lunedì 31 agosto 2015

MIGRANTI. TRAGEDIA IMMANE E INDIFFERENZA

Bimbo tutti colpevoli

di Giangiuseppe Gattuso - Ho cercato le foto ovunque per farne una raccolta e pubblicarle. Perché, ne sono convinto, non bisogna nascondere nulla, anzi.

Bimbo 3È necessario portare all’attenzione di tutti ogni immagine, anche le più crudeli, per tentare di scuotere e risvegliare le coscienze.

Si, credo proprio sia una tragedia immane e sicuramente la più umiliante per i cosiddetti popoli civili ed evoluti del pianeta.

slide_448912_5987596_compressedPer quelle nazioni, compresa la nostra, nelle quali c’è tanta opulenza e sprechi  inimmaginabili. E non c’entra nulla evocare i poveri, le famiglie in difficoltà che pure ci sono. È, invece, il modo più semplice per non affrontare il problema, per dare qualche boccone in pasto alle pance e per Morto spiaggiacolpire le anime più semplici e sensibili, vittime facili degli allarmi quotidiani

No, non si può restare indifferenti. Non ci sono giustificazioni che tengano. Niente può ancora consentire speculazioni vomitevoli, e indicibili battaglie in nome di Camion con morti asfissiatiuna ricerca del consenso basta che arrivi. Troppi morti. Troppe sofferenze.

Troppi bambini, madri, ragazzi, giovani vittime di uno sterminio senza fine. Come i morti asfissiati in un camion della speranza ritrovati giovedì 27 agosto 2015 sull’autostrada A4 per Vienna a pochi Copertina mortichilometri dal confine con l’Ungheria. 59 uomini, 8 donne e 4 bambini. E poi i 200 morti al largo della Libia, mercoledì 28 agosto, ripescati dalle mani pietosi dei soccorritori. E poi ancora le 52 salme recuperate slide_448850_5986188_compressedgiorni fa nella stiva di un barcone e arrivate a Palermo per la loro sepoltura.

E non si può dimenticare l’incidente più grave dal dopoguerra quello del 18 aprile con circa 700/800 vittime in corso di recupero. E poi ancora e ancora, senza tregua. Dall’inizio del 2015 si contano oltre 2500 morti. E circa 300.000 migranti hanno tentato di attraversare il Mediterraneo. Un esodo che è una catastrofe.

slide_448912_5987602_compressedNel mentre c’è chi corre ai ripari. Il governo ungherese ha appena realizzato 175 chilometri di barriera anti-clandestini con il filo spinato. Ma non basta. Per bloccare meglio questi poveri sfortunati e sbarrare la porta dell’Unione Europea attraverso l’Ungheria sta già costruendo un secondo muro, molto più solido e alto 4 metri, sarà pronto entro novembre.

E per essere ancora più determinati si appresta a inasprisce il reato d’immigrazione clandestina: dieci anni di galera per chi traffica in esseri umani, e ben tre anni a chiunque entri illegalmente in Ungheria. Per qualsiasi ragione lo faccia. Senza distinzioni.

Ragazzo-spinge-nonnaIntanto i migranti provenienti dalla Siria, dall’Afghanistan da quei paesi afflitti dalle guerre e dalle violenze più atroci si mettono lo stesso in marcia a rischio di tutto. E non mancano i casi emblematici. Come la straordinaria storia, documentata da un reporter della Bbc, del ragazzo di soli 18 anni che con coraggio e tenacia ha spinto la nonna in carrozzina dall'Afghanistan per migliaia di chilometri fino in Ungheria.  

Insomma, l’argomento è fin troppo importante e drammatico. E siamo tutti chiamati a rendercene conto e ad operare di conseguenza.

Papa Francesco e migrantiPapa Francesco è la voce più autorevole che sta tentando di spingere i grandi della terra ad affrontare seriamente questo enorme fenomeno migratorio. Migliaia, centinaia di migliaia, milioni di persone si spostano attraversando paesi e continenti per fuggire dalla fame, dalla guerra, dalle carestie, dal terrore.

Francesco, come riporta Eugenio Scalfari nel suo editoriale di domenica 30 Agosto, vuole lanciare un “appello al Congresso americano e a tutte le potenze rappresentate all'Onu e quindi al mondo intero”.

111241999-afaca8f9-6c12-437b-8f6c-ec81184e69f2Bisogna fare in modo di riconoscere la libertà dei migranti nei loro luoghi. “Creando se necessario libere comunità da installare in aggregati che esse stesse avranno costruito e amministreranno con l'aiuto di centinaia o migliaia di volontari che le assisteranno con una serie di servizi e con un'educazione allo stesso tempo civica e professionale”. Un progetto enorme che ha bisogno del sostegno delle grandi potenze indipendentemente dalla loro civiltà, storia, religione.

Madre con bimb UngheriaLa Chiesa missionaria di Francesco sarà naturalmente presente in tutti i luoghi dove le sarà possibile, ma i volontari da mobilitare non saranno ovviamente tutti cristiani. Saranno però soprattutto i giovani ai quali fare appello. I giovani d'oggi hanno una gran voglia di fare… Francesco crede e spera che la radice più diffusa sia quella del fare e dell'aiutare il bene degli altri”.

PapaPer questo - continua Scalfari - “Francesco chiederà la sponsorizzazione dei Grandi del mondo, cercherà di mobilitare al massimo le Chiese missionarie cattoliche e cristiane ed anche la collaborazione nei loro modi delle altre grandi religioni, non inquinate da germi fondamentalisti. Ascoltando il suo linguaggio direi che chieda il soccorso di migliaia e migliaia di angeli custodi, in tutte le parti del mondo, ispirati dal Dio che è uno soltanto, quali che siano le forme, le liturgie e le scritture con le quali è venerato”.

11952035_1171228342893506_6935278064613934578_nInsomma, credo sul serio, che questa volta Papa Francesco farà arrivare in tutte le stanze del potere della terra il suo potente messaggio, l’incitazione a fare, a fare di più per i troppi poveri e i disperati che vagano e chiedono soltanto di vivere una vita dignitosa.

Le istituzioni europee e internazionali ‘devono’ Migranti siriani arrestati in Ungheria al confine con la Serbiaintervenire e provvedere. Senza perdere tempo. E noi tutti abbiamo il dovere di partecipare. Di lasciare da parte egoismi, finte paure e preoccupazioni. Di renderci consapevoli di una realtà fin troppo evidente. Fatta di popoli oppressi, sfruttati, di continenti come l’Africa colonizzati, depredati e violentati oltre misura, e poi lasciati al loro destino.

Non c’è molto da scegliere. Non ci sono muri che potranno salvarci e nemmeno navi che potranno bloccare le maree umane.

Giangiuseppe Gattuso
31 Agosto 2015

34 commenti:

  1. Siamo di fronte ad un esodo biblico, con la differenza che oggi non c'è nessun Mosè che apre il mare....

    RispondiElimina
  2. Si potrebbe iniziare a distribuire il tesoro del Vaticano. Sia la Chiesa missionaria di se stessa. Cominci ad accoglierli nelle tante case sfitte. Dia un segno tangibile di amor verso il prossimo. Evangelizzi la parola di Dio con atti concreti. Si spogli dei suoi averi e li metta a disposizione dei migranti. Troppo semplice dire agli altri cosa fare . Faccia la chiesa ciò che è giusto fare ovvero aiutare i disperati.

    RispondiElimina
  3. Se vuole davvero dare un segno ai capi di stato

    RispondiElimina
  4. Michele Maniscalco31 agosto 2015 23:25

    Francesco che esorta tutti noi europei a una umana accoglienza dei "migranti", così li chiama lui,ma che indica anche possibili soluzioni. Adesso ci saranno i soliti, e non solo Salvini, che diranno: perché non se li porta i Vaticano? Come se gli italiani fossero stati tutti costretti ad ospitare in casa immigrati. Un momento fa leggevo su FB di un immigrato che ha picchiato una donna per rubarle il telefonino. Cosa che va punita secondo legge e poi il riaccompagnamento alla frontiera. Ma la cosa che mi ha colpito di più sono i 1900 "mi piace, 462 commenti" e 2600 condivisione per un reato commesso quasi tutti i giorni anche da italiani.

    RispondiElimina
  5. Semplicemente SCONVOLGENTE, il vedere tutti insieme, ammassati come robaccia da buttar via questi nostri fratelli che fuggono dalle tirannie, dalle guerre... per salvarsi la pelle, senza una meta ben precisa ma con l'unico bisogno di fuggire dal loro inferno, consci, magari di andare incontro ad un inferno più crudele fatto di morti atroci, tra la più disumana indifferenza. Non sono uomini, esseri umani, nostri fratelli disperati ma merce, da buttare o in mare, o stipati in camion a mo' di moderne camere a gas... E i bambini? Quei poveri innocenti che seguono i genitori, e finiscono in mare, o nella migliore delle ipotesi, salvati, per essere spediti come pacchi postali, per destinazione ignota, o tristemente nota.
    È veramente ora di porre un argine a cotanta crudeltà, a questo disperato esodo del terzo millennio... non possiamo, assolutissimamente rimanere indifferenti a tanto strazio, urge far qualcosa, urge che la gente che ha ancora un cuore si muova, agisca in difesa di questi disperati perché si ponga fine a questo crimine perpetrato anche da quelle nazioni europee, che dimentiche di quel che hanno vissuto in passato... alzano muri di 4 m o mettono tonnellate di filo spinato... per bloccare i loro fratelli... che sembrano dei topi in trappola! che vergogna ignominiosa e disonorevole! che schifo... l'uomo!

    RispondiElimina
  6. Raffaella Schiavone31 agosto 2015 23:29

    Soldi,soldi.soldi,questo è stato il fenomeno immigrazione nel nostro corrotto Paese...Al Cara di Mineo,dove dovrebbero stare 2000 immigrati ce ne sono il doppio e vi permangono minimo 18 mesi,è facile fare una semplice moltiplicazione.....Si all'accoglienza dignitosa per i profughi,ma fuori i clandestini ,altrimenti i buoni sentimenti e le belle parole,senza rispettare regole precise,produrranno una durissima guerra fra poveri.....Chi ha diritto sia accolto,ma dico no all'accoglienza dei clandestini e basta gonfiare i portafogli dei tanti che su questo fenomeno migratorio ci lucrano,non parliamo poi della sicurezza........

    RispondiElimina
  7. Lucia Di Marco31 agosto 2015 23:32

    Molto ben fatto! Mi è piaciuto molto ; giusto " Tragedia immane."
    Ho sentito in TV Giorgia Meloni. Anche lei fa la sciacalla. Sono in tanti a litigarsi i voti dei razzisti e lei reclama la parte che le spetta.
    Oggi chi è contro l'accoglienza è solo un razzista in cerca di alibi ed io concordo con il Papa.

    RispondiElimina
  8. La prima cosa che mi viene in mente è che un simile esodo nessuno se lo sarebbe mai immaginato, oggi assistiamo una tragedia immane che si materializza quasi tutti i giorni, tragedia che ha persino spezzato via ogni espressione politica (di pro e contro). Io che, per lavoro, faccio parte a coloro che assistono stando in prima linea assieme a tanti altri soccorritori di diversi estratti professionali non riesco a trovare un aggettivo idoneo per descrivere un simile evento epocale.
    Obiettivamente qual è la soluzione ideale? Nessuno ha, a mio avviso, in mente una minima idea, si naviga a vista, si evoca degli ipotetici interventi europei (non so se per efficienza o per esorcizzare un po la tragedia). L'unica soluzione sarebbe quello di re-scrivere il nostro vivere insieme come comunità internazionale, reinventare lo sviluppo globale, riconsiderare le esigenze dei popoli, tralasciare il profitto selvaggio e rivalutare l'uomo, la natura, la cooperazione e così via.
    Sembrerò utopista ma un simile evento di tale portata non credo che un solo paese possa affrontarelo, quando sento che certi sciacalli alzano la voce con l'arrivo di ogni barcone a volte mi viene da ridere perché davvero esprimono un misero pensiero di breve raggio ma che può essere determinante e peggiorare le cose a livello nazionale. Normalmente nessuno è talmente cretino da sfidare la morte per raggiungere l'altra sponda ma se succedono in massa queste cose ci sarà un innegabile motivo.
    La soluzione è una sola, reinventiamoci il nostro unico mondo e ragioniamo da umani finché non è troppo tardi.

    RispondiElimina
  9. Il valore di questo articolo sta tutto nelle ottime immagini selezionate dal bravo direttore. Peccato che manchi quella più drammatica, pubblicata oggi, di un migrante rannicchiato dentro il vano motore di un automobile come se facesse parte degli ingranaggi. Parlo delle foto perchè di parole, su questi poveri sfortunati, se ne sono dette fin troppo. Che altro dobbiamo aggiungere? Troppi imbecilli continuano a mandare messaggi razzisti e celebrano l'egoismo più cinico, avendo la pancia piena e la fortuna (non il merito), di essere nato in un Paese che non conosce la fame e la guerra. Ormai siamo di fronte a un vero e proprio genocidio. I morti non fanno più notizia e non sono più causati solo dal mare. I cadaveri si scoprono dentro i tir, dentro le valigie nascosti tra i bagagli, asfissiati in ogni mezzo di trasporto nella speranza che possa portarli lontani dall’inferno da cui scappano. Vengono trovati, come le carcasse di animali, In mezzo al deserto. Di fronte a questo scenario la destra più intollerante non ha mai trovato una parola di umana e cristiana pietà, ma solo disprezzo , odio e sentimenti di persecuzione verso i più deboli. E sono proprio quelli che si sono arricchiti facendo politica alle spalle degli italiani, rubando a piene mani persino le mutande verdi.

    RispondiElimina
  10. L'Occidente ha un grosso debito con questi popoli: li abbiamo colonizzati e sfruttati. Abbiamo trattato con i loro dittatori, sotto l'egida dei potentati economici globalizzati, per lo sfruttamento di giacimenti minerari. Il popolo ha sofferto in silenzio angariato e sottomesso. Oggi, con lo stravolgimento economico, politico, religioso e sociale, e' costretto a fuggire, a sfidare la morte per sopravvivere. L'iniziativa di Francesco e' lodevole e fattibile; dobbiamo solo fare in modo che prevalga la Politica e non l'Utile; che prevalga l'umana solidarieta' e non la bestiale spietatezza egoistica. Non e' facile, ma con meno egoismo ed ipocrisia, ci possiamo riuscire.

    RispondiElimina
  11. Salvo Castellese1 settembre 2015 07:29

    "Perché io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato [...] ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l'avete fatto a me" - Matteo, cap. 25,31-46. Caro Giangiuseppe in questo tempo in cui i Paesi c.d. civilizzati ed evangelizzati sono chiamati a rispondere alla straordinaria richiesta di accoglienza dello "straniero", Papa Francesco non può che richiamare i fedeli all'osservanza dei precetti e della parola di Gesù. Il messaggio è chiaro e, almeno io penso, va rispettato. E in tal senso la Caritas e le migliaia di organizzazioni territoriali della Chiesa si occupano, mi pare, di offrire il loro sostegno . Altro discorso è il controllo, la disciplina e la gestione del problema migratorio che va risolto politicamente dai Paesi Europei in un ottica di collaborazione, e con l'occhio vigile nel verificare che tra i disperati che approdano da noi e che chiedono aiuto, non si annidino criminali ..... L'Europa finalmente sembra muoversi nel senso da molti anni da noi indicato, ma, osservo, ha cominciato a farlo forse perchè i migranti, oltre al canale di Sicilia hanno cominciato a scegliere a migliaia la via "balcanica"........Il dubbio è molto forte......

    RispondiElimina
  12. Ha fatto bene il direttore a postare le foto dei migranri morti, nel suo bel articolo su questa tragedia immane dell'esodo in corso dai paesi in guerra, dalla fame, dalle torture, dalla morte.
    Qualsiasi morte, per qualsiasi motivo, rattrista le persone civili.
    La morte di donne e bambini, che con i loro famigliari, tentano di darsi una vita migliore, è quanto di più abominevole la "civiltà" occidentale possa assistere, senza una reazione decisa che eviti queste tragedie.
    Le proposte, i commenti, dei vari salvini, giorgia melloni, la santachè, insomma del destrume becero presente in questo Paese, fanno innorridire le persone civili.
    Ma non basta, quello che è ancor più grave, è l'atteggiamento dei Paesi Europei, con in testa Inghilterra e Ungheria, che di fatto respingono non solo i migranti che provengono da terre infuocate dalla guerra e dalla fame, ma per cautelarsi ancor più, respingono anche gli Europei che intendono trovarsi un lavoro (Inghilterra) in quei Paesi.
    Anche la Germania, la Francia e la Spagna, unite ai Paesi nordici, si sono "sensibilizzate" e approcciate decisamente tardi alla questione, dopo le migliaia di morti avvenute in mare, e che ora avvengono anche sui camions sulle autostrade.
    Comunque la si pensi, permettere questo massacro di uomini, donne e bambini, deve rimanere a carico delle coscienze di coloro che potevano evitarlo e non l'hanno fatto.
    Io che non sono mai stato tenero col governo Italiano, in questa occasione, affermo che è stato fatto quanto era nelle nostre possibilità da parte del nostro Paese.
    Certo, potevamo fare di più, ma come si può fare di più con un'opposizione di destra estrema che per raccattare migliaia di voti lancia messaggi semplicissimi da capire per i meno preparati, tipo: ..... Ci invadono.... ci tolgono il lavoro che non c'è nemmeno per noi.....ospitali in casa tua..... hanno telefonini di ultima generazione.... si lamentano per il cibo..... li paghiamo per non far nulla.... li ospitiamo in alberghi a 5 stelle....... e avanti con queste panzane, senza fare sinergia con chi aiuta queste persone, con delle proposte serie.
    La lega, l'estrema destra, ed anche il fu populista berlusconi, per non perdere ulteriore consenso si è messo sullo stesso piano.
    Detto questo, bisogna riconoscere che la questione non può essere affrontata solo dall'Italia e dalla Grecia. Paradossamente questi due Paesi,che hanno difficoltà di altro tipo con l'Europa, sono i due unici che combattono direttamente al fronte.
    Ma non ci siamo. Il Papa Francesco sta dicendo e facendo tutto il possibile per evitare che la tragedia continui, in questo senso occorre dire che le affermazioni, che sono luoghi comuni, come fanno quelli che dicono: li ospiti il Vaticano, oppure che la Chiesa si spogli di tutti i suoi averi, sono solo delle affermazioni che oltre a denotare una latente xenofobia, lasciano il tempo che trovano.
    L'esodo riguarda tutto il mondo, forse non ci si rende conto che è il mondo intero che sta cambiando.
    L'Europa con le sue chiusure, con i suoi egoismi, sta chiudendo una opportunità unica per rigenerarsi, per cambiare.
    E non affronto nemmeno la questione storica dello sfruttamento delle risorse dei paesi da cui provengono i migranti da parte dell'Inghilterra in primis, ma anche da parte della Francia, Belgio, Portogallo, e perchè no, anche dell'Italia.
    Ecco, se tutto ciò che è stato depredato dai Paesi Europei: materie prime, oro, diamanti, sfruttamento della mano d'opera, e quant'altro, fossimo obbligati a ritornarlo a quei Paesi, forse i migranti sarebbero rimasti sulle loro terre.

    RispondiElimina
  13. i testo ha di interessante che mette sul tavolo tutte le azioni a breve e lungaprospettiva che sono sul tavolo: sarebbero punti suy cui ragionare e su cui poi fare pressione ciascun gruppo di cittadini sul suo governo e ciascun governo sulle unioni o sulle comunità internazionali...molto deludenti invece sono la media di tutti i commenti che il singolo porta: per disabitudine-incapacità a opensare costruttivamente, per senso di frustrazione, perchèoramai il clima che si è formato nell'opinione pubblica grazie a chi occupa spazio nei media è tutto centrato sulla piccola rivendicazione, il ringhio, la battuta, il voler nascondere il problema dove veramente si trova, la sfida nel cercare nelle situazioni complessse e nella difficoltà di trovarle, le risposte che siano più umanamente accettabili, quelle per cui si valuta l'altezza e la caratura sentimentakle di un popolo,quella che si invoca abbia la politica ma contemporaneamente nemmeno si sa di cosa si tratta.... peccato, ma resto fiduciosa..alla fine le barbarie lasciano il segno come tali, le risposte risaltanti per altezza,per longimiranza, altruismo e cuore, quelle che edificano e traggono in lato dallo sprofondo..anche quelle emergono e ancor più liccicano e lasciano nell'ombra ilcomune sentire tenebroso

    RispondiElimina
  14. L'articolo è, indubbiamente, un preciso e attento "rapporto" ed nel contempo un canto prefichico al funerale della civiltà.
    Stiamo assistendo al dramma di questo esodo apocalittico che lascia sgomenti, ma ancor più sgomenti lascia l' atteggiamento di chi, dimenticando che tutti siamo nati da movimenti del genere, che da sempre hanno interessato l'umanità ad iniziare dalla diaspora degli ebrei o dalla grandi migrazioni, principalmente da est ad ovest e che hanno dato vita alle nostre popolazioni meridionali e alle grandi civiltà ancora resistenti nei secoli, e valide ancora oggi se nel frattempo , presi da interessi più “consistenti” anche se “degradanti” non le avessimo accantonate, così come quelle che da nord a sud hanno dato vita a quelle settentrionali ma con esiti diversi, purtroppo, anche perché diversa era la loro cultura e gli effetti si riscontrano ancora oggi nelle manifestazioni ed esternazioni di quella Lega che riporta alla mente solo le calate dei barbari che si limitavano a saccheggiare ma non certamente a costruire. Così stanno facendo, seppure non ancora giunti alla distruzione dei templi ma certamente sono vicini a quella delle coscienze, i loro epigoni, coperti di pelle, con elmi cornuti e clave, e che non seminano altro che odio e disprezzo per l'umanità intera a meno che non sia dei “loro”.
    Che ci si può attendere oggi da tutto ciò? Esattamente quello che sta avvenendo cioe' l'inumana,incivile e preistorica lotta contro la miseria, il dolore, la disperazione dei deboli.
    Il “vae victis” di Porsenna sembra risuonare ancora su questa bellissima ma tanto travagliata terra.
    Trovare una soluzione definitiva? Non credo proprio che vi sia se non si arriva a comprendere che fino a che esisteranno uomini che, ritenendosi migliori degli altri, ai quali peraltro continuano a succhiare il sangue, dopo averli depredati, continuando a farlo, di ogni loro risorsa naturale, non vi sarà soluzione alcuna del problema.

    RispondiElimina
  15. L'Europa Unita ,solidale e dei popoli si è rivelata per quello che è stata ed è: D'Europa si.muore!!!!
    Un progetto utopistico che ha ingannato chi ha creduto nella sua realizzazione.
    Una maschera bellissima che celava la verità: un progetto per colonizzare gli stati sovrani europei.
    Una guerra di invasione combattuta con il sistema usuraio dell'euro tramite la finanza speculativa e il debito pubblico .
    In tutto ciò la morte della disperata fuga degli immigrati dalle guerre e dalla povertà non trova spazio ,anzi è solo un costo .
    Ma questa immigrazione forzata serve a questo sistema usuraio e speculatore.
    Tutti gli immigrati serviranno a fare accettare le paghe da fame che si prospettano per i lavoratori dipendenti e nel tempo fare scendere a livelli di povertà assoluta anche le pensioni.
    Se non si possono fare profitti aumentando gli utili si abbattono i costi.
    Il costo del lavoro é il primo nel conto economico di tutte le aziende pubbliche e private.
    Quindi ben vengano i migranti sono un tassello per questo sistema e per questa UE lontana ma molto lontana dalla UE che ci hanno fatto sognare.
    Poco importa della loro morte : the show must go on!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio di cosìnon si poteva evidenziare la realtà dell' Europa di oggi!

      Elimina
  16. Gloria Trizzino1 settembre 2015 11:29

    Caro direttore hai stilato un articolo che compendia la situazione di questi poveri esseri in cerca di vita. Dico di vita perché non si affrontano viaggi di morte se non si ha la speranza di salvarsi. Già il richiamo di Scalfari e soprattutto di Papà Francesco è una vera spinta a cercare di individuare i responsabili di questi stermini. Forse tutti sappiamo cosa si nasconde dietro queste tragedie, ma sarebbe auspicabile cogliere quelle "persone" e fargli provare l'effetto panico. Mi fermo qui perché ho imparato che chi si nasconde vince sempre e da sempre.

    RispondiElimina
  17. Il Vaticano possiede ricchezze immani! è una delle Lobby Massoniche piu potenti e antiche della storia. Con solo la metà degli averi del Vaticano mangerebbe tutto il popolo africano per anni. Detto questo io credo che il punto del problema sia la guerra! questa guerra che continua a far fuggire intere famiglie dall'orrore! e finché queste guerre non cesseranno questo esodo non finirà! Italia, Francia, Inghilterra, Usa & co. sono i veri responsabili di tutto questo! L'italia paga 80 milioni AL GIORNO per spese militari in Siria, Libia, Afganiztan, Iraq e mezza africa! E mentre i bombardamenti ammazzano gli africani, le famiglie italiane sono alla fame! 80 milioni di euro al giorno! (Non dimentichiamo 160 miliardi di vecchie lire) sono uno schiaffo e una vergogna enorme! E nel frattempo infami e ipocriti come Salvini che, dopo aver votato a favore della vendita di armi italiane contro l'africa, si impettisce buttando fango addosso a poveracci che esso stesso ha reso disperati. Ha ragione Raffaella Schiavone! condivido in pieno il suo pensiero. E voglio aggiungere una cosa.... "il traffico di migranti frutta piu del mercato delle armi e della droga messi insieme!" parole di Buzzi! La mafia in Italia mangia su questi disperati! per identificarli impiega quasi 2 anni (negli altri Stati servono circa 2 mesi) e lucra sulle loro spalle giorno dopo giorno! Questo immane egoismo deve finire! ma si sà.......chi ha potere avrà sempre sete di potere! come bere l'acqua del mare......avrai sempre piu sete!

    RispondiElimina
  18. Brava Sardisco sparare sulla croce rossa è molto facile! Un po di rispetto per i cristiani non sarebbe male. Così fai perdere voti a grillo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi se lei è cosi accanita contro i soldi del vaticano perchè non fa altrettanto contro i petro-dollari dei ricchissimi arabi e musulmani che quotidianamente distruggono chiese , ammazzano e crocifiggono i cristiani e la voglia del califfo di conquistare roma, come costantinopoli, gerusalemme, e tagliare teste cristiane.. dica qualcosa a 5 stelle su questo invece di sparare contro i cristiani !

      Elimina
    2. Ma signor Vullo.....credevo che lei fosse piu' istruito di così...queste son cose che si studiano a scuola (e io non sono laureata).
      La chiesa è stata la prima a fare guerre sanguinose in nome della religione! Le faccio un piccolo elenco. E glielo faccio in piu volte perchè la lista, ahimè, è lunghissima.
      782 4.500 Sassoni sono decapitati su ordine di Carlo Magno per aver rifiutato il battesimo cattolico.
      965 24 ribelli romani sono condannati a morte su ordine di papa Giovanni XIII a Roma.
      1096 800 ebrei sono massacrati dai cattolici a Worms in Germania.
      1096 700 ebrei sono massacrati dai cattolici a Magonza in Germania.
      1098 4.000 ungheresi sono massacrati dal crociati in marcia verso la Palestina.
      1099, 15 luglio 40.000 ebrei e musulmani sono massacrati dai crociati a Gerusalemme.
      1145 120 ebrei sono massacrati dai cattolici a Colonia e Spira in Germania.
      1146 100 ebrei sono massacrati dai cattolici a Sully e Ramerupt in Francia.
      1171 18 ebrei sono arsi vivi a Blois in Francia.
      1191 2.700 prigionieri di guerra musulmani sono decapitati dai crociati in Palestina.
      1191 100 ebrei sono massacrati a Bray-sur-Seine in Francia.
      1208 20.000 catari e loro fattori sono massacrati dai crociati a Beziers nel sud della Francia.

      Elimina
    3. 1219 5.000 catari e loro fautori sono massacrati dai crociati a Marmande nel sud della Francia.
      1244, 16 marzo 250 catari e valdesi sono arsi vivi per ordine dell’Inquisizione nel sud della Francia.
      1278 267 ebrei sono impiccati a Londra a seguito di false accuse di omicidio rituale ai danni dei cattolici.
      1278, 13 febbraio 200 catari e valdesi sono arsi vivi nell’arena di Verona per ordine dell’Inquisizione.
      1310 28 ribelli di Massafiscaglia (FE) sono giustiziati dai mercenari pontifici.
      1370 20 ebrei sono arsi vivi dai cattolici a Bruxelles.
      1377, 3 febbraio 2.500 abitanti di Cesena sono massacrati dai mercenari pontifici in quanto ribelli antipapali.
      1391 4.000 ebrei sono massacrati dai cattolici a Siviglia in Spagna.
      1397 100 valdesi di Graz in Austria sono impiccati e bruciati per ordine dell’Inquisizione.
      1400 30 cittadini romani sono condannati a morte per ordine del governo pontificio in quanto ribelli.
      1405 12 cittadini romani sono massacrati dai mercenari pontifici guidati dal nipote di papa Innocenzo VII.
      1416 300 donne accusate di stregoneria sono arse nel comasco per ordine dell’Inquisizione cattolica.
      1485 49 persone sono giustiziate per ordine dell’Inquisizione a Guadalupe in Spagna.
      1485 41 donne accusate di stregoneria sono bruciate a Bormio per ordine dell’Inquisizione.
      1486 31 ebrei sono giustiziati a Belalcazar in Spagna per ordine dell’Inquisizione.
      1505 14 donne accusate di stregoneria sono ammazzate a Cavalese su ordine del vicario del vescovo di Trento.

      Elimina
    4. 1507 30 persone accusate di stregoneria sono bruciate a Logrono in Spagna per ordine della Santa Inquisizione.
      1513 15 cittadini romani sono massacrati dalle guardie svizzere del papa.
      1514 30 donne accusate di stregoneria sono bruciate a Bormio per ordine dell’Inquisizione.
      1518 80 donne accusate di stregoneria sono bruciate in Valcamonica per ordine dell’Inquisizione.
      1545, aprile 2.740 valdesi sono massacrati dai cattolici in Provenza.
      1559 15 protestanti sono arsi vivi a Valladolid in Spagna su ordine dell’Inquisizione.
      1559 14 protestanti sono arsi vivi a Siviglia in Spagna su ordine dell’Inquisizione.
      1561, giugno 2.000 valdesi sono massacrati dai cattolici in Calabria (Guardia Piemontese, San Sisto e Montalto).
      1562 300 persone accusate di stregoneria sono arse a Oppenau in Germania.
      1562 63 donne accusate di stregoneria sono bruciate a Wiesensteig in Germania su ordine dell’Inquisizione.
      1562 54 persone accusate di stregoneria sono bruciate a Obermachtal in Germania su ordine dell’Inquisizione.
      1567 17.000 protestanti delle Fiandre sono massacrati dagli spagnoli.
      1572, 24 agosto 10.000 protestanti (Ugonotti) sono massacrati dai cattolici a Parigi e nel resto della Francia (nota come la Strage di San Bartolomeo).
      1573 5.000 servi della gleba croati in rivolta sono massacrati per ordine del vescovo cattolico Jurai Draskovic.
      1580 222 ebrei sono condannati al rogo per ordine dell’Inquisizione in Portogallo.
      1620, 29 luglio 600 protestanti sono trucidati dai cattolici in Valtellina.
      1655, aprile 1.712 fedeli valdesi sono massacrati dai cattolici.
      1680 20 ebrei sono condannati al rogo a Madrid per ordine dell’Inquisizione.
      1686, maggio 2.000 valdesi sono massacrati dai cattolici penetrati nelle loro valli alpine per sterminarli.
      1691 37 ebrei sono bruciati a Maiorca in Spagna per ordine dell’Inquisizione.
      1697 24 protestanti sono giustiziati dai cattolici a Presov in Slovacchia.

      Elimina
    5. Secondo poi io non sono affatto a favore dei petro-dollari come li definisce lei. Come fa a fare un'affermazione del genere? Sono contro tutte le guerre a prescindere. La chiesa, in primis, che ne è la maggiore responsabile. Si faccia una cultura, qui sopra di materiale ce ne sta un bel po. Cordiali saluti

      Elimina
  19. Ornella Ferrara1 settembre 2015 13:27

    Come scritto nell'articolo è giusto non chiudere gli occhi, ma mostrare le foto di innocenti morti sulla battigia per me vuol dire umiliarli ulteriormente. Il problema è mondiale. Il diritto internazionale prescrive che quando si salvano persone in mare devono essere consegnate ai paesi costieri vicini, non c'è motivo di andare in Libia e prendere clandestini per portarli qui, in ogni caso, questa gente deve essere immediatamente identificata e stabilire se si tratta di immigrati clandestini o gente che ha diritto all'asilo politico. Nel primo caso devono essere subito rimpatriati. Facendo come fino ad oggi si è fatto, non si fa altro che incoraggiare questi flussi con la conseguenza che la gente continuerà a morire durante le traversate. Adesso il problema si sta ponendo in Austria, Germania, Francia solo così i potenti si muoveranno per cercare soluzioni. Si devono trovare soluzioni nei paesi d'origine, penetra esemplari agli scafisti, che sono dei macellai. Troppi soldi girano intorno a queste povere persone che non sanno se morire nel loro paese in guerra o durante la traversata per trovare una vita migliore in Europa. Ma non si può farli trovare qui e poi farli girare liberamente nel nostro territorio senza sapere chi sono, ricordiamo sempre la minaccia dell'ISIS.

    RispondiElimina
  20. Non riesco a scrivere più di quello già pubblicato, sopraffatta da una strumentalizzazione becera e qualunquista

    RispondiElimina
  21. Antonella albertini1 settembre 2015 16:34

    Concordo pienamente con il grido di dolore che emerge dall'articolo di Giangiuseppe. Davanti ai nostri occhi c'è una tragedia terrificante che coinvolge milioni di persone, costrette da sempre a convivere con la fame, la violenza, la guerra, le malattie. Guardare dall'altra parte é spietato e crudele. Ascoltare tutti i giorni le parole intolleranti e sguaiate di tantissimi che non li vogliono accogliere é angosciante. La nostra é una società che ha perduto completamente ogni ideale di tolleranza, rispetto, umanità. Conta solo il denaro e il profitto e tutto si fa in loro funzione. Le parole di Papa Francesco ci richiamano da tempo ai principi di tolleranza e pietà , ci richiama ai nostri doveri di uomini. Al di là della religione ci sono dei principi morali che valgono per tutti i tempi e per tutte le fedi religiose. Basterebbe semplicemente ridistribuire la ricchezza ed evitare gli sprechi. Pensiamo solo al cibo che si butta ogni giorno. E riflettiamo

    RispondiElimina
  22. Foto che lasciano il segno, ma come disse un Migrante intervistato: alla domanda: perchè parti sapendo che forse non ce la farai?.la sua risposta fu. per quel FORSE......cerchiamo di capire che nei loro Paesi stanno morendo per miseria, guerre.sfruttamento.....se fuggono, non è per diletto, ma alla ricerca della sopravvivenza.
    Certo sarebbe bello, il Vaticano, invece di pontificare sulla umanità e ospitalità che tutti noi dobbiamo a questi nostri fratelli, si facesse parte diligente ed iniziasse, non solo, predisponendo delle docce, ma dando qualche sua abitazione da adibire alla sistemazione di queste persone e, già che l'argomento "casa" è a mezzo, dicesse anche che vogliono pagare le tasse sugli immobili, sarebbe cosa bella e giusta)
    Resto sempre dell'avviso che: il razzismo è una brutta, brutta bestia

    RispondiElimina
  23. Nell'Europa del 1300 devastata dalla peste la popolazione quasi si dimezzò e servì molta manodopera a buon mercato, cosa che portò a fiorire il commercio della schiavitù proveniente dall'Africa. Ne parla anche Ildefonso Falcones ne "La cattedrale del mare", libro che sto leggendo ora. Stupisce di come le barche, una volta arrivate nei porti col loro carico umano, prima di ripartire imbarcando nuova merce, tornassero in mare aperto per "scaricare il resto" (cit.). Insomma, la storia si ripete, se non nelle stesse forme, certamente nella sostanza. Allora sembrava cosa abbastanza normale, come per molti (leggendo molti commenti sui social), lo è anche ora. Soggetti per cui, evidentemente, il Medioevo non è mai finito

    RispondiElimina
  24. Marisa Bignardelli1 settembre 2015 22:50

    Le immagini, scelte dal direttore, circolano su giornali, riviste, social network e parla no alle nostre coscienze Chi, degno di far parte dell'umanità, non si duole per questo genocidio?Chi non comprende la disperazione di chi non ha nulla da perdere?Chi non resta sconvolto da immagini di uomini, donne e bambini morti in maniera così atroce? Affrontano il viaggio “della speranza?“ Troppo beffardo!Mosè fu affidato alle acque del Nilo e gli andò bene, anche se non riuscì a sfuggire al suo destino Ai nostri poveri, immigrati va proprio male!Arrivati alla terra promessa.Iniziano gli altri guai !Vogliamo dare un plauso al sud che nonostante le difficoltà accoglie con umanità?Vogliamo dare un plauso all’incredibile lavoro di Medici senza frontiere, sempre presenti nell’assistenza medica di questi poveracci?Vogliamo parlare di tutte le regioni italiane che hanno rifiutato qualunque tipo di accoglienza? Trovo positivo che le ultime foto e accadimenti hanno fatto capire all’Europa che bisogna, essere uniti perché il problema è di tutti. Non riesco a digerire l’atteggiamento dell’Ungheria La Rivoluzione ungherese del 1956, fu duramente repressa dall'intervento armato delle truppe sovietiche. Tantissimi gli Ungheresi lasciarono il proprio Paese rifugiandosi in Occidente e non mi risulta che abbiano trovato muri di filo spinato Non voglio parlare, dinanzi a queste immagini sconvolgenti, di clandestini, rifugiati politici e di affamati sfruttati dalle multinazionali Voglio parlare solo di persone che non possono morire e in un modo così crudele!

    RispondiElimina
  25. Un articolo completo ed esaustivo, bravo direttore, ed è vero le immagini parlano da sole, più di mille parole, se poi sono parole di vigliaccheria, è decisamente meglio soprassedere.
    Finalmente, finalmente il mondo intero si sta rendendo conto che è una tragedia enorme, una tragedia annunciata da anni e anni di sbarchi e di morti, il mare mediterraneo è ormai un cimitero sottomarino, di tutti i morti non recuperati...e sono tantissimi...e ancora ve ne saranno se non si trova il modo per dare asilo, un degno asilo a questa umanità che fugge da guerre, miserie e fame....vera fame, che tanti di noi non hanno mai conosciuto, se non per sentito dire, per questo incapaci di compendere appieno il senso di questa parola.
    E non basta, non deve bastare, lo strumentalizzatore di turno, a gettare ombre inesistenti, del tipo, vengono a rubare, ad uccidere, a toglierci il lavoro, non può esistere una simile disumanità, un comportamento da vigliacchi razzisti che non fa onore alla nostra gente, non mi riconosco e non voglio, in un atteggiamento del genere.
    E i bambini, anche i bambini, sono ladri , assassini e quant'altro?
    Come si può anche solo pensare a queste persone, come nemici, loro si che lo hanno il nemico, in casa, che sia la guerra o la indigenza, non fa differenza...sono solo alla ricerca della salvezza, salvezza fisica, come prima cosa, e una vita dignitosa, come ogni persona umana ha diritto.
    Che si comprenda, in maniera totale, che non è un merito per noi, essere nati in un posto migliore, come non può e non deve essere un demerito,per loro, essere nati nel posto sbagliato.
    Un posto reso sbagliato per demerito, questo si, demerito nostro, dei paesi sviluppati, che quel continente lo hanno depredato, sfruttato, conquistato e poi lasciato nelle mani di despoti immondi, dediti solo al guadagno, questo ha interessato al cosiddetto mondo civile....l'occidente, per meglio dire. che di civile ed umno ha ben poco...e lo ha dimostrato, col suo non fare, non vedere, che se ne occupi qualcun'altro, lavarsi le mani del problema, non lo ha fatto sparire, lo ha solo incrementato...e dunque che finalmente si attui una vera politica di asilo e sostegno, una vera politica umanitaria, in aiuto dei profughi e anche dei clandestini, che anche se non fuggono da una guerra, fuggono dalla paura e dalla fame, e anche essi hanno diritto di vivere dignitosamente.
    Francesco, ha detto parole molto belle, l'incitazione al mondo ad occuparsi di questa immane tragedia, è sacrosanta, ma vorrei che anhe la chiesa si prendesse un pò carico, di questi uomini, di queste donne e di questi bambini, e non limitarsi ad appelli, ecco vorrei anche da parte del Vaticano, qualcosa di concretamente utile....tutti dobbiamo fare la nostra parte, nel piccolo e nel grande, come ognuno di noi può, con le propri possibilità...lascianda da parte ogni strumentalizzazione, della politica e non, perchè la politica, come la vedo e la sento io...è partecipazione, è empatia, è agire per il bene comune...il bene comune di ogni essere umano.

    RispondiElimina
  26. Salvatore Di Maggio2 settembre 2015 00:14

    Spero vivamente, che finalmente si faccia qualcosa per tutelare l'immigrazione ed evitare altre stragi!
    Le proposte ci sono, ne discutano seriamente una volta per tutte anche con questa U.E. sorda peggio delle istituzioni italiane!

    RispondiElimina
  27. Non si avrà una serena visione del problema da parte di tutti, e conseguentemente una plausibile ipotesi di soluzione, se non saranno chiare le reali ragioni di tutto questo marasma. Dove i torti e le ragioni, che inducono un siriano o un afgano o ancora un libanese (e potrei continuare con uomini di altre etnie) a farsi esplodere in posti affollati da gente che ha avuto il solo torto di trovarsi in quei luoghi nel momento sbagliato. L'unica soluzione sembrerebbe la prevenzione, intesa come attività di intelligence in prima battuta, e comunque seguita da mirate azioni di commandos. A volte mi chiedo se qualche decina di anni fà gli uomini dello Shah Mohammad Reza Pahlavi fossero riusciti nell'intento di "procurare serenità" (diciamo così) a Khomeini, che al contrario, complice anche la benevolenza francese, darà inizio ad una rivoluzione islamica che pian piano ha infiammato gran parte del mondo arabo di confessione musulmana.
    Arrendiamoci all’evidenza, gran parte di questi uomini sono pervasi dalla follia, e contro la follia non c’è nulla da fare se non agire preventivamente per sterilizzare ogni fonte di offesa e di contaggio.

    RispondiElimina
  28. Alba Ponticello4 settembre 2015 19:23

    Anche io ritengo che non bisogna nascondere nulla di questa immane tragedia. Bisogna mostrare anche le immagini più crudeli e dolorose perchè possono fare rinascere ed emergere quel poco o tanto di buono che DEVE esserci in ogni essere umano. Per esempio la foto del corpicino del bimbo siriano,che il mare ha trasportato sulla spiaggia, non può non suscitare orrore ed esecrazione contro i bastardi "signori della guerra", gli assassini venditori di armi, i disonesti predatori delle ricchezze dei Paesi dai quali proviene questa marea di gente, i mercanti di vite umane... Ho citato il bambino perchè fa parte di quegli esseri più innocenti ed indifesi della Terra che non hanno scelto di salire su quelle barche. La Ue ha mostrato un volto umano solo a parole, ma ha basato e basa tutto su una politica cinica, fatta di interessi, di opportunismi e di vari profitti.Si,tra i migranti spinti dalle guerre o dalla povertà ci sono i migranti avventurieri e delinquenti. Nella mia città c'è un campo profughi e in alcune ore del giorno e in alcune zone della città è difficile camminare tranquillamente perchè ci sono:prostituzione,droga, violenza.Alcuni non si sono fatti identificare ( consentire questo comportamento è assolutamente sbagliato) e girano indisturbati, c'è anche il pericolo che possano diventare manovalanza spicciola della malavita locale.Dobbiamo aiutarli, ma dobbiamo anche poterci difendere da chi giunge nel nostro territorio. Dobbiamo rispettarli ,ma dobbiamo anche potere pretendere da loro il massimo rispetto. E' una situazione assai difficile che deve essere affrontata da organizzazioni internazionali (o almeno europee) che impongano dei comportamenti precisi a tutti i Paesi "civili".

    RispondiElimina