure. Però, nel frattempo, fino alla fatidica sera dello scrutinio, per l'Italia sarà un Calvario ungo ben due mesi.
    Il danno peggiore che Berlusconi ha procurato, pertanto, è che ha guastato gli sforzi, vicino al traguardo finale, di ripristinare il primato della politica, quella vera e nuova, che si cominciava ad intravedere.
    Adesso ci tocca a tutti, comunque la pensavamo fino a qualche giorno fà, di fare quadrato attorno a Monti, magari "turandoci il naso",per rimetterlo al governo e questa volta, ahimè, per 5 lunghi anni. E' il minor male. Che tristezza ed indignazione!

    RispondiElimina
  6. Ma...se Berlusconi sicuramente perderà queste elezioni, e prima della sua ridiscesa in campo tutti pensavamo che Bersani avrebbe vinto, e quindi nessuno si sarebbe turato il naso, cosa cambia adesso (visto che comunque Bersani vincerà) perchè ci si debba turare il naso votando Monti (che ancora non è un candidato premier)?
    Non sarà per caso che con la ricandidatura del Cav. tutta la politica fa più puzza del solito e dobbiamo, a prescindere, fornirci di maschera antipuzza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me bisogna turarsi il naso e votare Monti perchè la vittoria alle primarie di Bersani (il vecchio della casta PD) ha sconfitto (e disarticolato) le attese di cambiamento forte ed autentico che rappresentava Renzi (il nuovo che davvero portava voti nuovi e numerosi).
      Quindi il vecchio Bersani (suo malgrado) ha rimesso in gioco il vecchissimo Berlusconi che ha capito che, contro il vecchio Bersani, aveva molte chances da giocarsi.
      Solo il giovane (mica tanto tra l'altro) e tosto Renzi, Berlusconi sa rebbe rimasto fuori, avrebbe fatto fare le primarie, abrebbe dato via libera ad Alfano.
      Il PD con Bersani candidato ha fatto autogol perchè ha sdoganato Berlusconi.
      Pertanto, non rimane che votare Monti per evitare il blocco della sua politica (con Bersani) o addirittura lo spacchettamento (con Berlusconi), disperdendo al vento 1 anno di sacrifici di tutti (o quasi) gli italiani.
      Si rischia che Berlusconi faccia ritornare alle urne a suo favore quei milioni di suoi orfani temporaneamente "infrattati" nell'astensionismo.
      Monti sicuramente sarà candidato (in maniera inedita) perchè glielo chiedono da tutto il mondo e difatti non lo smentisce più categoricamente.

      Elimina
  7. calogero dolcimascolo13 dicembre 2012 11:38

    L’avventura politica di Silvio Berlusconi è iniziata quando Bettino Craxi consegnò con un decreto legge d’urgenza l’Italia alla Fininvest e l’illegalità divenne legale con un provvedimento retroattivo del 1990.
    Quando si parla della storia di un partito si parla del destino di una Nazione.
    Se parlassimo dei partiti della prima Repubblica DC, PCI, PRI, PLI, MSI, etc. dovremmo parlare di lotte, di sacrifici, di senso dello Stato, ma soprattutto della grande dignità che i leader di questi partiti avevano dell’Italia.
    Il partito di Berlusconi ha usato senza freno la televisione ed ha fatto ricorso sistematico ai sondaggi d’opinione per arrivare a Palazzo Chigi per governare soprattutto i sui interessi a discapito di quelli del paese.
    Abbiamo assistito ad un paese non governato e lasciato alla mercè di politici mediocri e governato soprattutto dalla grande finanza e dagli speculatori di ogni genere.
    Cosa dovremmo dire dei politici attuali confrontandoli con l’onesta intellettuale di grandi personalità come De Gasperi, Togliatti, Berlinguer, Moro, Spadolini, Saragat, Pertini, Almirante etc...che hanno lottato e alcuni dei suddetti hanno conosciuto il carcere e l’esilio per la loro ITALIA.
    Oggi siamo arrivati al rendiconto finale di quello che è stato in questo ventennio il partito azienda e aspettiamo con fervore quando nascerà la terza Repubblica.
    Nel 1991 un Norberto Bobbio ormai scorato scriveva: «La gestazione della seconda Repubblica, se dovrà nascere, sarà lunga. Ma poiché, se nascerà, nascerà con gli stessi uomini che non solo sono falliti ma sono inconsapevoli del loro fallimento, non potrà che nascere male, malissimo, come male, malissimo è finita la prima».
    Oggi c’è la voglia di cambiare gli uomini falliti della seconda Repubblica che non sono consapevoli o fanno finta del loro fallimento che continuano a ingombrare i posti di comando di una nave finita sugli scogli facendo naufragare anche gli elettori moderati del centro-destra.

    RispondiElimina
  8. Il pagliaccio di arcore che ci ha coperto di ridicolo ormai è alla fine. Neanche gli amici suoi della lega a cui vuole regalare pure la lombardia, lo vogliono più. Si crede dio, ma è solo uno spudorato buffone. Speriamo che al più presto gli mettano le manette per le sue malefatte.

    RispondiElimina
  9. Io ho la fortuna di avere degli amici, pochi o molti che siano non ha importanza, ma i miei sono veri amici. E’una cosa bella, l’amicizia per me è un valore.
    Facevo questa riflessione leggendo di Berlusconi sui media e, sulle sue ultime elucubrazioni e lo pensavo un uomo solo, un uomo senza amici, uno che ha solamente leccaculo a fianco, yesman, che invece di consigliarlo dicono sempre si a tutte le minchiate che gli escono dalla bocca, non facendogli certo un buon servizio.
    Ma il nostro Catone oggi ne fa un bel ritratto presentandocelo “superuomo delirante borderline”,
    persona che ogni giorno cambia idea, che si mette contro tutto e pretende che tutti abbassino sempre la testa. Ma l’impazzare (o meglio l’impazzimento) di Berlusconi, continua a far danni all’Italia con la sua maggioranza in Parlamento, non facendo approvare la legge che avrebbe modificato il “porcellum”, legge che era stata criticata da tutti.
    In tal modo tiene i suoi …sudditi, con la spada di Damocle sulla testa, in quanto sarà lui che nominerà i suoi deputati, sarà lui il padre padrone che minaccia, ad ogni piè sospinto, chi gli manifesta una pur modesta differenza di opinione.

    Prima se l’è presa con il povero Angelino Alfano, imposto da lui stesso, segretario del PDL, e poi mortificato e gli ha messo contro il suo amico senatore Marcello Dell’Utri, così come dopo ha fatto con la Meloni, Frattini e Crosetto, perchè chiedevano di far svolgere le primarie e Berlusconi aveva detto un no definitivo già da tempo.
    Per fortuna i cittadini italiani non hanno potato il cervello all’ammasso, ed esiste ancora qualche partito che ritiene importanti fare scegliere con le “primarie” anche i candidati al Parlamento Nazionale. Con buona pace di Berlusconi, il Partito Democratico e SEL hanno deciso di far svolgere il 30 Dicembre prossimo le elezioni primarie per scegliere i candidati che si presenteranno al Parlamento Nazionale.
    Auguri ancora a Pierluigi Bersani ed ai cittadini del P.D. e di SEL che possano scegliere le migliori energie per governare questo paese, l’Italia.

    RispondiElimina
  10. da quando ha deciso di scendere in campo mi sono chiesto il perchè, come penso tutti. Che possa pensare di vincere, mi sembrerebbe una offesa alla sua stessa intelligenza, e allora quali le ragioni? una potrebbe essere arrivare alle elezioni prima della sentenza su Ruby che potrebbe metterlo fuori. cercare un salvacondotto per i suoi beni e la sua famiglia, magari offrendo agli avversari qualcosa in cambio, e a ben guardare già una cortesia agli altri oltre che a se stesso l'ha fatta: voteremo con il Porcellum, metodo che nessuno vuole, ma che di fatto non dispiace a nessuno compreso Grillo. un altro favore lo ha fatto agli italiani, togliendo di mezzo quello che io considero il più inutile prodotto della politica siciliana prestato alla nazionale,ossia Angelino Alfano, mi auguro che completi l'opera togliendoci di mezzo la seconda carica dello stato. Poi ha messo in subbuglio il cosi detto centro dei moderati, che a me sembra piuttosto il centro dei camerieri, capitanati da Casini che cameriere lo è stato di Forlani, lo fa oggi a Monti, e domani lo farebbe a chiunque pur di non perdere le mance che dal mestiere provengono. Detto questo, a me pare che le prossime elezioni Bersani può solo perderle, e molto dipende dalle alleanze che saprà chiudere. resta sempre un dilemma: se dovessero cedere a questa forzatura che viene dall'europa, che rischia di fatto rendere vane le prossime elezioni chiunque vinca, Il paese ha bisogno di governo e di governo vero e non quello becero delle banche, se la sinistra italiana dovesse cedere il passo a queste chimere pseudo europeiste, farebbe un danno al paese incommensurabile rispetto al peggior danno che potrebbe fare se non ha già fatto Berlusconi stesso.

    RispondiElimina
  11. conte di montecristo19 dicembre 2012 08:10

    Il pagliaccio che si crede dio impazza in tutti gli schermi come un virus maledetto. fermatelo sta infestando tutti i cervelli fragili la d'urso, vespa sono la rovina della nostra società. se poi volete continuare a darvi martellate sulle palle fate voi. io me ne sto nella mia isola ad osservarvi a giudicare i vostri comportamenti.

    RispondiElimina