martedì 7 gennaio 2020

LETTERINA A CHI HA VOTATO M5S E ADESSO È DELUSO

di Giangiuseppe Gattuso - Cari cittadini che avete votato il M5S,
mi capita di leggere espressioni di profonda delusione, di attese non soddisfatte, di tradimenti, e gravi responsabilità per ciò che è stato fatto e per quello non ancora realizzato. Affettuose cattiverie, recriminazioni, denigrazioni fino a veri e propri insulti.
Credo, però, che ci sia una più che probabile mancanza di ponderazione nell'espressione del voto. Pensando, con l’apposizione di una croce sulla scheda, di ottenere immediatamente i cambiamenti e i risultati sperati.

Ma la vostra “delusione”, è evidente, dimostra poca attenzione ai meccanismi politici, parlamentari, di governo e della pubblica amministrazione. È una frustrazione ingiustificata e fin troppo repentina. Si vorrebbe che i nostri rappresentanti, delegati dal voto, stravolgano d’un tratto un “sistema” consolidato nei decenni e irrobustito da gruppi di potere di ogni genere.

Vi stupite e vi stracciate le vesti, o fate finta, se il Movimento sta al Governo oggi con il PD e prima con la Lega. Sapendo bene, e chi dice il contrario mente sapendo di mentire, che la linea espressa in campagna elettorale e sottolineata in ogni manifestazione elettorale prevedeva, in caso di non raggiungimento della maggioranza assoluta parlamentare, un accordo di governo “con chi ci stava” per realizzare i punti del programma. E la legge elettorale voluta dai partiti, non certo dal M5S, questo imponeva.

E per quelli che manifestano insofferenza per i tempi, per le promesse ancora non soddisfatte, mi permetto di ricordare, per esempio, le infinite assemblee condominiali a cui moltissimi di noi avranno partecipato, per decidere su fatti a volte anche ridicoli senza poi arrivare ad una qualsiasi decisione.

Io, invece, ritengo un quasi miracolo l’arrivo del M5S al Governo del Paese, la sua permanenza e le numerose leggi, alcune rivoluzionare, approvate e in vigore.

I tempi della “politica”, i provvedimenti governative, le leggi e le riforme hanno bisogno di lunghe gestazioni che si misurano in una o due legislature. E gli effetti delle norme approvate potranno essere percepiti solo dopo che gli organi amministrativi dello Stato nelle loro infinite articolazioni avranno attivato le conseguenti necessarie procedure attuative.

Altrimenti dovremmo dare conto a Salvini che prometteva di risolvere ogni problema, senza in effetti risolverne alcuno.

Forse, invece, c’è dell’altro. Probabilmente rimpiangete altri politici, altri parlamentari, altri governi. Avete nostalgia delle pacche sulle spalle, del diffuso “do ut des” delle campagne elettorali del recente passato. Vi sentiti “abbandonati”, vi mancano quelli che si chiamavano “punti di riferimento” che in cambio della fedeltà promettevano e talvolta risolvevano i vostri problemi delegando a loro ogni responsabilità.

Perchè non credo possiate avere effettivamente rimpianti dei risultati degli scorsi decenni. Non credo possiate sul serio rimpiangere ciò di cui vi lamentate ogni giorno. Le nefandezze perpetrate da quei politici bravi, esperti e competenti che hanno voluto e imposto investimenti infrastrutturali con il principale scopo di lucrare voti e prebende fregandosene della reale utilità e dell’effettiva realizzazione. Fregandosene ancora di realizzare sul serio e in tempi ragionevoli quelle strade, autostrade, ferrovie, scuole, asili, ospedali assicurandone le opportune necessarie manutenzioni. Che sono responsabili del gravissimo divario tra Nord e Sud. E non continuo per carità di patria e non tediare i lettori.

Ecco perchè, cari cittadini elettori, forse per sbaglio, del M5S, la vostra delusione mi sconcerta e mi rattrista. E nonostante i limiti personali, le indecenze scritte da “giornalisti” come Lucia Annunziata, le problematiche interne, le carenze organizzative del Movimento, considero la vostra insoddisfazione ingiustificata e ingiustificabile. Rappresenta, questo si, lo specchio di una società distratta, indifferente, acquiescente, superficiale. E che forse merita ciò che potrebbe arrivare.
Non me vorranno gli elettori in buona fede.

Giangiuseppe Gattuso
07 Gennaio 2020

119 commenti:

  1. Raffaella Schiavone7 gennaio 2020 23:10

    Bravissimo Giangiuseppe Gattuso...condivido naturalmente....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido pienamente ....aimè..

      Elimina
    2. Carissimo Giangiuseppe Gattuso, le rispondo senza aver finito di leggere la sua lettera, perché gia' dalle prime righe non sono stato colpito al cuore come ha fatto l'idea del movimento, ma solo l'idea, perché poi quando andiamo nella concretezza, chi ha creduto, nell'integralismo morale, poi deve tapparsi il naso quasi tutti I giorni, senza riuscire a darsi una spiegazione del meccanismo perverso che ha selezionato e fatto eleggere un personaggio come De Falco, oppure ha messo in mano il ministero della giustizia al titolare dello studio Bonafede and Partners, se riesce a spiegarmi questo buco del sistema Rousseau gliene saro' grato per tutta la vita.

      Elimina
    3. BRAVISSIMO!
      Io invece ho letto fino in fondo.
      MANCANO DUE (2) COSE in questo momento:
      FIDUCIA e LEALTÀ.
      M5S ha fatto la RIVOLUZIONEe neanche ve ne siete accorti!
      40 RIFORME in 20 MESI
      'Namo su!

      Elimina
    4. Riforme insufficienti. Dov'è l'adeguamento del cambio lira-euro? Mentre i vertici hanno provveduto a farlo coi loro stipendi, portando la pressione fiscale al 70%, hanno bloccato quello di tutti gli altri producendo una sperequazione mai vista. Oggi esistono due sole categorie: i vertici e i servi!!!

      Elimina
  2. Claudia Cucuccio7 gennaio 2020 23:10

    Sono stanca di ripeterlo in ogni dove. Non c'è peggiore sordo di chi non vuol sentire.

    RispondiElimina
  3. Giuseppe Marchese7 gennaio 2020 23:32

    neppure lo leggo, letterina troppo tardiva in ogni caso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per fortuna ti sei disturbato a comunicarcelo, e chi avrebbe dormito stanotte? l'ikncertezza ci avrebbe dilaniati.

      Elimina
    2. Cosa ti hanno promesso per scrivere e poi pubblicare queste fesserie. IL M5 STELLE era nato per fare la rivoluzione culturale e cambiare da questo il Paese - è divenato invece la peggiore creatura della peggiore politica indegna di una democrazia. Dilettanti allo sbaraglio convinti di essere grandi statisti dipendenti di una società costituita da 2 persone. Si potrebbe scrivete per ore sul " tradimento " perpetrato in danno agli taliani ma non vale la pena di perdere il tempo con chi continua a sparare cazzate. Buon divertimento.

      Elimina
    3. Personalmente dò ragione a Gattuso, per la semplice ragione che già in campagna elettorale era chiaro che il "cambiamento" avesse bisogno di decenni. Alcuni provvedimenti sono visibili certo, ma sarà sempre nulla rispetto a quello che veramente serve a questo Paese. Ricordo che il malaffare non riguarda solo i palazzi di Roma, ma l'intero apparato statale è corrotto. E attenzione attenzione! Il sistema corrotto non aspetta i 5 stelle, ma si difende depistando, infangando, rallentando...

      Elimina
    4. i 5s non sono uguali agli altri sono PEGGIO DEGLI ALTRI perché (solo a paroele finora) dovevano essere il cambiamento ma come al solito appena "provata" la poltrona (vedi il premier) non se ne staccheranno più.

      Elimina
    5. I coglioni codardi esistono da sempre. E voi ne siete dei degni rappresentanti. In effetti è inutile pensare che voi capite qualcosa, non sapete leggere, e quando sapete leggere, non capite ciò che avete letto. Pecore.

      Elimina
    6. Io sto con il movimento 5 stelle. Solo i codardi mollano.

      Elimina
    7. Condivido pienamente, come se l'avessi scritto io.

      Elimina
    8. Ha sentire certi scritti vien da ridere forse di piangere, purtroppo l infantilismo politico è molto diffuso in Italia. Zac sei arrivato al governo e fai la rivoluzione culturale in un attimo. Ma siamo seri in un sistema parlamentare democratico le cose si attuano con maggioranze e con gradualità, neanche la rivoluzione francese, quella si cruenta e con il sangue, si è fatta in due anni. Riflettete voi che volete i vecchi partiti che hanno portato al decadimento economico e morale l Italia

      Elimina
  4. Valter Veronese7 gennaio 2020 23:33

    Esatto.......

    RispondiElimina
  5. Santussa Andriano7 gennaio 2020 23:33

    Ci rendiamo conto che quello che vogliono è solo non lasciare soldi? Sono delusi i figlioli! Invece sono solo fitusi!

    RispondiElimina
  6. Io non sono delusa!

    RispondiElimina
  7. Marcello Persica7 gennaio 2020 23:37

    le alleanze purtroppo sono una necessità dovute alla legge elettorale! E siccome bisogna accontentare anche il partner ..non si può avere tutto! Quindi le critiche sono fuori luogo e i delusi che magari ora appoggiano un altro partito ...non hanno capito un ca@@o!

    RispondiElimina
  8. Rosa Caterina Tocci7 gennaio 2020 23:38

    La delusione a me viene dalla mancanza di buona comunicazione e dalla mancanza di dialogo continuo con convegni visibili on-line con i maggiori intellettuali del Paese. Parlo di gente come Mauro Scardovelli, come Pietro Ratto, Amodeo Malvezzi Marcotti ecc ecc.sono centinaia. Ad esempio: è stato cambiato lo Statuto per non fare più referendum euro, ok ! Va bene ma ce lo volete spiegare in modo trasparente e sincero questo cambio di rotta? Volete intessere un dialogo con i nostri intellettuali che sono convinti che se non usciamo andrà sempre peggio? Parliamo del modo, o giungiamo alla conclusione che non si può, ma parliamone diamine. Io non chiedevo altro! Comunque criticare non significa che poi non gli si da il voto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava! Bisogna richiamare alla memoria le promesse non mantenute come l'uscita dall'euro e dalla UE. Chi é informato riconosce i meriti del Movimento e le leggi pro-cittadini portati in porto, riconosce l'onestá dei rappresentanti al parlamento, é cosciente del tempo necessario per realizzare riforme in un paese corrotto fino alle osa. Per questi motivi continuerá a votare 5* Ma rimane il cambiamento pro euro e UE senza darne spiegazioni é grave! Oramai tutti sono convinti che finché restiamo nell'euro ed in questo mostro antidemocratico della UE per l'Italia non ci sará mai rispresa economica.

      Elimina
  9. Come sempre quando le cose non vanno bene in casa 5S la colpa è sempre di qualcun altro. Per esempio della stampa venduta, degli elettori che hanno fretta di vedere realizzato un cambiamento che richiede tempo, di chi non valuta ciò che è stato fatto (come se il M5S dovesse campare di rendita sulle cose fatte), di chi dimostra poca attenzione ai meccanismi politici, parlamentari, di governo e della pubblica amministrazione. Insomma i grillini sono unti del signore, senza macchia e senza peccato e guai a sussurrare che sono ormai essi stessi parte del sistema. Secondo gli irriducibili i 5S non possono diventare sistema perché essendo l’iperuranio di Platone vivono oltre e aldilà della volta celeste. E così, per giustificare la loro partecipazione ad ogni tipo di governo (sinistra, destra, centro), vanno ripetendo la frase di democristiana memoria: “in caso di non raggiungimento della maggioranza assoluta parlamentare, facciamo un accordo di governo con chi ci sta per realizzare i nostri punti del programma”. Come se tutte le altre forze politiche non avessero i loro programmi e siano messi in fila per aiutarli a realizzare quello loro portando acqua al mulino grillino. Il guaio è che molti elettori pentastellati se la bevono alla grande e lo vanno ripetendo in ogni sede. Nessuno si è accorto che i suoi alleati PD, IV, LeU vogliono invece attuare i loro programmi, per esempio smantellando l’abolizione della prescrizione, votando contro le concessioni ad Aspi, ripristinando l’art. 18, abolendo quota 100, il Rdc e i due decreti sicurezza votati dai Grillini con l’ex alleato Salvini. Dispiace che qualcuno si senta sconcertato per la delusione provata da oltre 6 milioni di ex elettori grillini, ma c’è chi ritiene che in Parlamento non ci sono santi né eroi ma solo gente normale a cui non dispiace il luccichio del potere e la comodità di una poltrona redditizia. Perché non dirlo senza sconcertarsi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perdere tanto tempo per scrivere idiozie...che tristezza di persona

      Elimina
    2. Scrivila tu qualcosa di più allegro. Facci ridere un pò con qualche elegia d'amore grillina.

      Elimina
    3. Certo che dobbiamo realizzare il nostro programma Sig. AlesI, gli altri partiti hanno solo programmi per i loro interessi personali e per i loro finanziatori ...continui a votare loro che persone come lei non servono al movimento. ..

      Elimina
    4. maurizio alesi il M5S sta facendo il suo programma iniziato con il traditore salvini ora con il pd delle leggi approvate e quelle che stanno cercando di fare quale non ti piace perchè a me sembrano leggi a favore degli italiani in special modo quella sulla giustizia che è la base di partenza, si capisca che sei un leghista dicci in 14 mesi cosa ha fatto il capitone di le ggi che potessero servire agli italiani?

      Elimina
    5. Bravo Andrea.

      Elimina
    6. Caro signor Alesi mi spiace contestatore quello che ha scritto.noto che anche lei non mastica politica. Sa bene che determinate mosse fa parte del gioco, un Po come la partita a scacchi. Ogni partito tira acqua al suo mulino facendoci credere che lo fanno per il nostro bene e puntualmente il popolo per 30 anni ha creduto. Ora c è una svolta che richiede tempo ma.anche lei vedo che crede nella magia. Puff...tutto risolto, 30 anni di danni cancellati in un attimo. Beato chi crede ancora al quizzaiolo di Salvo mi, o al bungabunga di Berlusconi, o alla nostalgica Meloni, oppure alla favola della sinistra. La.realtà è ben altra e se non si sveglia il popolo come accade in Francia non si arriva da nessuna parte. Ben venga chi cerca di stravolgere un potere fatto dai soliti noti e discendenti.

      Elimina
    7. Anche Salvini ha fatto quello che ha fatto con lui avete cominciato a mettere in legge parte del vostro programma.
      Con il PD e LEU hanno cominciato a smantellarvelo

      Elimina
    8. Maurizio Alesi, i partiti attuali sono composti da burattini attorniati da profittatori. Le scemenze di un Salvini, Renzi, Berlusconi, Meloni, Zingaretti non avrebbero esito se non fossero appoggiate da un'orda di profittatori che li sostengono per continuare a ricevere benefici immeritati. Perché i problemi reali del Paese non vengono contemplati? Perché lo scopo di questo è il management e non, la vera politica. Le anticipi che voglio candidarmi anch'io come parlamentare 5 stelle, perché sono determinata a distruggere questo becero leaderismo. Falso come i soggetti che lo compongono. Buffoni senza Dio!

      Elimina
  10. SONO NINO PEPE, ma non riesco a commentare col mio account GOOGLE.
    Articolo amaro e pessimista, ancorchè giustificato da quello che sta succedendo sia negli elettori ma soprattutto nel Movimento.
    Secondo me la scelta dei 5 stelle di "allearsi con chi ci sta" è funzionale soltanto a fare materialmente un governo. In quanto a realizzare i loro programmi le cose stanno diversamente, perchè ovviamente gli altri partiti hanno i loro programmi da realizzare, come giustamente dice Maurizio Alesi. E quindi, come nel governo con la Lega, anche nell'attuale governo col PD succedono le stesse cose. Cioè, liti continue tutti i giorni sui programmi da realizzare, e quindi sì TAV, no TAV, accordo di facciata per il taglio dei parlamentari, ma quelli del PD subito pentiti della loro adesione per occhio di popolo; stessa cosa sulla prescrizione che ancora non si sa che fine farà, e poi le liti sulla revoca delle concessioni ai Benetton. Oltretutto si sono lasciati corrompere dal potere (cosa comunque molto prevedibile), perchè i 5 stelle non sono marziani, ma normali persone che hanno i loro bisogni e i loro appetiti. Mi viene in mente la scena di Fantozzi davanti al piatto di polpette. Resisti resisti, da dopo un poco eccolo a riempirsi la bocca di polpette fottendosene della dieta e della presenza del terribile prof. Birckermayer che regolarmente lo punisce. Adesso i 5 stelle, tra quelli che se ne vanno e quelli che vengono buttati fuori si stanno ridimensionando ancor prima delle prossime elezioni. E non ho aperto il libro della disastrosa politica estera che in questo particolare frangente avrebbe bisogno di ben altro che un Conte che non decide da che parte stare e un ministro degli esteri che non conosce il mondo in cui l'Italia vive e si relaziona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di Maio ministro degli Esteri è davvero una provocazione.

      Elimina
    2. Presto avrete nuovamente Angelino Alfano

      Elimina
    3. sono tutti commenti, quelli contro il M5S, scritti da persone in assoluta mala fede, nostalgici del ritorno dei vecchi poteri. Gli innumerevoli mali del paese sono il risultato di amministrazioni, della cosa pubblica, delinquenziali e ben lo sanno. Non avete guardato per decenni e decenni le nefandezze perpetrate a danno del paese, ed ora fate i raggi X ad ogni parola. Ma un po di vergogna no ?

      Elimina
    4. Valerio, i deputati 5 stelle devono essere sostituiti con altri. È tempo. Si sono rincitrulliti

      Elimina
    5. ...e senza nessun leader!

      Elimina
  11. Giangiuseppe posso chiedere cosa hai votato al referendum del 2016?

    RispondiElimina
  12. Ma quale delusione? Il M5S è la cosa migliore che un paese come l'Italia, in cui si piangono i morti e si fottono i vivi, poteva esprimere. Io non sono un deluso e mi riconosco nei non delusi come me

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio Così!
      Via trollacci sabotatori vanesi
      e prolissi come Alesi. UGH.

      Elimina
  13. Ho votato il M5S per sostenere la discontinuità col vecchio sistema che ha affossato l'Italia. Questa discontinuità non c'è stata e non c'è. Non sono deluso. Ho semplicemente constato che il tentativo è fallito ed ho tratto le mie conseguenze Per questo non sostengo più il M5S. Bisogna pensare ad altro, politicamente, non serve a niente giustificare il fallimento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfetto, quindi restauri la continuità perduta, ottima conclusione.

      Elimina
    2. Quando date queste risposte "ovvie" non vi sovviene mai, che quando le scelte sono così poche, il sistema di selezione è inceppato, e non arriva alla democrazia?

      Sicuramente non mi capisce, per cui riformulo con una domanda:
      Lei viene chiamato al voto. Pero il paese ufficialmente non è una democrazia. È una oligarchia. Non fa molta differenza quello che voterà. Se vota i ribelli, alla fine comunque dovranno ubbidire. Se molto, ha la scelta tra onesti e corrotti, e il campo di azione è solo un 5%. L'altro 95% lo decide l'oligarchia, e la corruzione è parte strutturale del sistema.
      Se ha chiaro in mente che vota per dare fastidio a un 5% di corruzione, va a votare?

      Elimina
  14. giuseppe vullo8 gennaio 2020 08:32

    Nonostante piccole divergenze, continuo a voler bene all'amico direttore Gattuso ed al sogno onesto ed etico dei 5 stelle. Sbagliare humanum est, ma perseverare è diabolico! Il ragazzo del sud, Di Maio ha fatto l'utile idiota per la vecchia volpe, il nordista Salvini, facendosi sfilare 6 milioni di voti. In qualsiasi demograzia, un disastro del genere, avrebbe meritato, come minimo, un cambio di guida politica, invece niente! Cerco di essere succinto, sintetico ok? Mi sveglio con le solite preoccupazioni...1)due guerre nel nostro cortile 2) il fuoco che brucia miliardi di alberi, animali, ed anche uomini, del pianeta(amazzonia-australia etc.)e trovo... Mah! Letterina ai delusi...Ebbene si.. sono fortemente deluso! Delusione e amarezza per aspettative non corrisposte. Per esempio conflitto d'interessi...bla...bla...neanche sfiorato, e tanto altro,cmq non mi dilungo. Ma l'ultima cretinata dei 5 stelle? Si presentano alle elezioni in emilia romagna,regione in bilico, avversari di Bonaccini, un governatore eccezionale! Ha portato la disoccupazione nella regione che accoglie tanti siciliani, al 4%! Ebbene leggo i sondaggi questa mattina...1) Bonaccini al 31% 2) Salvini-bergonzoni 30) 3) 5 stelle 7% 4) Meloni 7% Ditemi direttore ed osservatori politici e 5 stelle, se la lega si prende pure l'Emilia romagna ed il governo Conte va in malora e Salvini diventa presidente del consiglio e lo spread torna a 500... di chi è la colpa...di mia nonna? Questa non è insipienza ed idozia politica dei 5 stelle...o no? Perciò chi è causa del suo mal pianga se stesso!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sottoscrivo totalmente il ragionamento di Vullo. Il M5S ormai è bollito. Si è sdraiato a Palazzo Chigi ed è impotente rispetto alla capacità di imporre la sua linea e i suoi programmi agli alleati. Delusione profonda e tanta, tanta tristezza.

      Elimina
  15. Ormai il Movimento è MORTO.
    Si basa solo sul giustissimo ed onorabilissimo afflato di alcuni che continuano con (VERA) onestà a dare il massimo di sé anche laddove è chiaro che è la radice ad essere marcita.
    Ve ne accorgerete alle prossime elezioni.

    RispondiElimina
  16. Rosalia Machì8 gennaio 2020 09:41

    Io sono contenta di tutto quello che è riuscito a fare il movimento.Certo non è facile combattere contro tutti e su tutto ogni giorno. Per avere un cambiamento radicale ci vuole tempo non è facile abbattere un sistema corrotto radicato da 50 anni e passa. Grazie x quello che con determinazione riuscite a fare x il bene dei cittadini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sono delusa di quelli che si dichiarano italiani e che di cervello ne hanno poco ,io sono anziana e di studi ne ho fatti poco ma malgrado questo sono convinta che il 5 stelle sia il futuri dei nostri figli e dei nostri nipoti, stimo il ministro Di Maio e il presidente Conte e in tanti anni ho visto tanti politici pescivendoli (senza offesa per i pescivendoli ,che almeno sanno fare il loro lavoro, molti politici di adesso sono accattoni venduti al migliore offerente aspirano a diventare ricchi come Creso ,
      fregandosi del popolo italiano

      Elimina
  17. Faccio parte dei delusi essendo tra coloro che ha partecipato alla costruzione dello statuto attraverso le mie idee.
    Dove sono le prime misure per combattere la povertà prodotta dalla grave sperequazione stipendiale istituzionale? La riduzione dello stipendio dei parlamentari era funzionale a una concreta diminuzione dei redditi vergognosamente alti, rispetto al blocco di tutti gli altri. Non era necessario continuare a dover decurtare il proprio stipendio. La SPEREQUAZIONE va eliminata in una manovra che ricrea un un'equilibrio solito. Invece abbiamo ancora stipendi di 5, 10,15,20,30,100,200,300, rispetto alla classe media che ne percepisce solo 1000.

    Da qui si doveva partire per aprire come una scatoletta le sedi istituzionali prese da vertici che hanno depredato il Paese a spese di tutti i Cittadini Italiani.

    Continuare a parlare di evasione fiscale, pur sapendo che la pressione fiscale ha raggiunto il 70% è da traditori.
    Come è da traditori estendere il prelievo diretto dai c/c da parte dei Comuni, quando avrebbe dovuto essere abolito come tutela ai Cittadini Italiani. E VERGOGNA!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fantastico, sei un genio, ma avresti dovuto rivolgerti a Robin Hood, non al Movimento 5 Stelle. Fortunatamente per te lo Sceriffo di Nothingam è ancora disponibile, rivotalo.

      Elimina
    2. Tu puoi essere solo anonimo. Imbecille!

      Elimina
  18. Ah! Quando si fa la rivoluzione, si fa sul serio! E si fa tremare il sistema magnaccia, una volta per tutte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma con chi la vuoi fare la rivoluzione con la dx o la sx perchè poi c'è Solo il M5S E SE LORO TI HANNO DELUSO..........

      Elimina
    2. Da quando stai nel Movimento? Forse non hai letto che io lo sono dall'inizio e che gli attuali parlamentari non hanno lo spirito riformista di chi ha formato lo statuto. Noi la rivoluzione l'abbiamo fatta esponendosi. E molti di noi hanno pagato e stanno pagando ancora per questo. Riprendete quello statuto e attuarlo! Quella è la rivoluzione!

      Elimina
    3. Ho scritto dove si sta sbagliando. Provvedere e convintamente. Grazie

      Elimina
    4. Ciao Giovanna, come avrai capito sono l'autore dell'articolo e anche il curatore del Blog. Sarebbe interessante avere una tua riflessione sulla situazione del M5S per come lo hai vissuto dall'inizio.

      Elimina
    5. Giangiuseppe Gattuso è stato un vero incubo rendersi conto che la normativa era diventata nemica del Popolo, quando NESSUNO aveva la stessa consapevolezza. Un vero incubo dover cercare confronti, e trovare persone he non fossero assuefatte a un sistema che nel giro di pochi anni, in fondo, era cambiato in modo determinante alla distruzione del tessuto sociale. Notare che i valori erano completamente stravolti. Trovare confronti, cercare idee, studiare il modo di risvegliare le coscienze. Ognuno di noi, solo, nei rispettivi territori. Ciò che ho scoperto è che solo poche persone sono in grado di comprendere il pericolo di una vera dittatura come quella che ancora stiamo vivendo, perché finché non si distribuiscono le risorse veramente, eliminando con criteri di progressività le disuguaglianze, rispettando le differenze dei meriti con minore divario e ripartendo le responsabilità tra i Cittadini, non torneremo ad avere il circolo di una moneta che renda forte il Paese. E se non recuperiamo la sovranità monetaria siamo destinati a diventare una colonia. Come è nei fatti.

      Elimina
    6. La cosa incredibile è che quando cercai di candidarmi, dopo quella fatica, fui semplicemente esclusa. E scoprii che molte di quelle che io chiamo "sentinelle della Democrazia", lo sono state. Ora, ogni iniziativa legislativa è insufficiente. Una rivoluzione "tiepidina" che non risolve i problemi

      Elimina
  19. Ma come sei stato eloquente, comunque ho la mia testa per ragionare e sempre disponibile al dialogo-confronto, a volte anche con vena piuttosto critica, dimostrazione che sono libero e fiero di esserlo, ma tutto questo ha un costo. Non servono spiegazioni inutili, grazie. Luciano Giorgione

    RispondiElimina
  20. andate a cagare.W Matteo il Capitano

    RispondiElimina
  21. Franco Gentile8 gennaio 2020 12:59

    Parole sante! Caro Giangiuseppe ti sei spiegato in modo splendido, peccato che fra i commenti debba ancora leggersi quanto scrive Maurizio Alesi che, come "tale Cecco Angeleri, gran poeta tosco, di tutti disse mal fuorché di Cristo scusandosi col dir non lo conosco" e che non riesce proprio a cogliere quanto di positivo è stato fatto operando in mezzo al fuoco di fila di una opposizione annidata finanche fra gli stessi componenti del Governo e del M5S. Per quanto riguarda quelli del M5S dimostrano chiaramente di non aver capito un tubo della situazione, per quanto riguarda gli "esterni" è chiarissima la malafede e il tentativo di sminuire l'opera, veramente frutto di certosina pazienza e volontà date le condizioni in cui viene svolta,dei componenti "grillini" del Governo.
    Mah! Auguriamoci di cuore che si possa continuare anche se le insidie e i seminatori di discordia faranno di tutto per provocare il fallimento del rinnovamento messo in atto dal M5S!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esiste un solo soggetto in grado di far fallire il rinnovamento messo in atto dal M5S. Quel soggetto è lo stesso M5S, non certo chi si limita ad esprimere le proprie opinioni nei confronti di una forza politica. Se hanno dimezzato i loro voti non è certo per chi commenta o per i “seminatori di discordia” ma per il fallimento del progetto e la fascinazione per il potere che li sta divorando.

      Elimina
    2. Maurizio Alesim, questa storia della fascinazione del potere, c'è la può anche evitare.

      Elimina
  22. letterina a Giangiuseppe Gattuso che a quanto pare non ha capito un cazzo e spero che capisca lui e l'élite del m5s, prima che la morte ci spazzi via, perchè stiamo morendo noi del m5s
    io sono stufa di dirvi che state sbagliando e
    capisco è la prima volta che governate, ma si rischia che a un governo non ci tornate più per il secolo, stanno lavorando ai fianchi, il web,i giornali, i partiti ecc, ma quello che mi stupisce e mi fa incazzare è il vostro operato,non sui fatti governativi che state facendo ,ma sull'informazione ,da parte vostra non c'è reazione adeguata, pare che vi siate votati al martirio, naturalmente il nostro. Sui media siamo massacrati e si capisce il perchè, si toglie il finanziamento ai giornali fantasma e loro fanno squadra, e ci linciano, altrimenti come fanno a stramangiare senza lavorare, insomma lottano per la loro sopravvivenza, e per il web fate soltanto schifo, facebook che è egemone, ha oramai una posizione non dominante,ma impera sul globo terra fa quel cazzo che gli apre, banna , censura e tutto a disprezzo delle nostre leggi, è intervenuto un giudice per dire che non può fare quel cazzo che gli pare per la pagina di casa pound,ma da parte nostra, dei nostri dirigenti manco una parola, e questo puzza parecchio, capisco che casa pound sta sulle palle pure a me, però non lo fanno solo con casa pound, lo fanno con tutti quelli che danno fastidio, diffondono notizie un pò fuori dalle righe, insomma i facebook con i algoritmi e con i moderatori che sospetto siano come al solito ficcati lì dai partiti, fanno quel cazzo che gli apre e disprezzo proprio del m5s, a voi non vi toccano, però toccano chi vi vota e supporta e lo fanno pesantemente, cioè il discorso è o che ci moderiamo o altrimenti ci bloccano,bannano, censurano, e la cosa che fa incazzare non è facebook che fa il suo mestiere, cioè si mantiene dalla parte del vincitore, ossia Salvini,ma voi fate incazzare, siete lì, tante belle parole e non immaginate che la gente si sente abbandonata e incazzata poi con voi, insomma la cosa si ritorce contro il m5s, e voi zitti, tanto bannano censurano,le boicottano noi piccolini e per voi vale sempre il detto io so io e voi non siete un cazzo,ci si aspetta sempre un risveglio, una vostra reazione ma non del m5s,ma del governo che dica ai facebook voi quì siete ospiti, o rispettate le leggi italiane o altrimenti noi vi banniamo, vi sospendiamo per comportamento scorretto e se insistete vi chiudiamo, perchè morto un social se ne fanno 100, morta la democrazia è solo dittatura, ma non lo capite, siete di cervello limitati,oppure è una strategia per perdere, non vi capisco.Essere un tappetino per facebook non ci fa bene, ma voi fate gli gnorri,infatti dopo che facebook ha chiudo pagine di fans del m5s per milioni di utenti,una ne aveva 2,5 milioni , ebbene i voti li avete, li abbiamo persi,ma voi state lì a menarvi i pollici, che devo dire, sono delusa amareggiata, sono incazzata, aspetto da voi risposte, non la poesia di bella scrittura sul social,ma una incazzatura che dia risultati,aspetto fiduciosa, non è che per sconfiggere un migliaio di poudiddini perdiamo milioni di voti noi, perchè il risultato è questo,manca la comunicazione, una strategia della comunicazione e il rispetto di tutti, non io sò io e voi non siete un cazzo,perchè a voi non vi troccano,ma toccano noi e vi fanno perdere voti e non lo volete capire.
    Io ho pagine su facebook, me la bloccano sempre ma non perchè sia io chissà che ,ma per gli argomenti che tratto, è censura e da p'arte del m5s c'è un silenzio di tomba e questa non è gestire la democrazia, poi c'è tanto ancora da dire,ma non posso scrivere un romanzo,ho cercato di sintetizzare.

    RispondiElimina
  23. Antonio De Luca8 gennaio 2020 13:55

    Condivido in toto Giangiuseppe. La "delusione" dei presunti duropuristi pentastellati, a mio parere, poggia su due dinamiche. La prima é l'incapacità di liberarsi dalle vecchie ideologie che lo spingono a crearsi un proprio M5S che tende a somigliare più alla propria forma mentis che al monolite delle "origini". Da tutto questo nasce "mai con PD" e/o "mai con la Lega". E secondo, l'italiota medio ha bisogno di gente come Salvini o la Meloni che sparano immani e improbabili cazzate, spesso incostituzionali e inapplicabili o come il Berlusca e piddinerie varie, partiti che costruiscono meravigliosi programmi ben sapendo che alla chiusura dei seggi verrà cestinato per tirare fuori il vero programma quello scritto a più mani con lobby e potentati vari e/o "ad aziendam". Questi grillini che non distribuiscono poltrone, che non praticano voti di scambio, che pur scontrandosi con un bagno di realtà, cercano in ogni modo di portare avanti il loro programma. Ma all'italiota piacciono le fritture di pesce.

    RispondiElimina
  24. Pienamente d'accordo,
    però abbiamo bisogno di programmare con chiarezza ed a tempi definiti i tanti punti programmatici che hanno fatto parte della campagna elettorale di quando si stava all'opposizione.
    Acqua,conflitto di interessi,trasporti,stipendio minimo garantito,sanità pubblica,concorsi pubblici meritocratici,banche d'investimento e banche di risparmio,banca pubblica,assicurazioni rca come all'estero,bollo auto come all'estero,tassazione equiparata a quella delle multinazionali della e-commerce,più scuola pubblica di qualità,etc etc etc.
    D'altronde è per questo che abbiamo votato i 5S e se hanno preso il 33% dei voti contro il 20% del PD significa che devono far valere, nelle scelte politiche,quella differenza nei vari punti programmatici

    RispondiElimina
  25. Leggo con delusione molti commenti contro il movimento. ..mi sembra che i delusi siano persone che hanno nostalgia del vecchio regime (la spintarella, la bustarella ecc. ecc. solo e tutto per interesse personale )...certo che gli errori si fanno nessuno è perfetto e non ha la sfera di cristallo , specie il movimento. ..a quei nostalgici dico andate con il vecchio regime perché a voi non interessa niente di quello che il movimento è riuscito a realizzare fino ad oggi (a qualcuno fin ora a fatto comodo che il movimento gli abbia tolto qualche personaggio a lui scomodo )....a quelli che vogliono tutto e subito e che avete ricette magiche andate voi a governare in mezzo a quel branco di lupi che son da più di venti anni che sono li e che ci hanno messo nella m....a, ma ora hanno la ricetta giusta per risolvere tutto ...certo non vedono l'ora di tornare per continuare ad abbuffarsi e questo grazie a persone come voi ...scusate cosa vi hanno promesso? ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti viene in mente che i delusi siano persone incazzate con i 5S perché non hanno fatto nulla di quanto avevano promesso lasciando intatto il vecchio sistema partitocratico-corruttivo? Nessuno rimpiange bustarelle. L'unico rimpianto è quello di vedere una forza che si è candidata per combattere il regime e ne è diventato parte integrante. Ricordo che i delusi erano elettori grillini, e dunque, non possono essere attaccati di protendere verso il ritorno dei vecchi partiti. Semmai con i vecchi partiti (quelli che volevamo cacciare dal Parlamento), ci stiamo al governo da un bel pezzo.

      Elimina
    2. questa tecnica,di spacciarsi per grillini delusi è abbastanza ridicola. è evidente che gli elettori del m5s provenissero dai delusi di altri partiti e magari dall'astensione, in quel 32,8 delle elezioni politiche c'era una componente assai vasta proveniente da destra che alle europee è tornata all'ovile. in sostanza,credo proprio che chi era sostanzialmente grillino,lo sia rimasto,di quelli che non hanno capito o fanno i furbi non abbiamo bisogno

      Elimina
  26. "I tempi della “politica”, i provvedimenti governative, le leggi e le riforme hanno bisogno di lunghe gestazioni che si misurano in una o due legislature. E gli effetti delle norme approvate potranno essere percepiti solo dopo che gli organi amministrativi dello Stato nelle loro infinite articolazioni avranno attivato le conseguenti necessarie procedure attuative." Riporto un passo significativo dell'articolo, dicendo che: anche i tempi della politica devono essere cambiati, non ci si può nascondere dietro un dito con questa giustificazione. Determinate scelte politiche ed azioni legislative quando si è voluto sono state realizzate in tempi rapidi. La questione ambientale, per esempio, deve essere affrontata con decisione e coraggio, continuare ad elargire i sussidi alle fonti fossili in tempi di estremo cambio climatico non va bene. Se si vuole si può, a prescindere con chi governi determinate questioni devono avere la priorità assoluta, altrimenti si rischia di blaterale con i soliti proclami ed i soliti annunci.

    RispondiElimina
  27. Salve siamo delusi dal fatto che volevano un cambiamento delle facce dei politici che ora ci ritroviamo di nuovo al potere malgrado il voto sia stato palese epocale ed ora siete al governo proprio con i personaggi che avevano cacciato a pedate, siamo delusi perché inneggiavate slogan contro il PD ed ora ci andate a braccetto, siamo delusi perché ci aspettavamo che vi sareste opposti alla politica repressiva voluta dall'Europa in particolare di Francia e Germania ed ora ci andate a braccetto, siamo delusi perché ci aspettavamo una riduzione significativa delle tasse che ci schiacciano, siamo delusi dal fatto che avete paura di andare al voto perché sapete abbiamo una arma potente la matita nella cabina elettorale e vi manderemo a casa tranquilli

    RispondiElimina
  28. non ho parole, quando eravate in campagna elettorale mille promesse, ora mille scuse per ciò che non si è fatto. sono sicuramente uno di quelli che si è pentito di darvi il voto e sicuramente non avrete più il mio appoggio ne il mio voto

    RispondiElimina
  29. Fiorella Rubente8 gennaio 2020 18:26

    Non comprendo chi vuole tutto e subito come dei bimbi capricciosi.
    Si costruisce un Paese Onesto insieme e con impegno ma, è ripulirlo dalle macerie e dagli ostacoli che è faticoso!
    Resto fedele ai 5Stelle

    RispondiElimina
  30. L’elettore è liquido, ciò che dice di votare oggi, non è detto che voterà domani, per poi pentirsi ancora e ancora. Tanto vale starsene muti e commentare solo i risultati elettorali.

    RispondiElimina
  31. L'analisi di Giangiuseppe Gattuso calza perfettamente, x quanto mi riguarda sono sempre contro la partitocrazia di cui non mi sentirei mai rappresentato, avanti col m 5 stelle.

    RispondiElimina
  32. Giovan Battista Palopoli8 gennaio 2020 18:42

    difendi una battaglia persa signor Gattuso ripeto i nostri rappresentanti, delegati dal voto, hanno tradito i veri valori del M5S e chi non li ha traditi lo avete espulso, le promesse non sono state mantenute la legge sul conflitto d'interesse crede che si farà? oppure il salario minimo? o L'ABOLIZIONE DEL FISCAL COMPACT OPPURE L'ABOLIZIONE DEL PAREGGIO DEL BILANCIO O IL REFERENDUM PER LA PERMANENZA NELL'EURO ED ECC..ECC..

    RispondiElimina
  33. In poche parole..... se non la pensate come me siete stupidi ed ignoranti.
    Grazie, ne prendo atto!

    RispondiElimina
  34. Alberto Conenna8 gennaio 2020 18:44

    Farsi abbindolare da un giornale del genere, guidato da un vero farabutto come Sallusti, non può che far capire quanto siano influenti i media sul cervello di molte persone non pensanti!
    Come diceva Malcom X, "Fate attenzione ai media perchè vi faranno amare gli oppressori ed odiare gli oppressi!".......stranamente poco dopo fu ammazzato!
    Idem per P.P.Pasolini!

    RispondiElimina
  35. Questo è un momento bruttissimo la cosa che mi preoccupa è che arriverà un giorno che ci sarà una guerra e forse saranno i nostri nipoti a sopportare il tutto. Io la fine dell'umanità la vedo in questo modo e forse dopo che non ci sarà più niente da spartirsi perché avremo mangiato "il mondo" solo per avidità di potere si formerà un era che risolvera'il problema ripristinando dei valori e cose giuste e chi veramente sarà ladro, carnefice possa avere la giusta punizione. Delusa di un sistema corrotto non voterò alle prossime elezioni e secondo il mio modo di pensare sarebbe giusto che tutti gli italiani non andassero a votare sarebbe un fenomeno che potrebbe salvare questo sistema. Forse e dico forse solo così si potrebbe ricostruire un Italia diversa per il tempo che ci rimane

    RispondiElimina
  36. Io non sono deluso da un punto di vista tecnico.sono state fatte alcune cose buone o si e tentato di farle. Il reddito, la spazzacorrotti in primis. Ma da un punto di vista culturale, di cambio di mentalità, c e ancora tanto da fare. Si vive con un governo pd cinque stelle e sia nei media che spesso nel paese reale, sembra che il predominio culturale di salvini e dei sovranisti sia forte. Un paese scisso culturalmente e un po scisso. Certo per avere il predominio culturale e di mentalità ci vogliono alcuni decenni per convertire tanta gente italica ad un senso di onestà e di rispetto della cosa pubblica che in Italia rimane sempre un Vulnus.

    RispondiElimina
  37. ANALISI PERFETTA...DA LEGGERE E FAR LEGGERE A TUTTI ELETTORI M5S E NO... AFFIANCHERIE L'ELENCO DI TUTTE LE LEGGI E I PROFFEDIMENTI LEGISLATIVI PROPOSTI E FATTI APPROVARE DAL PARLAMENTO. PER UN'UN'ITALIA MIGLIORE.

    RispondiElimina
  38. Egregio sig. Gattuso, gliela spiego facile facile. Se devo entrare in un posto con 30 cm d’acqua e mi dicono “ti vendo degli stivali”, io li compro e poi mi arrivano dei mocassini, a me girano i coglioni. Innanzitutto per una questione di principio, e poi anche per motivi pratici, come perfino Lei sarà in grado di comprendere.
    Lei può fare i suoi bilanci e dichiararsi comunque soddisfatto perché i suoi piedini avranno un minimo di protezione (ma, e l’esempio mi pare calzi a pennello, i mocassini in 30 cm d’acqua sono inesorabilmente destinati a sfasciarsi in quattro e quattr’otto!). È nel Suo diritto. Sia chiaro: è nel suo diritto anche tentare di vendere la stronzata del “forse non avreste dovuto votare come avete fatto”, ma resta una stronzata propagandistica dal valore pari a radice quadrata di zero!
    Lei ha ragione quando ripete il salmodiare del “eh per ottenere qualcosa bisogna fare compromessi”. Peccato che per 10 (dieci) anni la tiritera fosse appena appena diversa. Faccia uno sforzo, provi a ricordare. I voti in congelatore e i consensi che crescono... Mai compromessi con chi ha distrutto l’Italia, e i consensi che crescono... Fino al giorno in cui “qualcuno”, sostenuto dai ciechi come Lei, ha deciso che quel “con chiunque ci stia” (che per la nostra storia equivaleva a dire “con nessuno”, perché la frase completa suonava “con chiunque ci stia a farci fare il NOSTRO programma) andava trasformato in “con chiunque ci stia (a farci fare un governo qualsiasi)”.
    Ci pensi. Qua non si tratta di frustrati, massimalisti, delusi e altre stronzate simili. Qui si tratta di una cosa che chiunque ne capisca anche poco di commercio (e la politica È un’arte ANCHE commerciale, laddove si propone di acquisire “quote di mercato del consenso”) non esiterebbe a configurare come vera e propria truffa!
    Dopodiché, conte to Lei di restare, faccia almeno la cortesia di non sparare cazzate su chi - con altrettanto buon diritto - non ne vuol più sapere.
    Tanto Le dovevo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha fatto un buon esempio.

      Nel M5S "fedele" c'è una presunzione tipica delle sette (io di sette ne capisco!):
      Se non rimani, sei un traditore, avevi il cuore macchiato, non hai capito un tubo, etc.

      Le faccio un esempio pratico:
      La fine del mondo sicuramente arriva prima dell'anno X!
      Tutti a "prepararsi", cioè a lasciar perdere educaziona superiore, sicurezza economica etc.
      Ma la fine del mondo non arriva.
      E tutto quello che si sente è, che certuni se la aspettavano, ma le loro speranze non erano fondate.

      Quelli che invece dicevano: X è una enorme stronzata venivano scomunicati.

      Raramente si incontrano elettori M5S critici e aperti.

      Elimina
  39. Marisa Bignardelli8 gennaio 2020 20:16

    Io mi chiedo cosa sarebbe successo se il M5S avesse preso molti più voti. Avremmo rinforzato una linea politica senza dubbio. Così non è stato e per formare la maggioranza simo andati a destra e sinistra. Niente è stato risparmiato in critiche. Incompetenti è stato l'epiteto più gentile ma detto da politicanti che con competenza hanno provocato dissesti idrogeologici, fatto leggi ad personam, riempito di corrotti e corruzione l'Italia fa ridere Signor Manzù lei non è l'unico a potere vantarsi di un impegno lavorativo. Personalmente, finivo in ospedale e nascondevo il referto per poter ritornare alle mie responsabilità. Ci sono stati errori? Certamente ma dagli errori s'impara. Il movimento avrà una sua fisiologica trasformazione.. Cosa succederà non lo so. Io continuerò a sostenere il movimento.

    RispondiElimina
  40. Franco Flamini8 gennaio 2020 20:19

    Bellissima analisi i delusi vorrebbero che le cose cambino da oggi e domani ma analizzando come ha fatto lei si dovrebbe capire il perché le cose per cambiarle ci vuole tempo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa è una spiegazione che da a se stesso.
      Non è delle peggiori.
      Molte infatti sono offensive.

      Pero deve farsi una domanda ipotetica:
      Facciamo l'ipotesi che il M5S abbia una proposta da diversi anni, che richiede la correzione di una sola legge, ela giustificazione per farlo. E il risultato sarebbe un cambio della dinamica del potere. (Cioè il cambio del sistema).
      Cosa penserebbe del M5S, se nonostante tutti gli eletti abbiano ricevuto il materiale, in anni non ne abbiano mai parlato?

      Posso permettermi di affermare con certezza, che il M5S non è anti-sistema, e che molti temi erano marketing. Tirano bene. Se non sai come metterci mano, è una cosa. Ma se ti hanno mandato un manuale per farlo, e fai silenzio per anni, qualcosa di strano c'è!

      Elimina
  41. Guido Frassinetti8 gennaio 2020 20:20

    Giusto, e perciò io sarò sempre con il M5S (lo sono da quando è nato, ho 75 anni ne ho viste abbastanza di porcherie fatte dai precedenti governi) mi spiace che il mio voto sia andato anche a dei traditori economici.

    RispondiElimina
  42. Massimo Palombi8 gennaio 2020 20:21

    Il ns movimento ha perso molto consenso per diversi fattori. Il primo sinceramente e' quello che per governare ci vuole molta esperienza politica, non e' possibile dirigere un paese senza la necessaria scuola politica. Non ci si inventa politici con la p maiuscola senza un'adeguata preparazione, essere onesti non basta anche se e' fondamentale per ruoli di rappresentanza. 2° Si e' accentrata troppo la responsabilita' del movimento su una sola persona (Di Maio), tra l'altro con troppi incarichi istituzionali. 3° Essendo un movimento con elettori di destra e sinistra, ogni provvedimento preso sara' guardato dalla natura prevalente da ogni singolo elettore. Lo dimostra il fatto che dopo la separazione con la Lega, molti 5s si sono traferiti con Salvini. 4° Facendo opposizione si acquista consenso, stare al governo (è storia) il consenso si perde.

    RispondiElimina
  43. Domenico Principato8 gennaio 2020 20:22

    Coerenza coraggio e audacia è la forza del movimento, la merda galleggia dopo che lo stronzo affonda e viene sciacquonato.

    RispondiElimina
  44. Massimiliano De Martino8 gennaio 2020 20:25

    Aspetto anche una letterina che rimarchi le regole interne, che evidenzia il cambiamento da uno vale uno a io valgo, decido e voi ratificate e muti!

    RispondiElimina
  45. Articolo penoso e credo poco che sia spontaneo,sincero e gratuito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un "anonimo" che scrive una frase del genere ha sottoscritto il suo attestato di stupidità.

      Elimina
  46. Alcune considerazioni di questa letterina dovevano essere fatte prima, a futura memoria. Occorreva tener presente che, in un sistema elettorale proporzionale, quando non si ottiene la maggioranza assoluta per governare bisogna costruire le alleanze. In politica, allearsi vuol dire confrontarsi per elaborare un programma che difficilmente riuscirà a recepire tutte le promesse elettorali. Alcune divergenze si superano con il compromesso, altre rimangono insormontabili e non possono essere imposte con il ricatto. Questa legislatura sta superando il record dei conflitti interni alla maggioranza. Conflitti che nel primo e nel secondo governo Conte, oltre a danneggiare l’immagine dell’Esecutivo in campo nazionale e internazionale, hanno rallentato l’azione del Governo. I provvedimenti, anche se significativi, non riusciranno a giustificare il mancato avvio del superamento del vecchio regime. L’impresa è difficile, per una sola forza politica diventa impossibile. In diverse occasioni ho scritto che il M5S per raggiungere alcuni obiettivi doveva coinvolgere più forze politiche e aprirsi alla società. Invece, nel rivendicare la sua presunta diversità, ha create delle barriere che rendono difficile anche la convivenza nella coalizione. Bisogna mettere da parte la delusione, abbandonare la strada della propaganda per incominciare ad analizzare gli errori che hanno fatto allontanare il 50% degli elettori. Ci sono due decreti sicurezza, si fa per dire, che per l’aspetto giuridico e sociale vanno cambiati, subito. Bisogna mostrare più coraggio nel riconoscere alcuni diritti civili. Gli episodi, poco edificanti, di questi giorni dimostrano che il Movimento è caduto nella trappola del regime. È stato un grave errore l’aver contribuito ad affermare il cattivo costume politico secondo il quale un ministro indagato per reati penali possa essere assolto, senza appello, non dal giudice naturale ma dall’organo di appartenenza. Non si possono sacrificare certi valori sull’altare della Ragion di Stato. L’attuale situazione politica non è di buon auspicio per il futuro. Ciò che rimpiango del passato è la correttezza del confronto politico per superare le contrapposizioni alla ricerca della necessaria convergenza per superare i momenti difficili della vita del Paese. Le idee diverse vengono liquidate con invettive. Enrico Berlinguer diceva: "Io le invettive non le lancio contro nessuno, non mi piace scagliare anatemi, gli anatemi sono espressione di fanatismo e c'è troppo fanatismo nel mondo".

    RispondiElimina
  47. Sante parole. Chi non vuol capire fa parte di quell'italia che è arrivata a questo punto.
    Si lamenta di tutto ma non fa una beneamata m... a per cambiare e migliorare ��

    RispondiElimina
  48. Mauro Boccanera9 gennaio 2020 08:45

    GRANDE GIANGIUSEPPE! HAI CENTRATO QUEL CHE SUCCEDE TRA I DELUSI NEL MOVIMENTO...

    RispondiElimina
  49. ma per carità. Allora ragioniamo un attimo, si è in questa situazione perchè è una legge elettorale che fa schifo, vero? Bene, al governo prima con Lega e poi col Pd (M5S in maggioranza in entrambi i casi). La legge si poteva e si può cambiare anche immediatamente, ma e dico ma, non si fa solo perchè il famigerato "cazzaro verde" potrebbe vincere. Qua i paraculi si sprecano, prima non andava bene e giù battaglie per cambiarla, ora magicmente non se ne discute più o semplicemente si fa finta di niente Probabile che il buon Paragone abbia proprio ragione, siamo governati dal NULLA!
    ...Antonello

    RispondiElimina
  50. Stefano Ciccia9 gennaio 2020 14:08

    Impossibile pretendere tutto e subito in nessun paese al mondo, figuriamoci nel nostro !!!
    Condivido il tuo pensiero!

    RispondiElimina
  51. Tutto vero, ma non mi sta assolutamente bene l'espulsione di Paragone e di chi dissente dalla linea politica, che sta sempre più allontanandosi dai principi d'origine.

    RispondiElimina
  52. Siamo un popolo strano ,ma cosa vogliamo veramente noi ?se avessimo tutti, e dico tutti ,dato credibilità e fiducia a questi bravi ragazzi onesti con la voglia di cambiare il sistema ,che pure si dimezzano lo stipendio ,be allora non avrebbero dovuto nemmeno fare alleanze per governare avrebbero cambiato l'italia .La colpa per me è soltanto nostra .

    RispondiElimina
  53. Adesso sig. Alesi è il suo turno. Tutti i pensatori liberi sono stati fatti fuori da questo democratico blog lei è già messo sul patibolo pronto per essere ghigliottinato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le minkiate dell'anonimo. Chi sarebbero i liberi pensatori fatti fuori d questo blog?

      Elimina
  54. riflessione molto acuta e intelligente. ci voleva per migliorarci per chi ci crede ancvora.

    RispondiElimina
  55. E' MEGLIO CHE RESTIATE NELLE SCATOLETTE DI TONNO, LA POLITICA NON E' COSA VOSTRA "CARI POLTRONARI" AVETE PROMESSO ALLA GENTE UN CAMBIO DI ROTTA, RISPETTO ALLA VECCHIA POLITICA, INVECE AVETE FATTO MOLTO PEGGIO.... BUFFONI DA STRAPAZZO, SUICIDATEVI IN MASSA.... LE VOSTRE FIGURE SONO RACCAPRICCIANTI.... VERGOGNATEVI.... DIMETTETEVI IN MASSA, FORSE RIACQUISTERETE UN PO' DI DIGNITA'...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un commento di livello notevole. Anonimo e maiuscolo. Aspettiamo altre intelligenti riflessioni.

      Elimina
  56. Si come no il cambiamento c'è stato nel movimento però..se intendevano questo ci sono riusciti alla grande ..al mai con il PD a con il PD..a mai inciuci a si inciuci..e poi se qualcuno nel movimento critica viene sbattuto fuori..e per quando riguarda gli insulti perché meravigliarsi..il cambiamento questo si c'è stato,grazie voi maestri dell'insulto..quindi si sono solo adeguati ..ora quindi può darsi che qualcuno ci crede veramente ai vostri valori..ma chi vi guida sa benissimo dove vuole arrivare..non meravigliatevi mi raccomando e cercate di seguire la base che è più sensibile ..i grossi partiti facevano questo..con rispetto

    RispondiElimina
  57. Silvana Arrichiello11 gennaio 2020 12:52

    che, poi, sono sicura che tutti questi "rosiconi" sarebbero stati i primi a lamentarsi "d'aver buttato il proprio voto nel cesso" se - con oltre il 32% dei voti - i 5S si fossero "ritirati sull'Aventino" in attesa di un improbabile 51%
    Quindi, permettetemi di giudicarli: BUFFONI

    RispondiElimina
  58. C'e' un'imprecisione: non e' la legge elettorale a determinare la necessita' di trovare maggioranze dopo il voto.
    E' il combinato tra la Costituzione della Repubblica Italiana ed il voto espresso dagli elettori.
    La Costituzione non permette leggi elettorali che garantiscano maggioranze, e' il motivo per cui si e' tentata una riforma della seconda parte, bocciata dal corpo elettorale.
    Ciononostante alcune leggi elettorali, pur raramente, hanno permesso agli elettori di esprimere delle maggioranze:
    - il Mattarellum nel 2001, al centro destra. Altre due volte no (1994 e 1996)
    - il porcellum nel 2008, al centro destra. Altre due volte no (2008 e 2013)
    Lo stesso Rosatellum avrebbe permesso una maggioranza a chi avesse raggiunto quota 40-41% ma il centro destra c'e' solo arrivato vicino. In un sistema tripolare, e comunque con questi voti, nessuna delle leggi elettorali con le quali si e' votato dal 1946 ad oggi avrebbe dotato un vincitore di maggioranza parlamentare.

    La legge elettorale non impedisce proprio nulla. E' il voto che conta e nessuna coalizione e' stata votata abbastanza da poter governare da sola.

    RispondiElimina
  59. CARO BEPPE, Sono un elettore del 5.stelle e continuero' ad esserlo, MA ti chiedo: perche' avete snmesso di scardinare il potere con i referendum? Perche' avete smesso la battaglia sull'abbassamento del quorum che e' a costo zero? Ti faccio un esempio. La lega voleva il TAV e noi del 5.stelle no.... Perche' non avete indetto un referendum che chiedeva agli italiani se era giusto oppure no fare il tav??? Perche' oggi non fate fare un referendum sul rimborso elettorale e sulle concessioni autostradali??? RIPETO PERCHE' AVETE SMESSO DI RIVOLGERVI AGLI ITALIANI????

    RispondiElimina
  60. Giangiuseppe Gattuso.
    Condivido convintamente la "letterina".

    RispondiElimina
  61. Ho ritirato il mi piace che avevo messo senza neanche avere letto la lettera perchè pensavo ad una analisi seria dei motivi della delusione di chi aveva votato 5 stelle (come me) e che poi è rimasto profondamente deluso (come me)
    Invece mi trovo a leggere una baggianata autoassolutoria di un esponente di un partito che non si rende conto dei reali motivi della delusione e accampa scuse nei tempi parlamentari e nei meccanismi legislativi.
    No caro Giangiuseppe Gattuso la delusione non è solo quella di chi aspettava il reddito di cittadinanza ma glielo avete dato con ti di quei pali paletti e condizioni per cui uno deve sceglier se stare a casa non fare un cazzo e accontentarsi di 300 euro oppure mandarvi affanculo e cercare di lavorare magari in nero per arrotondare.
    No caro Giangiuseppe non esistono solo i delusi dalla velleitarietà e dalla inconsistenza di provvedimenti ridicoli spacciati per grandi riforme
    Esistono anche i delusi come me e ti assicuro che siamo in tanti e te ne accorgerai alle prossime elezioni politiche che speravano che votare il movimento avrebbe arrestato o almeno ostacolato la deriva fascioqualunquista di cui siamo testimoni. Esistono anche i delusi che si aspettavano una strenua difesa dei diritti dei lavoratori la cui menomazione avete richiamato solo per attaccare Renzi ma senza mai dare segni di voler correggere quegli errori.
    Avete lasciato tutto come lo avete trovato e ci avete aggiunto le vostre inadeguatezze ed incompetenze finendo per peggiorare i danni fatti.
    Non rimpiangiamo quelli di prima caro Giangiuseppe ma vi avevamo votato perchè dovevate correggere aggiustare innovare cambiare... ed invece avete consegnato il paese in mano alla lega fascista e reazionaria a cui subito vi rivolgete quando entrate in contrasto con Di maio dimostrando di essere uguali alla lega.

    RispondiElimina
  62. I cinque stelle hanno colpito al cuore il " SISTEMA" aprendo gli occhi agli italiani, ed in particolare ai meridionali. La loro presenza al governo presuppone che vengano prodotti quei cambiamenti legislativi... a cui, legittimamente, non tutti credono o non vogliono credere. Questo è il momento più difficile perché devono avere la capacità di coniugare "cambiamento", senza "sporcarsi" oltre misura..... mai venendo a Patti sui principi fondanti del Movimento. A mio modo di vedere ci stanno riuscendo, con l'unico appunto che dovrebbero spiegare meglio e con maggiore trasparenza la loro posizione ed i punti di " mediazione" accettati/subiti.....

    RispondiElimina
  63. Io non so se, come qualcuno gli rimprovera nel blog, gli sia stato promesso qualcosa, ma una cosa è certa, la delusione degli elettori Pentastellati è assolutamente giustificata e non può certo destare stupore e rammarico. Giuseppe Gattuso si spertica nel vano tentativo di giustificare il comportamento Pentastellato semplicemente dicendo: lo avevano detto, era così che doveva andare, sarebbero stati con chiunque gli permetteva di portare avanti il loro programma. Ed ecco dove sta il problema; il programma...proprio il programma. Nessun elettore rimprovera ai 5stelle di aver cambiato compagni di viaggio. Il peccato dei 5stelle è aver fatto inversione a 180 gradi sugli elementi fondanti del loro programma. Da rivoluzionari a servi del sistema. Primo fra tutti la politica Europea; dall'essere ancor più antieuropeisti di Lega e FdI ad essere garanti del MES il passo non mi sembra piccolo. Per non parlare della TAV, TAB, tip e tap ILVA e cippe e cioppe. Vogliamo parlare della polita migratoria? Con Mangiafuoco Salvini hanno condiviso tutto, in primis gli stop alle varie navi tanto da garantire a Salvini l'immunità con il beneplacito di Rousseau ed oggi urlano al rogo al rogo, non sapevamo niente.....ha fatto tutto da solo la Bestia. Ma per favore; veramente c'è gente che pensa che ancora le persone possano bersi simili stronzate? Non è bastato il PD dimezzato e i 5stelle decimati prima ancora del Conte2 per capire che la gente non è più disposta a farsi prendere per il culo? E perché gli elettori dei 5stelle dovrebbero essere diversi? Ognuno ha i suoi tempi ma prima o poi ci arriviamo tutti a capire se non tutta la verità....buona parte di essa. E tanto basta! 😎

    RispondiElimina
  64. Buongiorno Gattuso!

    Ha professato pubblicamente la sua dichiarazione di fedeltà.
    A qualche commento piuttosto intelligente non ha risposto. A quelli meno impegnativi si.
    Mi aspetto quindi silenzio da parte sua a quanto scrivo sotto.

    Non sono un elettore M5S. Sono un astensionista veterano. Le scelte politiche prima del M5S erano orribili e rimangono orribili.
    Pero riesco a vedere il futuro (se mi risponde, è perché il silenzio glielo faccio difficile :), e lo avevo visto anche nel 2012.
    Quindi non sono un deluso. Non mi aspettavo i dettagli, ma mi aspettavo azioni mediatiche (taglio dei parlamentari), sbattute di testa contro il muro (no Euro, no Europa).
    L'unica cosa sulla quale avevo dubbi era la sincerità. Ma su quella da un po di tempo ho certezze.

    Le opinioni molto opposte hanno una spiegazione. Anzi due!
    La prima è, che qui si parla di percezione. La percezione è il risultato di un processo cognitivo nel quale concorrono fatti, argomenti e comparazioni.
    Le percezioni sul M5S sono diverse e opposte.
    Quando ci sono elementi per dubitare della veracità o sincerità di una percezione (troll), è facile difendere la propria.
    Le cose divengono difficili quando la percezione sembra genuina e sincera.
    A quel punto c'è una tendenza (l'altra è molto rara): Si ricorre alla fabbricazione di una percezione sulla percezione altrui. E generalmente viene fatta sulle motivazioni, e non sulle ragioni.
    Chi quindi critica il M5S oggi è di destra, di sinistra, un troll, non capisce, non è mai stato un vero M5S, è impaziente, aveva aspettative utopiche, è negativo e non apprezza i risultati ...

    Lei oggi ha un problema:
    Non faccio parte di nessuna di queste categorie.
    Sono solamente un teorico anti-sistema.

    Ho fatto esperienza col M5S, ovviamente sono iscritto a Rousseau, ho fatto chissà otto proposte, mi sono candidato (per vedere l'effetto che fa).
    Se fossi stato eletto, il M5S si troverebbe in una situazione paradossale:
    Che ha in mano strategie anti-sistema, e non ne vuole sapere!
    In realtà l'ultima frase non è ipotetica. È solo che a lei non è giunta voce, su quello che il M5S non vuole mettere in tavola.

    Ho ragioni per diffidare e esprimere giudizio completamente negativo per diverse ragioni logiche.
    Gliele spiego:

    Lei certamente sa come funziona Rousseau. Affermare che quello sia democrazia diretta non offende l'intelligenza. È una bugia miserabile.
    Ci sono piattaforme internet per la democrazia diretta. Io sono stato su (mi faccia contare) ... almeno sei di esse. Funzionano in modo totalmente diverso da come funziona Rousseau, e posso assicurarle, che sono migliori.
    Rousseau mantiene gli iscritti isolati l'uno dall'altro.
    Le proposte di iscritti non si vedono, finché viene deciso che vanno bene, e vengono pubblicate per un giorno assieme ad almeno altre 20 o 100, e gli utenti possono cliccare alcune che preferiscono. Le due più votate passano e vengono consegnate ai parlamentari. Stimo che in tutte le votazioni di Rousseau non siano passate più di 30 proposte (in 6-7 anni). La partecipazione quindi è davvero ridotta, sono proposte semplici, e ci sono proposte cestinate.

    RispondiElimina

  65. Ci sono due modi per cestinare proposte: Dopo qualche settimana viene bocciata con una frase del tipo: Si richiede la modifica di diverse leggi, istituzione, etc. per la tua proposta, e non è fattibile.
    Esempio pratico: Proporre che l'8% non destinato vada a pensioni basse. Richiede cambiare il modo come funziona il fondo. Difficile da fare. Troppo casino.
    L'altro modo è ... lasciare la proposta così, senza toccarla ne commentare. È sospesa, o forse addirittura "approvata", ma non viene mai sottoposta a votazione.
    Il "mai" che posso documentare per esperienza personale: 4 anni. E non è solo una proposta. Sono due. Una per il parlamento italiano, l'altra per quello europeo.
    Sono proposte complesse e di alto impatto.
    Non sono mai stato contattato.
    Non sono offeso, ma è piuttosto noto, che nel M5S le idee sono poco complesse.
    Capisco quindi che la partecipazione è solo per "cosette".
    Considerato che gli accenni nuvolosi di Casaleggio pensavano a un parlamento di democrazia diretta fatto con tutti gli elettori tramite il proprio cellulare, e vedere poi che invece l'idea serviva solo per il marketing, ma non per essere messa in pratica, uno si trova davanti a un bivio: Se mi ingannano, non ho l'obbligo di ingannarmi poi anche io e fingere di non aver capito l'inganno!
    Oppure: Mi conviene non accorgermi delle incongruenze, fare laudatio pubblica e atttivismo, e chissà un giorno la candidatura mi rende parlamentare per cinque anni!

    Torniamo allora alla percezione, di cui parlavo:
    Forse la percezione sulla percezione altrui è di convenienza.

    Torno alle ragioni, perché ho la certezza che il M5S sia un inganno:
    La prima era, che il M5S si mantiene lontano dalla democrazia diretta come la peste!
    Casaleggio pero dice, che Roussea è democrazia diretta. Quindi non è questione di svista, ma è proprio intenzionale accecare e confondere la gente!

    La seconda è, perché evidentemente il M5S non agisce contro il sistema non perché non sa come farlo, ma perché non vuole farlo.
    Il M5S, o meglio la Casaleggio, hanno tutto il necessario per silurare il sistema nel giro di pochi mesi.
    Casaleggio sa come rendere virali le idee. Grillo sa come seminarle nelle teste e farcele crescere fino a farle diventare una ossessione. E i Parlamentari sono al governo, e potrebbero mettere mano alla legge in questione, senza che il PD possa opporsi efficacemente. E se lo facessero, sarebbe un casino (silurare il sistema non avviene in tranquillità).
    Per una strana ragione, ai vertici del M5S piace così poco l'obiettivo di rendere l'Italia la prima democrazia rappresentativa della storia, da non parlarne in assoluto, e fingere che non è vero che circa 200 esponenti del partito hanno ricevuto il manuale su come farlo.

    La sua percezione ora le dice, che qui c'è orgoglio, vanità o ambizione ferita.
    È impossibile impedire che faccia razionalizzazione di scuse.
    Ma logicamente parlando: Una tesi falsificabile semplicemente si falsifica se è sbagliata, e dopo la si cestina. Lasciare una tesi falsificabile in piedi per anni, e non falsificarla, vuol dire che non sai come si potrebbe falsificare, ma non hai intenzione di raggiungere quegli obiettivi, che per anni in pubblico hai promesso.

    Ho scritto parecchio, e avrei potuto farlo in una sola frase:
    Il M5S è una frode.
    Peccato!
    Speravo che l'ambizione di Grillo fosse molto più grande!

    RispondiElimina
  66. Gli italiani onesti hanno perso l'unica possibilita' di cambiamento non votando il M5S sufficientemente. Sottovalutando il momento unico nel suo genere e rimanendo come vogliono i poteri forti 50% a dx e 50% a sx. agli italiani piace solamente prolungare i momenti di tifoseria calcistica in momenti di tifoseria politica. Ormai non c'e' nulla da tifare chi dice di essere di dx lo fa solo per posizione presa senza pensare e riflettere e stessa cosa lo fara' chi dice di essere di sx.In una eterna zuffa che portera' il nostro Paese all'elemosina.Nessuno pensa alle cose ovvie, interessanti, di buon senso che devono coinvolgere l'interesse collettivo, mentre nello stesso tempo i politici parlano del bene pubblico pensando esclusivamnete all'interesse di Partito. Se gli italiani avessero capito che alle scorse elezioni avrebbero dovuto dare con i loro voti la maggioranza asssoluta al M5S in modo da far governare da solo il movimento senza lacci e lacciuoli da parte degli altri partiti, allora il cambiamento ci sarebbe stato ed adesso nessuno si sarebbe lamentato o avrebbe pianto con lacrime di coccodrillo. Ma noi non siamo capaci di lottare per i nostri diritto come sanno fare i francesi, non abbiamo le palle ma una certa ritrosia per le manifestazioni di piazza, meglio seduti comodi davanti alla tv a vedere cosa fanno gli altri ed ancora molto meglio se al posto del tg c'e' la Partita di calcio,sacrosanta.

    RispondiElimina