lunedì 21 settembre 2015

Di Maio. Giovane promessa o piccolo fascitello?

Di Maiodi Giangiuseppe Gattuso – Guardavo la prima puntata della nuova stagione di Ballarò, martedì 8 settembre 2015. Ospite della serata, tra gli altri, lui. Da molti ritenuto la giovane promessa della politica italiana.
Avevo altre volte osservato la sua efficace presenza scenica, il fare discreto, da 'moderato' quasi d'altri tempi. E, come capita spesso, mentre passo il tempo a scrivere e mettere ordine nel pc, do un'occhiata alle chiacchiere di Facebook. Quasi automaticamente scrivo qualcosa. Velocemente.  Senza troppo pensarci.  Una riflessione ad alta voce riportata sul mio diario: "A Ballarò c'è Luigi Di Maio. Mi pare un bravo ragazzo. Moderato. Si fa capire. Insomma...!".

Ballaro-8-settembre-2015-Di-MaioMi è sembrata una banale constatazione, e, non lo nego, anche un apprezzamento. Ma non più di tanto. Le reazioni sono arrivate veloci. Inaspettate per le inflessibili critiche e per il cospicuo numero. Circa 170 interventi tra commenti e risposte. Che, considerato il breve e quasi banale post, senza nemmeno l'ausilio di un'immagine, mi pare un fatto notevole. Segno che il personaggio suscita forte interesse.  A prescindere dalle mie considerazioni. E devo confessare che non immaginavo nemmeno lontanamente di scatenare un confronto così aspro. Significa che c'è voglia di partecipare, un fatto, comunque, molto positivo.
Ovviamente, ma ci siamo ormai abituati, i social network come Facebook tendono a sciogliere le riserve e a far emergere con più facilità ciò che si pensa veramente. Quasi uno specchio dell’anima, quando non si mente spudoratamente. Non credo sia questo il caso. Andiamo a qualche commento.

Per qualcuno “abbiamo un altro parolaio ammaestrato” e “soprattutto come difende il capo comico!”. “Preparatissimo, peccato che fa parte di un partito di paladini!”. E “…del M5S di Ostia questo fascistello cosa dice?”, “Un fascista perbene cromosomicamente accertato, una volta a Milano li chiamavano sanbabilini”. E questo insieme al richiamo alle “dichiarazioni - di Beppe Grillo sulla mafia - gravissime, ambigue ed allusive, che potevano essere finalizzate a ottenere consenso da certi ambienti, in occasione del suo viaggio in Sicilia”. Frasi che ricordiamo perfettamente. E ancora “Grillo come Salvini” e “se Beppe è onesto, io sono Gesù cristo in terra”. E sull’onestà. I 5 Stelle sono “fascisti ma onesti” e “Le scimmie sono oneste sino all'arrivo delle noccioline”. Molto carina questa.

reggio-emilia-luigi-di-maio-seduto-in-piazzaOvviamente le reazioni dei grillini ci sono pure e a volte anche loro vanno oltre le righe. Ma per i detrattori “si vede chiaramente da chi è composto il m5s, squadristi violenti che sanno solo ripetere sempre gli stessi slogan e offendere chi non la pensa come loro. Se dovessero andare al potere o crolleranno sotto il peso della propria approssimazione politica oppure la copriranno con un regime autoritario”, o “le code ai bancomat per pochi spiccioli, è il futuro che ci attende se dovessero governare”. Insomma siamo alla deriva autoritaria e al disastro sociale ed economico. C’è da preoccuparsi. Insomma, Di Maio “parla da attivista non da politico, sa solo ripetere slogan. Sulla candidatura a sindaco di Roma, Casaleggio gli ha fatto bau e lui si è messo a cuccia”. Un’animella. Uno che “è iscritto all'Università da 11 anni senza aver mai dato 1 esame, che non ha mai lavorato. Iscriversi all'Università è più di un titolo”.
Mi pare possa bastare. Credo di avere sintetizzato al meglio possibile il dibattito cercando di coglierne il senso complessivo.

grillo-di-maio1Praticamente, questo ragazzo di 29 anni, è nato il 6 luglio 1986, entrato a Montecitorio a soli 26 anni e diventato il più giovane Vice Presidente della Camera della storia, può essere dipinto nel peggiore dei modi.
Fascista per cromosomi perché il padre Antonio è stato un dirigente del MSI e poi di AN. Assolutamente incapace di autonomia perché amico di Grillo della prima ora, dal 2007 quando aveva 21 anni. Uno sfaccendato perché non ha mai lavorato e un fannullone universitario perché dopo la maturità classica non è riuscito a concludere il percorso universitario in Legge.

Di-Maio-presiede CameraSe poi, però, ha saputo guidare la Camera in maniera impeccabile, senza faziosità, bloccando anche gli eccessi dei suoi “fratelli” grillini dando dimostrazione di essere uno tosto e, nonostante l’età, un “uomo” maturo. E assumendo sempre una posizione da moderato, facendo del dialogo pacato e garbato la sua personale cifra. Rispettando scrupolosamente la regola interna della riduzione dei compensi, e detestando nei fatti ogni privilegio derivante dalla carica prestigiosa che ricopre, ecco, nonostante tutto questo, il giovane Luigi Di Maio non può rappresentare una speranza per la politica di questo paese. Opinioni. Che non condivido. Di Maio è molto giovane, ha tempo per crescere ancora, ha la possibilità, insieme a tanti altri suoi compagni, di dare una svolta al Movimento 5 Stelle, e, perché no, di rappresentare una speranza.

Nel Movimento 5 Stelle c’è di tutto e non potrebbe essere diversamente. Tolti i giovani alla prima votazione, che sono parecchi, è costituito da milioni d’italiani che, per forza di cose, dovevano avere altre idee, militare in altre forze politiche o erano rimasti alla finestra. E come tutte le forze politiche non è perfetto, ma, al contrario di come lo si vuole descrivere, non ha un pensiero unico. C’è tanto confronto e c’è evoluzione.

Orban VProfughi al confine unghereseEcco, per questo, vorrei tanto che su un tema, per me cruciale, come quello dei “migranti” avessero una linea e una posizione chiara. È possibile pensare ad una politica e a un sistema come quello dell’ungherese Viktor Urbán senza esprimere una condanna ferma e definitiva sulla questione profughi, sulle barriere che quel governo ha costruito ai suoi confini per bloccare il passaggio di uomini, donne, madri, bambini, ragazzi che fuggono dall’inferno?

Giangiuseppe Gattuso
21 Settembre 2015

71 commenti:

  1. Michele Maniscalco21 settembre 2015 18:18

    A me Di Maio ricorda le parole di una canzone napoletana.

    "E tu ca bellu si e onesto pare".

    RispondiElimina
  2. Di Maio non colpisce la mia attenzione.

    RispondiElimina
  3. Mi piace questa, vogliamo chiamarla riflessione, su questo giovane politico grillino, per certi versi concordo con te, è garbato, moderato e non sono certo io a poter far ricadere le colpe dei padri sui figli, avendo io un'anima molto a sinistra, pur essendo figlia di un democristiano doc, attivo nelle segreterie DC e via discorrendo.
    Quello che mi sconcerta, ma è forse da comprendere, il suo essere un pò troppo legato alle regole del capo, vorrei un pò più di autonomia di pensiero, va bene che è giovane, deve farsi le ossa, ma un passettino in più ci sta, può farlo.
    In ogni caso, tra lui, e i tanti politici di mestiere, faccendieri, e attaccati al soldo e alla poltrona, preferisco di gran lunga lui, un pò di onestà intellettuale e di fatto, in termini di guadagni la ha dimostrata, e questo è già un buon inizio...vedremo alla distanza cosa sarà capace di produrre.

    RispondiElimina
  4. antonella albertini21 settembre 2015 18:35

    Di Maio fa parte di un movimento molto poliedrico, fatto da tantissime persone con opinioni diverse, che attualmente secondo me non ha una linea politica precisa e condivisa. Mi sembra vadano avanti in ordine sparso, dicendo a volte molte corbellerie. Senza parlare dei due guru di riferimento. Non me ne vogliano gli italiani che li hanno votati: a me sembrano un'armata Brancaleone. Un'occasione persa. Avevano preso i voti di tantissimi insoddisfatti e avrebbero potuto dare una svolta positiva alla politica italiana; invece si sono persi , facendosi prendere dal qualunquismo e dall'irresponsabilità. Hanno avuto una grande occasione ma evidentemente non ne sono all'altezza. Ascoltare Grillo quando sbraita contro tutto è tutti mi fa venire rabbia e mi chiedo come sia possibile dargli credito. Di Maio nei modi é sicuramente più contenuto ma nella sostanza non mi sembra si differenzi molto dagli altri. I parlamentari Grillini sono fortunati perché si ritrovano sui banchi del Parlamento spesso senza nessuna preparazione alle spalle, come Di Maio, studente universitario da undici anni

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sua presenza in parlamento senza alcuna preparazione alle spalle è molto meno scandalosa di quella di una certa "Cicciolina" ed altra gente di spettacolo che tutt'ora siede in Parlamento solo perchè appunto gente di spettacolo.

      Elimina
  6. antonella albertini21 settembre 2015 19:47

    Dobbiamo sempre giocare al ribasso???

    RispondiElimina
  7. decisamente due parole:

    Un piccolo fascistello. che si nasconde dietro un faccino pulitino, per celare la sua vera natura

    RispondiElimina
  8. Mio nonno era podestà, ma non per questo io sono fascista.
    Il giovane Di Maio a me piace molto, l'unica cosa che eccepisco è il fatto che abbia interrotto gli studi universitari, ma non per questo si può dire di lui che sia incapace o impreparato, né a rischio di sospetto per tendenza nel competere in un dibattito televisivo.
    Tu scrivi che rinuncia alla sua parte di introiti, che ha un comportamento da bravo ragazzo, che interviene pacatamente nei dibattiti; e dunque?
    Tra l'atro per me c'è tanto di più: sa quello che dice.
    Si aggiorna, studia è sempre preparato ad ogni confronto, ha la parola facile e dotta- cosa rara di questi tempi- è logico!
    Ha idee chiare e ritengo basilare la sua proposta sul reddito di cittadinanza;...rifiutata, guarda caso, da gran parte dell'arco parlamentare.
    Mi dico: chi in alternativa per la prossima poltrona governativa?
    La differenza tra lui e Matteo Renzi è enorme, e il fatto che Di Maio sappia bel condurre i lavori della camera, senza mai pendere dalla sua parte è il segno di una personalità ben formatasi anche grazie agli insegnamenti, fascisti quanto vuoi, di una famiglia che ci ha saputo fare.
    E lo si vede pure nella differenza di stile rispetto alla signora Boldrini, che francamente....!
    Possibile candidato a capo del governo?
    Perché no!
    Ma Grillo nicchia su questo, preferisce non impegnarsi.
    Ecco, una cosa che vorrei sapere è proprio che passi nella testa di Grillo, perché nonostante le consultazioni dei cittadini one line, gli resta in mano un forte potere decisionale saul futuro del movimento e dei suoi laeder.

    RispondiElimina
  9. Ha interrotto gli studi universitari , ma ha fatto altre cose come diventare vece Presidente della Camera...parla bene,è garbato ,ed è pure bello...si chiama Luigi come mio figlio...io lo adoro!!!

    RispondiElimina
  10. Troppo facile demolire e troppo facile anche esaltarsi, siamo abituati da tempo alle maschere, parlano e si atteggiano a salvatori della morale e poi ci ritroviamo con il solito affabulatore.....Chi e' vaccinato li riconosce, come personalmente mi piace riconoscere i meriti di Grillo che ha impastato un movimento contro le caste. Purtroppo gli riconosco solo questo, perche'. una volta raggiunto l'obiettivo e' cambiato in peggio....Non mi aspetto niente dalla politica che riesce a costruire solo pupazzi li dove di politica sana e consona non esiste niente....Forse ci vorranno tante altre generazioni per riparare ai guasti, costui sembra....., ma potrebbe non essere, ed io non rischio piu', credo solo alle persone reali, quelle che sino ad ora non ci sono ancora.........................

    RispondiElimina
  11. La sua parte la recita benissimo, il più raffinato e furbo di tutti i suoi.

    RispondiElimina
  12. Mi stranizzano enormemente i commenti degli amici che dissentono sulla figura di Di Maio e sul suo operato. Un ragazzo ventinovenne che ricopre egregiamente una carica di grande responsabilità, con grande senso delle istituzioni, con pacatezza e maturità.... ma cosa si vuole di più? Lui è il futuro .... certo non i pagliacci che per i loro oscuri interessi lo osteggiano In bocca al lupo ragazzo! Non ti occorre certamente una laurea per mostrare il tuo valore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cocncordo assolutamente !

      Elimina
  13. antonella albertini21 settembre 2015 22:52

    Dobbiamo sempre giocare al ribasso???

    RispondiElimina
  14. Se devo essere franco , non mi sconvolge per niente ; ma il fatto che sia figlio di un fascista non costituisce un bel niente ( le colpe dei padri non ricadano sui figli , vale per tutti )
    Tu dici che è moderato , io penso che sia solo incolore , insignificante , dalla battuta facile , ma scarsamente efficace :
    Se poi passiamo dal singolo al gruppo , è sotto gli occhi di tutti che abbiano bruciato un enorme patrimonio , che milioni di rispettabili cittadini , gli avevano affidato diventando il più grosso gruppo di rilevanza quasi inesistente che si limita a balbettare le frase fatte del megafono Grillo e del suo associato ( cosi detto ideologo ) Casaleggio nelle sue farneticanti allucinazioni... insomma il nulla del nulla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salvo Papa, Lei dice che i "grillini", " hanno bruciato un enorme patrimonio che milioni di cittadini gli avevano affidato", ma forse dimentica che il M5S è all'opposizione ed in quanto tale, non ha la possibilità di legiferare.

      Elimina
  15. Come sui social, anche in questi commenti, si notano prese di posizioni, opinioni e luoghi comuni, chiaramente dettati da appartenenze politiche diverse, più che dai fatti reali, come le affermazioni del tutto gratuite di Francesca Bertini. Anch'io provengo da una famiglia di destra e questo, non ha fatto di me un fascista, anzi tutt'altro. Non voglio difendere Di Maio, anche perchè non credo che ne abbia bisogno, ma penso che quando si esprimono dei giudizi, bisognerebbe basarli esclusivamente su fatti concreti e non pregiudizi di sorta. Leggendo la biografia di Di Maio, scopriamo che non ha completato l'università e che prima di diventare deputato, era titolare di una azienda edile al 50% con la sorella, poi chiusa e fatta confluire in quella più grande ereditata dai genitori. La Sigora Antonella Albertini che paragona i parlamentari "grillini" alla stregua dell'armata brancaleone, evidentemente non ne conosce nè i membri, nè il loro operato, infatti , se avesse seguito i loro lavori, proposte di leggi emendamenti etc. tutti in chiave anticasta e favorevoli esclusivamente ai cittadini, anche a livello europeo, (ricordo che la prima proposta di suddividere le quote dei migranti per ogni paese europeo e poi fatta propria dall’Europa, porta proprio la firma del “grillino” Di Stefano), probabilmente si sarebbe risparmiata il suo commento. Basta inoltre consultare le schede dei singoli deputati di tutti i partiti, per scoprire che il M5S conta l' 82,4 % dei laureati, con master e specializzazioni, contro la media del 43,5% degli altri partiti. Quanto a preparazione politica, ormai credo che siano molti più avanti di tutti gli altri. Altrimenti, come avrebbero fatto a scoprire il malaffare del Palazzo, gli iciuci, le lobby collegate ai partiti, gli intrecci con la malavita e la mafia che più volte hanno denunciato in parlamento. Non avremmo avuto le inchieste sul Mose, Muos, su mafia capitale, scoperto i crimini della terra dei fuochi, i legami di politici ed istituzioni con la finanza internazionale che ha distrutto questo paese e l’elenco sarebbe ancora lungo.
    Non parlo dell’onestà, dei rimborsi e restituzioni…idee di correttezza e rispetto per gli elettori sconosciuti alla casta. Ma chi vuole vedere, vede, chi invece preferisce tapparsi il naso e continuare imperterrito a tifare i ladri, i delinquenti, i collusi, i corrotti ed i mafiosi, liberi di farlo, ma cercare di abbassare il livello degli altri per non far sfigurare troppo il proprio, non mi pare un esercizio corretto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Raffaella Schiavone22 settembre 2015 06:34

      Grande commento...

      Elimina
    2. concordo assolutamente con Giovanni Caianello anche i punti !!

      Elimina
  16. Mi verrebbe voglia di non replicare ad un certo qualunquismo e all’analisi superficiale di chi ancora si attarda a parlare dei parlamentari di 5 stelle, come i seguaci di Grillo. Ancora non si è capito che Di Maio e tantissimi altri suoi colleghi hanno raggiunto una dignitosa esperienza parlamentare e una maturità politica del tutto indipendenti dal suo fondatore. Basta notare come si siano rarefatte le presenze televisive di Beppe Grillo e siano aumentate quelle dei singoli deputati e senatori di 5 Stelle. Lasciatemi anche dire che trovo davvero infantile esercitarsi sugli orientamenti politici del padre, per attaccare il vice presidente della Camera. Definire fascistello un ragazzo nato nel 1986 fa sorridere. Si può contestare o condividere la loro politica ma è innegabile che il movimento, già da tempo, si presenta con le proprie facce di rappresentanti istituzionali e, spesso, fanno dimenticare che esista Grillo. Sono entrati a pieno titolo nel dibattito generale della politica nazionale e con loro bisogna fare i conti. Altro che seguaci di Grillo. Le maldicenze rivolte ad un movimento giovane, onesto, fatto da persone semplici (e preparate), che ha introdotto elementi di moralizzazione nel nostro sistema politico, sono ingenerose e immeritate. Vorrei sentire dai loro detrattori che giudizio danno degli altri partiti e del loro operato. Qualche giorno fa la Camera si è votato un emendamento che spartisce 46 milioni ai Gruppi parlamentari senza alcun obbligo di rendicontazione. Indovinate chi si è opposto a questa vergogna. Esatto, proprio i “seguaci di Grillo”.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Raffaella Schiavone22 settembre 2015 06:36

      Grazie,i commenti dei detrattori mi stanno rovinando il fegato....

      Elimina
    2. assolutamente si ..il movimento e' l'unica vera ONESTA (CHE PAROLA SCHIFOSA ) CHE ESISTE IN iTALIA collegatevi con il parlamento oggi lo possono fare tutti ..e vedete come va avanti quanta disonesta e menzogna se guardate solo i telegiornali e leggte i giornali non troverete niente ..l'italia come liberta di stampa occupa oltre il 70 posto .un motivo ci sara ...

      Elimina
    3. Non ho alcuna mia esitazione a condividere i il giudizio e le parole del Dr.Alesi. Ma ormai le amenità espresse a favore di Renzi hanno raggiunto un livello tale che a solo al leggerle ci si rimette in dignità. Basta leggere gli interventi di certi personaggi ad uno degli ultimi link di Giangiuseppe per sentirsi cadere le braccia.

      Elimina
  17. Ah ah ah ci si poteva scandalizzare su un vicepresidente della camera fascistello trent'anni fa!
    Biasimare un deputato che è iscritto all'università da 11 anni negli anni 80, inorridire perché un parlamentare obbedisce al suo capo e non dice nulla di nuovo nell'era di Berlinguer, dì La Malfa o di Almirante, grandi uomini con grandi partiti ideologici alle spalle!
    Ma per favoreeeeeeee, oggi le notizie su deputati e senatori più frequenti dei partiti di governo sono appartenenze a mafie o camorra, cambi di casacche che trimestrali, acquisti case a loro insaputa, distrazioni di rimborsi elettorali per comprare vibratori o altri giocattoli, è ancora c'è gente che si scandalizza per un giovane parlamentare per i motivi di cui tu parli, Giangiuseppe?
    Direbbe Totò: ma mi facci il piacere.....
    Purtroppo tutte le porcherie che si possono dire sui 5s sono possibili, ma la delinquenza di Alfano, Renzi, Cosentino, Buzzi ecc ecc sono certezze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CONCORDO ASSOLUTAMENTE SU TUTTO QUELLO CHE HAI SCRITTO !!

      Elimina
  18. Asia Lucia Cricchio21 settembre 2015 23:32

    Senza per questo essere accusata di essere fascista mi piacerebbe poter esprimere il mio pensiero, pur rispettando il tuo. Il collage di virgolettati non rispecchia il giovane politico che a mio dire appare diverso dalla gentaglia che sinora ha governato l'Italia. Mi sono limitata a leggere qualche riflessione e mi è sembrato dì ascoltare le tante opinioni di chi non raccoglie e non fa raccogliere. C'è troppo marciume nella nostra società e purtroppo tutte le volte che si parla del 5 stelle, emerge. Perbenisti? No! Collusi con questo sistema che a distanza di 23 anni non fa emergere la verità sulle stragi. Eppure son sempre pronti a puntare il dito contro chi vede l'Italia diversa da come questa oggi si presenta ( Roma capitale, cooperative che lucrano sulle disgrazie, politici a braccetto con mafiosi ecc) . Non mi va di aggiungere altro poiché non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire. In ogni caso apprezzo la tua capacità di creare dibattiti su tematiche simili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Asia Lucia Cricchio21 settembre 2015 23:40

      Dimenticavo Razzi vi sembra preparato? Ma per favore piantatela di dire e di scrivere che sono sprovveduti ed impreparati. Con tutta la buona volontà di questo mondo non potrebbero far di peggio rispetto a ciò che è stato fatto nella prima e nella seconda repubblica.

      Elimina
  19. E tu pensa che io non volli iscrivermi al movimento perché pensai che avessero rifiutato un ex consigliere di quartiere democristiano figlio di segretario di sezione. ...

    RispondiElimina
  20. Pietro Giangreco21 settembre 2015 23:37

    Gattuso io ancora non ho capito sei con il M5S o contro fammi capire

    RispondiElimina
  21. Giuseppe Scaravilli21 settembre 2015 23:43

    ma il Di Maio non è il solo " fascitello" del movimento grillino, il Di Battista anche lui è figlio d' arte fascista, il Casaleggio vi siete domandati da dove viene??? il Grillo che fa " il Grillo parlante " del movimento le spara grosse sia sui migranti, sia sui rapporti del movimento con le frange estreme europee. Cosa si vuole rappresentare??? che il Di maio non è più fascista?? Io penso proprio di no, uno che non ha mai lavorato, che per caso si trova in certi posti, tutto ad un tratto dimentica le sue origini?? Dagli atteggiamenti, dal modo come parla, da come il movimento agisce io penso che il Di maio, ma non solo lui, in quel movimento è in buona compagnia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giacinto Giuseppe Corsaro21 settembre 2015 23:46

      Ma guarda un po'!!! Un fascistello che rifiuta il finanziamento pubblico dei partiti e si riduce lo stipendio, io non ne ho mai visti!!!. Mi sa che chi lo critica è il vero amico della casta !!!

      Elimina
  22. http://www.liberoquotidiano.it/news/sfoglio/11830012/Giancarlo-Perna-e-il-ritratto-di.html

    Un sapido ritratto del Nostro a curs del giornalista Giancarlo Perna

    RispondiElimina
  23. L'on. Di Maio è oggettivamente un bel ragazzo, ma bisogna riconoscere che nel M5S non è il solo, ho visto altri ed altre altrettanto carini.
    Su questo bisogna aprire un dibattito più articolato.
    Il fatto che non abbia mai lavorato o studiato lo trovo irrilevante, ci sono milioni di giovani che non studiano e non lavorano, e allora'? Vogliamo impedirgli per questo la possibilità di fare il capo del governo?
    Sul fatto poi che sia fascista o fascistello che significa ?
    Sarebbe un problema se militasse in un altro partito, ma nel partito di Grillo è assolutamente al suo posto,.
    .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti Di Maio è proprio al suo posto. Guai se si trovasse in un altro partito. Certamente rovinerebbe l'alta reputazione, la serietà e la moralità che contraddistingue il nostro panorama politico. Per carità, fuori i Di Maio lasciamo lavorare in pace i veri professionisti della politica, sono così bravi!

      Elimina
  24. Raffaella Schiavone22 settembre 2015 07:12

    Che tristezza leggere tanti commenti di critica,non solo verso Di Maio,ma contro tutto il Movimento...Ancora c'è gente pronta a chiudere gli occhi davanti a una SANA alternativa politica,gente pronta a puntare il dito verso Grillo e Casaleggio,colpevoli di aver creato un movimento fatto da persone comuni e non da professionisti della politica...Gente pronta a fermarsi al gossip piu' che alle iniziative positive dei 5 stelle e ce ne sono tantissime,proposte a favore dei cittadini ma regolarmente respinte in Parlamento....Quante magagne,che prima erano tenute ben nascoste,sono venute alla luce grazie ai "grillini" !!!!! Forse non gli si perdona questo??? Forse preferivate essere gabbati in silenzio?? Di Maio è preparato,serio,sincero e sicuramente è la personaa piu' indicata per essere futuro premier...Cosi' come sono preparati tantissimi che siedono in Parlamento....Per quelli che ancora pensano che hanno perso un'occasione con Bersani,rispondo che hanno fatto benissimo,allora si che non erano preparati e ,dopo una campagna elettorale all'insegna della non alleanza coi partiti che avevano affossato il nostro Paese,noi ci saremmo sciolti come neve al sole....e invece siamo qui piu' forti e preparati...Per quanto riguarda la linea del Movimento sull'immigrazione,c'è una proposta a firma Manlio Di Stefano,sottoscritta da tutto il Parlamento,ma poi lasciata in un cassetto(embè è una proposta 5 stelle! ),che parla di corridoi umanitari,che parla di accoglienza dei profughi e di tanto ancora....I muri spinati? E chi poteva anche solamente immaginare un orrore del genere???? Certo che il Movimento condanna,senza se e senza ma !!! Tornando a coloro che sollevano critiche dico che evidentemente hanno ancora fegato per sopportare i soliti politici da salotto tv,le solite belle frasi,hanno ancora la capacità di passare sopra le malefatte,gli scandali,le ruberie....continuate a votare i soliti,pronti a mantenerli ancora e ancora attaccati alla poltrona e alla mammella degli italiani anche da piu' di 30 anni,in cambio di promesse che hanno disatteso piu' volte...Io ho aperto gli occhi e la mia casa pulita l'ho trovata e si chiama MoVimento 5 Stelle!

    RispondiElimina
  25. Gabriella Sanchini22 settembre 2015 07:26

    L'articolo mi è piaciuto molto per il suo equilibrio e la sua completezza. Non posso dire altrettanto del personaggio. La politica è un'arte o, se volete, un mestiere che, come tutte le arti e come tutti i mestieri, non s'improvvisa. Ce lo dice con chiarezza il "cursus honorum" dell'antica Roma, nella quale si partiva dal primo gradino della lunga scala per arrivare, dopo molta gavetta, al predellino che si trova in cima. Qui vedo molta spocchia e poca sostanza. Vedo gente nella buca del suggeritore, ma mai in palcoscenico. Vedo tanta agitazione dietro le quinte, ma non vedo attori che diano vita alla rappresentazione. Aspetto di assistere, dalla platea, ad un decoroso spettacolo, che scorra dall'inizio alla fine, con una sua interessante trama, con bravi interpreti, con una bella scenografia..... Scampoli, frammenti e spezzoni non mi interessano...

    RispondiElimina
  26. ...seguo gli interventi in Parlamento di Di Maio e degli altri del M5S e mi sembra ingiusto e ingeneroso trattarli come degli ignoranti che formano una "armata Brancaleone" In molti sono preparati ,capaci ed attenti. Le reazioni contrarie sono scontate e sono forti proprio per la incisività di questi giovani politici. Condivido pienamente le parole di Maurizio Alesi ,di Giovanni Caianiello,di Fausta Fabri (per citarne alcuni) Buona giornata !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ANCHE LA MIA OPINIONE CONCORDO CON QUELLO CHE HAI SCRITTO ..

      Elimina
  27. Maurizio Giacalone22 settembre 2015 07:54

    visto cosa combinano i figli dei partigiani (battutaccia): non guardiamo sempre al passato, un passato che annebbia l'intelletto: i figli sono altre persone, io stesso sono figlio di fascista ,ma in alto i cuori

    RispondiElimina
  28. Perché non parlare invece degli" specialisti" della politica, quelli che necessariamente avevano anche loro i genitori fascisti, lo son stati tutti, tranne pochi puri, perché non parlare di come questi abbiano rovinato l'Italia e rubato il futuro alle prossime generazioni? Perché? Perché non parlare di chi ha tradito i lavoratori, di chi gli ha tagliato le pensioni, di chi alza gli ISEE e priva di contributi u nostri studenti? Di chi manda i docenti ad insegnare ad 800 km di distanza dalla famiglia? Perché non parlare di chi vuole eliminare gli organi di garanzia di uno stato democratico? Di chi ruba e governa una regione, di chi frega i cittadini e froda lo stato e siede in parlamento? Di chi smantella uno stato sociale, di chi riesce a far milioni di euro alle spalle dei Cie ? Non vado oltre perché l'elenco durerebbe la lunghezza di una Bibbia ! Fan così paura i 5stelle?

    RispondiElimina
  29. Claudia Anna Bianco22 settembre 2015 08:11

    Certamente tra innumerevoli incommentabili ha dato prova di un certo aplomb. Lo riconosco. È arrivato tuttavia ad una carica importante ancora "acerbo". Rischia di bruciarsi. Dovrebbe nettamente distaccarsi da certi estremismi; prendere posizione netta e chiara su temi importanti dove ancora svicola, prende tempo e non risponde. In questo non distaccandosi affatto da qualunque altro parlamentare. Fra anni potremmo ritrovarcelo alla guida del centro destra.

    RispondiElimina
  30. A me piace anche se non sono grillina. É uno dei pochi che sa parlare, intelligente e competente. Si secondo me é una giovane promessa e non rimarrà a lungo nel movimento 5stelle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perché secondo lei le giovani promesse non possono restare in un movimento? Devono per forza andare nei vecchi partiti e nella vecchia politica per essere valorizzati. Questo equivale a dire che secondo lei i migliori politici si trovano in F.I., nel PD, nella Lega.

      Elimina
  31. Michele Principato Trosso22 settembre 2015 08:56

    Sento le solite baggianate pro o contro qualcuno. Ecco la visione di Luigi Di Maio senza intermediario. L'intermediario a maggioranza mistifica e depista, perchè pagato. Basta ricordare il noto saggista Huxley, ideatore dell'istituto tavistock... Leggete cosa scrive Luigi Di Maio:
    Lo Stato Italiano doveva essere lo scudo dei cittadini nei periodi di crisi e invece è diventato la spada che li trafigge alle spalle.
    Tutti si chiedono se siamo usciti dalla crisi. Io invece mi chiedo se lo Stato abbia imparato la lezione.
    Ieri al meeting di Confesercenti-Nazionale ho raccontato il nostro programma per creare uno "Stato amico".
    Quello che hanno subito le imprese italiane negli ultimi anni non deve più ripetersi.
    Durante la crisi post 2008 è aumentata l'attività illegale, in particolare la CONTRAFFAZIONE, che ruba 12 miliardi di euro allo Stato. Le banche hanno chiuso i rubinetti del CREDITO ad imprese e famiglie. Gli STUDI DI SETTORE, che erano già inverosimili, sono diventati insostenibili. Il Governo ha avviato liberalizzazioni selvagge, come quello degli ORARI DI APERTURA E CHIUSURA degli esercizi commerciali, mettendo il piccolo commerciante in competizione con i centri commerciali. Lo Stato ha aumentato le TASSE, quelle locali anche del 150%, l'Iva, gli addizionali comunali e regionali. EQUITALIA ha aggredito militarmente tutte le imprese, causandone la chiusura. La LEGGE FORNERO ha riversato un milione di persone in più nel mercato del lavoro, causando l'esclusione di 2 milioni di giovani dal mondo del lavoro.
    Dal 2008 ad oggi cosa è cambiato? Se veramente fossimo usciti dalla crisi, oggi non dovremmo più avere Equitalia, la Legge Fornerno dovrebbe essere un triste ricordo.
    Se veramente vogliamo svoltare, c'è bisogno di un piano per creare uno "Stato amico" che metta al centro delle politiche pubbliche la persona, non più gli affari.
    DOMANI MATTINA possiamo fare un paio di cose a costo zero: il reato di contraffazione deve tornare ad essere PENALE, non può essere una sanzione amministrativa, perchè con la legge vigente la multa vale meno del business e quindi conviene.
    Possiamo subito approvare la LEGGE "DELL'ORCO" SUGLI ORARI DI CHIUSURA degli esercizi commerciali. Gli esercenti non hanno guadagnato nulla in più, hanno solo spalmato gli introiti su più giorni di lavoro sacrificando la famiglia. Quella delle liberalizzazioni è un falso mito.
    SUL MEDIO TERMINE dobbiamo iniziare gradualmente ad abolire gli studi di settore potenziando i controlli, dobbiamo SOPPRIMERE Equitalia, consegnando la riscossione ai comuni o all'agenzia delle entrare: smettiamola di fare profitti sulla riscossione. Dobbiamo ridurre il costo della TASSA SULLA NETTEZZA URBANA accorpando le tante partecipate - circa 6000 - portandole a massimo 200.
    Lanciare una BANCA PUBBLICA che aiuti le famiglie ad accendere mutui e gli imprenditori ad accedere ai prestiti.
    Come misure strutturali bisogna approvare un REDDITO DI CITTADINANZA per rilanciare i consumi, cancellare la LEGGE FORNERO per rilanciare l'occupazione giovanile e creare lo SPORTELLO UNICO DELLE IMPRESE dove potrà rivolgersi qualsiasi persona voglia aprire un'attività; mai più dieci enti diversi per l'avviamento di un'azienda.
    E' la nostra idea di Stato. E' un progetto ambizioso, ma crediamo che il Movimento 5 Stelle possa realizzarlo.
    Tutti ci dicevano che fosse impossibile dimezzare lo stipendio dei politici. Poi siamo arrivati noi e lo abbiamo fatto. Con quei soldi facciamo partire nuove imprese in Italia che creano lavoro di qualità. Ad Agosto ne sono nate circa 200.
    Forza!

    RispondiElimina
  32. Piero Monteleone22 settembre 2015 09:01

    Prima antiberlusconiani ora antigrillini, chi sarà il prossimo, comunque voi, pseudo comunisti trasformati in democristiani, scomparirete dalla politica come i verdi, rifondazione e compagnia bella.

    RispondiElimina
  33. Luigi Di Maio....solo a leggerne il nome il mio spirito inquieto si rilassa! Ha un atteggiamento educato, serio e pacato perché questa è la sua indole e si vede. Ho letto commenti tipo: è iscritto all'università da 11 anni! non ha mai lavorato! e mi stupisco e sono incredula...davvero. Di Maio gira l'italia in lungo e in largo per parlare con i cittadini faccia a faccia (e non con jet privati che dimezzano i tempi e triplicano i costi!), è vice presidente alla camera e questa carica prende molto tempo. E' informatissimo su tutto e denuncia, purtroppo ogni giorno, le malefatte dei parlamentari ladri, mafiosi, corrotti e soprattutto anti-cittadini. Conosce le leggi, tutte! e lo dimostra il fatto che a qualsiasi domanda risponde in modo impeccabile e preparato. Quale tempo gli può restare per finire l'università? Preso da campagne elettorali e lavoretti come webmaster, è inevitabile lasciare indietro parecchi esami. Adesso pare stia cercando un buon corso online per recuperare. E' una persona leale e onesta! persino mister Renzi ha dichiarato che Di Maio ha conquistato la sua stima. Infatti non esitò a definirlo «forte» davanti al leader Grillo. Per tutta risposta, quando alla Camera il premier gli inviò dei bigliettini per invitarlo a un confronto, lui li fotografo e li pubblicò su Facebook. E' anche appassionato di storia,da piccolo leggeva quella d'Italia a cura di Indro Montanelli. Da grande, si impegna a farla da sé. Riguardo ai soliti attacchi a Beppe Grillo ritenuto una specie di guru...., passatemi il termine, sono solo stronzate. Lo stesso Grillo ha dichiarato: "io imparo sempre da Di Maio, anche quando sta zitto". In ogni caso, critiche o non critiche, io sono molto grata a Luigi Di Maio e a tutto il M5S senza il quale non avremo mai saputo che bastano 5 anni in parlamento perchè le pensioni dei parlamentari maturino la pensione a 65 anni e che per ogni anno che siedono in parlamento vanno in pensione un anno prima! O che la riforma del senato ci è gia costata 230 milioni!!! o ancora che il senato e la camera ci costano ben 3.084.000 AL GIORNO! (altro che scontrini). Le proposte del M5S su TUTTO sono proposte valide con tanto di coperture dimostrate. Quindi ben vengano i Di Maio, i Di Battista, Di Stefano, Toninelli, Morra, Taverna e l'ottimo 80% di ragazzi laureati, preparati e onesti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Articolo onesto e che, come è giusto e in uso del nostro Direttore, lascia piena libertà di giudizio ad ognuno di noi.
      Il Personaggio di cui si parla è veramente alquanto enigmatico e “nuovo” ma a me pare, leggendo i commenti, che ci sia molta incertezza nei giudizi dovuta, molto probabilmente al fatto che ci si trova di fronte ad un personaggio un po' fuori dagli schemi noti e caratterizzanti i nostri politici ( forse meglio dire politicanti) odierni.
      In linea di massima io lo trovo, proprio perché diverso, molto più attendibile di certi vecchi volponi della mondo politico a cui siamo abituati.
      Esprimere un giudizio?
      A me, personalmente, piace.
      Una delle accuse che gli vengono rivolte è quella della mancanza di una “laurea”.
      Beh! Direi che tale appunto è del tutto ridicolo se pensiamo che l'attuale Presidente del Consiglio è laureato in giurisprudenza con “tesi” su “amministrazione politica” ed è stato assolto, in recente processo, perché “incapace di comprendere le norme sulle assunzioni di funzionari pubblici”, scusate se mi vien da ridere.
      Quello che dice e quello che fa e la coerenza con la quale sostiene le sue tesi senza scendere nel turpiloquio, nell'oltraggio e via dicendo come purtroppo è in uso fra la gioventù di oggi mi sembra siano titoli sufficienti per definirlo una “persona seria”!
      In quanto al fatto che se quello che predica oggisia in grado di realizzarlo domani è certamente difficile dirlo.
      Viste le tante delusioni che la politica ci riserva ogni giorno non è detto che non sia così anche con lui....ma, chisà perché, istintivamente io lo trovo positivo.
      Renzi è partito con la “crociata per la rottamazione del vecchiume” e sta agendo peggio che quei “vecchi” che diceva di voler rottamare perché, nei fatti, è letteralmmente “plagiato” da Berlusconi e da Gelli che di certo giovinetti non sono. Trovo che questo è giovane davvero per età ma anche per l'idea di una vera rottamazione del passato per aprire la strada ad un nuovo modo di governare l'Italia: affermando i principi basilari della democrazia, della libertà, dell'eguaglianza reale fra i cittadini.
      Ovviamente poi sta ai cittadini adeguarsi aiutandolo e non solo pretendendo oppure, addirittura come avviener oggi, adulandolo per perseguire, alla fine, solo il proprio tornaconto. Ma è chiaro che in questo caso si tratta di vera “cultura sociale e politica collettiva”, doti che mancano totalmente nei cittadini italiani e sarebbe onesto riconoscerlo.
      Per il resto fra tutti i commenti io trovo molto completo quello del Dr.Alesi col quale concordo in pieno.

      Elimina
    2. Grazie sempre per il suo cortese e graditissimo apprezzamento.

      Elimina
    3. CONCORDO COME SEMPRE CON IL POST DI ..FRANCO GENTILE SEMPRE DI TARATURA SUPERIORE ..OGGI VERDINI CORRE A TUFFARSI NEL PARTITO EX IN TUTTO DI renzi ..VERRA' FUORI UN MEGAPARTITO UNICO DELLA POLTRONA ..MA A QUANTO PARE QUESTA E' L'ITALIA CHE MILIONI VOGLIONO ..

      Elimina
  34. Leggo tanti i commenti di palesi “ tele informati” dipendenti e “giornali informati” dipendenti, che riportano notizie e fatti, dati in pasto ai cittadini trasformati in ripetitori di sacre verità, che spesso, non hanno nessun riscontro nella realtà. Come quella che vuole un Di Maio disoccupato e nullafacente, quando invece, prima di diventare deputato, come dimostra sia la sua dichiarazione dei redditi e la Camera di Commercio, era titolare di una impresa edile assieme alla sorella, e che sia un “fascista” , solo perché suo padre era di destra, dimenticando però che è nato solo nel 1986. Fascista viene titolato anche Di Battista, quando invece, come tutti sanno votava la sinistra, poi come dice lui, si è disintossicato. Quello che mi stupisce e che mi domando però è: Dove stavano tutte queste facili penne antifasciste, quando era Presidente della Repubblica di questo paese Giorgio Napolitano, vero ex fascista convinto, tanto da essere un appartenente del G.U.F. e pienamente inserito nelle file della propaganda del fascio? Salvo poi, scoprirsi improvvisamente comunista filo sovietico con la caduta del regime. Del resto, ormai mi meraviglio poco, la dittatura mediatica della RAI, interamente lottizzata dal PD, dai direttori di rete, a quelli dei telegiornali, ai conduttori dei talk show e programmi vari, è una costante propaganda quotidiana pro Renzi e demolizione dell’avversario politico, come d’altra parte, avviene nelle reti Mediaset di Berlusconi. Stessa cosa per i giornali divisi da tempo in due blocchi. Quello del “Gruppo l’Espresso” con Repubblica etc.., di proprietà di De Benedetti, tessera n.1 del PD e quello “Mondadori” con Il Giornale, Il Foglio eccetera, sempre di proprietà di Berlusconi. In tutto questo, l’opposizione ne è di fatto, il bersaglio su cui riversare ogni genere di mistificazioni necessarie a demolire l’avversario politico, utilizzando strumenti ritenuti ancora oggi fonti di verità. Sono purtroppo ancora in molti ad essere legati al “Se lo dice la televisione, allora è vero”, oppure “c’è scritto sul giornale”. Eppure, oggi conoscere la verità non è poi così difficile, per fortuna esistono altre fonti di informazione sicuramente più sincere e con un minimo di impegno chiunque ce la può fare. Coraggio.

    RispondiElimina
  35. Cominciamo col dire che i 5stelle sono una pia illusione. Un agglomerato di scontento, di arrabbiati, di giustizialisti creato dalla politica becera di questi ultimi vent’anni. Se la politica ragionata, competente, rispettosa del suo ruolo e verso gli altri riprendesse il suo cammino, i 5stelle si scioglierebbero come neve al sole non avendo alcuna ragione per esistere.
    I 5stelle, dunque, come scheggia impazzita partorita dalla mediocrità personificata dalle terze e dalle quarte file venute fuori dal terremoto di tangentopoli che, di punto in bianco, si sono saliti in cattedra senza mai aver frequentato la scuola dell’obbligo.
    Il merito del gruppo, ormai diventato forza politica di peso, è quella di riuscire dal’interno a porre qualche bastone tra le ruote di un sistema che è refrattario al cambiamento. La sua durata temporale è direttamente proporzionale alla crescita sociale ed economica di questo nostro paese. Prima si esce dal guado, prima i penta stellati perderanno per strada la loro ragion d’essere. Certamente la loro longevità dipende anche dalla crescita di personaggi alla Di Battista e alla Di Maio, capaci di affrancarsi dalla linea guida del duo Grillo/Casaleggio e dalle sparate apocalittiche dei due.
    Di Maio, più che fasci stello come qualcuno lo definisce (non condivido), non è poi tanto dissimile da Matteo Renzi. Una inclinazione democristiana che gli consente di attrarre simpatie e di mantenere aperto il dialogo con chi la pensa in maniera diversa. In parecchi, tra i sostenitori a cinque stelle, danno Di Maio come premier per la prossima legislatura. Francamente mi auguro che ciò non accada. Non per questioni di antipatia personale che in politica non hanno alcun senso, ma perché lo ritengo politicamente acerbo, teleguidabile e – soprattutto – troppo preso dal suo ruolo da non rendersi conto che una cosa sono i leader ed altra cosa sono i vincitori della lotteria.
    Questo nostro paese ha bisogno di certezze e non di salti nel buio. Il problema, dunque, non è il leader della futura coalizione di governo, quanto il ritorno ad una politica che abbia responsabilità, competenza e senso delle istituzioni. I 5 stelle, a mio parere, su quest’ultimo punto hanno tanto da recuperare. Purché, anche chi oggi guida la nazione, dismetta i panni del giullare per dimostrare di avere gli attributi giusti per trascinare fuori dal pantano un’Italia ancora in mano ai grandi potentati internazionali.

    RispondiElimina
  36. Giuseppe Giordano22 settembre 2015 16:18

    Una dottrina tendenzialmente volta alla disciplina non è sempre un male, quando vengono poi trasmessi quei valori di democrazia e libertà che lui stesso facilmente riesce a mostrare. Sembra quasi che non aspettate altro che uno scivolone, titoloni del tipo "Di Maio si schiera con Renzi" Di Maio si tiene lo stipendio e passa con Berlusconi" . Mi dispiace per voi ma credo sia una persona troppo credibile come lo sono gli altri ragazzi del m5s che hanno mostrato sempre coerenza e rispetto verso i propri elettori e non solo. Quindi padri, mamme, nonne e zii fascisti o comunisti ci interessa poco quando la sostanza è tutt'altro.

    RispondiElimina
  37. A me lui PIACE tanto.
    È un ragazzo
    serio e competente.
    Anni luce lontano
    dai quattro "giovani"
    che si pavoneggiano
    al governo senza avere numeri,
    ma solo misure.
    Niente altro da aggiungere.

    RispondiElimina
  38. Argomento interessante ...non tanto Di Maio (gradevole, furbamente moderato, atteggiamento da primo della classe), peccato che il M5S è contro natura e quindi non si può permettere dei primi della classe ma tante figurine che molto spesso recitano la particina a memoria , senza dimenticare mai l'insulto gratuito e molto efficace a chi a torto o a ragione se la deve prendere sempre con qualcuno ...ovviamente nessuno arriva dal niente se non ha un'esperienza sua ha una esperienza di famiglia, sicuramente non è un torto da attribuire ma può servire a dire che anche loro hanno il peccato originale come tutti gli altri.
    Il M5S in questa legislatura ha avuto più occasioni per contare ma ha preferito restare fuori dal gioco dicono per evitare “il contagio" degli altri "indistintamente definiti ladri", c'era un altro partito che come valore portava avanti la giustizia e l'onestà e purtroppo sappiamo tutti che fine ha fatto.
    Credo che almeno sulla legge elettorale potevano cogliere l'occasione e rendersi più collaborativi ...specialmente davanti a una legge come l'Italicum che con il ballottaggio tra i primi due partiti potrebbe dare anche a loro l'opportunità di governare da soli.
    Altro argomento interessante è stato l'iniziale divieto, ordinato dai padroni del movimento, di partecipare alle trasmissioni televisive ...questo divieto sembra che negli ultimi tempi sia venuto meno. ma purtroppo c'è da costatare che, come a me sembra, sia una partecipazione diffusa e condizionata, chi partecipa sembra che abbia imparato a memoria qualcosa scritta da altri o scritta a più mani, priva di emotività sincera ...e così anche il bravo Di Maio fa parte di questo teatrino.
    No, non credo proprio che si possa dare un giudizio, gli unici che hanno avuto la possibilità di amministrare i qualche caso hanno avuto problemi con i padroni (vedi Pizzarotti) ...io aspetto …penso che prima o poi magari avranno i voti per amministrare una regione ...ecco allora gli si potrà incominciare a dare il giusto giudizio ...di per se autodefinirsi onesti non è un valore, togliersi qualche migliaio di euro dai loro compensi per chi magari faceva il precario non credo che sia un grosso sacrificio.
    Ecco proprio su questo punto se si fossero impegnati a trovare alleanze per tagliare qualche migliaio di euro per sempre a tutti i parlamentari credo che il risultato sarebbe stato migliore .PECCATO!

    RispondiElimina
  39. Marisa Bignardelli22 settembre 2015 20:09

    L’articolo di Giangiuseppe Gattuso, si connota per il suo stile sempre pacato. Vorrei rispondere alla domanda iniziale “Giovane promessa o fascistello?Non mi sembra proprio un fascistello e non si può definirlo tale perché figlio di suo padre e allora potrebbe essere una promessa. E’ tenero ma anche molto deciso, è giovane ma anche tanto appassionato. Io spero solo che si discosti da Grillo e Casaleggio!la proposta di tagliare benefici, vitalizi e stipendi lo rende ancora più attraente (anche politicamente) Grillo lo frena perché vuole sempre essere il numero uno e Di Maio gli sta sfuggendo, ma il M5S va avanti grazie a persone come lui. Dibatte le sue opinioni persino senza urlare e sovrapporsi ai suoi contendenti. Stiamo conoscendo una politica educata!In parlamento abbiamo tanti ignoranti ,tanti che si fanno i fatti loro,tanti con prestigiose lauree che si riempiono le tasche e allora perché non dare fiducia a Di Maio?Ascoltando lui ho sentito ciò che volevo fosse detto,mi son sentita rappresentata !Il dubbio che interessa a Gattuso sulla posizione dei 5S sul problema migranti c’è ma non è paragonabile alla vergognosa posizione dell’Ungheria Immorale ancora di più perché dopo la rivoluzione ,molti ungheresi sono stati accolti, anzi ben accolti da tutti i paesi occidentali e nemmeno paragonabile alla posizione di Salvini. Una via di mezzo ma i latini non dicevano che”In media stat virtus?”

    RispondiElimina
  40. Agostino Pascale22 settembre 2015 21:45

    Chi diffonde veleni su Di Maio somiglia alla favola della volpe e l'uva...solo invidia e incapacità di uguagliarlo nell'onesta' e nella bravura! Il richiamo al padre è solo ignobile; si faccia il paragone, invece, col padre di Renzi che, da buon massone democristiano e indagato per affari sporchi, ha fatto un figlio a sua immagine e somiglianza, bugiardo e cazzaro. Diversamente da Di Maio, che dal padre si porta solo il cognome e.. il patrimonio genetico; per il resto, è un grandissimo uomo, di qualità enorme...ci vorrebbero dieci Renzi per eguagliarlo!

    RispondiElimina
  41. Nino-Elia Risitano22 settembre 2015 21:48

    Tempo fa una idiota PD tacciava il Di Maio ed un altro componente 5S non di essere fascisti ma di avere dei padri "fascisti". Aver militato nelle file del MSI o di Alleanza Nazionale non e' un disonore. Io sino a 20 anni ero missino ed iscritto al Fronte della Gioventu': non mi sono mai definito di Destra o di Sinistra ma Social Nazionalista. Mio padre, dopo 10 anni di guerra e di prigionia, tornato in Italia, non ha mai voluto barattare i suoi ideali con allettanti promesse di "posto": e' morto fascista. Oggi ho 66 anni e, avendo rimosso, gia' da molto tempo, l'anacronistico "nazionalismo", sono un Socialista convinto ed iscritto al PD. Mi scuso per questa lunga ma doverosa premessa. Di Maio puo' essere stato un "fascista", ma, di certo, non puo' essere definito un "fascistello". Oggi milita in un partito-movimento che sta dando lezioni di buona politica a tutto questo mondo insulso, ipocrita, incartapecorito che ci governa. Di Maio e' un leader nato: lo dimostra la sua affabulazione, la sua arguzia, il suo tempismo. Egli, anche se 26enne, ha capito quali sono i valori della vita e si batte con forza e convinzione per farli attecchire in un'Italia, in una societa' corrotta ed edonistica come la nostra. Vero rinnovamento, totale liberazione da orpelli sacri e profani ed inizio di un percorso illuminato ed illuministico che ci condurra' verso la Giustizia sociale e la vera liberta'. Ad maiora, Di Maio e spero che tu non mi deluda come ha fatto Renzi.

    RispondiElimina
  42. Certamente da leggere.......poi riflettere su come siamo ridotti! Venticinque anni di lassismo dedito alla prostituzione, da parte sopratutto della mia generazione, questo è il triste risultato: un pacato, educato mediocre ragioniere opportunista che, cresciuto alla corte dei miracoli dei due parassiti, ha l'opportunità di concorrere al governo di questa sfigata Nazione! Per carità peggio dello situazione cancerosa attuale solo una rivoluzione....ma la domanda che mi pongo è: RIUSCIRÀ IL PACATO MEDIOCRE EDUCATO E OPPORTUNISTA STRAPPARE IL CORDONE OMBELICALE CHE LO LEGA A GRILLO E CASACOSO DAI BEI BOCCOLI? Se si val la pena di tentare, tanto peggio di così....., ma diversamente: VA DE RETRO SATANA!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuseppe Nonno bit Fazzina22 settembre 2015 22:08

      ... ho quasi raggiunto i settant'anni, ... una volta ero come te , caro Andrea, criticavo gli altri , li accusavo di chissà quali oscure macchinazioni e non riuscivo a vedere i politici del mio partito che rubavano a piene mani. Ma con l'età stai tranquillo Andrea, anche tu ti preoccuperai meno dei cordoni ombelicali e riconoscerai subito i politici onesti e i politici ladri. Per riconoscere un politico onesto, ti posso consigliare di seguire Di Maio, per riconoscere un politico disonesto, basta che ne segui uno qualunque del tuo partito.

      Elimina
  43. L' Italia è un Paese strano.... Per berlusconi, si diceva " dategli tempo e vedrete" e l'abbiamo visto. Renzi, nonostante non sia stato votato, nonostante le minchionate che spara quotidianamente e e l'altissimo vantarsi di farine non sue, è acclamato da chi crede ancora che " possa fare qualcosa". Di Maio ( e per lui, il M5S ) è invece criticato, ma per fortuna voluto bene da 3/4 di Italiani. E il problema è proprio questo: per il M5S non si dice " vediamo che farà col tempo", la RAI, tv di regime, preferisce mandare in onda, a ora di pranzo, la solita telenovela dell'EXPO ( che Dio lo faccia finire presto! ), con tanto di idioti salutanti e cellularanti dietro, Le arance e i fischi a Renzi non sono divulgati, mentre si fa ancora parlare delle mignotte berlusconiane e delle menate leghiste......... Per me, vuol dire solo una cosa: si ha paura che il M5S possa davvero fare molto ( molto danno ai politici corrotti ), si teme che il M5S, avendo più visibilità e seguaci, possa oscurare bellamente i soliti 4 giornalai e cronisti ammaestrati come scimmiette. E vi dico che non passerà il 2016, che la gente onesta italiana ritrovi con Di Maio e company la sua dignità di Paese libero e la sua voglia di mandare a quel paese, finalmente, tutta la Casta corrotta che sta avvilendo chiunque incontra.

    RispondiElimina
  44. Sergio Potenzano22 settembre 2015 22:18

    Quello che mi stupisce di più è l'ottusagine di tantissima gente, che non si rende conto che criticare Di Maio e il M5s equivale ad essere soddisfatti di tutto quello che ci propina l'attuale governo, quindi sento di affermare che, o sono ladri, o politici benestanti, o imprenditori che lucrano in nero, di sicuro non sono semplici cittadini che vivono di pensione, impiegati o disoccupati o esodati.

    RispondiElimina
  45. Gaetano Imbrociano23 settembre 2015 07:35

    Prendere ad esempio il passato politico del padre per tacciare di fascismo il figlio mi sembra un esempio scorretto e fuorviante. Vogliamo sbarrare l'avvenire politico a Luigi Di Maio, contestiamolo con argomentazioni politiche e basta. La storia del nostro Paese è costellata di personaggi che dall'oscurità sono diventati perfino Presidenti della Repubblica, furono fascisti i padri e fascisti anche loro, che a guerra perduta scoprirono la vocazione dell'antifascismo.

    RispondiElimina
  46. Certamente, anche per sua ammissione" piccolo fascistelli riciclato" con una moina Doroteiana, direi...ma di lui mi interessa poco e nulla..è solo una pedina mossa come tutti gli incaricati della casta grilli a in parlamento. Mossi da un comico dal passato e presente ambiguo...mosso da un massone abile in manipolazione dei media in odore di destra berlusconiana che però non ha sfondato ( fin qui tutta gente che ha fallito le sue ambizioni di sfondare e con tanto livore) dietro al guru ci sono le famose massonerie che studiano come rendere i terreni fertili e propizie..dietro alle massonerie ci sono i poteri forti inglesi..gli stessi che finanziano i conflitti in medio oriente... E gli lettori, invece?sarà il caso di ragionare in maniera puntuale: una parte della sinistra che è entrata nell'eleottorato "grilloide" è in parte quella che "voleva dare un segnale" ma - se non è quella che non ha compreso sino in fondo il nodo eversivo del movimento , l'impianto rousoiano di destra- anche protestataria, ovvero che non accettava e accetta o accetterà completamente il dibattito deocratioco all'interno delle istituzioni... quella protestataria protesterà sempre perchè questo è il suo stile e la lasciamo al suo destino perchè il carattere delle persone adulte è difficile da auto-cambiare quand'anche si volesse....poi c'è una parte che aveva una sensibilità "alternativa" verso altre economie, altro rapporto con l'ambiente..pensava che grillo facesse sul serio quando parlava di green economy e invece si è trovata di nuovo fregata..queste persone si possono attrarre di nuovo nel circuito democratico attraverso buone politiche locali attente all'ambiente e a nuove forme di aggregazione e lavoro..sviluppo industriele agroalimentare ecc.ecc... arriviamo poi alla destra: un movimento come questo e come tutti quelli che si proclamano nè di destra nè di sinistra e che vogliono l'esclusione delle rappresentanze per loro stesso statuto e anche credono manicheisticamente di avre la rragione e la verità assoluta dalla loro parte sono attratti dal pensiero della destra "fascista"... che sia lega, che sia pdl che sia grillo.. un voler sentirsi setta al di sopra delle regole e delle istituzioni che si vogliono bloccate e scardinate.. questo elettorato esiste e però va riportato alle sue dimensioni che non possono essere del 23%... e qui dobbiamo lavorare sodo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco , quando vuole, si faccia un po di sana lettura, anzichè di correre dietro le bufale dell'Unità fatta rivivere con i soldi delle tasse dei cittadini. e per fare propaganda al PD.
      Buona lettura
      https://www.facebook.com/MoVimento5StelleBagheria/posts/543541245803207:0?__mref=message

      Elimina
  47. Valentina Falcioni, da una tifosa come lei dell'Unità e del PD, non ci si poteva aspettare un commento tanto elevato e diverso a difesa dei suoi beniamini, nel rispetto della regola: “se abbasso il livello degli altri il mio non sfigura”. Il suo amore per Renzi ed il suo partito è davvero ammirevole, tanto che non manca mai di condividere sulla sua pagina personale di facebook , quella dell'Unità. Ho riflettuto cercando una motivazione per darle ragione, ci provato, ma mi accorgo che proprio non ci sono speranze, proprio non ci riesco. Del resto, come si fa a ridurre l’effetto provocato da una politica sincera da seguita dai 5 stelle e dettata non dai deputati o dai suoi presunti capi come a lei piace sostenere, ma scelta e votata di volta in volta da semplici cittadini online? Più democrazia di così! Senza contare che gli eletti del M5S restituiscono metà dello stipendio e decine milioni di euro di rimborsi che invece gli altri partiti si pappano, anzi si fanno pure la sanatoria per intascarne altri, PD in testa. Ma credo che quello che disturba di più è il fatto che sono anche tutti incensurati è questo è veramente insopportabile! Signora Valentina Falcioni, proprio mi dispiace, ma non si riesce a trovare neppure un appiglio per darle ragione, ma forse questo lo sa anche lei. Infatti, non ne parla, perché se lo facesse, come potrebbe giustificare i ladri, collusi, corrotti, i delinquenti ed i mafiosi del PD? Delle decine di deputati inquisiti, condannati, arrestati ed altri rinviati a giudizio, che vanno dal Pd a tuti gli altri partiti presenti in parlamento, nelle regioni e comuni? Meglio glissare l’’argomento ed affidarsi alle fantasie scritte su giornalini vari, ma che hanno almeno un nome, almeno per il passato come l’Unità o su altri siti di bufalai in rete. Come del Casaleggio massone, ma non si preoccupa però di andare a verificare se è mai stato mai presente almeno in uno solo degli elenchi degli appartenenti alla massoneria. Eppure sono tutti online, basta leggere per verificare di aver scritto delle castronerie. Parla dei poteri forti inglesi senza specificare a quali intende riferirsi, ma riporta quello che la propria fede politica le suggerisce, senza alcuna cognizione dei reali poteri forti che governano il mondo, a partire dalle famiglie dei banchieri israelo-anglo americani, attraverso le loro sette e banche d’affari, oggi del Black Rock di cui e parte integrante la Goldman Sachs Bank americana, di cui hanno fatto parte i suoi beniamini a cominciare a Romano Prodi, Draghi, Monti etc…, quei poteri finanziari che tengono in pugno l’economia tedesca avendo imbottito la Detushe banck con titoli subprime spazzatura, i poteri che si esprimono attraverso lobby criminali come il Bilderberg , Trilateral ed Aspen Institute, frequentati da camerieri personaggi della ex sinistra oggi nuova DC ed ancora denominato PD. Signora Falcioni, se vuole parlare dei poteri forti, quelli veri e reali, allora lasci perdere le fantasie dettate dal suo evidente personale livore verso l’avversario politico e si affidi di più ai fatti che può documentare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto che è tutto così trasparente e democratico, per favore potete. Commentare?http://www.unita.tv/focus/altro-che-2042-il-futuro-del-m5s-lo-vediamo-oggi-a-bagheria/

      Elimina
    2. La malafede di giornalai come quelli dell’Unità, per piddini che cadono nella rete delle sciacallate e bufale quotidiane su carta meno nobile di quella carta igienica, sono una offesa oltre che a Gramsci anche all’intelligenza umana.
      Perché doveva essere Tripoli, politico cambia casacca a convenienza, ad occupare quell’incarico e non L’avv. Fiasconaro che tra l’altro era già l’avvocato del comune di Bagheria da anni e conoscitore dei problemi comunali, da prima che il M5S arrivassero alla guida della città? Ed Il fatto che fosse anche un militante 5S, questo doveva essere un fattore penalizzante per escluderlo a prescindere nonostante suoi titoli?
      Bel modo di pensare!
      "Giorgio Castelli, invece è un ex segretario generale del Comune, sempre da prima che arrivassero i 5S ed è stato scelto tramite avviso pubblico. Essere parente di un cinquestelle, anche in questo caso doveva essere un fattore escludente o doveva valere solo, come è stato, il candidato col miglior curriculum presentato? In tutto questo dimenticando che Bagheria non è una metropoli come NewYork, ma un paese in provincia di Palermo dove gli abitanti, si conoscono praticamente tutti e molti imparentati fra loro.
      L’Unità, il giornale delle bufale, non si chiede da dove nascono certe notizie. Per esempio dal fatto che Cinque, abbia sottratto al Coires, il consorzio la gestione dei rifiuti a ed aver resistito alle pressioni anche scritte della Regione del Pd, molto interessata. Qualcuno si chieda il perché.
      Altra bugia sulle rette scolastiche, Dopo due anni di chiusura forzata. Il sindaco ha riaperto l’asilo nido e ne aggiunto un secondo e con rette più basse delle precedenti. Ma non basta, è stato rilanciato l’orario prolungato dalle 8 alle 17 (pranzo più merenda) e con mezzi di trasporto gratuiti con particolare attenzione ai disabili.
      Che dire, è ovvio che il Pd, a partire dai consiglieri comunali sconfitti, fino all’Unità non riescono proprio a digerire che qualcuno faccia veramente qualcosa di buono, mentre il loro unico impegno quotidiano è solo e solamente la denigrazione.

      Elimina
  48. Io sarò di poche parole poiché non siamo ad un comizio e non devo convincere nessuno... io ho votato e voterò M5S perché penso sia l'unica alternativa possibile ad una classe politica ormai erosa da egoismo, corruzione, connivenza e disinteresse totale verso il popolo sovrano. .. non ho fiducia cieca poiché come ogni movimento o partito è sostanzialmente costituito da persone ma credo che molto si possa investire su questa nuova e giovane forza politica, sociale e culturale intrisa d'intraprendenza, disponibilità, onestà, preparazione, professionalità e soprattutto umiltà ed umanità! Dal punto di vista strettamente politico-programmatico ne condivido molti aspetti e trovo assolutamente democratica la scelta di sottoporre agli iscritti del movimento ogni proposta programmatica indipendentemente dall'ispirazione politica delle stesse.
    Non entro nel merito delle specifiche proposte legislative... ribadisco solamente che voglio dar fiducia a questa nuova generazione nella speranza che rispetti e rispecchi i miei ideali di altruismo, intraprendenza, determinazione, empatia, onestà ed umiltà!

    RispondiElimina
  49. Un bel articolo! Mi sorprende dover constatare quante persone tra quelle che commentano, conoscano così bene Di Maio, pur non avendolo conosciuto personalmente! Ci sono doti, nella gente che, non credo riuscirò mai ad acquisire!

    RispondiElimina